Antikeimenos [6]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Il concetto di controiniziativa. La grande parodia. “L’Anticristo delle radici”

Dopo questa digressione metodologica, torniamo al problema posto all’inizio: questa figura generalizzata dell'”Anticristo”, che abbiamo rintracciato in vari contesti religiosi, morfologici e persino sociologici, ha una denotazione ontologica comune? Esiste un “Anticristo generalizzato”?

Supponiamo che sì, e che Guénon abbia letteralmente ragione (e non solo dal punto di vista sociologico e strutturale). Intendiamo dire che il tradizionalismo ha un proprio campo denotativo, che rappresenta una serie ontologicamente autentica di significati. In altre parole, i termini e le costruzioni del tradizionalismo corrispondono in realtà ad alcune realtà “extralinguistiche”. Inoltre, queste realtà non si comprendono attraverso il reticolo di specifiche tradizioni (e specifiche società), ma vi si accede direttamente – attraverso il tradizionalismo stesso.

In questo caso, otteniamo un linguaggio radicale (cioè radice, da radix – “radice”) nel tradizionalismo, insieme al campo semantico radicale e (soprattutto) all’ontologia radicale delle denotazioni corrispondenti, e le tradizioni e le religioni specifiche saranno in questo caso modificazioni di queste istanze radicali che acquisiscono, a causa del loro particolarismo e della loro relatività, caratteristiche distintive nella sfera:

  • connotazione (relazioni strutturali),
  • semantica (i significati costruiti su questi collegamenti),
  • il linguaggio stesso (come insieme universale di segni, regole e paradigmi),
  • denotazioni costituite (percepite) (ontologia propriamente detta).
  • In realtà, questo è esattamente ciò che sostiene lo stesso Guénon.

Se questo esiste, e nella persona del tradizionalismo abbiamo a che fare non solo con la tecnica meta-linguistica, ma con tutti e tre gli strati (significato-significazione-significante), allora c’è anche il tradizionalista o radice (radicale) denotata, le cui modifiche sono le figure simili all’Anticristo cristiano. E questo è chiaramente descritto da Guénon quando propone due termini tradizionalisti, “controiniziazione” e “la grande parodia”[61]. Egli basa il meccanismo della “Grande Parodia” sull’immagine dell'”apertura dal basso dell’Uovo cosmico della Pace”.

In questo modello, oltre all’Anticristo cristiano e a figure simili di altre tradizioni, la cui denotatività è giustificata (costituita e dotata di status ontologico) da queste stesse tradizioni particolari, abbiamo a che fare con una nuova denotatività speciale che generalizza l’ontologia di tutte queste forme religiose-sociali particolari, con l'”Anticristo radicale”.

 

Una generalizzazione sull’Anticristo e l’”Anticristo concreto”

Abbiamo ottenuto le seguenti finestre o vie d’accesso all’oscuro problema dell'”ontologia” e della “semantica” della figura dell'”Anticristo”.

In primo luogo, possiamo considerare la gestalt dell'”Anticristo” come una catena di figure separate e semanticamente isolate che svolgono funzioni più o meno simili in diversi insegnamenti e tradizioni religiose, così come in diversi contesti sociali e complessi rituali-calendari. In questo caso, si tratta di entità semantiche, connotative e denotative (essenze), costituite o percepite da tradizioni specifiche.

Queste costruzioni o fenomeni dipendono dalla struttura di una particolare religione e tradizione, dalla società basata su di essa, dal sistema politico normativo. Cioè il contesto socioculturale, epistemologico e antropologico.

Poiché le tradizioni, le religioni e le società specifiche sono diverse, in ogni caso abbiamo a che fare con un’essenza diversa, anche se tipologicamente paragonabile.

Secondo la legge di Sepir-Whorf, non esiste una traduzione diretta tra le lingue. Non esiste nemmeno una traduzione diretta tra tradizioni, religioni e società. Quando le persone di una particolare società (una particolare tradizione, cultura, civiltà) vedono che la loro normatività sta crollando, si rivolgono alla figura dell’Anticristo, di Dadjal, di Ahriman, ai concetti di Kali Yuga, Ragnarekra, ecc. come un’etichetta, un momento semantico essenziale, alla loro realtà intimamente connessa con l’essere sociale e la sua storia. E avendo attivato tale concetto, iniziano ad agire di conseguenza.

Ma ogni volta si tratta di un’attualizzazione completamente concreta, cioè l’essere dell'”Anticristo” è in ogni caso separato e distinto. Possiamo mettere in relazione gli “Anticristi” tra loro solo nella forma di un comparativismo a posteriori. Non penetriamo nell’essere proprio di questo archetipo generalizzato.

Qui abbiamo a che fare con un occasionalismo e dobbiamo trattare l’argomento in modo occasionalista e pluralista. Per alcuni l’Anticristo è così e per altri è diverso. Le prescrizioni e i paradigmi di percezione possono essere diversi, così come le reazioni e le conclusioni.

Ma, allo stesso tempo, la fissazione su questa figura e le osservazioni comparativiste, se condotte con attenzione e con una considerazione approfondita delle caratteristiche che rendono ogni società, tradizione, religione o cultura distinta e diversa dalle altre – possono, in alcuni casi, aiutarci a comprendere meglio ciascuna di queste figure. Ciò che si sa su Ahriman può rivelarsi utile per comprendere il diavolo nel cristianesimo; i dettagli riportati su Dadjal possono far luce sulle strutture dell'”era di Rav”; e le storie del “Kali Yuga”, da parte loro, possono chiarire alcuni aspetti dell’Apocalisse.

 

“Anticristo situazionale”

In secondo luogo, abbiamo davanti a noi un’ampia possibilità di generalizzazioni morfologiche, di natura ciclica, sociologica e semiotica. Questo ci permette di avvalorare una certa somiglianza tra le “situazioni dell’Anticristo”.

Queste situazioni hanno effettivamente molte caratteristiche comuni. Anche in questo caso il quadro – come nel caso delle religioni – si rivela fruttuoso per la ricerca comparativista, ma con gli stessi limiti. La differenza in questo caso è la “metaforicità” dell’interpretazione: il solstizio d’inverno, con tutto il suo significato cultuale, o la catastrofe sociale che porta alla distruzione della società o della cultura, non sono abbastanza concentrati da fornire un’esperienza di tensione così alta e concentrata come nel caso della figura dell'”Anticristo” in un contesto religioso.

Detto questo, l’analisi morfologica è solo una visione distante dall’esterno. Una pura sovrastruttura di metalinguaggio. In questo caso si tratta solo di osservazione e non possiamo incontrare l’essenza del fenomeno, né (tanto meno) guardarlo in profondità.

Il naturalismo dell’approccio del calendario illustra solo come, nel risolvere un problema, ci si possa allontanare da esso. A meno che, naturalmente, non si faccia il contrario e si viva il dramma del nuovo anno come un nodo di tragedia estatica esistenziale. Molti rituali arcaici erano proprio questo, fino a quando la convenzionalità del sacrificio ha sostituito l’orrore penetrante del vero tormento rituale e della morte.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

25 luglio 2022