Alexey Belyaev-Guintovt: “L’impero nonostante tutto”. Come l’Eurasiatismo sta cambiando il mondo

image_pdfimage_print

di Olga Andreeva

Pubblichiamo, su richiesta degli amici di Zavtra, l’intervista di Olga Andreeva all’artista russo Alexey Guintovt, rappresentante della scuola della New Seriousness, sorta agli inizi degli anni Novanta sulle rive del fiume Neva. Il suo potente immaginario, alla maniera moscovita, combina paradossalmente le tradizioni della pittura di icone ortodosse russe con le tendenze dell’Avanguardia russa e del Costruttivismo, il classicismo totalitario del grande stile sovietico con l'”artificialità” formale della Pop-Art americana. Le opere di Guintovt, già più volte Premio Kandinsky, sono esposte nei più grandi musei di tutto il mondo.

 

– Lei è un adepto del grande stile. Che cos’è? Come si inserisce nel postmoderno?

– Il grande stile nega il postmoderno in ogni modo possibile. Il grande stile è l’unità del paesaggio generatore con il destino del popolo. È la sua acme, il picco della sua autopercezione, la sua autorealizzazione e missione spirituale. La negazione totale di questo è postmoderna, cioè la negazione di qualsiasi principio unificante, dello Stato, della fede, del genere e, in definitiva, dell’appartenenza alla stessa specie umana.

– Come avete fatto a coesistere reciprocamente in queste condizioni?

– Imparato, concentrato, sofferto sconfitte e successi occasionali. Miracolosamente sopravvissuto fino ad oggi. Nel corso di questo magico viaggio ho trovato insegnanti, sostenitori, una vocazione, fiducia nel domani e, soprattutto, un ottimismo escatologico.

– Lei dice di essere l’unico artista rosso da Dublino a Vladivostok. Cosa significa questo?

– Il progetto rosso è un grande stile che ha visitato la nostra nazione e la nostra civiltà a metà del XX secolo. Ha lasciato tracce come i dipinti di Hubert Robert: piccole persone, pastori e le loro capre sparse tra le rovine di templi e statue colossali. Riassemblare, forse su basi diverse, i frammenti rimasti del grande stile – questo è il compito, questa è la richiesta di tempo e spazio. Questo è il motivo per cui parlo così spesso di spazio, perché sono stato a lungo e costantemente un eurasiatico, e noi attribuiamo una grande, se non dominante, importanza al paesaggio modellante.

– Cosa dice lo spazio russo?

– In primo luogo, è senza dimensione. Questa non è affatto una caratteristica quantitativa, ma qualitativa. Le persone generate da questo spazio camminano, non passeggiano, non svolazzano nel senso europeo della parola, ma camminano, sono in movimento. Si tratta di beati vagabondi incantati in viaggio verso l’infinito, o di cosacchi in cerca di benevolenza, o di corpi di spedizione inviati ai confini dell’impero per espanderlo il più possibile. Il nostro popolo è nel paesaggio che gli è stato consegnato. È magico fin dall’inizio, come era, è e sarà, e anche questa è una caratteristica qualitativa. Queste due proprietà – l’assenza di dimensioni e una magia data – richiedono l’inedito. Heydar Dzhemal ha dedicato uno studio a questa preordinazione nel destino della Russia. Ha dimostrato che il nostro spazio è destinato alla rivoluzione. È una rottura in una gigantesca catena di maestri del discorso e l’insubordinazione del grande popolo, la sua folle voglia di libertà nello spirito condanna una volta per tutte il nostro territorio alla rivoluzione, e con questo intendeva una rivoluzione conservatrice.

– Nel 2008 ha vinto il premio Kandinsky per il suo quadro “Brothers and Sisters”. Questo ha portato il pubblico liberale a chiamarla fascista e a farne un fuorilegge. Cosa succederà ora alla cultura liberale? Il nostro Paese è cresciuto dal progetto liberale. Avete qualche speranza di sconfiggere l’artefatto della narrazione?

– Cosa si deve considerare una vittoria? La trasformazione è necessaria da cima a fondo. La maggior parte dei miei concittadini ha percepito la liberazione dell’Ucraina come la liberazione di una piccola Russia. Diventerà un grande dopo la riunificazione. È così che ho capito cosa stesse succedendo: abolizione delle frontiere e moratoria sulla proprietà privata. L’Ucraina è un’occasione per purificarsi, per sollevare finalmente e irrevocabilmente la questione del destino. Non un paese, ma un’intera civiltà – russa, ortodossa ed eurasiatica. Tradizione e giustizia sociale è l’ideale immaginato di una grande nazione. Come sarà, cerco di immaginarlo nelle mie fantasie plastiche.

– Le basi del progetto eurasiatico secondo Dugin sono le seguenti: “una nuova partnership strategica con l’emisfero orientale, mobilitando lo sviluppo economico”. È esattamente quello che sta succedendo ora?

– La mobilitazione è una richiesta di tempo e di spazio. Niente sembra più eccessivo. Fino agli eserciti di lavoratori e ai salari sotto forma di razioni rinforzate. Chi sa cosa succederà domani? La gravitazione delle masse dell’Eurasia nordorientale verso l’autoscontro, verso l’ascesi è irrevocabile. Prova ne è il successo fenomenale dell’Unione Sovietica. Si potrebbero enumerare all’infinito i codici numerici di queste vittorie, ma il mistero del socialismo non si spiega con i numeri. È nato qui, vive qui, sicuramente ritornerà. Non sto parlando di un socialismo dogmatico e marxiano, ma di un socialismo organico e comunitario inerente alle masse ortodosse e islamiche dei nostri compatrioti.

– Il progetto sovietico era legato al concetto di “felicità ritardata”. La Russia è pronta ora?

– Una volta spiegato, questo progetto è capace di fare un miracolo. La domanda è quando, chi e come si impegnerà a spiegarlo. Il movimento internazionale eurasiatico guidato da Aleksandr Dugin presenta da più di 30 anni vari modi attuali e allo stesso tempo senza tempo di realizzare il grande progetto. La giustizia sociale e la fedeltà alla tradizione sono sempre al suo centro. Il popolo è irrevocabile, gli uomini e le donne sono garantiti per rimanere uomini e donne, la fede è irrevocabile. La Russia è il territorio della salvezza. Dai tempi di Ivan il Terribile, a tutti è stata data una tale opportunità – nel corso della vita, per avere il tempo di realizzare la cosa principale, ma un tale progetto è garantito per entrare in conflitto con l’egemonia dell’Occidente liberale. Ora ancora una volta la domanda è: essere o non essere. Per il grado di assedio, l’Occidente sembra essere pronto ad avventurarsi nell’inedito. Bene, siamo pronti per lo stesso.

– Eurasia dell’età dell’oro: che cos’è?

– L’età dell’oro dell’Eurasia non vive nel tempo ma nello spazio del superamento della morte. Un popolo una volta emerso non deve scomparire dalla storia. È qui una volta per tutte. La sequenza della storia nella comprensione liberale è la seguente: ethnos, cioè una somma di tribù, poi una nazione, poi una comunità di individui, titolari di passaporto, poi una società civile come grado estremo di individualismo e la fine del mondo. L’eurasiatico pensa in una prospettiva invertita, pur non negando i progressi tecnologici. Il nostro mondo è descritto approssimativamente da Ivan Efremov.

– Durante la guerra in Ossezia del Sud lei ha scritto: “Per la prima volta nella mia vita cosciente sono d’accordo con quasi tutto sulle politiche perseguite dal nostro Paese. C’è questa confluenza di persone e potere ora?

– Sì, certo. Con l’arrivo di Vladimir Putin, il popolo e le autorità si sono incontrati. Ma io personalmente e tutti noi vorremmo molto di più. La stragrande maggioranza dei nostri compatrioti ha votato per la conservazione dell’Unione Sovietica nel 1991. E sono sicuro che dopo 30 anni, le statistiche saranno più o meno le stesse. Sì, gli eventi degli ultimi giorni richiedono un’intensità di attenzione completamente diversa e il prossimo grado di chiarezza nelle dichiarazioni della leadership del paese. Il progetto deve essere presentato, è impossibile vivere senza di essa d’ora in poi. La sua essenza e il suo obiettivo dichiarato è l’istituzione delle frontiere inviolabili della nostra civiltà, un’economia pianificata e un nuovo partenariato in Eurasia, Africa, America Latina.

Parlo con un numero enorme di stranieri ogni giorno sui social network e tutti ragionano della stessa cosa. Si aspettano ancora qualcosa da noi. Non possiamo ingannare queste aspettative.

– Che rapporto ha il progetto imperiale con la democrazia? È la Grecia? Roma?

– L’ottica greca antica contrapponeva la monarchia alla tirannia, l’aristocrazia all’oligarchia e la politia alla democrazia. La democrazia per Platone è la cosa peggiore che possa capitare alla società. L’impero è organicamente inerente a noi che viviamo qui. La sua scomparsa è percepita come una grande catastrofe cosmica. Impero o morte!

– Come sarà politicamente?

– Un impero a forma di riccio, nelle parole di Kuryokhin. Gentile e affettuoso con i suoi e irto di aghi verso il nemico, l’Occidente.

– Nella concezione antica la tirannia è buona per la guerra, ma la democrazia per la pace.

– Su questo non si discute, ma i tempi sono diversi e lo sono anche le polis e i demo. La parola democrazia è la stessa, ma il contenuto è cambiato.

– Qual è la Quarta Teoria Politica di Dugin?

– Come l’ho capito io, è l’esistenza organica del popolo come un albero, il crescere, il vivere significativo nella storia. Un popolo è un’unità di pensiero. L’eidos di Platone esiste prima, fuori e a parte dell’uomo. L’uomo vive la sua breve vita, sembra avere delle idee. Ma questo non è del tutto vero. Idee, eidos erano e rimarranno dopo di lui. Lo scopo della vita umana è avere il tempo di diventare un palladino di questi eidos, un cavaliere dello Spirito.

– L’impero dovrebbe essere gerarchico, autoritario e totalitario.

– Totalitario è una parola dell’arsenale del nemico, anche se il concetto di totus – universale – non contiene alcun significato negativo. L’impero ha uno scopo e un significato, una destinazione; è in costante movimento dentro di sé, consapevole dell’infinità del logos imperiale, e si muove verso l’esterno, sforzandosi di salvare, di venire in aiuto a innumerevoli altri popoli. L’impero viene sempre dall’alto.

– Dal 2014, lei ha visitato spesso il Donbass. Perché?

– Dal 1991, il nostro movimento non ha riconosciuto l’esistenza dell’Ucraina. Sapevamo in anticipo che l’Ucraina non poteva essere altro che anti-Russia. La prima cosa che fu bandita nel 2005 dopo l’usurpazione del potere in Ucraina da parte di Zlyushchenko fu il Movimento Internazionale Eurasiatico. Molti dei nostri sono finiti in prigione, molti sono scomparsi senza lasciare traccia.

Alla fine di maggio 2014, io e i miei compagni ci siamo trovati con Alexander Borodai, allora primo ministro della DNR, nell’epicentro degli eventi. Ha dichiarato lo stato di emergenza a Donetsk in nostra presenza il 25 maggio 2014, e un’ora dopo Kiev ha risposto a tono. Il giorno dopo, l’aeroporto è stato preso d’assalto. Questo è quello che è successo. Tutto il nostro movimento era attivamente coinvolto in ciò che stava accadendo – modellando gli scopi e gli obiettivi del progetto della Primavera russa, trasportando volontari, fornendo aiuti umanitari. A un certo punto mi è stato chiesto di presentare un’immagine plastica del progetto Novorossiya. Per tre ore, ho risposto alle domande di specialisti in vari campi. Siamo partiti dalla premessa che questo è un territorio da sogno, una repubblica di filosofi. Il pensiero ai filosofi, il potere ai guerrieri. Nei primi anni ho visitato spesso il Donbass, ero un corrispondente di guerra, consegnando aiuti umanitari. Ho visitato Donetsk in tutti i periodi dell’anno, e una cosa che è rimasta costante è il suo bombardamento.

– La Novorossiya è vicina al suo ideale?

– Novorossiya è un innesco. Una volta premuto il grilletto, tutto sarà trasformato. Allora non ebbe successo. Gli eventi attuali sono un tentativo irrevocabile. È di nuovo una questione di esistenza o meno della nostra civiltà. Se fallisce, può essere tecnicamente cancellato senza lasciare traccia. L’esempio della Serbia mostra come il Logos del popolo viene sradicato. Rimuovere la rappresentazione culturale e storica dalle reti è ormai una questione di tecnica. Così, equiparando i simboli sovietici a quelli nazisti, il nemico sta rimuovendo irrevocabilmente dalle reti il nostro cinema, l’arte e qualsiasi prova della nostra esistenza che contenga simboli sovietici. Con la stessa facilità tecnica, è possibile fare delle bestemmie contro di noi e perseguitare coloro che le negano.

– E in caso di vittoria?

– Il 24 febbraio, alle 9 del mattino, ho sperimentato un effetto di decollo. Sono stato sollevato da terra. Improvvisamente tutto ciò che avevamo sognato, sussurrato, parlato ad alta voce per tanto tempo, capito e non capito, cominciò ad avverarsi. Tutti insieme, in tutte le direzioni. Un millesimo di quello che stava succedendo prima del 24 febbraio era inimmaginabile. E la gente veniva da me felice e stupita, entusiasta. Gente dell’esercito, civili, organizzazioni, partiti, individui, la capitale, la periferia, gli stranieri. L’inedito è arrivato.

Da gennaio di quest’anno, ho visto ciò che sta accadendo come una potenziale interazione russo-cinese, un risveglio dell’Oriente, il progetto Novorossi-Taibei, dove il commonwealth di Russia e Cina diventa il nuovo fiore all’occhiello di un’umanità rinnovata. Sovranità, tradizione, socialismo, sviluppo sostenibile, politica di pace – questo permette alle nazioni di prendere parte a questo progetto. India, Iran, Pakistan, Medio Oriente, la regione del Pacifico – tutto è in movimento. Si potrebbero enumerare all’infinito i successi dell’attuale civiltà di riferimento della Cina e la natura progressiva del suo sviluppo, in contrasto con la civiltà dell’Occidente, in crisi e ossessionata dal risentimento, il territorio di Cibele.

– Che senso ha l’operazione speciale in Ucraina?

– Una parola meravigliosa è stata pronunciata da Ramzan Kadyrov: de-Sheytanisation. Denazificazione, de-oliganizzazione, smilitarizzazione sono tutte conseguenze. Ma l’idea chiave è la de-sheytanizzazione.

– Come vede il ruolo del Movimento Internazionale Eurasiatico in questo momento?

– Siamo sempre favorevoli a rendere la situazione irreversibile. Irreversibilmente illiberale. C’è il solare Vladimir Putin, che sono sicuro sia capace di trasformare la realtà al di là del riconoscimento, se non altro in base a ciò che si è avventurato a fare. Ma c’è un Vladimir Putin lunare che coesiste con un’immagine misteriosa solare. Abbiamo tutti visto l’influenza del Putin lunare sul Putin solare: proprio quando qualcosa inizia e poi subito finisce. Ora non può più essere così. In una stessa frase non può più inserire significati che si escludono a vicenda.

Ma quello che ha concepito, preparato e, soprattutto, realizzato, è impensabile! Ha negoziato per mesi con l’Occidente, con i suoi rappresentanti, sapendo già che nulla di ciò che stavano discutendo sarebbe stato attuato, e non se l’è lasciato sfuggire! Questa è la resistenza di un ufficiale dell’intelligence, questa è una lunga volontà, lo rispetto. Vorrei che avesse portato a termine tutto ciò che è seguito con lo stesso tipo di resistenza incommensurabile. Abbiamo solo una richiesta per lui ora – più, più veloce, più lontano, più forte, e ora moltiplicalo per cento. Questo è ciò che il mondo intero sta aspettando da lui.

– Quale sarà il futuro dell’Ucraina?

– Quando diciamo Ucraina, non è molto chiaro cosa sia, dove e quando, me l’Ucraina è chiaro che è nel tempo e nello spazio. Al limite abbiamo bisogno della liberazione di tutto il territorio, delle amministrazioni civili e militari. Per questo, però, i liberatori devono portare i significati tanto attesi e chiari. Credo che nel prossimo futuro accadrà qualcosa che risveglierà i dormienti dal loro sonno mortale.

– L’Occidente ha parassitato l’immagine della democrazia per molto tempo. Cosa possiamo portare all’Ucraina?

– In questo momento quasi nulla, tranne la liberazione dai finti nazisti. Sì, una lingua russa nativa, una storia nativa. Ma questo non è sufficiente. Nell’anno zero, Alexander Dugin ha portato un progetto eurasiatico dettagliato a Vladimir Putin e quest’ultimo lo ha accettato. In un certo senso, tutto ciò che sta accadendo è la sua attuazione, ma è cento volte, se non mille volte più lento di quanto vorremmo che fosse. Tuttavia, la televisione parla da molto tempo il linguaggio della geopolitica, cioè il linguaggio continentale di Dugin. Sono stati pubblicati cento libri di Alexander Dugin e le sue opere sono state tradotte in 50 lingue. Ha incontrato molte persone significative del nostro tempo. I leader spirituali e i presidenti sono tra questi. Ma perché questa stranezza imperiale, che la geopolitica sia separata, e A.G. Dugin separato, non capisco. Nessuna carica pubblica significativa gli è stata offerta, nessun ministero, nessuna università…

– Chi sono i suoi alleati in Russia in questo momento?

– Tutte le persone di buona volontà. L’eurasiatismo oggi è un movimento socio-politico, una somma di interazioni, per quanto sia possibile un’associazione informale di persone. Non c’è una struttura formale. Ma sono sicuro che la maggioranza dei russi, alla domanda se sono europei, eurasiatici o asiatici, sceglierà la seconda opzione. Scegliendo tra socialismo e capitalismo, la grande maggioranza sceglierà il socialismo. “Valori liberali” o tradizione – la risposta è ovvia. Non c’è più nemmeno bisogno di un’unificazione formale. La televisione parla la nostra lingua, sempre più russa di giorno in giorno, da decenni. Sembra ovvio ora, ma non così tanto tempo fa. Ricordo che nel 1999, nel mezzo dei bombardamenti sulla Serbia, in un programma politico, quando fu chiesto a una donna del governo per chi provasse simpatia, per i serbi o per gli albanesi, lei rispose: “per gli albanesi perché hanno dei bei baffi”. Ora è impossibile. È stato fatto un enorme lavoro esplicativo, ma allo stesso tempo non c’è un solo istituto eurasiatico attivo e significativo. Non c’è nemmeno una sola cattedra di geopolitica. Questo ricorda in parte il tempo di Stalin. Stalin non ha fatto quasi nessun errore geopolitico, e non c’erano istituzioni geopolitiche, punite anche per la parola geopolitica. Non c’è geopolitica, e la geopolitica è impeccabile – tutto ciò è un paradosso. Non è chiaro perché questo sia sopravvissuto fino ad oggi.

– Ora l’82% dei russi sostiene il presidente del Paese. Non crede che stiamo assistendo a una specie di pantomima?

– Questo è un mistero imperiale. Qualcosa di inimmaginabile stava accadendo a Donetsk nel 2014. Ti strofini gli occhi e non capisci come possa accadere una cosa del genere. La sera del 25 maggio, l’allora primo ministro della DNR, Alexander Boroday, è venuto con noi all’amministrazione statale regionale di Donetsk e ha semplicemente letto 10 punti sulla posizione speciale della DNR. In qualche modo ho subito pensato che stessimo parlando dell’inizio della terza guerra mondiale. Ed era così banale. Solo alcune telecamere funzionavano. Finì di leggerlo e disse: “Mangiamo”. E siamo andati. Era così strano vedere il mondo, il mondo intero appeso per il più sottile filo che ci potesse essere.

Il giorno dopo c’è stato l’assalto all’aeroporto, che si è concluso con la nostra completa sconfitta. La primavera russa è iniziata con un disastro e poi in quella gamma tra un disastro enorme e uno piccolo, tutto è esistito fino a poco tempo fa. Un attimo prima c’era qualcosa di enorme, immenso, invincibile, e improvvisamente tutto diventa piccolo e sconfitto. Sì, il nemico sarà sconfitto e la vittoria sarà nostra. Ma è così strano…

– Non crede che in questo momento ci sia una grande richiesta affinché lo sforzo bellico diventi veramente popolare?

– Sì, lo vedo. E su entrambi i lati. Il nemico ha un impulso popolare in assenza di un’autorità autorevole, ma con noi è tutto dall’alto. Man mano che invecchio, penso sempre di più: è davvero questo l’unico modo in cui funziona un impero? Possibile che in tutti i tempi ci siano stati degli stupiti come me che hanno notato lo stesso strano desiderio di spegnere l’impulso popolare? Quindi l’impero vince e perde. Vince solo nel modo imperiale. Appena appare un’iniziativa popolare, viene immediatamente spenta. Il divario tra l’impulso, la volontà, la volontà e la spinta imperiale è il segreto della storia russa, forse il segreto principale.

– Ma tu sei per l’impero nonostante tutto?

– Sì, io sono per l’impero, sempre e ovunque. Sto parlando di quanto bizzarro, quanto inspiegabile possa apparire in circostanze di combattimento. C’è un mistero qui.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

24 aprile 2022

One Reply to “Alexey Belyaev-Guintovt: “L’impero nonostante tutto”. Come l’Eurasiatismo sta cambiando il mondo”

Comments are closed.