Author: Andrew Korybko

  • Thumbnail for the post titled: Biden e Stoltenberg fanno marcia indietro (per ora) dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Biden e Stoltenberg fanno marcia indietro (per ora) dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg hanno fatto entrambi marcia indietro, almeno per ora, dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia avvenuta venerdì. Il primo si è limitato a rilasciare una dichiarazione, a promulgare ulteriori sanzioni e a impegnarsi a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario, mentre il secondo ha tenuto una breve conferenza stampa in cui ha ribadito quanto affermato dal leader americano alcune ore prima, ovvero di mantenere la rotta in questo conflitto.

  • Thumbnail for the post titled: La Cina è un amico intimo dell’Ucraina, nonostante ciò che è stato appena affermato sia errato

    La Cina è un amico intimo dell’Ucraina, nonostante ciò che è stato appena affermato sia errato

    Oleksandr Merezhko, capo della Commissione per la politica estera e la cooperazione interparlamentare del Parlamento ucraino (Rada), ha recentemente rilasciato un’intervista scandalosa all’agenzia statunitense Axios. Ha affermato che la Cina è “più pericolosa” di quanto lo sia mai stata l’Unione Sovietica, sta commettendo un “genocidio” e “non è nostra amica”. Al contrario, Merezhko ha affermato che la regione cinese di Taiwan è un “vero amico” per il sostegno materiale e politico che ha fornito all’Ucraina.

  • Thumbnail for the post titled: L’ex capo del Pentagono ha rivelato i piani di psico-guerra degli Stati Uniti contro la Russia

    L’ex capo del Pentagono ha rivelato i piani di psico-guerra degli Stati Uniti contro la Russia

    È il massimo della “scorrettezza politica” riconoscere che gli Stati Uniti conducono una guerra psicologica (psywar) contro gli altri, poiché il dogma legato alla screditata convinzione suprematista del proprio “eccezionalismo” sostiene che tutti gli abitanti del mondo sono già presumibilmente attratti dai loro modelli, rendendo così superflua qualsiasi operazione di gestione della percezione. La realtà, tuttavia, è che gli Stati Uniti hanno sempre condotto guerre psicologiche contro i loro avversari geopolitici e continueranno a farlo.

  • Thumbnail for the post titled: I funzionari americani hanno ragione quando dicono che la Cina rispetta tacitamente le sanzioni antirusse?

    I funzionari americani hanno ragione quando dicono che la Cina rispetta tacitamente le sanzioni antirusse?

    A fine settembre il presidente Biden e il portavoce del Dipartimento di Stato Price hanno confermato che la Cina si sta tacitamente conformando alle sanzioni antirusse degli Stati Uniti. Il primo ha dichiarato alla CBS che “finora non ci sono indicazioni che abbiano proposto armi o altre cose che la Russia voleva”. Il secondo ha dichiarato martedì, durante una conferenza stampa, che “all’epoca avevamo avvertito pubblicamente e privatamente che la RPC avrebbe dovuto affrontare conseguenze se avesse fornito assistenza alla Russia in materia di sicurezza o se avesse aiutato la Russia, in modo sistematico, a eludere le sanzioni. Non abbiamo visto la RPC fare nessuna delle due cose”.

  • Thumbnail for the post titled: Scenari del conflitto ucraino dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Scenari del conflitto ucraino dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Le regioni di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye, che storicamente comprendono la maggior parte della storica regione russa della Novorossiya, dovrebbero formalmente riunirsi alla madrepatria entro la fine della prossima settimana. Questo sviluppo rappresenterà una svolta nel conflitto ucraino, poiché l’ombrello nucleare di Mosca si estenderà naturalmente sulle regioni appena incorporate.

  • Thumbnail for the post titled: L’Europa deve sperare che gli Stati Uniti non costringano la Russia a usare le atomiche tattiche in Ucraina

    L’Europa deve sperare che gli Stati Uniti non costringano la Russia a usare le atomiche tattiche in Ucraina

    Il presidente dell’Assemblea nazionale ungherese Laszlo Kover ha dichiarato all’inizio di settembre che “sotto la pressione esterna, l’UE sta agendo contro i suoi più elementari interessi economici e dovrebbe già essere considerata perdente, indipendentemente da quale delle parti direttamente coinvolte nella lotta si dichiarerà vincitrice”.

  • Thumbnail for the post titled: Tutti i sostenitori del multipolarismo possono ancora aiutare la Russia

    Tutti i sostenitori del multipolarismo possono ancora aiutare la Russia

    I troll dei social media stanno propagando febbrilmente l’ultima narrazione di guerra informativa sulla mobilitazione parziale dei riservisti esperti della Russia, sostenendo che chiunque in tutto il mondo sostenga gli obiettivi del Cremlino nel conflitto ucraino ma non si offra volontario per andare al fronte è presumibilmente un ipocrita.

  • Thumbnail for the post titled: L’attacco sventato di Kiev contro un oleodotto russo-turco era in parte finalizzato a punire Ankara

    L’attacco sventato di Kiev contro un oleodotto russo-turco era in parte finalizzato a punire Ankara

    L’FSB ha annunciato giovedì di aver sventato un tentativo di attacco terroristico da parte di cittadini russi al soldo di Kiev per far esplodere uno degli oleodotti del Paese verso la Turchia. Al momento della pubblicazione di questo articolo non sono stati rivelati altri dettagli, ma è comunque possibile estrapolare da ciò che si sa finora il motivo per cui è stato scelto questo specifico obiettivo. Non solo Kiev e i suoi patroni occidentali volevano interrompere le entrate energetiche di Mosca, ma in parte volevano anche punire Ankara.

  • Thumbnail for the post titled: Gli Stati Uniti salveranno ciò che resta dell’Ucraina o provocheranno la Russia a distruggerla completamente?

    Gli Stati Uniti salveranno ciò che resta dell’Ucraina o provocheranno la Russia a distruggerla completamente?

    I referendum di questo fine settimana che le parti liberate di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye terranno sull’adesione alla Federazione Russa e la successiva decisione del Presidente Putin di mobilitare parzialmente le riserve del suo Paese sono in realtà risposte difensive alla recente battuta d’arresto della Russia nella regione di Kharkov e non “escalation” offensive come i media occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM) stanno erroneamente dipingendo.

  • Thumbnail for the post titled: I prossimi referendum nel Donbass potrebbero essere la risposta difensiva della Russia a Kharkov?

    I prossimi referendum nel Donbass potrebbero essere la risposta difensiva della Russia a Kharkov?

    Le Camere Civiche delle due Repubbliche del Donbass hanno annunciato lunedì di voler indire al più presto un referendum sull’adesione alla Russia. Margarita Simonyan, che attraverso i suoi noti ruoli mediatici esercita una massiccia influenza sulla formazione dell’opinione pubblica nel suo Paese e tra le persone favorevoli alla Russia all’estero, ha reagito a questo scenario prevedendo quanto segue su Telegram: “Oggi è il referendum, domani il riconoscimento della LPR come parte della Russia. Il giorno dopo, gli attacchi sul territorio russo diventeranno una guerra totale dell’Ucraina e della NATO contro la Russia, che slegherà le mani di Mosca sotto molti aspetti”.