Autarchia economica, un precedente sovietico

image_pdfimage_print

di Valentin Katasonov

La parola “autarchia” è quasi completamente scomparsa dalla nostra vita quotidiana. Negli ultimi tre decenni, ogni tentativo di discutere la possibilità di una transizione della Russia verso un modello di economia autarchica è stato visto come una minaccia alla costruzione di una “economia di mercato” nel nostro Paese.

Autarchia è una parola di origine greca (αὐτάρκεια), che significa autosufficienza. Si intende lo stato dell’economia di un Paese quando non dipende dai mercati esterni per l’acquisto di beni e servizi. Nei tempi nuovi e moderni, quando molti Paesi hanno iniziato a passare al capitalismo, è iniziato il processo di internazionalizzazione della vita economica, che ha distrutto ogni manifestazione di autarchia economica. Quest’ultimo ha iniziato a essere percepito come un modello astratto che non poteva esistere nella vita reale. Notevole è la definizione di autarchia, contenuta nella Grande Enciclopedia Sovietica (BSE) della prima edizione (1926-1947) Il primo volume della BSE, contenente un articolo sull’autarchia, fu pubblicato nel 1926 – tre anni prima dell’inizio dell’industrializzazione in URSS. E questo è ciò che leggiamo: “L’autarchia in economia è la struttura economica teoricamente concepibile di un Paese che può esistere indipendentemente dalle importazioni e dalle esportazioni dall’estero in virtù della sua posizione in un territorio ricco di forze naturali (terra sufficientemente fertile, ricchezza mineraria, ecc.). Come esempio di avvicinamento all’A. in economia, si possono citare gli Stati Uniti nordamericani”.

Nel testo citato, richiamo l’attenzione in particolare sulle parole “struttura economica del Paese teoricamente concepibile”.  Nel 1926, l’autore dell’articolo e i redattori del volume della BSE credevano ancora che l’autarchia economica fosse inutile o impossibile per l’Unione Sovietica, che probabilmente non aveva altra scelta se non quella di far parte dell’economia mondiale. E già in due o tre anni la leadership sovietica preparò un piano di industrializzazione accuratamente studiato e ne definì i compiti principali.  Gli obiettivi erano tre. In primo luogo, superare il ritardo economico dell’URSS rispetto ai Paesi occidentali più sviluppati. In secondo luogo, rafforzare la capacità di difesa su una solida base industriale. In terzo luogo, raggiungere la piena indipendenza dal mercato mondiale.

E i documenti del Partito e dello Stato della seconda metà degli anni Venti perseguivano attivamente l’idea di Stalin che solo l’autarchia economica potesse garantire la sovranità dello Stato sovietico. Si trattava di un’idea poco ortodossa quanto quella di Stalin sulla possibilità di costruire il socialismo in un solo Paese. Trotsky e i suoi numerosi sostenitori partivano dall’idea che l’economia socialista può essere costruita solo dopo la vittoria della rivoluzione proletaria su scala globale.

Gli oppositori dell’autarchia, rappresentati da Nikolai Bukharin, Grigorij Sokolnikov, Yevgeny Preobrazhensky e numerosi altri rappresentanti dell’opposizione “di sinistra”, “di destra”, “nuova” e “unita”, ritenevano che il commercio con il mondo capitalista sarebbe stato un attributo inevitabile della nuova economia socialista. Così, al XIV Congresso del CPSU(b), nel dicembre 1925, Stalin, nella sua relazione al Congresso, espresse per la prima volta le idee principali della futura industrializzazione. E poi ha rivolto un forte rimprovero a Sokolnikov: “Tutti sanno che ora siamo costretti a importare attrezzature. Ma Sokolnikov trasforma questa esigenza in un principio, una teoria, una prospettiva di sviluppo. Nella relazione ho parlato delle due linee guida principali, generali, per costruire la nostra economia. Ne ho parlato per chiarire la questione dei modi per garantire uno sviluppo economico indipendente del nostro Paese nel contesto del capitalismo. Nella relazione, ho parlato della nostra linea generale, della nostra prospettiva, che è quella di convertire il nostro Paese da agricolo a industriale… Se ci blocchiamo in una situazione in cui dobbiamo importare attrezzature e macchinari invece di produrli noi stessi, non possiamo garantire che il nostro Paese non diventi un’appendice del sistema capitalista. Per questo motivo dobbiamo continuare a sviluppare i mezzi di produzione nel nostro paese… Trasformare il nostro Paese da agricolo a industriale, in grado di produrre le attrezzature necessarie con le proprie risorse: questa è l’essenza, la base della nostra linea generale. Dobbiamo fare in modo che i pensieri e le aspirazioni dei dirigenti vadano in questa direzione, verso la trasformazione del nostro Paese da Paese che importa attrezzature a Paese che le produce. Perché questa è la principale garanzia che il nostro Paese non si trasformi in un’appendice del sistema capitalistico.

Della necessità di una transizione della Russia verso il modello di economia autarchica hanno parlato e scritto, prima della rivoluzione, Sergej Fedorovich Sharapov (1855-1911), Dmitrij Ivanovich Mendeleev (1834-1907), Lev Aleksandrovich Tikhomirov (1852-1923), George Vasilyevich Butmi (1856-1919), Alexander Dmitrievich Nechvolodov (1864-1938) e altri.

Mi concentrerò su L. Tikhomirov. Le idee di transizione all’autarchia economica e di riorientamento dal mercato esterno a quello interno sono contenute nelle sue opere: “La terra e la fabbrica” (1899), “Questioni di politica economica” (1900), “La statualità monarchica” (1905). Tikhomirov scrive che ci sono diversi Paesi che sono molto interessati allo sviluppo del mercato mondiale e a trascinare in esso tutti gli altri, trasformando questi ultimi in oggetti di sfruttamento costante attraverso i meccanismi del commercio estero. Qui Tikhomirov nomina in primo luogo l’Inghilterra: “Alcuni Stati con piccoli territori naturali risolvono la questione della loro politica economica con un elevato sviluppo dell’industria manifatturiera, ottenendo tutto il resto di cui hanno bisogno attraverso lo scambio commerciale. L’Inghilterra rappresenta la tipologia più elevata di questo tipo. Una politica economica di questo tipo richiede soprattutto mercati vasti e affidabili, per i quali diventa necessaria una politica coloniale, sia per l’allontanamento degli abitanti in eccesso sia per la fornitura di mercati. Questo modo di fare economia produce enormi vantaggi, ma solo se il Paese in questione ha concorrenti deboli”.

L’Europa continentale e gli Stati Uniti del Nord America hanno seguito le orme dell’Inghilterra negli ultimi decenni del XIX secolo. È comprensibile che i Paesi sviluppati che stanno sviluppando attivamente le loro esportazioni stiano anche aumentando attivamente le loro importazioni. La dipendenza dal commercio estero sta crescendo sia nel “Nord ricco” che nel “Sud povero”. In definitiva, secondo Tikhomirov, le economie di entrambi i Paesi, un tempo armoniose, si stanno deteriorando.

Pertanto, la condizione per l’indipendenza dello Stato è la sua autarchia economica. Tuttavia, L. Tikhomirov usa un’altra espressione che si avvicina per significato: “autocompiacimento interno”. Egli chiama “autocompiacimento” totale (100 per cento) l'”idea della mente”.  Per la stragrande maggioranza dei Paesi all’inizio del XX secolo, questa “idea della mente” non potrà mai diventare una realtà. Perché la piena “auto-soddisfazione” richiede una popolazione numerosa, un’ampia gamma di risorse naturali, vaste terre fertili, cittadini laboriosi, una topografia conveniente (per spostare le merci all’interno del mercato nazionale), ecc. All’inizio del XX secolo gli Stati Uniti (nonostante la considerevole entità assoluta del commercio estero), secondo Tikhomirov, si avvicinavano di più a quella che egli chiamava “auto-soddisfazione”, essendo la quota delle importazioni nel coprire il fabbisogno interno del Nuovo Mondo pari solo a qualche punto percentuale.

E la Russia? Secondo Tikhomirov, ha anche tutte le premesse per una totale auto-soddisfazione, ma le usa male: “Questa è la Russia, che al contrario non è ancora riuscita a imboccare la spinosa strada dello sviluppo economico.

Una sana politica economica dello Stato dovrebbe mirare a sostituire il più possibile il mercato esterno con quello interno: “Il mercato interno… è il mercato più vantaggioso dal punto di vista economico e allo stesso tempo il più sicuro dagli incidenti. Inoltre, può essere studiato al meglio dall’industria e dal commercio ed è quindi più al sicuro da crisi di sovrapproduzione”.

Tikhomirov sottolinea che anche il mercato interno, in quanto spina dorsale dell’economia nazionale, deve soddisfare una serie di requisiti. In particolare, non devono esserci capitali stranieri nel mercato nazionale delle materie prime. In Russia, all’inizio del XX secolo, l’allora Ministro delle Finanze Sergei Witte sembrò incoraggiare lo sviluppo del mercato interno introducendo elevati dazi sulle importazioni. Ma con una mano ha incoraggiato il mercato interno e con l’altra ha favorito l’afflusso di capitali stranieri nell’economia russa. E gli stranieri, trovandosi dietro l’alta barriera doganale, erano molto attivi nello sviluppo del mercato interno, realizzando grandi profitti e portandoli fuori dal Paese.  Tikhomirov ha scritto sulla necessità di allontanare il capitale straniero dalla Russia: “Un’altra condizione dell’industria progettata per il mercato nazionale è il carattere nazionale del capitale. Ciò significa che la produzione richiede capitali appartenenti agli stessi cittadini di un determinato Paese, con una possibile riduzione del capitale straniero che vi opera”. In questo frammento vedo la tiepidezza delle proposte di Tikhomirov. Sì, il capitale straniero deve essere eliminato. Ma la conservazione del capitale nazionale non è forse pericolosa per la Russia? In primo luogo, il mantenimento del capitalismo in Russia significa che l’economia russa continuerà a svilupparsi secondo le leggi del capitalismo, ci saranno ancora crisi di sovrapproduzione. In secondo luogo, qualsiasi capitale nasce e muove i primi passi come “nazionale”, ma dopo un po’ il cosiddetto capitale nazionale erode inevitabilmente il mercato nazionale e l’autarchia economica.

Nonostante alcune contraddizioni e incongruenze nel concetto di “autosoddisfazione economica” di Tikhomirov, le sue opinioni sul problema dell’autarchia furono prese in considerazione nella preparazione del concetto di industrializzazione dell’URSS. L’attuazione pratica delle idee di transizione del Paese verso il modello dell’autarchia economica ebbe luogo negli anni Trenta.

L’economia sovietica di tipo autarchico è stata il primo precedente nella storia nuova e moderna. La Federazione Russa può e deve ripeterlo.

Foto: Idee&Azione

15 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube