Armi nucleari e spesa per gli armamenti degli Stati Uniti

image_pdfimage_print

di Shane Quinn

Le statistiche fornite dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, nel 2003, hanno rivelato che quell’anno c’erano circa 725 basi militari americane posizionate all’estero in 38 Paesi, compresa la presenza di 100.000 soldati americani in Europa. Un decennio dopo, nel 2012, si stimava un aumento a 750 basi militari statunitensi in tutto il mondo, con 1,4 milioni di soldati americani in servizio attivo. La rete di basi è tale che nemmeno il Pentagono è sicuro del numero esatto.

In Europa, alcune delle strutture militari statunitensi ancora in funzione risalgono all’epoca della Guerra Fredda. Molto è cambiato nell’ultima generazione, poiché diverse nazioni europee si sono unite alla NATO, controllata da Washington, che è diventata un’entità sempre più ostile e aggressiva. L’allargamento della NATO continua, nonostante la stragrande maggioranza degli Stati membri non abbia interesse ad aderire all’organizzazione, in quanto la loro sovranità e indipendenza viene erosa in modo significativo.

Dal 2004 gli aerei spia della NATO (Airborne Warning and Control System) pattugliano le nazioni del Mar Baltico e gli Stati della NATO come l’Estonia e la Lettonia, ai confini reali della Russia. Atti pericolosi e provocatori da parte della NATO, come questi, hanno portato alla chiara possibilità dello scoppio di una guerra nucleare.

Dal 1940 al 1996, Washington ha speso circa 5,5 trilioni di dollari per il suo programma nucleare. Questa cifra non include i 320 miliardi di dollari, relativi ai costi annuali di stoccaggio e rimozione di oltre 50 anni di scorie radioattive accumulate e i 20 miliardi di dollari necessari per lo smantellamento dei sistemi di armi nucleari e la rimozione del materiale nucleare in eccesso.

Uno studio della Brooking Institution di Washington ha calcolato che, dagli anni della Seconda Guerra Mondiale fino al 2007, i governi statunitensi hanno speso in totale 7.200 miliardi di dollari per le armi nucleari. Nello stesso periodo di sei decenni, la spesa militare complessiva di Washington, compresi gli armamenti convenzionali, è stata di 22,8 trilioni di dollari. Dai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, l’America ha prodotto circa 70.000 armi nucleari. Quando si dice che la Guerra Fredda sia finita nel 1991, Washington aveva un arsenale di 23.000 testate nucleari.

Nel periodo della Guerra Fredda, gli americani hanno piazzato le loro bombe nucleari in 27 nazioni e territori diversi, tra cui Groenlandia, Germania, Turchia e Giappone. Nonostante il grande declino del comunismo all’inizio degli anni ’90, nel 2006 il Pentagono possedeva ancora 9.960 testate nucleari intatte, di cui 5.735 ritenute attive e operative. Il piano prevedeva di mantenere tra le 150 e le 200 bombe nucleari statunitensi in Europa; ma una delle ultime iniziative del presidente Bill Clinton (1993-2001) è stata quella di firmare, il 29 novembre 2000, la Presidential Decision Directive/NSC-74, che autorizzava il Dipartimento della Difesa a stoccare 480 testate nucleari in Europa, di cui una parte consistente nelle basi gestite dagli Stati Uniti in Germania.

Lo storico brasiliano Moniz Bandeira si è chiesto: “Quale potrebbe essere lo scopo di mantenere 480 testate nucleari in Europa dopo la fine della Guerra Fredda? Combattere il terrorismo? Il presidente George W. Bush non ha ridotto questo livello di armamento e il presidente Barack Obama non ha fatto altro che sostituire le antiquate e obsolete bombe nucleari a caduta libera con altri sistemi più sofisticati a guida di precisione, trasportabili con aerei moderni, al costo di 6 miliardi di dollari”.

Washington ha pianificato la costruzione di infrastrutture per il sistema di difesa dai missili balistici, nei Paesi della NATO, Polonia e Repubblica Ceca, relative alle armi nucleari, mosse che sono state osteggiate dalle popolazioni di entrambi gli Stati.

Secondo il Rapporto sulla struttura delle basi del 2010 del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il Pentagono ha mantenuto complessivamente quasi 5.000 installazioni militari all’interno dell’America stessa, in 7 possedimenti territoriali del Paese e in 38 nazioni all’estero. Le strutture comprendono basi dell’esercito, della marina, dell’aeronautica, del corpo dei marines e dei servizi del quartier generale di Washington. Le installazioni militari statunitensi sono maggiormente dislocate in Germania (218), Giappone (115) e Corea del Sud (86). La Germania ha ospitato un numero particolarmente elevato di truppe americane di stanza all’estero, 53.766, mentre il Giappone ha ospitato 39.222 soldati americani e la Corea del Sud 28.500.

Come vediamo, la Germania e il Giappone non hanno avuto una vera indipendenza e continuano a pagare il prezzo delle loro sconfitte nella Seconda guerra mondiale. Raramente gli occidentali vengono informati del fatto che i tedeschi furono in realtà sconfitti dai russi, non dagli americani, poiché la guerra in Europa era stata effettivamente vinta dalla Russia molti mesi prima dello sbarco del D-Day del giugno 1944 nel nord della Francia.

Parte del motivo per cui la NATO è stata istituita nel 1949, e per cui continua a esistere e a espandersi, è quello di impedire all’Europa, e in particolare alla Germania, di riconquistare la propria sovranità e di rimanere servile all’America. Si può notare il sostegno tedesco di alto livello per i conflitti americani all’altro capo del mondo, con il futuro cancelliere Angela Merkel che ha sostenuto pubblicamente l’invasione statunitense dell’Iraq nel 2003. Prima dell’inizio dell’offensiva, Merkel ha dichiarato che l’azione militare contro l’Iraq era “diventata inevitabile. Non agire avrebbe causato danni maggiori”.

Nessun governo americano dall’amministrazione di Dwight D. Eisenhower (1953-61) è riuscito a ridurre il budget per gli armamenti della nazione. Il complesso militare-industriale si è radicato da tempo nell’economia americana. È vero che i tagli alla spesa per gli armamenti influirebbero negativamente sull’economia degli Stati americani, in particolare di quelli come il Texas, la California, New York e la Florida. Dopo il 1980, la California è diventata più dipendente di qualsiasi altro Stato americano dalle spese militari del Pentagono. Nel 1986, gli appaltatori del Pentagono in California ricevevano il 20% del budget del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, mentre a New York, Texas e Massachusetts veniva concesso un altro 21% del budget.

Gran parte delle spese militari statunitensi sono state destinate alla produzione di hardware militare avanzato, come il bombardiere pesante B-1 (introdotto nel 1986) e il bombardiere pesante B-2 (introdotto nel 1997), insieme ai missili Trident I e II, ai missili MX, al Programma di Iniziativa di Difesa Strategica e ai satelliti Milstar (Military Strategic and Tactical Relay Satellites). I bombardieri pesanti B-1 e B-2, per fare un esempio, sono tuttora in servizio nell’esercito statunitense.

Nello stesso periodo, con l’introduzione delle politiche neoliberiste all’inizio degli anni ’80 sotto il presidente Ronald Reagan (1981-89), la disuguaglianza è aumentata in tutta l’America. Nel 1982 l’1% degli americani che guadagnava di più riceveva il 10,8% del reddito nazionale, mentre il 90% degli americani che guadagnava di meno riceveva il 64,7% del reddito nazionale. Tre decenni dopo, nel 2012, l’1% degli americani che guadagnava di più riceveva il 22,5% del reddito nazionale, avendo più che raddoppiato la propria quota, mentre il restante 90% era sceso al 49,6%.

A questo punto, l’opinione pubblica americana avrebbe dovuto compiere uno sforzo considerevole per affrontare la natura diseguale della società del suo Paese, a causa della struttura radicata e corrotta di Washington, dove i miliardari, di cui l’America ne conta 735, più di qualsiasi altro Paese, possono influenzare i politici con pochi freni.

Uno scenario quasi identico si è verificato in Gran Bretagna sotto il primo ministro Margaret Thatcher, stretta alleata di Reagan (1979-90), un’altra forte sostenitrice del neoliberismo, che equivale al capitalismo rampante. Il lascito più significativo del primo ministro Thatcher è stato il prodigioso aumento delle disuguaglianze sociali ed economiche che si è verificato in Gran Bretagna sotto la sua guida, in particolare a partire dal 1985.

I governi degli Stati Uniti hanno fatto affidamento sulle loro forze armate e sulle successive offensive militari per mantenere la loro economia, per evitare il collasso dell’industria bellica e della catena di produzione, per evitare la bancarotta degli Stati americani, compresi alcuni dei più grandi come il Texas e la California che, come detto, dipendono dalla produzione di armi per le loro entrate.

Il bilancio militare degli Stati Uniti rappresenta attualmente almeno il 40% della spesa totale mondiale per gli armamenti. Questo dimostra la continua ambizione di Washington per l’egemonia globale, nonostante il fatto che il potere americano abbia continuato a diminuire dal suo picco a metà degli anni ’40 – con il regresso degli Stati Uniti iniziato nel 1949 con la “perdita della Cina” a favore del comunismo in quell’anno, il fallimento nell’ottenere i suoi obiettivi massimi nella Guerra di Corea, con il risultato che la metà settentrionale della Corea è uscita per sempre dal controllo di Washington, il fallimento nell’ottenere i suoi obiettivi massimi nella Guerra del Vietnam, il ritorno della Russia in questo secolo come Paese potente, la continua ascesa della Cina, insieme alle sconfitte militari subite in Iraq e Afghanistan.

L’industria bellica statunitense vuole sperimentare la propria tecnologia militare ogni volta che può, in modo che il Pentagono possa promuovere i propri armamenti, venderli ad altri Paesi e poi effettuare nuovi ordini per rimpinguare gli arsenali esauriti e generare commissioni. Il denaro ricavato dagli accordi sugli armamenti ha influenzato le campagne elettorali delle due organizzazioni politiche americane, i democratici e i repubblicani. Il complesso militare-industriale ha anche il controllo del Congresso degli Stati Uniti e dei media aziendali occidentali.

Il braccio militare di Washington, tuttavia, ha dovuto affrontare limiti economici a causa di una cattiva gestione fiscale, di alti deficit di bilancio e di un elevato debito estero, di un deficit permanente della bilancia commerciale e di una spesa pubblica senza limiti. Nel 2008 il debito pubblico americano ha raggiunto i 10.000 miliardi di dollari e, se non fosse stato per i prestiti esteri che non potevano essere restituiti, Washington non sarebbe stata in grado di continuare gli interventi militari in Afghanistan e in Iraq, per non parlare delle altre costose politiche estere e interne.

Uno dei fattori alla base del declino del grande alleato dell’America, l’Inghilterra, è stata la politica di Londra di contrarre debiti per sostenere il proprio impero coloniale. Il regresso britannico si può probabilmente far risalire al 1870 circa, quando l’America superò la Gran Bretagna come maggiore economia mondiale all’inizio degli anni Settanta del XIX secolo; ma l’Impero britannico era indubbiamente in declino già nel 1895, con una politica estera e interna in fermento.

L’inutile coinvolgimento dell’Inghilterra nella Prima guerra mondiale (1914-18), attraverso la quale l’Inghilterra sperperò grandi quantità di denaro e uomini, accelerò il suo declino. Nel 1933 la Gran Bretagna era scesa al sesto posto tra le nazioni più ricche del pianeta e durante la Seconda guerra mondiale (1939-45) Londra consumò ciò che restava delle sue riserve in oro e contanti.

Nel 1945 la Gran Bretagna, da sempre un’isola povera di risorse, era sull’orlo della bancarotta. Il primo ministro Winston Churchill, invece di cercare legami più stretti con l’Unione Sovietica, sacrificò la maggior parte di ciò che restava della sovranità inglese. Egli si impegnò quasi incondizionatamente con l’America in un ruolo di junior partnership, che è rimasto tale fino ad oggi.

In cambio gli inglesi ricevettero da Washington cibo, materie prime, attrezzature industriali e armi, il tipo di prodotti che la Gran Bretagna avrebbe potuto facilmente ricevere dalla Russia, ricca di risorse, senza rinunciare alla propria indipendenza. Moniz Bandeira ha scritto che il filoamericano Churchill “non si rendeva conto che la principale minaccia agli interessi britannici non veniva dalla Russia, ma dagli Stati Uniti”.

In questo secolo, l’America stava affrontando problemi che in precedenza avevano ostacolato la Gran Bretagna. Gli Stati Uniti sono diventati una superpotenza indebitata, soprattutto nei rapporti con la Cina, e l’America consuma più di quanto produce. Washington può sostenere il suo modello di crescita solo attraverso il debito, emettendo buoni del tesoro senza garanzie, e così nel giro di pochi decenni è passata dall’essere la principale nazione creditrice alla principale nazione debitrice.

 

Note

U.S. Nuclear Weapon Enduring Stockpile, ultima modifica 31 agosto 2007

“Gli esperti di aggiornamento delle armi nucleari statunitensi segnalano un massiccio aumento dei costi”, Der Spiegel, 16 maggio 2012.

“Angela Merkel ha parlato a Berlino e DW ha controllato i fatti”, 30 luglio 2016

Luiz Alberto Moniz Bandeira, “The Second Cold War: Geopolitics and the Strategic Dimensions of the USA” (Springer; prima edizione, 23 giugno 2017)

The Economist, “Doppiamente divisi”, 3 aprile 2003

Hans M. Kristensen, “U.S. Nuclear Weapons in Europe-A Review of Post-Cold War Policy, Force Levels, and War Planning”, Natural Resources Defense Council, febbraio 2005, pag. 9.

“Gli Stati Uniti rappresentano il 40% della spesa mondiale per la difesa”, Forces.net, 25 febbraio 2021

Luiz Alberto Moniz Bandeira, “The World Disorder: US Hegemony, Proxy Wars, Terrorism and Humanitarian Catastrophes” (Springer; prima edizione, 4 febbraio 2019).

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

4 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube