Albanesi della Novorussia: problemi e prospettive all’interno della Russia

image_pdfimage_print

di Maxim Medovarov

La liberazione della regione dell’Azov, avvenuta in primavera, lo svolgimento di un referendum sul ritorno della regione di Zaporozhye alla Russia, nonché ulteriori prospettive di espansione dei territori liberati, mettono la Russia al primo posto: gli albanesi di Novorussia sono diventati nostri concittadini. Essendosi trasferiti lì più di due secoli fa, sono attualmente rappresentati principalmente dalle comunità che vivono in modo compatto nei tre villaggi di Georgievka, Devninskoye e Gamovo intorno a Melitopol, nonché dalla metà del grande villaggio multietnico di Karakurt (Zhovtnevoe) nella regione di Odessa. Secondo i dati obsoleti del censimento del 2001, circa 1.800 albanesi vivevano a Karakurt e quasi 900 nella regione di Melitopol, a cui vanno aggiunti oltre 100 albanesi del Donbass e della Crimea. Così, ormai, esclusi i profughi, La Russia accoglie oltre mille albanesi, tra cui tre villaggi completamente albanesi, e in caso di liberazione della regione di Odessa, questa cifra potrebbe crescere di due o tre volte.

Finora non ci sono informazioni da nessuna parte su quali passi stia compiendo l’amministrazione militare-civile provvisoria della regione di Zaporozhye per un dialogo con gli albanesi del Mar d’Azov, come reagiscono al referendum, se partecipano dentro. Nel frattempo, questo problema è di notevole importanza per la politica interna ed estera della Russia. Le conseguenze di vasta portata dipendono dall’influenza che ora prevale sugli albanesi della Nuova Russia.

La comparsa di persone di etnia albanese in Novorussia è avvenuta in circostanze atipiche. Intorno al 1500, una parte degli albanesi ortodossi Tosk delle vicinanze di Korça, in fuga dalle devastanti invasioni turche, fuggì nelle regioni più tranquille della Bulgaria vicino a Varna. Lì vissero per trecento anni, finché nel 1811 si trasferirono sotto il dominio russo in Bessarabia, appena riconquistata dai Turchi e dai Nogay, più precisamente a Budzhak. Nasce così il villaggio di Karakurt del distretto di Izmail (oggi vicino al confine con la Moldova). Dopo la sconfitta della Russia nella guerra di Crimea, questa contea fu temporaneamente trasferita alla Moldova (dal 1862 – Romania), le cui autorità perseguirono una politica di persecuzione e proibizioni contro tutte le minoranze etniche. Parte degli abitanti di Karakurt nel 1861–1862 fuggì dall’oppressione romena vicino a Melitopol, avendo fondato qui tre nuovi villaggi (in parte mescolati ai Gagauz).

Il fattore chiave nello sviluppo di questo gruppo etnico è stato che è uscito molto presto dall’etnogenesi albanese e per quasi cinquecento anni non ha partecipato in alcun modo alla creazione della nazione politica albanese. Inoltre, fino all’inizio del XX secolo non si chiamavano albanesi, e nemmeno Arvaniti o Arberesh (nomi etnici tradizionali per gli albanesi nei Balcani e in Italia), ma semplicemente “nostri nativi” (dial. ga tantё) e la loro lingua – “linguaggio semplice”. All’inizio del XX secolo, sotto l’influenza dei vicini russi e gagauzi, iniziarono a chiamarsi Arvaniti, ma la parola “Albania” non diceva loro nulla. Gli abitanti di Karakurt e della regione dell’Azov hanno ricordato che i loro nonni e bisnonni si sono trasferiti qui dalla Bulgaria, ma non sapevano praticamente nulla della loro storia precedente, non sapevano nemmeno che i loro antenati provenissero dalla regione di Korça. Inoltre, per quasi cento anni, gli “Arvaniti” di Novorussia hanno fuorviato le autorità russe, che non li hanno affatto distinti dai bulgari e dai gagauzi e li hanno registrati nelle statistiche come bulgari ortodossi, senza capirne i costumi e la lingua.

Solo nel 1948 le spedizioni etnografiche da Leningrado e Mosca iniziarono a instillare negli albanesi della RSS ucraina la consapevolezza di essere albanesi. Per la prima volta hanno appreso dell’esistenza dell’Albania. Ma solo dopo il crollo dell’Unione Sovietica, e anche allora non immediatamente, si stabilirono i primi veri contatti in cinquecento anni tra gli Arvaniti di Novorussia e la loro storica casa ancestrale dimenticata. Negli ultimi dieci anni, questi contatti sono diventati regolari e abbastanza politicizzati. I diplomatici albanesi non solo incoraggiarono la creazione di scuole nazionali e gruppi folcloristici, ma iniziarono a stimolare lo studio degli albanesi delle regioni di Zaporozhye e Odessa a Tirana.

Il tentativo di attirare una comunità etnica che storicamente non appartiene a una determinata nazione politica dell’era moderna è un fenomeno molto comune. Basti ricordare il destino dei moldavi della Bessarabia, che non sono mai entrati a far parte della nazione borghese rumena durante la sua creazione artificiale nel XIX secolo e ancora in stato di divisa autocoscienza, o gli abitanti della Slavonia e della Dalmazia, che solo nel XIX secolo, registrati indiscriminatamente come croati, iniziarono a parlare il dialetto stocavo. Lo stesso vale in larga misura per i Valacchi balcanici (Kutsovlachs), ora conosciuti come Aromuni, Megleno-rumeni e Istro-rumeni: l’opera degli agitatori rumeni tra loro era in conflitto con la realtà della loro residenza tra gli Slavi del Sud, i Greci e gli Albanesi.

La stessa cosa iniziò ad accadere nel XXI secolo con gli albanesi di etnia novorussa, che erano a malapena abituati al nuovo etnonimo per loro. Invece delle tradizionali usanze e costumi popolari secolari di questo particolare gruppo di persone della Corizza ortodossa, il moderno governo albanese, con la connivenza della Kiev ufficiale, iniziò a impiantare usanze e costumi a loro estranei: Gheg dell’Albania settentrionale e del Kosovo. Battisti e altri settari apparvero a Karakurt. I cognomi russi nel Mar d’Azov sono stati occasionalmente sostituiti da quelli albanesi di nuova invenzione. Almeno tre film sulla vita degli Arvaniti di Novorussia sono stati girati in Albania e sono stati pubblicati numerosi libri. Un monumento a Skanderbeg è apparso a Karakurt, la scuola è stata trasferita al curriculum albanese. L’insegnamento della lingua letteraria albanese creava confusione nelle menti dei bambini che conoscevano il dialetto locale: non capivano più come dire “correttamente” questa o quella frase.

Busto di Skanderbeg a Karakurt

Tutto ciò è stato vantaggioso anche per il regime di Kiev: nonostante il non riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo, i contatti dei nazisti ucraini con militanti e trafficanti di armi del Kosovo sono molto fitti. Dopo l’inizio dell’operazione speciale, sono emerse informazioni sui mercenari albanesi in Ucraina e sull’addestramento sul suo territorio di islamisti iraniani da parte dei Mujahiddin-e Khalq, un’organizzazione le cui attività sono finalizzate alla lotta terroristica contro il governo iraniano, e che in precedenza si era rifugiato in Albania. Inutile dire che tutto questo è stato fatto sotto gli auspici degli Stati Uniti.

Nel frattempo, la maggioranza assoluta degli albanesi delle regioni di Zaporozhye e Odessa non c’entra. Si tratta per lo più di normali abitanti di campagna sovietici/russi, che amano le loro tradizioni etniche, la cucina, le feste, il dialetto, insieme a russi, bulgari, gagauzi, sono cresciuti nelle tradizioni dell’ortodossia e appartengono alla Chiesa ortodossa russa. Ormai, circa la metà degli albanesi della Nuova Russia conosce almeno in una certa misura la lingua albanese (più precisamente, il loro dialetto estremamente arcaico, la parlata che in Albania è percepita ad orecchio più o meno allo stesso modo in cui percepiremmo ora il russo del XVIII secolo). L’altra metà parla russo fin dall’infanzia (hanno imparato la lingua ucraina solo a scuola, non la usano affatto nella vita di tutti i giorni).

Sembrerebbe che la risorsa numerica degli albanesi della Nuova Russia non sia troppo grande. Ma non solo la pace e la stabilità interetnica nella regione liberata dipendono da quali stati d’animo prevalgono tra di loro. Se agenti di Kiev e Tirana si infiltrano lì, la Russia potrebbe avere alcuni problemi. Se la nuova amministrazione russa inizierà a lavorare il più attivamente possibile con i nuovi russi di etnia albanese, allora la bilancia penderà a nostro favore: la Russia riceverà una leva significativa per influenzare l’Albania e utilizzare al suo interno il “soft power”.

Abbiamo già notato che l’attuale governo albanese, a condizioni di sanzioni tutte europee contro la Russia, sta facendo del suo meglio per non intraprendere veri e propri passi antirussi, ad eccezione di quelli verbali. Il governo di Edi Rama, che agisce in stretto coordinamento con la Serbia di Aleksandr Vučić, non fornisce armi all’Ucraina, mantiene la libertà illimitata di ingresso dei russi nel Paese e spesso prende in giro il regime di Kiev. Se la Russia può effettivamente garantire la prosperità degli albanesi del Mar d’Azov (e, in futuro, della regione di Odessa), così facendo farà un passo importante verso l’acquisizione di una fiducia duratura nei Balcani. E la politica russa nei Balcani è senza dubbio un gioco a lungo termine, per diversi decenni a venire.

Bibliografia:

  1. Dugushina A. S., Albanesi dell’Ucraina: dinamiche di identità ed etnostrategia nel XXI secolo // Kunstkamera. 2020. N. 3. S. 75–97.
  2. Ermolin D. S., Studio etnografico degli albanesi del Mar d’Azov: tappe, risultati, prospettive // Rassegna etnografica. 2012. N. 1. SS 213–220.
  3. Kotova N. V., La lingua degli albanesi dell’Ucraina a metà del XX secolo. Testi e dizionario. Commenti. M., 2018.
  4. Medovarov M. V., La geopolitica dell’Albania sullo sfondo della crisi ucraina // Katehon. 19/05/2022. Modalità di accesso: https://katehon.com/ru/article/geopolitika-albanii-na-fone-ukrainskogo-krizisa
  5. Novik A. A., Albanesi dell’Ucraina: albanese “standard” vs. dialetto e identità nel XXI secolo. // Polilogo balcanico: comunicazione in comunità culturalmente complesse. Materiali della Tavola Rotonda del Centro di Ricerche Linguistiche e Culturali “Balcanica”, in memoria di Vyacheslav Vsevolodovich Ivanov. M., 2018. SS 68–91.
  6. Novik A. A., L’autocoscienza degli albanesi dell’Ucraina: contesti storici, linguistici ed extralinguistici // Rassegna etnografica. 2011. N. 5. S. 75–90.
  7. Novik A. A., L’autocoscienza degli albanesi dell’Ucraina: sulla questione dell’etnonimo (materiali sul campo 1998–2009) // Materiali degli studi sul campo del MAE RAS. SPb., 2010. Edizione. 10, pp. 57–76.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

3 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube