Ampliare la presenza di sicurezza della Turchia in Africa

image_pdfimage_print

di Nebahat Tanriverdi Yasar 

Gli stati africani stanno cercando di rafforzare le proprie capacità di difesa sullo sfondo della continua instabilità del continente. La Turchia ha recentemente aggiunto la cooperazione in materia di sicurezza e difesa ai suoi strumenti soft power esistenti e ha gettato le basi per una cooperazione strategica a lungo termine con i paesi africani. L’aumento delle vendite di droni è una parte importante di questa collaborazione, ma non l’unica. La politica complementare di esportazione di armi, addestramento militare e diplomazia della difesa consente all’amministrazione turca di stabilire legami a lungo termine e istituzionali con i paesi africani.

Oggi, la Turchia è uno dei tanti fornitori di servizi di sicurezza tra cui gli stati africani possono scegliere. Inoltre, l’Unione Europea (UE), al vertice di febbraio con l’Unione Africana, si è impegnata a rafforzare il proprio ruolo nell’affrontare le sfide comuni di pace e sicurezza nel continente. Per raggiungere questo obiettivo, l’UE e i suoi Stati membri dovrebbero esaminare le potenziali aree di cooperazione con i partner che operano nel continente e considerare i vantaggi di una potenziale cooperazione con Ankara.

Negli ultimi anni, la vendita di armi turche ai paesi africani ha attirato un’attenzione diffusa. Sebbene la Turchia non abbia una lunga storia di esportazione di armi prodotte internamente, le vendite in Africa stanno salendo alle stelle, rendendo la Turchia un fornitore di armi in crescita nel continente.

Fino a poco tempo fa, l’espansione del coinvolgimento della Turchia in gran parte dell’Africa ha ricevuto meno attenzione rispetto al suo coinvolgimento nei singoli paesi, come il suo intervento militare in Libia e il suo investimento su larga scala in Somalia. Oggi la Turchia sta intensificando i suoi sforzi per garantire la sicurezza nel continente. Oltre a numerose visite ufficiali ad alto livello del presidente Recep Tayyip Erdogan nei paesi dell’Africa occidentale e settentrionale negli ultimi anni, la Turchia ha anche aumentato il suo coinvolgimento nelle iniziative antiterrorismo degli Stati africani e ha aumentato i suoi aiuti umanitari, ad esempio, alla Nigeria , Mauritania e Niger. Inoltre, Ankara ha firmato nuovi accordi sulle armi con paesi nordafricani come Tunisia e Marocco.

La politica estera della Turchia in Africa combina sicurezza ed economia, rafforzandosi in qualche modo a vicenda nel suo disegno politico. La cooperazione con la Nigeria contro i flussi illeciti di armi, l’assistenza finanziaria alla Mauritania nella lotta al terrorismo, un accordo di cooperazione militare con il Niger e i recenti accordi sui droni con Marocco e Tunisia rientrano tutti nel quadro politico generale di Ankara. Ciò significa non solo trasformare la politica estera della Turchia nei confronti dell’Africa aggiungendo un altro livello al suo attuale set di strumenti, ma anche una cooperazione strategica a lungo termine con gli stati del continente.

Componente di sicurezza: strategie e modelli

Il crescente potenziale materiale interno della Turchia e la sua ricerca di nuovi partner per la sicurezza si intersecano con il desiderio dei paesi africani di diversificare la loro politica di sicurezza. Molti stati africani sono ansiosi di trarre vantaggio dall’esperienza della Turchia nella controinsurrezione, nella modernizzazione dei suoi settori di sicurezza e nei risultati ottenuti nel suo settore della difesa. È significativo che il numero delle ambasciate africane ad Ankara sia cresciuto da 10 nel 2008 a 37 nel 2021 e molti degli ambasciatori africani assegnati in Turchia sono generali attivi o in pensione. Gli sforzi della Turchia nel loro insieme dimostrano quattro modelli di strategie adottati da Ankara.

Il più significativo e sorprendente tra questi sforzi è l’aumento delle esportazioni di armi della Turchia verso gli stati africani. Mentre l’Africa offre un mercato per armi di fabbricazione turca come veicoli aerei senza pilota (UAV), veicoli corazzati, sistemi di sensori elettro-ottici, sistemi di sorveglianza, veicoli per lo sminamento e fucili, le compagnie di difesa turche offrono prezzi competitivi per le loro attrezzature militari con un polizza senza obblighi. Le esportazioni turche di difesa e aerospaziale in Africa hanno raggiunto i 460,6 milioni di dollari nel 2021, rispetto agli 82,981 milioni di dollari dell’anno precedente, secondo i dati dell’Assemblea degli esportatori turchi. Questa crescita di oltre cinque volte in un anno indica il crescente interesse dei paesi africani e l’alto potenziale di questo mercato.

In secondo luogo, la Turchia ha anche intensificato gli sforzi sistematici per firmare vari tipi di accordi di cooperazione in materia di sicurezza con i paesi africani. Ad esempio, la Turchia ha accordi di formazione sulla sicurezza con Algeria, Burkina Faso, Gibuti, Gabon, Gambia, Ghana, Guinea, Costa d’Avorio, Libia, Madagascar, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Ruanda, Senegal, Somalia, Sudan, Tanzania e Tunisia. Alcuni di questi accordi hanno anche consentito alla Turchia di aprire centri di formazione, ad esempio, in Libia e Somalia. I programmi di addestramento prendono di mira vari rami dell’apparato di sicurezza, inclusi i militari, la gendarmeria, la guardia costiera e la polizia.

Tuttavia, gli accordi di sicurezza della Turchia vanno oltre i programmi di studio. Comprendono anche un numero crescente di accordi di cooperazione in materia di sicurezza più completi, come accordi quadro militari che riguardano la formazione, la cooperazione tecnica e scientifica. Un totale di 30 stati africani hanno firmato vari accordi di sicurezza con la Turchia. Il maggior numero di accordi, 21 in totale, è stato ratificato nel 2017: con BeninCiadRepubblica Democratica del Congo, Gibuti (1-2), Gabon, Gambia (1-2), Guinea-Bissau, Costa d’Avorio (1-2), KeniaLibia, Mali (1-2), NigerNigeriaSenegalSomaliaTanzania e Uganda. Seguono nel 2018 16 accordi: con Repubblica del Congo, Gibuti (1-2), GhanaMadagascar, Niger (1-2), Nigeria, Ruanda (1-2-3), SomaliaSudan, Tanzania (1- 2), Tunisia. Questi accordi forniscono un quadro per la cooperazione militare e di sicurezza a vari livelli tra le varie parti interessate. Le principali istituzioni governative turche coinvolte in questi accordi sono il Ministero della Difesa, il Ministero dell’Interno (che comprende le forze di polizia, gendarmeria e guardia costiera) e l’Autorità per l’industria della difesa (SSB). Questa diversità di attori crea numerosi canali di dialogo con le loro controparti in Africa.

Come terzo livello, la Turchia si impegna anche nella diplomazia della difesa con gli stati africani. Nel 2014, la task force navale turca Barbaros, composta da due fregate, una corvetta e una nave da rifornimento, ha viaggiato in tutto il continente africano, visitando 25 porti in 24 paesi africani; 19 di loro sono stati visitati per la prima volta. La missione ha partecipato a esercitazioni congiunte in Sud Africa e ha sostenuto attività di contrasto alla pirateria nel Mar Rosso, nel Golfo di Aden, nel Mar Arabico e nelle regioni adiacenti. Mostra anche quanto la Turchia abbia collegato diverse strategie come la diplomazia della difesa, la promozione della sua industria della difesa e l’addestramento militare. La missione del 2014 è stata accompagnata dal Sottosegretario all’Industria della Difesa (SSM) e dalle società del settore della difesa, nonché dall’Agenzia turca di cooperazione e coordinamento (TİKA), tra le altre agenzie. La Corvette TCG HEYBELİADA è stata presentata durante le visite ai porti nell’ambito del progetto Patrol and Anti-Submarine Ship (MiLGEM) realizzato dalla Marina Turca; un sistema integrato di controllo del combattimento navale (GENESIS) sviluppato dal Comando della Marina; e l’SSM. Successivamente, per garantire la continuità del rapporto, il Centro multinazionale di eccellenza per la sicurezza marittima con sede ad Aksaz ha organizzato corsi di formazione per rafforzare le capacità degli Stati africani, insieme ad altri paesi lontani, su questioni di sicurezza marittima.

Infine, la Turchia ha anche ampliato la sua partecipazione alle missioni internazionali di mantenimento della pace in Africa. Nell’era successiva alla Guerra Fredda, la Turchia ha cercato di partecipare alle operazioni militari internazionali e, come risultato dei suoi intensi sforzi, ha assunto il comando della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Somalia (UNOSOM) nel 1993-94. È stata l’unica missione militare internazionale in Africa a cui la Turchia ha partecipato negli anni ’90. All’epoca, il coinvolgimento attivo della Turchia nelle operazioni internazionali di gestione delle crisi era una strategia per garantire il suo ruolo nelle strutture di sicurezza occidentali, per lo più concentrate nei Balcani. Negli anni 2000, la Turchia ha iniziato a contribuire maggiormente all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), alle Nazioni Unite e ad altri progetti di collaborazione per gestire la sicurezza in Africa. MaliRepubblica Centrafricana (CAR)CongoLibiaSudan, Sud Sudan e Somalia.

Le forze di sicurezza di Ankara in Africa

Fattore di compressione: sviluppi nell’industria della difesa turca

La crescente presenza della Turchia nel mercato africano delle armi riflette davvero i progressi dell’industria della difesa turca in termini di sviluppo e produzione di piattaforme e tecnologie militari relativamente avanzate. Dagli anni ’70, diversi governi, nonostante le differenze nelle politiche interne ed estere, hanno compiuto continui sforzi con alti e bassi per sviluppare l’industria della difesa interna al fine di garantire la fornitura di armi alle forze armate turche. Di conseguenza, gli anni ’70 videro la fondazione dei pionieri delle più affermate società di difesa interna della Turchia: Turkish Aerospace (TAI) nel 1973 e Military Electronic Industries (ASESAN) nel 1975. Entro la fine degli anni ’80, furono fondate diverse imprese di difesa private in collaborazione con società precedentemente affermate e società internazionali. Ad esempio, Tusaş Engine Industries (TEI), un produttore di motori aerospaziali, è stata fondata nel 1985 come joint venture tra TAI, General Electric, Turkish Armed Forces Foundation e Turkish Aviation Association. Allo stesso modo, uno dei principali produttori di difesa della Turchia, FNSS Defense Systems, è stata fondata nel 1988 come joint venture tra l’azienda americana FMC Corporation (poi United Defense LP e ora BAE Systems – Land Systems) e la holding NurolOtokar, una società del gruppo Koç, ha iniziato a produrre veicoli tattici a ruote su licenza di Land Rover Defender nel 1987, che ha poi portato allo sviluppo dei veicoli corazzati Akrep Cobra di Otokar all’inizio degli anni ’90.

Tuttavia, il balzo più sorprendente nell’industria della difesa turca è stato il risultato del boom economico della metà degli anni 2000. Il boom ha permesso di destinare più risorse a progetti di difesa e ha portato a numerosi progetti per lo sviluppo di attrezzature militari. Ad esempio, Katmerciler, un altro importante esportatore di attrezzature militari, ha iniziato a progettare e produrre attrezzature per la difesa nel 2010. Di conseguenza, è aumentato il numero delle società nazionali principali e subappaltatrici, dei loro fornitori e del personale impiegato nel settore. Entro il 2020, un numero crescente di piccole e medie imprese entrerà nel settore della difesa come subappaltatori. Nel 2002 c’erano 56 imprese del settore della difesa e nel 2020 il loro numero è aumentato a circa 1500. Politiche governative di sostegno hanno incrementato la fiducia della Turchia per quanto riguarda le proprie capacità nell’ambito dell’industria della difesa e la creazione di un ecosistema sostenibile.

Dalla metà degli anni 2010, le compagnie di difesa turche hanno rivolto la loro attenzione al mercato africano. In precedenza, le esportazioni della difesa erano principalmente limitate alle armi leggere e alle munizioni. Mentre le aziende turche sono riuscite a esportare le loro merci come i veicoli blindati nei mercati africani negli ultimi dieci anni, è solo negli ultimi anni che sono riuscite a guadagnare una quota di mercato più stabile con progetti relativamente più grandi.

Il successo delle vendite è stato favorito dalle modifiche apportate da SSB per migliorare la sostenibilità del settore. Questo è indicato come uno degli obiettivi del Piano Strategico di SSB per il periodo dal 2019 al 2023. A tal fine, SSB ha svolto un’intensa attività per supportare le compagnie di difesa turche nell’aumentare le loro esportazioni verso i mercati regionali. Nell’ambito di questo obiettivo, l’SSB ha aumentato il numero di consulenti/addetti al settore della difesa; annualmente la “partecipazione nazionale” delle imprese della difesa alle fiere internazionali; ha tenuto regolarmente riunioni sulla cooperazione nel settore della difesa con gli Stati con i quali la Turchia ha un accordo sulla cooperazione nel settore della difesa; e, ultimo ma non meno importante, ha anche firmato accordi di cooperazione nel settore della difesa con nuovi paesi e aperto uffici in tutto il mondo.

Sebbene il Piano Strategico di SSB non specifichi alcun mercato geografico, sembra che siano stati apportati miglioramenti significativi con i paesi africani in termini di obiettivi fissati da SSB per aumentare le esportazioni. Finora, la Turchia ha firmato accordi di cooperazione nel settore della difesa (SSI) con più di 25 paesi africani, tra cui Niger, Ruanda, Senegal, Congo, Mali e Nigeria, che offrono trasferimento di tecnologia militare, cooperazione e produzione congiunta. Allo stesso modo, dal 2022, gli addetti militari turchi sono presenti in 19 paesi africani, tra cui Nigeria, Etiopia, Ghana, Mali, Algeria, Gibuti, Senegal, Tanzania, Sudan, Egitto, Uganda, Repubblica Democratica del Congo, Guinea, Somalia, Kenya, Sud Africa, Marocco, Tunisia e Libia. Quest’anno anche SSB ha annunciato l’organizzazione della partecipazione nazionale a otto mostre militari e di difesa in tutto il mondo, inclusa la mostra Africa Aerospace and Defense (AAD) in Sud Africa.

Indubbiamente, la politica turca di incremento multilaterale delle esportazioni negli ultimi anni ha avuto successo. D’altra parte, questa politica multilivello e multi-attore non si limita al desiderio di garantire la sostenibilità dell’industria della difesa. Ogni componente della politica funge da veicolo per costruire un raggio d’azione strategico volto a posizionare la Turchia come fornitore di sicurezza per i paesi africani. Ad esempio, la Turchia ha formato dozzine di agenti di polizia kenioti dal 2020 per sostenere gli sforzi del Kenya nella lotta al terrorismo e alla droga. Nel 2021, le forze di difesa del Kenya hanno annunciato che avrebbero ordinato 118 veicoli resistenti alle mine (MRAP) da Katmerciler, battendo aziende del Sud Africa e degli Stati Uniti. Un altro esempio è la Tunisia. La Turchia ha compiuto sforzi significativi per garantire il suo ruolo nella modernizzazione dell’esercito tunisino e nel settore della sicurezza, cercando di approfondire i legami con l’industria della difesa e aumentare l’esportazione di equipaggiamento militare. Le forze di sicurezza tunisine operavano veicoli corazzati Kirpi prodotti da BMC, Ejder Yalçın prodotti da Nurol Makina Cobra prodotti da Otokar ed è diventato il più grande acquirente di veicoli blindati turchi nei paesi del Maghreb. Inoltre, la Tunisia è il primo paese in cui TAI ha esportato per la prima volta i suoi UAV a lungo raggio di media quota ANKA, entrati in servizio all’inizio del 2022. I due paesi hanno anche tenuto per la prima volta esercitazioni militari congiunte nel 2021.

Fattore di attrazione: diversificazione dei fornitori di sicurezza in Africa

Tuttavia, lo sviluppo dell’industria della difesa turca non è l’unica forza trainante alla base della maggiore sicurezza della Turchia in Africa. C’è anche un importante fattore di attrazione. L’approccio della Turchia allo sviluppo di un’ulteriore cooperazione in vari settori legati alla sicurezza, come strategia ben congegnata per relazioni stabili e a lungo termine con i paesi africani, coincide con la tendenza crescente tra gli stati africani a diversificare i propri partner per programmi di addestramento militare. Mentre gli Stati Uniti e l’UE stanno sostenendo le forze che conducono esercitazioni antiterrorismo e contro-insurrezione, paesi come Cina, Russia e India, che cercano strategicamente di aumentare la loro influenza nel continente offrono programmi di addestramento militare simili ai paesi africani.

Oggi molti stati africani mantengono stretti rapporti di sicurezza con le potenze non occidentali. Più di 30 stati africani hanno firmato accordi di cooperazione militare e armi con la Russia. Anche la Cina e diversi paesi africani stanno partecipando ad attività di cooperazione in materia di sicurezza come esercitazioni militari e di polizia e condivisione di informazioni. Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), entro la fine del periodo 2017-2021, la Russia è diventata il principale fornitore di armi dell’Africa, seguita da Stati Uniti, Cina e Francia. Stati africani come Nigeria, Etiopia e Mali hanno diversificato il numero di fornitori di attrezzature militari da cui acquistano e dal 2017 hanno aggiunto paesi come Russia, Cina, Turchia, Ucraina, Pakistan, Brasile ed Emirati Arabi Uniti (UAE) .

Molti paesi africani, in particolare quelli dell’Africa subsahariana, stanno prendendo iniziative per migliorare l’addestramento e l’equipaggiamento delle loro forze di sicurezza al fine di affrontare meglio le sfide alla sicurezza sorte nell’ultimo decennio. Soprattutto la crisi nel Sahel mostra che gli stati della regione soffrono di forze di sicurezza inefficaci e non hanno determinate capacità militari per far fronte a minacce alla sicurezza come il terrorismo e l’insurrezione. Dal 2012 gli stati africani hanno stanziato più fondi per l’equipaggiamento militare, secondo il SIPRI, ma il deterioramento delle condizioni economiche li sta costringendo a ridistribuire periodicamente la propria spesa. In questo contesto, si stanno rivolgendo a opzioni più adatte in termini di rapporto qualità-prezzo, che è la caratteristica più vantaggiosa delle armi di fabbricazione turca.

Gli interessi della Turchia e dell’UE in Africa divergono

Anche se l’Africa è una regione in cui sia la Turchia che l’UE si stanno impegnando sempre più per sviluppare politiche, meccanismi e relazioni efficaci, hanno un’interazione minima tra loro. Forse ancora più importante, seguono percorsi diversi e in alcuni casi anche contrastanti nello stabilire relazioni di sicurezza nei paesi africani. Questo ha diverse ragioni.

In primo luogo, lo stallo nel processo di adesione ha un impatto negativo sulla politica estera e sulla cooperazione in materia di sicurezza. Quando la Turchia ha avuto la possibilità di diventare un membro dell’UE, entrambe le parti erano più interessate alla cooperazione in vari settori per accelerare il processo di adesione. Ankara ha utilizzato la candidatura della Turchia all’UE come risorsa di politica estera nell’interazione con i paesi del Medio Oriente e dell’Africa. Allo stesso tempo, a tal fine, ha allineato la sua politica estera all’UE al fine di accelerare ulteriormente il processo di adesione.

Ad esempio, la Turchia ha partecipato a due missioni dell’UE in Congo – EUFOR RD Congo EUPOL Kinshasa – tra il 2006 e il 2007. Mehmet Vekdi Gönül, allora ministro della Difesa, ha identificato questa cooperazione nel suo discorso all’Assemblea turca nel 2006 come un contributo positivo agli sforzi di sicurezza collettiva dell’UE, aiutando così la Turchia ad entrare nell’UE.

Inoltre, il livello di conformità della Turchia alle dichiarazioni dell’UE sulla politica estera e di sicurezza comune (PESC) durante questo periodo è stato costantemente elevato, indicando la volontà politica della Turchia di allineare la sua politica estera a quella dell’UE.

D’altra parte, l’UE, come risulta dalle relazioni sullo stato di avanzamento della Commissione Europea, elogia il ruolo crescente della Turchia come forza stabilizzatrice nelle regioni vicine e il suo contributo agli sforzi collettivi per risolvere le crisi. Un alto grado di convergenza nell’era precedente era evidente nella politica estera della Turchia nei confronti dell’Africa. La politica della Turchia a quel tempo era principalmente basata sul soft power ed era in linea con l’approccio di politica estera dell’UE.

Ad esempio, quando l’UE ha deciso di attuare il partenariato euromediterraneo nel 1995, cercando di creare una zona di libero scambio tra i paesi mediterranei dell’Unione e cinque paesi nordafricani (Marocco, Algeria, Libia, Tunisia ed Egitto), anche la Turchia ha accelerato il suo impegno economico con questi paesi. Nella prima metà degli anni 2000, la politica di vicinato dell’UE ha avuto lo stesso impatto delle iniziative politiche di lunga data della Turchia negli accordi di libero scambio firmati con Tunisia e Marocco nel 2004 ed entrati in vigore rispettivamente nel 2005 e nel 2006.

Quando il processo di adesione ha iniziato a rallentare, l’armonia della sicurezza e della politica estera tra la Turchia e l’UE ha iniziato a indebolirsi. Dal 2010, il rispetto da parte della Turchia delle priorità e delle azioni dell’UE in materia di PESC ha iniziato a diminuire. Il numero delle politiche di confronto in Africa è aumentato, come si può vedere, ad esempio, in Libia. Oggi, delle 18 missioni e operazioni attualmente dispiegate nell’ambito della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDC) dell’UE in tutto il mondo, 11 si trovano in Africa e la Turchia non ha partecipato a nessuna di queste missioni.

Con lo stallo del processo di adesione, sono riemersi disaccordi tra la Turchia e l’UE su un quadro per la cooperazione in materia di sicurezza. La cooperazione nel campo della sicurezza e della pace in generale è di natura una tantum. Sebbene la Turchia contribuisca alle missioni della PSDC dell’UE sulla base dell’accordo quadro di partecipazione firmato con l’UE nel 2006, richiede anche la partecipazione alle procedure decisionali della PSDC. Tuttavia, l’UE è determinata a limitare il processo decisionale esclusivamente agli Stati membri.

Un risultato di ciò è che la Turchia e l’UE stanno adempiendo ai propri obblighi di sicurezza con i paesi africani senza cooperare o consultarsi tra loro. La Somalia è un buon esempio di questa mancanza di partecipazione. Sia la Turchia che l’UE hanno sostenuto l’addestramento tattico dell’esercito nazionale somalo senza alcun coordinamento efficace tra di loro. Rispetto all’UE, la Turchia offre pacchetti di formazione più completi con collegamenti diretti a unità operative efficaci sul campo, nonché opzioni di equipaggiamento militare più adeguate. Inoltre, mina l’influenza generale dell’UE.

Oltre alla natura mutevole delle relazioni tra l’UE e la Turchia e al conseguente riemergere di disaccordi tra di loro, la Turchia e l’UE percepiscono e rispondono in modo diverso all’ambiente emergente della complessa multipolarità nel continente. Mentre gli Stati Uniti stanno declassando la loro posizione nella regione, gli stati africani stanno cooperando sempre più con stati regionali come gli stati del Golfo e la Turchia, nonché con le potenze mondiali, tra cui Russia e Cina. Questi nuovi attori offrono opzioni e valide alternative a Bruxelles e ad altre capitali europee. Agli occhi dei decisori africani, questa trasformazione geopolitica offre più spazio di negoziazione e manovra e, di conseguenza, l’opportunità di esercitare maggiore libertà di azione e maggiori opportunità per perseguire i propri interessi e priorità.

Per la Turchia, l’emergente multipolarità in Africa è un’opportunità per sviluppare relazioni “strategiche e a lungo termine” basate su “interessi reciproci, fiducia e partnership” con i paesi africani, posizionandosi come partner per la sicurezza.

Al contrario, per l’UE e i suoi membri, questa nuova dinamica crea problemi. Da un lato, si ritiene che la mutevole realtà sul terreno contribuisca ulteriormente alla destabilizzazione in Africa e quindi esacerba l’insicurezza alle frontiere dell’UE e indebolisce la capacità dell’UE di formulare e attuare un’azione cooperativa in risposta a crisi e conflitti. Il crescente coinvolgimento della Turchia nelle competizioni multipolari in Africa, in particolare con gli Emirati Arabi Uniti in diversi conflitti militari come Libia e Somalia, rafforza questa percezione. Inoltre, l’approccio passivo di Cina, Russia e Turchia nei confronti degli Stati africani è contrario alla forte enfasi dell’UE sulla dipendenza.

Infine, ma non meno importante, gli interessi contrastanti degli Stati membri nei confronti della Turchia in Africa aggravano ulteriormente i problemi per l’UE. La Francia, ad esempio, percepisce sempre più la Turchia come un rivale geopolitico in Africa e un attore destabilizzante che viola gli interessi economici e geopolitici della Francia, soprattutto nell’Africa occidentale e settentrionale.

Raccomandazioni

Tuttavia, la politica dell’UE e della Turchia nei confronti dell’Africa nel continente non è necessariamente intransigente. Sia la Turchia che l’UE stanno cercando di sviluppare e approfondire le loro relazioni con gli stati africani e di affrontare sfide simili, nonostante percepiscano in modo diverso le trasformazioni nel continente.

In primo luogo, entrambi sono sfidati dai rivali che offrono soluzioni competitive alle sfide economiche e di sicurezza delle loro controparti africane. In secondo luogo, l’Agenda 2063 dell’Unione Africana e l’Area di Libero Scambio Continentale Africana indicano che gli stati africani stanno cercando di aumentare la loro capacità di agire collettivamente per gestire i loro partenariati internazionali. I recenti incontri ad alto livello tra gli Stati africani e la Cina, la Turchia e l’UE mostrano che la sicurezza svolgerà un ruolo importante nelle relazioni future. Inoltre, è improbabile che la nuova dinamica multipolare in Africa scompaia. Anche l’operazione speciale della Russia in Ucraina non ha portato a una “svolta epocale” in Africa, così come nel resto del Sud del mondo.

In questo contesto, l’UE e la Germania dovrebbero tenere conto di queste dinamiche nel loro approccio nei confronti dell’Africa. Queste sfide condivise richiedono anche un ripensamento delle strutture e dei partner, inclusa la Turchia, che potrebbero aiutare l’UE e la Germania a rafforzare i loro partenariati per la sicurezza con gli stati africani.

Se sia la Turchia che l’UE riusciranno a superare le loro divergenze e ad accordarsi sulla cooperazione e il coordinamento come questione di interesse strategico comune, ci sarà più spazio per sviluppare politiche che soddisfino meglio le aspettative di sicurezza dei paesi africani. Tale direzione sarebbe anche in linea con gli impegni dell’UE e degli Stati membri di attuare la nuova strategia del multilateralismo e costruire nuove alleanze con paesi terzi sulla base di tale strategia.

L’UE deve risolvere le divergenze con la Turchia sull’Africa, in particolare su questioni di sicurezza e difesa, attraverso un dialogo più strutturato in materia di politica estera. In pratica, il persistere di questa divergenza esistente significa che la Turchia continuerà a perseguire la sua agenda geopolitica alle sue condizioni. In Africa, questa direzione si tradurrà in una più ampia discrepanza tra le forme attive di interazione tra Turchia e UE in materia di sicurezza con gli Stati africani sul terreno.

La sfida qui non è solo superare la riluttanza dell’UE a cooperare con la Turchia, ma anche creare un quadro multilaterale con partner molto più strategici in Africa. Ciò, tuttavia, non significa che si debba sostenere uno scenario casuale di cooperazione transazionale basata sugli interessi che varia da caso a caso. In un tale scenario, la cooperazione necessaria in alcuni teatri senza una bussola strategica manterrà le relazioni su un baratro nel breve termine, ma non può impedire che le relazioni Turchia-UE si muovano in una direzione più conflittuale.

Pertanto, l’UE dovrebbe considerare un partenariato formale con la Turchia nell’ambito della PSDC in quanto membro non UE della NATO. Ciò può aiutare l’UE a sviluppare la capacità di difesa e l’efficacia delle missioni PSDC in Africa, nonché a riunire le politiche estere e di difesa dell’UE e della Turchia in Africa.

Traduzione di Alessandro Napoli 

Foto: Africa On Control

23 luglio 2022