Analisi delle accuse dell’una e dell’altra parte circa la “bomba sporca”

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e i loro proxy a Kiev si sono fatti beffe del terribile avvertimento della Russia, condiviso nei giorni scorsi ai più alti livelli della leadership militare-diplomatica della nuova potenza mondiale, secondo il quale si starebbe tramando una provocazione a bandiera sporca contro di essa. Secondo questo blocco della Nuova Guerra Fredda, è in realtà Mosca che starebbe orchestrando tutto questo dietro le quinte per inventare il pretesto per intensificare la sua operazione speciale in quella fatiscente ex Repubblica Sovietica.

Il Cremlino, però, non ha bisogno di farlo se questo è il risultato che vuole perché:

  1. Il generale dell’esercito Surovikin sta già conducendo la versione del suo Paese di “shock and awe” in Ucraina;
  2. La mobilitazione parziale dei riservisti esperti della Russia è quasi completa;
  3. Queste nuove truppe rafforzeranno la linea di controllo (LOC) tra la Novorossia e l’Ucraina;
  4. La strategia della Russia si basa sul mantenimento delle terre recentemente riunificate e non si espande oltre;
  5. E qualsiasi escalation può essere portata avanti con droni e missili senza bisogno di nuovi pretesti.

Al contrario, Kiev ha da guadagnare da una provocazione con bomba sporca a bandiera falsa perché:

  1. Attraversare il Rubicone delle radiazioni potrebbe garantire un sostegno indefinito da parte del miliardo d’oro;
  2. È urgente prima che i repubblicani possano riprendere il controllo del Congresso e ridurre gli aiuti;
  3. Farebbe pressione sui partner della Russia in tutto il Sud globale affinché prendano le distanze da Mosca;
  4. Gli Stati Uniti avrebbero il pretesto per intervenire convenzionalmente nel conflitto a sostegno del proprio proxy;
  5. E le dinamiche strategico-militari del conflitto potrebbero finalmente spostarsi a favore di Kiev.

Da queste osservazioni, alcune conclusioni sono evidenti:

  1. La detonazione di una bomba sporca è completamente contraria agli interessi di Mosca, ma del tutto favorevole a quelli di Kiev;
  2. Il Miliardario d’oro sta facendo luce sul gas sostenendo il contrario per preparare il pubblico a questa falsa bandiera;
  3. I media mainstream (MSM) stanno dando credito a questa teoria cospirativa anti-russa;
  4. Così facendo, stanno continuando l’ultima tendenza a incolpare ridicolmente la Russia per ciò che sta facendo Kiev;
  5. Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno ancora deciso di portare avanti questa provocazione senza precedenti.

L’ultimo punto merita un breve approfondimento per la comprensione del lettore:

  1. Il Pentagono non ha idea di come reagirebbe la Russia se venisse incolpata di un attacco con bomba sporca a bandiera falsa;
  2. Mosca ha già neutralizzato l’impatto sul soft power di questa provocazione attraverso il suo pre-bunking;
  3. Gli elettori americani potrebbero essere spinti a sostenere i repubblicani anti-establishment/guerra più di prima;
  4. Le ricadute potrebbero creare minacce a lungo termine per la sicurezza di milioni di europei che vivono negli Stati della NATO;
  5. E questo complotto false flag sembra essere controproducente, ma potrebbe comunque andare avanti.

Ci sono un paio di ragioni per cui potrebbe ancora accadere, nonostante le osservazioni precedenti:

  1. L’élite democratica al potere negli Stati Uniti vuole disperatamente scuotere le dinamiche strategico-militari di questa guerra per procura;
  2. Il tempo è contro di loro, poiché il successo del rafforzamento della posizione russa sarebbe una sconfitta per Kiev;
  3. Perdere questa guerra per procura potrebbe portare i repubblicani a tornare alla Casa Bianca con una valanga di voti;
  4. L’influente Big Pharma statunitense potrebbe cercare di trarre profitto dalla cura di milioni di europei irradiati;
  5. Le motivazioni che spingono i Democratici sono quindi puramente egoistiche e domestiche.

Il fatto stesso che l’avvertimento della Russia sulla provocazione di Kiev con una bomba sporca a bandiera falsa sia così credibile dimostra quanto l’élite democratica al potere negli Stati Uniti sia diventata radicale dal punto di vista ideologico, tanto che sta seriamente prendendo in considerazione questo scenario per aggrapparsi al potere in vista delle elezioni di metà mandato e delle elezioni del 2024. Questo dimostra che il vero Stato canaglia non è la Russia, l’Iran o la Corea del Nord, ma è sempre stato l’America, che ora rappresenta una minaccia senza precedenti per la pace e la sicurezza globale.

Pubblicato in partnership su One World

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

25 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube