Alain De Benoist, gramscianesimo da destra e metapolitica

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

La nuova destra

La figura principale del movimento della Nuova Destra è stata e rimane tuttora il filosofo Alain de Benoist, che ha portato avanti l’iniziativa di Raymond Abellio di realizzare la grande “trasformazione dei tempi finali” in qualcosa di direttamente opposto allo stato attuale delle cose in Europa – il trionfo del nichilismo e il trionfo dell'”abisso della terra”.

Il movimento di de Benoist è stato chiamato “Nuova Destra” in modo piuttosto convenzionale, poiché i suoi rappresentanti si sono rifiutati di classificarsi come sinistra o destra. Inoltre, tra le tre ideologie classiche dell’età moderna – 1) liberalismo, 2) comunismo e 3) fascismo – nessuna corrispondeva alla direzione che la guidava. In questo senso, le parole di Raymond Abellio tratte da Occhi aperti di Ezechiele sono pienamente applicabili ad Alain de Benoist:

Oggi lo so. Nessun uomo, spinto dalla ricerca dell’Assoluto, può essere di più: non afferrare nulla. La democrazia è spudoratezza sentimentale, il fascismo è spudoratezza passionale, il comunismo è spudoratezza intellettuale. Nessun campo può più vincere. Non c’è più alcuna vittoria possibile[1].

La “Nuova Destra” ha quindi iniziato a qualificarsi negli anni 2000 con sempre maggiore frequenza come rappresentante di una “Quarta Teoria Politica”[2] che, come abbiamo visto altrove,[3] è l’unica spiegazione per la classificazione della posizione ideologica e della rivoluzione conservatrice in Germania. Questa somiglianza non è casuale, poiché fu Alain de Benoist a scoprire il fenomeno della Rivoluzione conservatrice in Francia e a compiere enormi sforzi per avvicinare i francesi e i tedeschi dal punto di vista spirituale, culturale e ideologico. Fu de Benoist a tradurre, pubblicando nei suoi diari e in libri separati, Ernst Jünger, Friedrich Georg Jünger, Carl Schmitt, Arthur Müller van den Broek, Ernst Nikisch, Werner Sombart, Otmar Spann e altri fondatori della Rivoluzione conservatrice che in precedenza erano poco conosciuti in Francia. Inoltre, la maggior parte della “vecchia destra” francese era caratterizzata da una certa germanofobia, un’antipatia nazionalistica nei confronti dei tedeschi, pericolosi e incompresi concorrenti e rivali in molte guerre. De Benoist si propose di cambiare questo atteggiamento e fece molto a tal fine. Ma la cosa più importante è che è la “Nuova Destra” che nel contesto intellettuale e filosofico francese è più vicina a comprendere il Logos germanico vero e proprio come una delle espressioni più brillanti dell’origine indoeuropea. Il GRECE si proponeva di ripristinare il Logos dell’Europa fin dall’inizio, fino alla rinascita delle sue fondamenta indoeuropee, e in questo sforzo fondamentale la cultura germanica era vista come una componente essenziale, se non la chiave. Inoltre, è stata la Nuova Destra francese a compensare in parte l’interruzione della tradizione spirituale tedesca dopo il 1945, salvando molti autori tedeschi dall’oblio e rivelando il loro significato fondamentale per la cultura europea (questo è stato in particolare il caso delle idee di Carl Schmitt, che hanno raggiunto una diffusione paneuropea soprattutto grazie agli sforzi di Alain de Benoist).

Alain de Benoist si definisce uno “storico delle idee”. Per lui, il compito principale non è quello di creare nuovi concetti e sistemi originali, ma di ricreare la struttura complessiva del patrimonio indoeuropeo indigeno, facendo rivivere e preservando le tradizioni e l’identità dell’Europa profonda. È stato de Benoist che, in polemica con la “vecchia destra”, ha chiesto di superare il nazionalismo francese come fenomeno modernista e di iniziare a pensare in termini di Europa – l’Europa come civiltà, l’Europa come entità geopolitica e storica sovrana, nata dalla cultura mediterranea e dall’eredità ellenica. L’abbreviazione dell’intero movimento – GRECE, cioè Grecia – indica direttamente questo aspetto. Il Dasein francese, per de Benoist, è uno dei poli del Dasein indoeuropeo e deve essere ristabilito in un contesto indoeuropeo complessivo.

Per raggiungere l’obiettivo di trasformare il nichilismo europeo (e francese) nel suo opposto, nell'”abisso del cielo”, de Benoist propone di scommettere non sulla politica, ma sulla metapolitica. I partiti politici dell’Europa del XX secolo sono saldamente divisi tra le tre teorie politiche classiche, non lasciando spazio a una quarta teoria politica in questa situazione. Ma piuttosto che scendere a compromessi e rinunciare alle proprie convinzioni, la Nuova Destra decide di puntare proprio sulla metapolitica, cioè sullo sviluppo di una filosofia politica indipendente e coerente al di là dei partiti e dei movimenti esistenti. Il principio del “gramscismo da destra” proposto da Alain de Benoist nella prima fase di formazione del movimento si è manifestato qui[4].

Il filosofo comunista italiano Antonio Gramsci, rivedendo il marxismo classico, ha sottolineato che in alcuni casi i processi politici all’interno della sovrastruttura (ad esempio, l’esistenza di un partito comunista ben organizzato e coeso, come nel caso dei bolscevichi di Lenin) possono diventare così potenti da portare a seri cambiamenti (rivoluzioni, costruzione del socialismo, ecc.) nella società anche se la struttura economica (la base) è poco sviluppata. Questa conclusione fu suggerita a Gramsci dall’osservazione dell’esperienza sovietica, quando, in un Paese con un’economia capitalista agli inizi, i bolscevichi riuscirono a prendere il potere e a far avanzare rapidamente la modernizzazione e l’industrializzazione (smentendo così la convinzione di Marx che le rivoluzioni socialiste fossero possibili solo in Paesi capitalisti sviluppati, che chiaramente non includevano la Russia zarista in nessuno dei parametri). Gramsci fece un ulteriore passo avanti e richiamò l’attenzione sul fatto che non solo la dimensione politica ma anche quella culturale esisteva nella sovrastruttura stessa e che se gli intellettuali e gli uomini di cultura avessero stretto un “patto storico” con il proletariato, avrebbero potuto cambiare la società in senso comunista, anche se le condizioni economiche e politiche non erano mature per farlo. Il gramscismo è stata la strategia principale della Nuova Sinistra francese durante gli anni Sessanta, quando questa svolta a sinistra ha permesso a comunisti e anarchici di conquistare posizioni chiave nel campo dell’istruzione, della cultura e delle scienze umane in Francia (il che ha portato alle proteste studentesche del 1968 e, successivamente, all’ascesa al potere del governo di sinistra di F. Mitterrand).

Alain de Benoist propose di ripetere questa pratica per la Nuova Destra che, nonostante la sua mancanza di rappresentanza politica e di base materiale, doveva iniziare una battaglia per le menti degli europei. Questa strategia si è rivelata piuttosto efficace e, nel corso di diversi decenni di lavoro attivo, il GRECE ha contribuito alla diffusione delle idee della “nuova destra” in tutta la Francia e nella maggior parte dei Paesi europei, dove hanno iniziato a emergere gruppi e tendenze simili, sebbene strutturalmente indipendenti.

De Benoist individua il polo principale della Modernità proprio nel liberalismo (la prima teoria politica)[5] e su questa base rifiuta fermamente sia il capitalismo anglosassone che l’egemonia mondiale degli Stati Uniti e della NATO. In questo segue le orme del generale de Gaulle.

De Benoist è stato uno dei primi a scoprire la disciplina della geopolitica in Francia[6] che è stata poi ripresa dai politologi di sinistra e dai geografi dell’Hérodot (Yves Lacoste[7]) e dagli specialisti di relazioni internazionali della scuola neorealista (François Thual, Emric Chopard[8], ecc.). La geopolitica vede la storia e la strategia mondiale come un confronto tra due poli – il “potere marittimo” (talassocrazia) e il “potere terrestre” (tellurocrazia), a cui corrispondono due civiltà dominanti – commerciale per la “civiltà del mare” ed eroica per la “civiltà della terra”. La civiltà del mare, meglio rappresentata dall’Impero britannico[9] e dalla seconda metà del XX secolo dagli Stati Uniti, è un bastione del capitalismo e, rispettivamente, dell’ideologia borghese liberaldemocratica. Nel definire l’identità geopolitica della Francia, Alain de Benoist opta chiaramente per una “civiltà della terra”, un continentalismo, e fonda il progetto di riavvicinamento franco-tedesco e un atteggiamento amichevole nei confronti della Russia, che costituisce il nucleo dell’Heartland. È significativo che, senza essere comunista e nemmeno di sinistra, Alain de Benoit non abbia esitato, in piena Guerra Fredda, a dichiarare che, potendo scegliere se indossare un berretto con la stella sovietica o un berretto americano, avrebbe scelto il berretto con la stella. Ciò non è dovuto affatto a simpatie filosovietiche, ma a una rigorosa analisi geopolitica, basata in particolare su uno studio approfondito delle opere di Carl Schmitt, che è uno dei principali riferimenti intellettuali della Nuova Destra,[10] e inoltre sull’idea di un “blocco continentale” tra Francia, Germania e Russia, un “asse Parigi-Berlino-Mosca”. Questo asse come compimento di un’Europa escatologica è stato difeso dal precursore della “Nuova Destra”, Raymond Abellio, come scrive esplicitamente nelle sue memorie, The Activists[11].

Pur non essendo né di sinistra né di destra, nelle sue pubblicazioni e nei suoi libri de Benoist è aperto a un dialogo selettivo con entrambi: promuove attivamente il recupero della tradizione conservatrice e in particolare del tradizionalismo, e allo stesso tempo si impegna in modo costruttivo con quei rappresentanti del campo della sinistra anticapitalista[12] che sono pronti a trascendere i dogmi di partito e a scambiare liberamente idee e concetti (come I. Ramone, S. Latouche, J-K. Michetius e così via). Tuttavia, Alain de Benoist osserva che l’Europa, stretta tra due poli durante la Guerra Fredda, quello americano e quello sovietico, ha molto in comune con il Terzo Mondo[13] per il quale la “Nuova Destra” nutre una genuina simpatia che la distingue anche dalla “Vecchia Destra” che tradizionalmente sostiene il colonialismo francese.

L’atteggiamento della Nuova Destra nei confronti delle questioni religiose è rivelatore. Questo movimento è aconfessionale, ma lo stesso Alain de Benoist è critico nei confronti del cristianesimo occidentale (tuttavia, ha più volte confessato la sua simpatia per l’ortodossia), in quanto vede in esso i presupposti per l’emergere della modernità, che egli, a sua volta, considera come puro nichilismo. Questo atteggiamento è caratteristico di Nietzsche, Heidegger e di molti altri pensatori della rivoluzione conservatrice. Alain de Benoist propone un ritorno alle radici indoeuropee, a una società sacrale e al paradigma solare-apollineo della Tradizione, che a volte viene interpretato come “paganesimo”, anche se il discorso non riguarda pratiche religiose fantastiche, ma una lettura greca della cosmologia, dell’etica, dell’estetica e della metafisica che era comune all’ellenismo precristiano (fino ai neoplatonici) e alle principali correnti filosofiche del primo cristianesimo.

In generale, la Nuova Destra, e personalmente Alain de Benoist, sono rappresentanti di una Francia che è chiaramente consapevole del suo Dasein indoeuropeo e celtico, che comprende sottilmente il percorso tragico di Orfeo e che cerca di portare la sua missione paradossale e incredibilmente difficile e pericolosa a una fine escatologica.

[1] Citato in Parvulesco J. Le soleil rouge de Raymond Abellio. Op. cit. P. 76.

[2] Benoit Alain de. Contro il liberalismo: verso una quarta teoria politica. SPb: Amphora, 2009.

[3] Dugin A.G. Noomachia. Il Logos della Germania. Uomo apofatico. Mosca: Progetto accademico, 2015.

[4] Benoist Alain de. A destra. P.: éd Copernicus, 1977.

[5] Benoist Alain de. Contro il liberalismo: verso una quarta teoria politica. Op. cit.

[6] Dugin A.G. Geopolitika. Mosca: Progetto accademico, 2015.

[7] Lacoste Y. Géopolitique. La longue histoire d’aujourd’hui. P.: Armand Colin, 2006.

[8] Chauprade A., Thual F. Dictionnaire de géopolitique. Stati, concetti, autori. Parigi: Ellipses, 1999.

[9] Dugin A.G. Noomachia. Inghilterra o Gran Bretagna? Missione marittima e soggetto positivo. M. Progetto accademico, 2015.

[10] Benoit Alain de. Charles Schmitt oggi. SPb: Nauka, 2007.

[11] Abellios R. Ma dernière mémoire II. I militanti (1927-1939). P.: Gallimard, 1975.

[12] Krisis è una piattaforma per questo tipo di scambio con la sinistra.

[13] Benoist Alain de. Europa-Tiers-monde, même combat. P.: Robert Laffont, 1986.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

29 maggio 2022