Analisi dei primi combattimenti nella Prima Guerra Mondiale, 108 anni fa [2]

image_pdfimage_print

di Shane Quinn

Dopo un’approfondita analisi militare, il piano d’azione dell’esercito francese per una guerra continentale, intitolato Piano XVII, fu completato nel febbraio 1914, circa 6 mesi prima dello scoppio della Prima Guerra Mondiale.

La Germania, con le sue formidabili forze armate, era stata riconosciuta per decenni da gran parte dell’élite francese come il principale nemico del Paese. Ciò avvenne soprattutto a partire dal 1871, quando all’inizio di quell’anno le truppe tedesche sconfissero l’esercito francese nella Guerra franco-prussiana, un conflitto durato 6 mesi. La Francia fu privata delle province di Alsazia e Lorena, situate nel nord-est della Francia, che furono conquistate dal nuovo Impero tedesco nel 1871.

La strategia di guerra dell’esercito francese nel 1914 si adattava così bene ai tedeschi che sembrava quasi essere stata compilata dallo staff militare di Berlino. Il generale Joseph Joffre, comandante in capo delle forze francesi, aveva ragione nel valutare che l’esercito tedesco avrebbe attaccato il Belgio neutrale allo scoppio delle ostilità ma il generale Joffre non credeva che il grosso dell’esercito tedesco sarebbe avanzato a ovest del fiume Mosa e avrebbe ripiegato su Parigi attraverso la Francia settentrionale.

Per quasi un decennio prima del 1914, a Berlino si era pianificato che, in caso di guerra, la maggior parte delle divisioni tedesche avrebbe effettivamente marciato attraverso il Belgio e la Francia settentrionale, oltre il fiume Mosa. Questa mossa strategica era il concetto centrale del Piano Schlieffen, dal nome del suo capo stratega Alfred Graf von Schlieffen, morto nel gennaio 1913 all’età di 79 anni. Il feldmaresciallo von Schlieffen era stato capo dello Stato Maggiore tedesco dal 1891 al 1906, anno in cui si ritirò. All’inizio del 1906 gli successe il generale Helmuth von Moltke (il Giovane), nipote del famoso comandante del XIX secolo Helmuth von Moltke (il Vecchio).

L’intelligence militare francese commise un grave errore di valutazione nel 1914, sottovalutando di 12 corpi d’armata la forza tedesca a ovest. Nel caso della Germania si trattava di oltre mezzo milione di uomini. La 1ª Armata e la 2ª Armata tedesche comprendevano complessivamente 12 corpi d’armata, per un totale di circa 580.000 soldati. Queste due armate avrebbero condotto l’offensiva attraverso il nord della Francia, nella speranza di catturare Parigi e distruggere le forze francesi in campo.

Il desiderio della Francia di recuperare l’Alsazia e la Lorena era tale che l’attacco iniziale della Prima Guerra Mondiale fu diretto in quella regione. Alle 5 del mattino del 7 agosto 1914, il VII Corpo francese (generale Louis Bonneau) della 1ª Armata avanzò verso la città di Mulhouse, nell’Alsazia meridionale, vicino al confine con la Svizzera. Questa offensiva francese in Alsazia, autorizzata dal comandante in capo generale Joffre, non aveva alcuno scopo strategico. Fu lanciata per ragioni mistiche, non militari.

Il feldmaresciallo von Schlieffen aveva infatti previsto anni prima che i francesi sarebbero entrati quasi immediatamente in Alsazia e Lorena, qualora fosse scoppiata la guerra. Aveva sperato che fosse così, perché un’impresa del genere avrebbe potuto solo allontanare le forze francesi dal decisivo settore settentrionale, dove l’ala destra tedesca sarebbe avanzata a sud dal Belgio verso la regione di Parigi. I soldati francesi presentarono le armi mentre attraversavano la tanto desiderata frontiera con l’Alsazia. La mattina dopo, l’8 agosto 1914, come previsto dal Piano Schlieffen, la 7ª Armata tedesca, che era basata in Alsazia, ripiegò, permettendo al VII Corpo francese di catturare Mulhouse senza combattere.

Le truppe francesi a Mulhouse si rallegrarono, bevvero vino e si complimentarono per aver fatto la Storia, invece di preparare posizioni difensive. Il giorno seguente, 9 agosto, i tedeschi contrattaccarono e spazzarono via le forze francesi da Mulhouse. La città fu riconquistata dai soldati tedeschi il 10 agosto. Donald J. Goodspeed, storico militare canadese, ha osservato che “questa inutile spedizione francese non aveva avuto alcun senso”.

A partire dal 14 agosto 1914, la prima grande offensiva francese della Prima Guerra Mondiale fu lanciata nell’altra provincia, la Lorena, che confina con l’Alsazia a nord-ovest. Come per l’Alsazia, l’assalto francese in Lorena fu un’altra avventura potenzialmente disastrosa. Goodspeed ha scritto: “Se Schlieffen anziché Moltke fosse stato il comandante in capo tedesco, questa sciocca offensiva francese in Lorena avrebbe, con ogni probabilità, segnato la sconfitta della Francia”.

Con l’inizio dell’attacco francese alla Lorena, sulla destra la 1ª Armata francese del generale Auguste Dubail doveva avanzare in direzione di Strasburgo, in Alsazia, con il fianco destro protetto da una forza di nuova formazione, l’Armata d’Alsazia, al comando del generale Paul Pau. Alla sinistra della 1ª Armata francese, la 2ª Armata francese del generale Edouard de Castelnau doveva catturare il comune di Morhange, nella Lorena settentrionale.

Quasi un terzo dell’intero esercito francese era impegnato in un intervento in Lorena che, anche in caso di successo, non avrebbe portato alla Francia alcun vantaggio strategico. Per 4 giorni, a partire dal 14 agosto 1914, la 6ª e la 7ª a armata tedesche in Lorena si ritirarono, come previsto, prima dei francesi, permettendo a questi ultimi di impegnarsi, mentre i tedeschi infliggevano pesanti perdite agli attaccanti attraverso le loro retroguardie e con colpi d’artiglieria. I tedeschi contrattaccarono il 20 agosto, commettendo un errore strategico: sarebbe stato più saggio permettere ai francesi di entrare più profondamente nella trappola.

Il principe ereditario Rupprecht di Baviera, comandante della 6ª Armata tedesca, vide la possibilità di una vittoria tattica con un contrattacco e non resistette alla tentazione di perseguirlo. Rupprecht chiese al comandante in capo tedesco, il generale von Moltke, il permesso di contrattaccare in Lorena il 20 agosto. La richiesta di Rupprecht fu accolta con sconcertante facilità, dimostrando la mancanza di consapevolezza strategica di von Moltke, un errore che probabilmente von Schlieffen non avrebbe commesso. Inoltre, von Schlieffen aveva immaginato che il Quartier Generale Supremo tenesse sotto stretto controllo tutte le 7 armate tedesche in campo.

In Lorena, la 1ª Armata francese riprese l’attacco alle prime luci dell’alba del 20 agosto 1914, ma fu fermata dai tedeschi e poi ricacciata nella confusione. Anche la 2ª Armata francese sulla sinistra fu attaccata e la situazione era più grave. Il XX Corpo d’armata del generale Ferdinand Foch, che comprendeva parte della 2ª Armata francese, combatté brillantemente e la sua posizione salvò la giornata da un disastro completo ma il centro e il corpo d’armata francese di destra furono presi dal panico e fuggirono dal campo di battaglia, con un’indisciplina che i tedeschi non avevano mai mostrato.

La 2ª Armata francese si ritirò quindi sulle posizioni fortificate del Grand Couronné, le alture sopra Nancy, la più grande città della Lorena. Poiché il fianco sinistro della 1ª Armata francese era ormai esposto, essa dovette ritirarsi sulla linea di partenza sul fiume Meurthe. La battaglia di Lorena, durata 12 giorni, si concluse con la vittoria tedesca il 25 agosto 1914. Il generale Joffre non fu molto scoraggiato dall’incapacità di prendere la Lorena e dalla netta sconfitta della 1ª e 2ª armata francese. I tedeschi erano apparsi in numero maggiore del previsto in quell’area, quindi non potevano essere forti ovunque, come Joffre si aspettava.

Poco più a nord della Lorena, accanto alla foresta delle Ardenne, l’alto comando francese calcolò che vi fossero presenti al massimo 18 divisioni tedesche. In realtà, nella regione delle Ardenne operavano 25 divisioni tedesche, composte dalla IV Armata tedesca comandata da Albrecht, duca di Württemberg, e dalla V Armata tedesca comandata dal principe ereditario Wilhelm, figlio maggiore del Kaiser regnante, Wilhelm II.

In preparazione dell’imminente assalto francese, nel pomeriggio del 21 agosto 1914 le truppe tedesche si spostarono ai margini della foresta delle Ardenne, che offriva un’ottima copertura. Lì i tedeschi attesero, preparando imboscate in cui intrappolare gli attaccanti francesi in arrivo. Il 22 agosto, i francesi iniziarono la loro seconda offensiva su larga scala, questa volta verso le Ardenne; con la 3ª Armata francese sulla destra comandata dal generale Pierre Ruffey e sulla sinistra la 4ª Armata francese guidata dal generale Langle de Cary. Un’Armata di Lorena di recente formazione, sotto il comando del generale Michel-Joseph Maunoury, avrebbe agito come guardia sul fianco destro contro un eventuale contrattacco tedesco dalla città di Metz, nella Lorena settentrionale.

Molto seriamente, non solo i francesi sottovalutavano continuamente il numero di truppe tedesche, ma non si prendevano nemmeno la briga di inviare adeguate sortite di ricognizione nella zona delle Ardenne. Si spinsero audacemente, ma alla cieca, in quelle zone delle Ardenne chiamate Virton, Ochamps, Rossignol e Neufchâteau, situate principalmente lungo la frontiera franco-belga. In questi luoghi, all’inizio della Battaglia delle Ardenne, le truppe francesi che avanzavano entrarono in terreni di sterminio, dove furono massacrate dall’artiglieria e dai colpi di fucile dei soldati tedeschi, per lo più invisibili.

Nel comune di Longwy, all’estremità settentrionale della Lorena, un corpo d’armata al centro della 3ª Armata francese si frammentò nelle retrovie, lasciando isolati e vulnerabili i due corpi d’armata adiacenti, entrambi con i fianchi aperti e non sorvegliati. La stessa cosa accadde alla 4ª Armata francese a Tintigny, nell’estremo sud del Belgio, lungo le Ardenne. La maggior parte dei soldati francesi combatté con coraggio, ma è innegabile che l’esercito francese si trovò in difficoltà nella prova di guerra contro i tedeschi ben organizzati. L’enfasi sull’estro e sullo spirito (élan) pervadeva i ranghi militari francesi, a volte a scapito del seguire i dettagli sani e prosaici della guerra

Anche dopo la guerra franco-prussiana, una sorta di complesso di inferiorità permeava il pensiero francese nei confronti dei tedeschi. I francesi cercarono di superare questa sensazione sgradevole, sottolineando la necessità di slancio delle loro truppe e il desiderio di vendetta nei confronti della Germania, che speravano avrebbe superato le eventuali carenze. Nel 1914 la popolazione tedesca era salita a 67 milioni, mentre quella francese era di soli 40 milioni; il tasso di natalità tedesco stava aumentando ulteriormente, mentre quello francese stava diminuendo; peggio ancora, la Germania era diventata uno Stato industriale più forte della Francia. Nel 1914 la Germania era la seconda nazione più potente del mondo, dopo gli Stati Uniti.

La Francia, un tempo paese dominante nell’Europa continentale, stava regredendo come potenza da un secolo prima della Prima Guerra Mondiale. Il generale Charles de Gaulle disse: “La disastrosa decisione di Napoleone di attaccare Alessandro I è il più grande errore che abbia mai commesso. Nulla lo obbligava a farlo. Era contro i nostri interessi, le nostre tradizioni, il nostro genio. Il nostro declino risale alla guerra tra Napoleone e i russi”.

Nel frattempo, la battaglia delle Ardenne stava andando molto male per i francesi. Il 22 agosto 1914, non meno di 27.000 soldati francesi furono uccisi, il giorno più insanguinato nella storia dell’esercito francese. Poiché le forze d’attacco non avevano guadagnato terreno, la battaglia delle Ardenne si concluse con la vittoria tedesca il 23 agosto, durando in tutto un paio di giorni. Le perdite totali francesi ammontano a 42.557, quasi 3 volte quelle tedesche (14.940). Il 23 agosto, dopo meno di 3 settimane di combattimenti, la strategia di guerra della Francia (Piano XVII) era in rovina. L’esercito francese stava già perdendo uomini a un ritmo insostenibile, mentre stava diventando chiaro che il peso dell’avanzata tedesca stava cadendo attraverso il Belgio e la Francia settentrionale, a ovest del fiume Mosa.

Il fianco sinistro francese era ormai così in pericolo che il generale Joffre non poteva più ignorare la minaccia, ma non sospese l’offensiva delle Ardenne fino al 26 agosto. Il generale Charles Lanrezac, alla testa della 5ª Armata francese che presidiava l’estrema sinistra della linea di battaglia francese, sapeva che tra lui e la Manica c’erano solo poche unità preparate in fretta e furia e un po’ di cavalleria. L’istinto del generale Lanrezac gli diceva che l’attacco principale tedesco si sarebbe spinto molto a ovest, avvolgendo il suo fianco sinistro scoperto. Comandante intelligente e perspicace, Lanrezac aveva precedentemente avvertito l’alto comando francese di non inviare le sue truppe in “quella trappola mortale delle Ardenne”.

Fino all’agosto 1914, i tedeschi ebbero il meglio dei due mondi. Quando avanzarono in Belgio e nel nord della Francia, la campagna era relativamente aperta e forniva un buon terreno di marcia, mentre erano contrastati da forze inadeguate; quando i tedeschi tornarono alla difesa tattica, i francesi li obbligarono ad attaccare in campagna. In questo modo, i tedeschi mantennero l’iniziativa sia nella guerra offensiva che in quella difensiva e i francesi si adeguarono alla loro volontà.

Fonti

Holger H. Herwig, “The Marne, 1914: The Opening of World War I and the Battle That Changed the World” (Random House Inc., 1 Dicembre 2009)

Pierre de Gaulle, “Ukraine, Trapped In A Spiral Of War”, Geopolitika, 5 Luglio 2022

Donald J. Goodspeed, “The German Wars “(Random House Value Publishing, Seconda Edizione, 3 Aprile 1985)

Karl Marx, “The Political Writings” (Verso, 3 Settembre. 2019)

Oliver Stein, “Schlieffen, Alfred, Graf von”, 1914-1918 – online International Encyclopedia of the First World War, 21 Febbraio 2017

Stéphanie Trouillard, “August 22, 1914: The bloodiest day in French military history”, France24, 22 Agosto 2014

David T. Zabecki, “August 1914: Clash of Armies”, HistoryNet, 11 Aprile 2017

Michael Kennedy, “Battle of the Ardennes, 1914”, UnderstandingWars.com, 15 Febbraio 2019

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Wikipedia

28 agosto 2022