Aumento della militarizzazione del fianco orientale della NATO: processi e conseguenze

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

I vicini occidentali dell’Ucraina si stanno rapidamente militarizzando in un conflitto armato tra Kiev e Mosca. In questo conflitto, i Paesi NATO dell’Europa orientale svolgono il ruolo di fornitori di armi e, in parte, di manodopera. Le stazioni dell’Europa orientale forniscono al regime di Kiev una base posteriore affidabile, in grado di svolgere funzioni di approvvigionamento e, se necessario, di occupare parte dei territori ucraini.

 

Polonia

Il 9 gennaio, il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha dichiarato che Varsavia avrebbe creato una nuova divisione nella parte orientale del Paese. L’unità, che si chiamerà 1ª Divisione di fanteria della Legione, sarà armata con carri armati: americani – Abrams e sudcoreani – K-2; obici: polacchi – Krab e sudcoreani – K-9. La creazione della nuova divisione sarà in linea con i piani per aumentare il numero delle forze armate polacche a 300 mila uomini.

Varsavia ha iniziato a creare nuove formazioni militari prima del 24 febbraio 2022. Così, già nel 2018, la Polonia ha annunciato la creazione della 18esima Divisione meccanizzata, dispiegata nei voivodati di Mazowieckie e Lubelskie, in prossimità dei confini con Ucraina e Bielorussia. Nello stesso anno, per “difendere” il cosiddetto corridoio di Suwalki, i polacchi ricostituirono il 14° Reggimento Suwalki.

Nel giugno 2022, la Polonia ha annunciato la creazione di due ulteriori divisioni dell’esercito da dispiegare nella parte centrale del Paese. L’intensificazione della militarizzazione della Polonia è conforme alla legge dell’11 marzo 2022 sulla difesa della Patria. Prevede un aumento delle Forze Armate polacche a 300.000 unità e un incremento della spesa per la difesa al 3% del PIL entro il 2023.

Il Ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha inoltre dichiarato che l’obiettivo finale è quello di aumentare la spesa per la difesa al 5% del PIL, in modo che la Polonia abbia “le forze terrestri più potenti d’Europa”.

Nella primavera del 2022, la Polonia ha firmato un contratto da 23 miliardi di zloty (4,9 miliardi di euro) con gli Stati Uniti per l’acquisto di 250 carri armati Abrams in sostituzione di 240 carri armati sovietici spediti in Ucraina. Il 6 dicembre, il Dipartimento di Stato americano ha approvato la vendita di 116 carri armati M1A1SA MBT per un valore di 3,75 miliardi di dollari. Varsavia riceverà anche 112.000 cartucce per loro. La Polonia diventerà il secondo Paese, oltre agli Stati Uniti, ad avere in servizio proiettili con nucleo all’uranio impoverito.

La Polonia ha anche firmato un contratto da 4,6 miliardi di dollari per 32 jet da combattimento F-35 in aggiunta agli F-16 già in servizio con la sua forza aerea. Recentemente, la Polonia ha destinato gran parte del suo budget militare all’armamento coreano, avendo firmato una serie di contratti per l’acquisto di carri armati, aerei e altre attrezzature. Ad oggi, la Polonia ha effettuato ordini in Corea per un valore compreso tra i 10 e i 12 miliardi di dollari di equipaggiamenti militari. Questi contratti includono l’acquisto di 218 lanciarazzi K239 Chunmoo, 48 aerei da attacco leggero FA-50, 200 obici K9 Thunder e 180 carri armati K2 Black Panther. I coreani dovrebbero fornire 1.000 carri armati K2 e 600 obici K9 entro la metà-fine del 2020.

La “1ª Divisione di fanteria della Legione” sarà dispiegata nel Voivodato di Podlaskie, al confine con la Bielorussia. Ciò aumenterà la minaccia militare per lo Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia. Secondo Mariusz Blaszczak, la Polonia ha rivisto la sua strategia di difesa nazionale, abbandonando i vecchi piani di ritirata verso la Vistola in caso di invasione da est. Ora i polacchi giustificano il rafforzamento militare vicino al confine bielorusso con l’intenzione di resistere il più lontano possibile dalla capitale. Tuttavia, le stesse forze potrebbero essere utilizzate per invadere la Bielorussia.

A dicembre, il Ministero militare polacco ha proposto di arruolare fino a 200.000 riservisti e membri delle unità di difesa territoriale per l’addestramento militare nel 2023.

Allo stesso tempo, la Polonia continua a fornire armi all’Ucraina. L’11 gennaio, il presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato che la Polonia avrebbe donato all’Ucraina una compagnia di carri armati pesanti tedeschi Leopard 2. Oltre alla Polonia, solo Gran Bretagna e Francia sono pronte a fornire carri armati all’Ucraina.

 

Romania

Dalla fine dello scorso anno, la Romania ha ospitato la 101esima Divisione Aviotrasportata dell’esercito americano. 5.000 truppe sono arrivate apparentemente per partecipare alle esercitazioni della NATO. Oltre agli americani, nel Paese dei Carpazi sono stanziate truppe francesi, belghe, olandesi e macedoni del Nord. La Romania e la Polonia rimangono le principali teste di ponte vicino ai confini dell’Ucraina, dove sono stanziate le forze NATO. Allo stesso tempo, a differenza della Polonia, nell’ultimo anno la Romania non ha adottato misure eccezionali per aumentare drasticamente la propria capacità militare. Nel 2023, la Romania intende aumentare le spese militari dal 2% del PIL al 2,5%.

Nel 2020, la Polonia e l’Ucraina sono salite al 15° e al 20° posto nella classifica della potenza di fuoco globale, mentre la Romania è scivolata dal 38° al 47° posto. Gli analisti locali sottolineano l’insufficiente tasso di riarmo del Paese, secondo le loro stime. Allo stesso tempo, le forze armate rumene rimangono molto più forti di quelle delle vicine Bulgaria, Serbia, Ungheria e Repubblica di Moldova in termini di capacità combinate.

Il ministro dell’Economia rumeno Florin Spătaru ha recentemente dichiarato che la Romania sta espandendo la sua produzione militare in un momento in cui molti Paesi della NATO, che inviano le loro scorte di armi sovietiche in Ucraina, hanno iniziato a scarseggiare di munizioni. Secondo i media rumeni, si tratta di munizioni per obici da 152 e 155 mm, cannoni automatici da 25 mm e cannoni antiaerei da 35 mm. Le autorità rumene negano la notizia che le munizioni siano destinate all’Ucraina. Tuttavia, questa possibilità non può essere esclusa.

In precedenza, il Wall Street Journal ha riferito che una società tedesca di difesa senza nome ha investito nella produzione di munizioni da 122 e 152 mm in Romania.

 

Slovacchia, Repubblica Ceca e Bulgaria

Nel dicembre 2022 e nei primi giorni del 2023, i media hanno riportato l’intenzione della Slovacchia di riprendere la produzione di munizioni per l’Ucraina. Secondo il New York Times, oltre alla Slovacchia, la Repubblica Ceca e la Bulgaria concentreranno la produzione di munizioni d’artiglieria da 152 mm e 122 mm per i pezzi d’artiglieria, compresi gli obici.

In Slovacchia, l’azienda franco-tedesca KNDS (KMW+Nexter Defence Systems) ha allestito una base di riparazione per rimettere a nuovo obici, artiglieria semovente e lanciarazzi multipli della NATO vicino al confine ucraino.

La vicina Repubblica Ceca ha organizzato la riparazione dei carri armati T-72, che Praga fornisce anche a Kiev. Sebbene la Bulgaria non abbia fornito ufficialmente armi all’Ucraina fino al dicembre 2022, ha inviato armi e munizioni attraverso la Repubblica Ceca e ha anche effettuato riparazioni di attrezzature militari per l’Ucraina. Da dicembre, anche l’industria della difesa bulgara, specializzata nella produzione di armi e munizioni secondo gli standard sovietici, è stata caricata di ordini per l’Ucraina.

Nel luglio 2022 la Repubblica Ceca ha annunciato di aver avviato colloqui con i governi di Svezia e Stati Uniti per la fornitura rispettivamente di veicoli da combattimento per la fanteria CV90 e di caccia di quinta generazione F-35. Nel 2023, il bilancio della difesa ceca aumenterà di “un quarto” rispetto al 2022, per poi passare a un obiettivo del 2% del PIL, ha dichiarato Jana Černochová, ministro della Difesa della Repubblica Ceca.

I tentativi di Slovacchia e Bulgaria di rafforzare seriamente le proprie forze armate acquistando armi occidentali o, nel caso della Slovacchia, sostituendo le vecchie armi trasferite all’Ucraina con armi occidentali, sono stati finora vanificati dall’instabilità interna di entrambi i Paesi, che impedisce una politica consolidata di rafforzamento delle proprie forze armate. La NATO è interessata a entrambi i Paesi soprattutto come fornitori di armi all’Ucraina.

Nel 2022, la NATO ha istituito altri quattro gruppi tattici multinazionali in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia, oltre ai gruppi tattici in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia.

Nell’Europa orientale si sta formando una base per sostenere logisticamente le capacità di difesa dell’Ucraina. La rapida crescita militare della Polonia merita un’attenzione particolare. Ciò suggerisce che Varsavia e la NATO non escludono l’impiego di truppe polacche in future operazioni in Ucraina o il loro coinvolgimento nell’aggressione alla Bielorussia. I restanti Paesi dell’Europa orientale svolgeranno probabilmente funzioni ausiliarie: riparazione e fornitura di armi (Polonia, Bulgaria, Romania, Repubblica Ceca e Slovacchia), fornitura di territorio per i sistemi di intelligence e di puntamento della NATO (Romania, Polonia, Paesi baltici), accoglienza e basamento di truppe americane, britanniche, unità provenienti dall’Europa occidentale (Polonia, Romania, Paesi baltici).

Traduzione a cura della Redazione

Foto: NR-Italia

17 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube