Aleksandr Dugin a NV News: “Credo che non passerà molto tempo prima della grande vittoria, o della grande sconfitta”

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Il filosofo Alexander Dugin risponde alle domande di VN News. Non solo discutiamo gli eventi mondiali più importanti dell’inizio del 2022 e le prospettive per il mondo russo, ma scopriamo anche perché il Kazakistan non dovrebbe lasciare l’orbita eurasiatica e chi è il principale nemico della Russia.

“VN”: – Alexander, come ideologo dell’eurasiatismo, come valuta gli eventi che si verificano dall’inizio dell’anno in Kazakistan?

– Penso che quello che sta accadendo in Kazakistan sia un processo piuttosto complicato. È il risultato della marcia indietro di Nazarbayev rispetto alla sua originale posizione eurasiatica. Si è impigliato in un gioco con le élite locali, ha fatto una mossa totalmente non eurasiatica, andando verso aziende e tendenze culturali o politiche inglesi e occidentali. Questo ha avuto conseguenze disastrose, perché l’Occidente ha rafforzato la sua influenza in Kazakistan e di conseguenza l’eurasiatismo è stato schiacciato e quasi dimenticato. Ed è iniziato un processo catastrofico. Tuttavia, è naturale.

Quando la situazione ha raggiunto il livello di una rivoluzione colorata, la Russia, con le forze del CSTO, è venuta in soccorso e ha contribuito a stabilizzare la situazione, ma l’aiuto non era più esteso a Nazarbayev e ai suoi clan corrotti, ormai piuttosto integrati nel modello occidentale, ma a Tokayev come presidente ad interim, che aveva dimostrato una sufficiente (anche se alla fine relativa) lealtà verso la Russia e gli impegni degli alleati. Se non fossimo venuti in soccorso, processi simili al Maidan o alla rivolta contro Lukashenko in Bielorussia sarebbero iniziati in Kazakistan, solo con uno stile asiatico – decapitazioni, Islam radicale, brutalità ingiustificata, ecc.

La situazione è ormai fuori dalla fase acuta, ma non credo che ora siamo davvero soddisfatti. Per riportare il Kazakistan in un’orbita eurasiatica, bisogna prima di tutto impegnarsi molto. In secondo luogo, riconoscere pienamente l’importanza e la fondamentalità dell’eurasiatismo, la sua priorità come punto di riferimento politico e imperativo per l’integrazione del grande spazio post-sovietico – imperiale. Cioè, noi russi dobbiamo prima di tutto diventare noi stessi eurasiatici a pieno titolo, poi possiamo invitare gli altri a fare lo stesso. Tutto sta andando verso questo, credo. La situazione si sta sviluppando più in questa direzione che in qualsiasi altra, ma a volte è troppo lento, insicuro e contraddittorio tale processo.

Penso che, grazie a quegli eventi, l’attenzione sia stata attirata sul Kazakistan, mentre noi avevamo completamente dimenticato l’esistenza di questo grande e forte paese, molto importante per noi.

“VN: – Gli altri Stati membri della CSIS e della CSTO hanno tratto qualche conclusione per se stessi? Quale sarà il futuro comportamento dell’Armenia, che ha dimostrato decisamente la sua adesione ai principi della CSTO? Come si comporteranno Uzbekistan e Turkmenistan?

– Penso che abbiano concluso che la Russia non si è sottratta alla sua responsabilità per il destino dei regimi post-sovietici. Che la Russia è determinata a non permettere le rivoluzioni di colore nello spazio post-sovietico. L’odierna escalation delle relazioni con l’Occidente è legata a questo. La Russia dice: “No, non vi permetterò di fare quello che volete sul territorio post-sovietico. Non in Kazakistan e nemmeno in altri posti”. Penso che tutti l’abbiano capito. specie i paesi della CSI e l’Occidente. Pertanto, i membri della CSTO hanno deciso di dimostrare la loro lealtà ai principi della CSTO, alle norme di unità strategica e di assistenza reciproca, sulla base dell’esempio del Kazakistan. Questo è molto giusto e buono, ma manca ancora qualcosa perché l’integrazione eurasiatica si muova in una fase a tutti gli effetti, e solo con le parole o con la firma di trattati di amicizia, questo non può essere raggiunto. Stiamo parlando di un gesto molto più serio. Siamo alla soglia di questo gesto. Il gesto che ho in mente sarebbe una svolta decisiva verso il ristabilimento dell’Eurasia come polo indipendente della politica mondiale, come centro di potere con pieno controllo su tutto ciò che rientra nella sua area di responsabilità.

Il destino dell’intero spazio eurasiatico dipenderà da come si risolverà la situazione critica in Ucraina e nel Donbass, che ora si è sviluppata. Nella situazione in Kazakistan, la Russia ha agito correttamente e bene, ed è notevole che sia stata sostenuta dai paesi del CSTO. Ma questa non è la cosa principale. La cosa principale è come sarà risolto il problema ucraino, che è all’ordine del giorno molto più acuto.

“VN”: – Passiamo all’Ucraina. Qual è il prezzo reale che la leadership russa è disposta a pagare per la Novorossiya?

– Questa è una domanda alla quale non ho una risposta, perché nel 2014 ero profondamente convinto che la Russia potesse realizzare il progetto Novorossiya, la sua liberazione, a un prezzo relativamente basso. Almeno la questione della liberazione dell’Ucraina orientale è stata risolta con mezzi molto più semplici, con un maggior grado di legittimità e ad un costo inferiore a quello attuale. Ero semplicemente stupito allora che quando tutto era pronto per il prossimo passo logico, ci siamo fermati. Mi sembrava illogico. Non ho capito affatto la storia del “piano astuto”. Sette anni non hanno chiarito la situazione in alcun modo e nell’escalation di oggi non c’è ancora una volta una risposta su quale fosse il “piano astuto”.

Per dirla semplicemente, non c’era nessun “piano astuto”. Abbiamo esitato, ci siamo fermati e abbiamo perso la nostra occasione. Questo è ovvio per me. E poiché non abbiamo fatto quello che avremmo dovuto fare allora, nel 2014, in condizioni iniziali più favorevoli, non posso nemmeno immaginare ora con cosa abbiamo a che fare in questa nuova escalation. Che l’Occidente ci stia provocando e facendo credere che siamo pronti a passare all’azione decisiva per intimidirci, in modo da accettare obbedientemente la possibile operazione terroristica di Kiev nel Donbass.

Opuure, abbiamo deciso di correggere questo difetto del 2014 in nuove condizioni. Quello che è successo nel 2014 è stato un errore, forse anche un tradimento; dopo di allora, tra l’altro, sono stato rimosso dai canali centrali a causa della mia posizione. ma io continuo a sostenerlo: non avremmo mai dovuto fermarci, avremmo dovuto continuare con la liberazione della Novorossiya. Ci siamo fermati e di conseguenza non abbiamo ottenuto assolutamente nulla in tutto questo tempo. Solo l’esercito nemico si è rafforzato fisicamente, politicamente e moralmente, e l’influenza del blocco NATO in Ucraina, che ci è ostile, è aumentata di molto. Esattamente tutto quello che non doveva succedere è successo.

La situazione non è migliorata in sette anni e penso che il destino della crisi attuale sia semplicemente imprevedibile. Nessuna delle due parti, né all’esterno né all’interno, dice neanche lontanamente come stanno realmente le cose. Penso che sia, in un certo senso, anche un segreto di stato il come stanno veramente le cose.

Ci sono domande a cui semplicemente non si può rispondere. Quello che sta succedendo ora con l’Ucraina in relazione alla Russia e all’Occidente – nessuno può sapere o capire in modo affidabile. Perché è una situazione così complessa e critica sotto ogni punto di vista che sfida ogni semplice spiegazione logica. Può finire con niente, o con una clamorosa affermazione “abbiamo vinto” “piano astuto – 2”. Ma potrebbe anche iniziare qualcosa di serio, potrebbe essere molto grave. Poi nel 2014, contro ogni previsione, abbiamo fatto la cosa sbagliata, ma cosa succede se facciamo la cosa giusta ora? Sarebbe meraviglioso, ma è già impossibile influenzarlo, è impossibile anche capirlo. C’è un elemento di fantastica eccentricità nelle decisioni della nostra leadership che a volte agisce in modo assolutamente giusto, si comporta brillantemente, come per suprema fantasia – nei limiti di tutte le leggi storiche e geopolitiche, e a volte alcuni ostacoli insormontabili e incomprensibili nascono dal nulla. L’arte del travestimento, che fiorisce nel nostro governo, è l’arte del travestimento, in modo che nessuno sappia se vogliamo sacrificare qualcosa o no, se siamo pronti a fare qualcosa o no, se abbiamo determinazione o no.

Penso che non abbiamo molto da aspettare – per alcuni l’ultimo incubo, per altri una grande gioia. Dipende da chi lo vuole definire.

“VN: – Il nostro principale nemico è, come lei ha detto più volte, la “civiltà del mare”. Ma nella situazione con il Kazakistan è diventato chiaro che la Cina e la Turchia sono i primi ad alzare la testa. La Turchia anche è attiva in Ucraina. Da chi ci aspettiamo più pericolo? In una prospettiva storica, quanto sono pericolose la Cina, la Turchia e l’idea del panturkismo?

– Le persone che hanno letto i miei libri, che conoscono la geopolitica, devono capire molto bene che esiste una gerarchia di minacce. Oggi – come sempre, però! – La principale minaccia viene dall’Occidente atlantista, che – e specialmente con la nuova leadership dell’ultra-globalista Biden e dei suoi falchi liberali – continua a difendere un mondo unipolare agonizzante e la sua egemonia in declino. Questa è la “civiltà del mare”. È la causa principale dei problemi nello spazio post-sovietico. È il nostro principale nemico – esistenziale. O noi o lui. Gioco a somma zero.

E così, quando questo nemico principale – un nemico forte, determinato e potente, astuto, subdolo e intelligente – è presente e attivo, parlando di confrontarlo con alcune minacce secondarie, scegliendo quale sia più pericoloso in questa o quella situazione difficile – diventa già sospettoso. La geopolitica come disciplina afferma: “Civiltà della terra contro civiltà del mare”. Le civiltà della Terra siamo noi. La civiltà del mare è l’Occidente. Se stanno avanzando attivamente (e stanno avanzando attivamente!), allora c’è solo un nemico. E tutti gli altri sono possibili alleati, amici o forze neutrali. E soprattutto, questo è il modo in cui gli strateghi occidentali che prendono decisioni vedono la mappa del mondo. Sono atlantisti – e abbastanza consapevolmente. Nell’élite liberale americana e occidentale in generale, l’atlantismo è stato favorito fin dall’infanzia.

Noi cerchiamo costantemente, per ignoranza o perché apparteniamo all’agenzia d’influenza atlantista, di rifiutare questa logica diretta e di ignorare la geopolitica e le sue leggi. E questo è il peggio che può accadere. Qui non ci dovrebbero essere dubbi per il patriota russo, chi è il nostro vero, principale e fondamentale nemico: è l’Occidente!

E in Kazakistan, e in Ucraina, e nello spazio post-sovietico, e in Europa, e in qualsiasi altro luogo – è l’Occidente il nostro avversario assoluto. Appena qualcuno ne dubita, diventa sospettoso e fa il gioco della “civiltà del mare”. Non c’è bisogno di essere come loro. Devi conoscere la geopolitica e passare con una solida A. Se sei un patriota russo, dici: “Il nostro nemico è l’Occidente”. “Punteggio, cinque.” E poi tutto il resto – Turchia, Cina e così via. Questa è la legge, due volte due fa quattro, non solo la mia opinione privata. Ci sono persone che hanno finito il primo grado e ci sono persone che sono state cacciate dal primo grado. Chiunque pensi che abbiamo altri nemici paragonabili all’Occidente è semplicemente un incompetente professionale. O si tratta di un inganno maligno e di un lavoro con sovvenzioni straniere.

Il nostro nemico è la NATO, gli USA, la “civiltà del mare”, il mondo anglosassone. Soprattutto quando loro, seguendo la loro strategia globalista, attaccano e lo fanno a nostre spese. Quando circondano la Russia da tutti i lati, come un anello di anaconda, e aumentano la pressione a tutti i livelli (nello spirito della dottrina del dominio a tutto spettro), non ci possono essere dubbi.

Per quanto riguarda la Cina – è il nostro principale argomento per affrontare l’Occidente, il nostro più importante alleato oggi. In Kazakistan, i cinesi si sono comportati in perfetta armonia con noi. E nel coordinamento strategico. L’alleanza strategica russo-cinese è ora una promessa per un mondo multipolare.

Mi sembra che qui le cose non siano così dogmatiche come in Occidente, perché la Cina è diversa, multidimensionale, ha la capacità di scegliere un’identità, terra o mare, ma oggi è il nostro amico. L’Occidente è il nostro nemico finché è il Mare, ma ha fatto questa scelta secoli fa, e la Cina è nostra amica – nostra amica oggi – sotto Xi Jinping e il suo attuale vettore geopolitico e ideologico.

Per quanto riguarda la Turchia, nel mondo bipolare era parte della strategia occidentale, seguiva gli ordini occidentali, compresi i tentativi di rafforzare la sua influenza in Eurasia. Tuttavia, negli ultimi dieci anni Erdogan è diventato sempre più fuori dall’influenza occidentale.

Qui non è la stessa cosa che con la Cina, è più complicato. Ankara sta cercando qualsiasi modo per rafforzare la sua sovranità. Principalmente a spese dell’Occidente, ma a volte anche a spese di altri. In ogni caso, la politica di Erdogan non è sinonimo di politica americana. C’è una divergenza crescente tra Ankara e la NATO ed è importante per noi, in una tale situazione, assicurare almeno la neutralità della Turchia – soprattutto alla vigilia del gesto fondamentale di cui abbiamo parlato (se, effettivamente, ci stiamo preparando a compierlo).

A proposito, sulla questione azera eravamo dalla stessa parte. Abbiamo sostenuto l’integrità territoriale dell’Azerbaigian e anche questo è importante, non siamo nemici dei turchi. Non credo che forniscano alcuna forza seria in Ucraina, e difficilmente possono giocare un ruolo importante nei negoziati, hanno una politica attiva come potenza regionale sovrana, non si può rimproverarli per questo.

Penso pure che non saranno inequivocabilmente dalla parte di Kiev nel caso in cui il conflitto degeneri in una fase acuta. Nel peggiore dei casi, prenderanno una posizione neutrale o una posizione propria. Questo non significa che dobbiamo applaudire, ma non è una vera e propria faida. La vera faida è Washington. Questo è ciò che deve essere distrutto – Carthago delenda est.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

12 febbraio 2022