Ancora sul soft power

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 5 settembre 2022 il Presidente russo ha firmato il decreto n. 611 “sull’approvazione del concetto di politica umanitaria della Federazione Russa all’estero”, entrato in vigore lo stesso giorno. Questo concetto è di notevole interesse, in quanto prosegue logicamente una serie di strategie (in materia di politica estera e sicurezza nazionale) adottate di recente.

Vanno segnalati alcuni punti, sia positivi che critici. Certamente, l’emergere stesso di un concetto che enfatizza la necessità di un lavoro culturale e umanitario all’estero è un’impresa importante, soprattutto se si fa riferimento al rapporto di tale cooperazione con la trasformazione del sistema politico globale e la natura stessa delle relazioni internazionali.

Il documento è un chiaro tentativo di visione olistica della politica umanitaria.

Come si evince chiaramente dal documento, l’approccio russo supera la concezione occidentale sbilanciata della cooperazione umanitaria, che si limita ai soccorsi in caso di catastrofe, alla consegna degli aiuti, ecc. e si orienta verso la forza militare, definita intervento umanitario. Sebbene il concetto russo includa una clausola sull’assistenza ad altri Paesi e sullo sviluppo della capacità di risposta alle crisi (un esempio pratico ed esemplificativo è il lavoro del Centro umanitario russo-serbo di Nis, in Serbia), esso pone comunque maggiore enfasi sulle componenti informative, culturali, educative e storiche.

Si pone l’accento sull’opposizione alla tendenza all’abolizione culturale che l’Occidente collettivo sta cercando di imporre ad altri Paesi e popoli.

Il paragrafo 19 afferma che “si deve tenere conto della crescente domanda mondiale di valori tradizionali, in primo luogo i valori della famiglia, a causa dell’aggressiva imposizione di atteggiamenti neoliberali da parte di alcuni Stati”. Lo Stato russo all’estero è sempre più percepito come il custode e il protettore dei valori spirituali e morali tradizionali, il patrimonio spirituale della civiltà mondiale (priorità dello spirituale sul materiale, protezione dei diritti umani e delle libertà, famiglia, standard di moralità ed etica, umanesimo, misericordia). La mentalità russa è caratterizzata dall’assistenza reciproca, dal collettivismo e dalla fede nella bontà e nella giustizia. Insieme all’adesione ai valori spirituali e morali tradizionali, la società russa, nel corso della storia millenaria del nostro Paese, ha formato un rispetto per la cultura, la fede e i costumi degli altri.

Allo stesso tempo, si sottolinea che la Russia aderisce alla non interferenza negli affari di altri Stati.

D’altra parte, ci sono disposizioni che devono essere chiaramente ripensate ed elaborate. Così, il paragrafo 7 afferma: “La posizione geografica unica della Russia ha predeterminato la sintesi dei principi europei e asiatici nella cultura del suo popolo multinazionale. Qui vediamo un appello indiretto all’eurasiatismo, anche se sarebbe stato possibile sottolineare in modo imperativo che la Russia è Eurasia, che ha legato popoli diversi. Ma il termine “nazione multinazionale” è assurdo, perché una nazione non può essere multinazionale. La nazione è un concetto europeo che ha cercato di livellare le differenze etniche sotto l’unico tetto dello Stato. È emersa durante il crollo degli imperi e la creazione degli Stati modernisti, dove il potere era interessato a trovare nuovi punti fermi per sostituire le proprietà che stavano scomparendo e che prima costituivano organicamente le unità politiche. “Multinazionale” è un termine troppo infelice per una Russia multietnica e multiconfessionale. Se la Bolivia ha trovato una soluzione nella parola Plurinacional, bisogna capire che lì il termine “nazione” si riferisce direttamente al popolo, quindi nel loro contesto è ancora più o meno accettabile. Per la Russia, invece, l’espressione “popolo multinazionale” suona non solo ottusa, ma anche politicamente analfabeta. Perché esiste una nazione russa, una nazione bashkir, i popoli del Daghestan e così via, ma non esiste una nazione russa, una nazione daghestana, una nazione bashkir ecc.

La stessa politica umanitaria della Russia, secondo il concetto, avrà le seguenti direzioni

– Formare una percezione obiettiva della Federazione Russa all’estero, promuovendo i valori spirituali e morali tradizionali russi;

– Sostegno e promozione della lingua russa come lingua di comunicazione internazionale all’estero;

– Promozione della cultura russa all’estero;

– Promozione della scienza e dell’istruzione russa all’estero;

– Cooperazione internazionale nel campo della cultura fisica e dello sport;

– Cooperazione internazionale nell’ambito del turismo;

– Cooperazione giovanile internazionale;

– Sostenere i connazionali che vivono all’estero;

– Conservazione del patrimonio storico e culturale;

– Utilizzare le capacità dei media e delle moderne tecnologie per formare una percezione obiettiva della Russia nell’arena internazionale.

Come si può notare, quasi tutti i settori sono interconnessi: il turismo permette ai cittadini stranieri di conoscere meglio la cultura russa in tutta la sua diversità; la cooperazione giovanile può andare di pari passo con l’istruzione; le delegazioni sportive possono promuovere l’immagine della Russia all’estero, così come le visite di atleti stranieri in Russia; il sostegno ai connazionali è correlato alla promozione della lingua russa e alla conservazione del patrimonio storico.

Il Concetto rileva la necessità di contrastare la falsificazione della storia e in un paragrafo si parla di “assistenza agli Stati stranieri che si confrontano con la libera interpretazione degli eventi storici da parte di singoli Stati nel loro interesse geopolitico”. In questo senso, la Russia ha molto in comune con la maggior parte dei Paesi del mondo e potremmo fornire un sostegno efficace a una serie di Paesi che non sono disposti a sopportare l’egemonia degli Stati Uniti, soprattutto quelli che hanno sofferto del colonialismo occidentale – ce ne sono molti in Africa, Asia e America Latina.

Alcuni Paesi sono stati individuati. Il documento afferma che “lo sviluppo della cooperazione umanitaria bilaterale con Algeria, Egitto, Iraq, Israele, Giordania, Libano, Libia, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Siria, Iran, Afghanistan e Stato di Palestina richiede particolare attenzione…”. Esiste un ampio margine per sviluppare la cooperazione umanitaria bilaterale con Argentina, Brasile, Cile, Cuba, Messico, Nicaragua, Paraguay, Uruguay e Venezuela”. Questo modo di porsi è alquanto strano. Lo stesso sviluppo delle relazioni con, ad esempio, il Pakistan o i Paesi dell’Africa subsahariana non richiede forse un’attenzione particolare? Perché si parla di ampie opportunità solo nel contesto della regione latinoamericana?

La sezione sul dialogo interculturale e interreligioso è lodevole. Soprattutto l’enfasi sul fatto che la Russia ha un proprio codice civile unico e unificato. Ma, ancora una volta, si sarebbe potuto notare l’essenza eurasiatica di questo codice.

Il documento specifica gli organi che devono costituire il supporto legislativo per l’attuazione della politica umanitaria, nonché gli organi esecutivi, primo fra tutti il Ministero degli Affari Esteri, che devono attuarla sotto forma di programmi e progetti. Per ora si tratta solo di una base teorica. Deve essere pieno di contenuti complessi. E qui sorge la domanda: chi lo implementerà e come? Si troveranno le risorse necessarie? Si terrà conto delle precedenti esperienze, spesso fallimentari, di iniziative simili? Ci sarà abbastanza personale qualificato nelle missioni diplomatiche e nelle agenzie come il Rossotrudnichestvo per rendere la politica umanitaria sufficientemente efficace e garantire gli interessi a lungo termine del Paese? Infine, come si combinerà il “soft power” con l'”hard power” della Russia, che ora si sta concretizzando in un’operazione militare speciale in Ucraina? Dopo tutto, i risultati delle politiche di “hard power” tendono a influenzare la percezione del “soft power”. I vincitori sono sempre rispettati, vogliono essere emulati ed essere loro amici. E questo dovrebbe essere un ulteriore incentivo a sconfiggere l’Occidente il prima possibile nella lotta per l’Ucraina.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

17 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube