Anti-Russia: dentro e fuori

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

L’anti-Russia non è solo l’Ucraina. L’anti-Russia era l’URSS dell’era Gorbaciov, un regime folle, criminale e russofobo. L’anti-Russia era la Federazione Russa degli anni 90 sotto Eltsin, un altro regime criminale russofobo. Un’epoca di completa occupazione da parte dell’Occidente. La sovranità allora era a livello zero. L’élite era un’amministrazione coloniale. Si chiamavano allora i riformatori liberali. Recentemente, il leader di questi riformatori, Anatoly Chubais, è fuggito dalla Russia. Solo di recente! E molti dei suoi rappresentanti – senza spiegare nulla, senza pentirsi di nulla – sono ancora al top. Come se non fosse successo nulla.

Gli anni ’90 sono stati criminali in tutti i sensi. Era un periodo di anti-Russia. Tutta la ricchezza accumulata all’epoca, tutte le posizioni acquisite all’epoca, tutte le connessioni fatte all’epoca – tutto è profondamente traditore e russofobo. Tutti i principali processi della politica, dell’economia, della diplomazia, della cultura, dell’educazione erano controllati direttamente dall’Occidente. Gli agenti occidentali sono penetrati in tutte le sfere, fino alle forze di sicurezza e ai servizi speciali, ed è stato incoraggiato dall’alto. Non solo “dormendo”, ma girando liberamente per la Russia dai gauleiter atlantisti. La parola d’ordine che apriva tutte le porte era: “russofobia”. Non solo su Ekho, ma anche nell’amministrazione presidenziale e nel governo. Questo è il modo in cui dovrebbe essere nell’Anti-Russia, e così è stato.

Putin ha iniziato la sua uscita dall’Anti-Russia, si è mosso verso la vera Russia, ed è allora che il vero significato degli anni 90 divenne gradualmente chiaro. La Russia ha cominciato a capire cosa fosse l’Anti-Russia solo nel processo di diventare la Russia.

La strada dall’Anti-Russia alla Russia negli anni 2000 è stata tortuosa, per usare un eufemismo. Un passo avanti due indietro, tre avanti, uno indietro… non una danza particolarmente attraente. È tutto un po’ storto. È come un uomo ubriaco che cammina con un’andatura scura e traballante.

È stato solo quando ci siamo avvicinati abbastanza alla Russia che abbiamo scoperto l’Anti-Russia all’esterno. Abbiamo trovato l’Anti-Russia in Ucraina. Dopo tutto, è lì che la gente dell’Anti-Russia è fuggita quando la Russia gli stava un po’ alle costole e lì si sono concentrati in un groviglio di serpenti russofobi.

Ecco come è nato il moderno nazismo ucraino, dalla tripla russofobia:

  • locale (indenne) Bandera,
  • l’atlantista (eterno) occidentale,
  • Nuovi immigrati (rifugiati degli anni ’90).

Il 22 febbraio 2022, abbiamo impegnato l’Anti-Russia in un conflitto mortale frontale, ma abbiamo iniziato un’operazione militare speciale prima di aver finito con l’Anti-Russia all’interno, e anche lo splatter russofobo che è schizzato in Israele e in Occidente nei primi giorni dopo l’inizio della SWO è solo pallida polvere. Il nucleo dell’anti-russismo all’interno della Russia è ancora intatto.

Vedendo che sta per finire, l’Anti-Russia sta combattendo disperatamente. I nazisti a Mariupol, Kharkov, Bucha, Odessa, Kiev sono brutalizzati, andando a compiere qualsiasi crimine e sanguinosi atti di terrore contro i civili e non meno ferocemente la vecchia élite indurita e corrotta della Russia stessa si difende dall’inevitabile. Sanno bene che anche loro sono in un calderone che si sta chiudendo. Chubais, Ugrant, Sobchak, Venediktov e altri furono i primi a fuggire. Quando c’era ancora tempo. Questa è la quinta colonna. La sesta colonna è nel calderone e ora non c’è via d’uscita per loro: per l’Occidente sono “criminali”, perché hanno solidarizzato con lo SWO e non l’hanno impedito, per la Russia sono i resti dell’Anti-Russia, con radici negli anni ’90, con viscere traditrici. Ora devono fingere di essere “addormentati”. Ma questo non cambia la loro essenza: anche loro odiano i russi, li temono e li disprezzano, come tutta l’Anti-Russia. Oggi stanno facendo ogni sforzo per fermare l’operazione militare speciale, per riconciliarsi con il nemico su qualsiasi base, per accontentarsi di poco. Dopotutto, se l’Anti-Russia ucraina arriva alla fine, arriverà anche per l’Anti-Russia interna. È inevitabile.

C’è un partito della vittoria: è il presidente – le forze di sicurezza – il popolo, questo è il profilo della vera Russia, poi c’è il partito dell’Anti-Russia. Ciò, ahimè, include una parte significativa della moderna élite russa – nata negli anni ’90, nata dal tradimento. Solo pochi sono fuggiti, il nucleo principale dell’Anti-Russia si nasconde e aspetta. Nel frattempo, sabota il NWO come meglio può.

In una tale situazione, l’ideologia – temporaneamente – non ha importanza. Il Partito della Vittoria non divide nessuno sul principio della sinistra/destra, ma il partito avversario anti-russo gioca su ogni contraddizione, cerca di infiammare artificialmente le dispute ideologiche, di seminare la discordia, di riportare il popolo contro il presidente, come se fosse lui stesso a prendere quelle decisioni che il popolo considera palesemente traditrici.

Non bisogna cascarci: è il partito antirusso, il nemico interno, che agisce. Il Partito della Vittoria è costretto a combattere su due fronti: esterno e interno, e quello esterno comprende sia il nazismo ucraino che l’Occidente globalista e russofobo. Il fronte interno è già la nostra élite russofoba.

Potete immaginare quanto sia difficile per il Comandante Supremo in Capo? La lista dei traditori scoperti cresce come una palla di neve.

La nostra vittoria arriverà quando prevarremo su entrambi questi fronti. L’élite cerca – proprio come i militanti di Azov, banditi in Russia – di minare i ponti che portano dal popolo al presidente, di bloccare ogni comunicazione, di isolare il potere supremo dal quadro reale di drammatica trasformazione della società. L’élite cerca disperatamente di impedire che la Russia diventi uno stato popolare, cioè che diventi completamente e irreversibilmente la Russia e la vittoria della Russia per se stessa sarà una sconfitta e un momento di resa dei conti. La sesta colonna è messa all’angolo. Ecco perché oggi è più pericoloso che mai.

Eppure, la gente crede nella Russia, nel presidente, la gente crede nell’operazione militare speciale, e la gente è pronta a pagare qualsiasi prezzo – qualsiasi prezzo nelle nostre condizioni è una dichiarazione seria – ma solo per la Vittoria. E non per altro – non per metà della Vittoria, non per un quarto. Per tutta la Vittoria. Sopra l’Anti-Russia.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

12 aprile 2022