A chi potrebbero andare i territori dell’Ucraina?

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon.com

Il conflitto in Ucraina ha mostrato l’estrema debolezza dello stato con capitale a Kiev. Ottenendo l’indipendenza in confini in gran parte casuali che una volta erano solo amministrativi, questo stato, dopo due settimane di ostilità, sta crollando. Anche se i combattimenti si trascinano all’infinito, la sconfitta dell’Ucraina è inevitabile. In quest’ultimo caso, il prossimo passo è quello di riformare lo spazio politico dell’ex Ucraina.

In questo caso, i vicini dell’Ucraina possono richiamare le loro rivendicazioni territoriali o formularne di nuove. Quasi tutti i paesi che circondano l’Ucraina hanno una tale opportunità.

Russia: tutto il territorio dell’Ucraina

La Russia, come successore dell’Antica Rus’, dell’Impero russo e dell’URSS, può rivendicare l’intero territorio dell’attuale Ucraina, comprese Kiev e la Galizia nell’ovest del paese. Come ha notato il presidente russo Vladimir Putin, “Ucraini e russi sono un solo popolo, un unico insieme”. E questo significa che non c’è bisogno di uno stato ucraino separato.

Allo stesso tempo, diverse parti dell’attuale Ucraina possono determinare il loro destino in modi diversi, poiché hanno una storia e una composizione etnica diversa. Così, la regione di Chernihiv dall’inizio del XVI secolo faceva parte dello stato russo, anche se etnicamente è un territorio “poco russo”. L’Ucraina Sloboda – la regione di Charkiv e Sumy – è anche un territorio storico dello stato russo, dove vive in larga misura una popolazione per la quale il russo è nativo.

Secondo i dati dei sociologi ucraini del 2017, la maggioranza della popolazione delle regioni ucraine di Charkiv, Lugansk, Donetsk e Odessa parlava russo nella vita quotidiana.

Sumy, Dnepropetrovsk, Nikolayev, Zaporozhye, le regioni di Kirovohrad e Kyiv sono bilingui. Questi territori, insieme alla Novorossia (regione settentrionale del Mar Nero), possono diventare direttamente parte della Russia, soprattutto la regione di Kharkiv.

La cosiddetta Ucraina centrale – Galizia, Volyn, Transcarpazia, Podolia – può formare una nuova statualità ucraina confederata, massimamente smilitarizzata e decentralizzata: in accordo con le caratteristiche della tradizionale identità rurale ucraina arcaica. Questo stato o questi stati potranno unirsi all’Unione di Russia e Bielorussia – o, insieme a Mosca e Minsk, formare una nuova entità di integrazione.

La questione dell’indipendenza del Donbass – entro i confini costituzionali delle Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk – è già stata risolta. Queste regioni non potranno più partecipare a nessun progetto statale ucraino.

È importante capire che nelle condizioni della crisi attuale, solo la Russia può garantire la conservazione dell’unità del territorio dell’attuale Ucraina: non necessariamente nel formato di un unico stato, ma uno spazio reciprocamente permeabile dove i legami etnici, culturali, economici e familiari non saranno interrotti. Con il coinvolgimento di altri stati vicini (ad eccezione della Bielorussia) nel decidere il destino dell’Ucraina, lo spazio etnico slavo orientale (e, più strettamente, lo spazio “ucraino”) sarà diviso da barriere militari e civili.

Bielorussia: Polesia

La parte settentrionale del territorio dell’Ucraina, una parte significativa – Volyn, Rivne, Zhytomyr, Kiev, Chernihiv e le regioni di Sumy – Polesia ucraina, storicamente ed etnicamente strettamente collegata con la Polesia bielorussa. La Polesia – una delle più grandi aree forestali del continente europeo, uno spazio paludoso diviso tra Ucraina e Bielorussia è stata una regione relativamente isolata per molti secoli, dove si è formata una speciale comunità etnica, culturale e linguistica di “Poleschuks”.

Uno dei fondatori del movimento politico ucraino nell’Impero russo e uno degli autori dell’uso del termine “ucraini” come etnonimo e politonimo, lo storico Nikolay Kostomarov, a metà del XIX secolo, separò i “poleschuk” dagli “ucraini”. I primi, secondo lui, sono i discendenti della tribù slava orientale dei Drevliani. I secondi sono i discendenti dei Poliani.

Più tardi, il discorso nazionalista ucraino si spostò verso la classificazione degli abitanti di questi territori come “ucraini”. In epoca sovietica, i Poleshchuks, che vivevano a nord del confine amministrativo dell’URSS bielorussa e ucraina, erano registrati come bielorussi, quelli che vivevano a sud – come ucraini. Tuttavia, in realtà, gli abitanti delle zone di confine utilizzavano la terra su entrambi i lati del confine.

Negli anni 1990 e 2000, è sorta la questione della demarcazione del confine in Polesia. Iniziata dopo il 2014, ha incontrato la resistenza dei minatori d’ambra illegali dal lato ucraino. Come ha notato il politologo bielorusso Petr Petrovsky, la Bielorussia potrebbe “dare una mano, prendere sotto protezione e tutela umanitaria e politica gli abitanti della Polesia ucraina, Volyn e Podolia, quelli che sono nello stesso stato con noi da molti secoli. Quelli con cui condividiamo una storia e una mentalità comuni”.

Un sistema di tutela, protettorato o la creazione di una zona di sicurezza temporanea sotto il controllo della Bielorussia potrebbe depenalizzare questa zona, che altrimenti diventerebbe una concentrazione di “Bandera e bande incontrollate fuggite dall’Ucraina di sinistra in Podolia, Volyn e Polesia”. Teoricamente, i residenti delle regioni di confine potrebbero anche scegliere se rimanere parte della nuova entità statale ucraina o unirsi alla Bielorussia.

Polonia: integrazione della Galizia

L’attuale leadership della Polonia non avanza rivendicazioni territoriali sull’Ucraina. Il concetto di ULB, che è alla base della politica estera di Varsavia in direzione orientale, presuppone il controllo completo e la tutela delle ex terre orientali del Commonwealth polacco-lituano/Rzeczpospolita(pol.) (Lituania, Ucraina e Bielorussia) da parte di Varsavia.

Tuttavia, nel caso di una sconfitta militare del regime di Kiev e del suo arretramento nell’Ucraina occidentale, la Polonia può ricordare l’atteggiamento speciale verso le terre che facevano parte del suo territorio meno di cento anni fa. In Ucraina, queste sono le regioni di Lviv, Ivano-Frankivsk, Ternopil (Galizia) e le regioni di Volyn e Rovno (Volyn). Allo stesso tempo, se la Bielorussia prende Volyn, allora solo la Galizia rimarrà a disposizione dei polacchi.

I media polacchi ritengono che non ci si deve aspettare un’offensiva russa “sulle ex terre di confine orientale della Repubblica di Polonia (Kresy Wschodnie), o, in altre parole, le regioni occidentali della moderna Ucraina. I russi sanno che lì incontreranno la maggiore resistenza e anche la guerriglia regolare”.

Nei circoli nazionalisti polacchi si possono ancora incontrare rivendicazioni per il ritorno della “Kresy orientale”, nonostante il fatto che non ci siano quasi più polacchi in queste terre. L’argomentazione si riduce alla polacca civiltà di questi territori – “Gentre Ruthenus (Lithuanus) Natione Polonus” (tribù russa (lituana) – nazione polacca – lat.) – cioè alla necessità di assimilare la popolazione ucraina occidentale.

Dopo un’offensiva di successo dell’esercito russo, la Polonia potrebbe teoricamente difendere i resti del progetto politico ucraino nell’ovest del paese, o usare il punto di proteggere i pochi polacchi che ancora vivono in Ucraina occidentale per schierare il suo contingente. Secondo le stime polacche, ci sono circa 144.000 polacchi in Ucraina. In questo caso, due scenari sono possibili:

1) La regione diventerà il centro di provocazioni e terrorismo armato contro la Russia. Tuttavia, il sostegno al terrorismo nazionale ucraino potrebbe poi sfociare in provocazioni armate contro la Polonia stessa. Il nazionalismo ucraino, specialmente quello galiziano, ha storicamente un orientamento anti-polacco.

2) Il secondo scenario è che la Polonia è fissata sui confini settentrionali e occidentali della Galizia, viene creata una zona demilitarizzata. In futuro, la Polonia usa i resti dell'”Ucraina” come fonte di lavoro, cercando di assimilare il più possibile la popolazione, imponendo loro un’identità fedele alla Polonia.

Ungheria e Slovacchia: Transcarpazia

La minoranza ungherese in Ucraina vive relativamente compatta nella regione della Transcarpazia (151,5 mila su 156,6 mila di tutti gli ungheresi in Ucraina). Storicamente, questo territorio faceva parte del Regno d’Ungheria, poi dopo la sconfitta dell’Austria-Ungheria nella prima guerra mondiale, divenne parte della Cecoslovacchia. Nel 1945, la Rus’ dei Carpazi divenne la regione dei Transcarpazi dell’Ucraina sovietica.

Gli ungheresi vivono in Transcarpazia dal IX secolo d.C. L’area principale del loro insediamento sono le regioni di confine della regione Transcarpazia, che facilita l’introduzione di truppe con lo scopo di una possibile protezione da Budapest ufficiale. Nel distretto di Beregovsky, gli ungheresi costituiscono la maggioranza della popolazione.

Il 23 febbraio, l’Ungheria ha rafforzato il suo raggruppamento militare al confine con l’Ucraina in Transcarpazia. Ufficialmente, l’obiettivo è quello di aiutare i rifugiati e i cittadini ungheresi.

Secondo la Russia Federal News Agency, “un appello è stato inviato al primo ministro ungherese Viktor Orban dagli ungheresi etnici che vivono in Ucraina con la richiesta di proteggerli dalle azioni delle autorità di Kiev. In un certo numero di regioni di confine della Transcarpazia con grandi diaspore ungheresi, hanno intenzione di tenere un referendum sulla secessione dall’Ucraina”.

L’occupazione di territori con una popolazione prevalentemente ungherese nel contesto del crollo della statualità ucraina è improbabile che riceva la disapprovazione di Bruxelles e Washington.

Teoricamente, la Slovacchia può anche rivendicare una parte della Transcarpazia. C’è una significativa minoranza rutena in Slovacchia, simile ai russi di Transcarpazia (ribattezzati ucraini dopo il 1945 come parte della politica di nazionalità sovietica). La lingua russa non è riconosciuta in Ucraina, mentre in Slovacchia la minoranza russa esiste senza alcuna oppressione. Tuttavia, a causa dell’assenza di un governo nazionale in Slovacchia, questo scenario è escluso.

Romania: Bucovina settentrionale, Hertsa, Bessarabia settentrionale e meridionale, Isola dei Serpenti

La Romania è tradizionalmente interessata ai territori ceduti alla SSR ucraina dopo il 1940. A quel tempo, il territorio della Bessarabia, che era stato parte dell’Impero russo dal 1812, e il territorio della Bucovina settentrionale, la maggior parte del quale era stato parte dell’Austria-Ungheria prima di diventare parte della Romania, divenne parte dell’Unione Sovietica.

La maggior parte della Bessarabia divenne infine la Repubblica Socialista Sovietica Moldava, ricevendo in aggiunta parte del territorio della Repubblica Socialista Sovietica Autonoma Moldava (MASSR), che dal 1924 faceva parte dell’Ucraina, sulla riva sinistra del Dniester.

Tuttavia, la parte meridionale della Bessarabia – Budzhak – contrariamente ai desideri della leadership sovietica moldava divenne parte dell’Ucraina sovietica come regione di Akkerman (ora parte della regione di Odessa in Ucraina).

Anche la Bessarabia settentrionale fu inclusa nell’Ucraina. Questo è l’ex distretto Khotinsky dell’Impero russo, ora la maggior parte di esso fa parte della regione di Chernivtsi in Ucraina.

Quella che viene chiamata “Bucovina del Nord” nella storiografia russa è divisa dai rumeni in tre regioni storiche:

  1. Bessarabia settentrionale con la città di Khotyn.
  2. Contea di Hertsa (distretto di Gertsaevsky, regione di Chernivtsi) – parte del principato moldavo, che non divenne parte dell’Impero russo nel 1812 e dopo il 1856 fece parte della Romania.
  3. Bucovina del Nord in senso stretto – una regione con un centro a Chernivtsi, dal 1774 al 1918 faceva parte dell’Austria-Ungheria.

Le rivendicazioni su queste aree sono di natura storica (appartenenti al Principato di Moldavia) e successivamente della Romania, oltre che di carattere etnico. La parte principale della diaspora romena dell’Ucraina vive nella regione di Chernivtsi: più di 180 mila persone.

Le zone più grandi dove vive la popolazione prevalentemente rumena sono la regione di Hertsa e le regioni di confine adiacenti ad essa.

Più di 120 mila moldavi vivono nella regione di Odessa, principalmente nei territori dell’ex regione Akkerman e nella stessa Odessa (la Romania considera questa popolazione come rumena). Tuttavia, anche senza considerare Odessa, la popolazione moldava nella regione non costituisce la maggioranza.

Nei media rumeni si possono incontrare dichiarazioni sulla necessità di occupare Budjak per evitare che l’esercito russo raggiunga il confine della Romania e la foce del Danubio, strategicamente importante. Un tale sviluppo degli eventi potrebbe portare all’occupazione della regione da parte della Romania.

Nonostante il riconoscimento da parte della Romania degli attuali confini dell’Ucraina, esiste un documento – una dichiarazione del parlamento del paese datata 28 novembre 1991, in cui il parlamento romeno dichiara l’invalidità dei risultati del referendum sull’indipendenza dell’Ucraina in “Bucovina settentrionale, contea di Gertsa e contea di Khotyn” così come in “contee della Bessarabia meridionale”. Questi territori sono stati ufficialmente dichiarati terre storiche rumene.

La Romania ha anche rivendicato in precedenza l’isola Snake, un piccolo pezzo di terra nel Mar Nero che è importante per delineare la piattaforma continentale, ricca di idrocarburi in questi luoghi.

Moldavia: Bessarabia meridionale e settentrionale

La Repubblica di Moldavia, più o meno sulla stessa base della Romania, potrebbe teoricamente avanzare rivendicazioni territoriali sulla Bessarabia meridionale e settentrionale. La Repubblica di Moldavia è legata a questi territori da vincoli storici (essendo nel quadro di un’unica unità territoriale dell’Impero russo). In entrambe le regioni c’è una parte significativa della popolazione che si considera moldava.

Proclamata nel dicembre 1917 e unita alla Romania nel febbraio 1918, la Repubblica Democratica Moldava è diventata parte della Romania insieme a Khotyn e Budzhak. Tuttavia, nelle condizioni attuali, è improbabile che la Moldavia presenti delle rivendicazioni territoriali contro l’Ucraina.

Transnistria: Nord della regione di Odessa

La Repubblica Moldava Pridnestroviana, come erede della Repubblica Socialista Sovietica Autonoma Moldava (MASSR), in caso di deframmentazione dell’Ucraina, può rivendicare anche il controllo di parte dei territori che un tempo facevano parte della MASSR – il nord della regione di Odessa con le città di Podolsk (Kotovsk), Balta, Ananiev. La natura multietnica di questi territori e i legami storici sono più in linea con la tradizione statale della PMR che con l’ideologia sciovinista dell'”Ucraina”.

I possibili cambiamenti sulla mappa del controllo delle varie regioni dell’attuale Ucraina dipenderanno da come procede l’operazione militare russa e dalla reazione dell’Occidente e dei paesi vicini. Il controllo temporaneo o i cambiamenti territoriali a favore di Russia, Bielorussia e PMR sarebbero un’opzione auspicabile, ripristinando sia la giustizia storica che isolando i territori dal progetto ucraino potenzialmente nazionalista.

I paesi della NATO possono anche approfittare della situazione e prendere il controllo di parte dei territori ora ucraini, giustificando questo con la protezione dei loro compatrioti (Ungheria e Romania) o della stessa “Ucraina” (Polonia). Nel caso estremo, un tale avanzamento della NATO è irto di uno scontro militare tra il blocco e la Russia. Il controllo militare della Russia (e, teoricamente, della Bielorussia) è l’unico, in caso di collasso dell’Ucraina, che aiuterà a salvare l’unità territoriale (anche se entro confini modificati) delle regioni che ora compongono questo stato.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

12 marzo 2022