Author: Redazione

  • Thumbnail for the post titled: Le destre europee possono tenere a bada Bruxelles?

    Le destre europee possono tenere a bada Bruxelles?

    Le elezioni parlamentari in Italia sono state una sorta di accordo finale nel processo elettorale di una serie di Stati europei in cui hanno vinto i partiti di destra. Ma in Italia la vittoria è stata la più significativa, sia per il drammatico spostamento dei rapporti di forza sia per la posizione geopolitica dello Stato.

  • Thumbnail for the post titled: Il sabotaggio del Nord Stream 2

    Il sabotaggio del Nord Stream 2

    Il 26 settembre, è stata segnalata una fuga di gas dai gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2. L’operatore del gasdotto ha riferito che l’incidente di caduta di pressione del Nord Stream 2 si è verificato nella zona economica esclusiva danese a sud-est di Bornholm. I gasdotti offshore Nord Stream e Nord Stream 2 hanno una capacità combinata di 110 miliardi di metri cubi. Al momento dell’emergenza non veniva pompato gas, ma all’interno c’era gas di processo che aveva raggiunto la superficie del mare.

  • Thumbnail for the post titled: Occidente VS Democrazia

    Occidente VS Democrazia

    di Redazione di Katehon Il mondo intero sta osservando il voto popolare in corso per l’adesione alla Russia negli ex territori ucraini. Il regime neonazista di Zelensky sta cercando in…

  • Thumbnail for the post titled: Io sono Darya

    Io sono Darya

    È finalmente pronto, giusto in tempo per i 40 giorni dalla tragica scomparsa per assassinio, il libro omaggio a Darya Dugina. È per noi una grande gioia ed un immenso onore poterlo consegnare a voi tutti, nella speranza che sia non soltanto un segno di memoria ma, soprattutto, uno sprone a proseguire la buona battaglia.

  • Thumbnail for the post titled: “Vilayat Khorasan”, una minaccia per tutta l’Asia centrale

    “Vilayat Khorasan”, una minaccia per tutta l’Asia centrale

    Il gruppo terroristico Stato Islamico (bandito nella Federazione Russa) non è stato completamente distrutto. Nonostante alcuni successi contro il terrorismo in Siria e in Iraq, possiamo notare una recrudescenza delle attività dell’organizzazione in altre regioni.

  • Thumbnail for the post titled: La NATO si sta mobilitando

    La NATO si sta mobilitando

    Come previsto, i paesi della NATO hanno reagito nervosamente al discorso del presidente russo Vladimir Putin e al decreto firmato sulla mobilitazione.
    «Ieri la Lituania ha messo in allerta le forze di reazione rapida», ha affermato il ministro della Difesa Arvydas Anusauskas. «Dato che la mobilitazione militare russa avverrà anche nella regione di Kaliningrad, nel nostro settore, la Lituania non può restare a guardare. C’è un aumento dei livelli di prontezza nelle nostre forze di reazione rapida», ha affermato.

  • Thumbnail for the post titled: L’espansione russa

    L’espansione russa

    Nei prossimi giorni, dal 23 al 27 settembre, si terranno i referendum sull’adesione alla Russia nelle repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk, nonché nelle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhya.

  • Thumbnail for the post titled: La crisi politica del Pakistan si è rivelata grave

    La crisi politica del Pakistan si è rivelata grave

    Il Pakistan ha chiaramente avuto un anno negativo. Dopo l’estromissione del Primo Ministro Imran Khan, che ha descritto l’evento come un vero e proprio colpo di stato dall’esterno, il Paese ha dovuto affrontare una serie di sfide formidabili. Tra questi, l’aumento del debito estero nei confronti dei creditori, i continui attacchi terroristici e le catastrofi naturali. Da maggio il Pakistan è stato colpito da un’ondata di calore che ha causato siccità.

  • Thumbnail for the post titled: Pentagon Bio-Labs fa parte della strategia di anaconda contro la Russia

    Pentagon Bio-Labs fa parte della strategia di anaconda contro la Russia

    Si è tenuta a Ginevra un’audizione sulla Convenzione sulle armi biologiche e tossiche. Vi hanno partecipato 89 Paesi su 184.
    Il tenente generale Igor Kirillov, capo delle forze di difesa contro le radiazioni, la chimica e la biologia delle forze armate russe, ha dichiarato che “solo 43 delegazioni sono intervenute all’evento, di cui più della metà (22 Stati) hanno sostenuto la posizione russa o hanno assunto una posizione neutrale; 21 Stati, tra cui l’Ucraina, gli Stati Uniti e la maggior parte dei loro alleati della NATO, hanno parlato contro, ma anche tra loro non c’è stata unanimità”.