Author: Studenti Contro il Green Pass

  • Thumbnail for the post titled: Lettera di uno studente agli italiani

    Lettera di uno studente agli italiani

    Non scrivo questa lettera come rappresentante di qualcuno, di qualche fazione, di qualche gruppo in eterno conflitto con qualcun altro. Scrivo come essere umano, uguale a tutti voi, uno studente di 24 anni che ha dedicato la vita a studiare la società, la psicologia umana e le sue implicazioni, nel tentativo utopico di contribuire, con tutti i suoi limiti, a rendere il mondo un posto migliore per tutti, in cui le persone possano vivere in armonia, realizzate, felici e unite tra loro.

  • Thumbnail for the post titled: L’essenzialità del superfluo

    L’essenzialità del superfluo

    Che cosa posso ricavare di utile dall’ambiente che mi circonda per soddisfare i miei bisogni? Dove devo scavare, quanto a fondo? Questo fenomeno misterioso che osservo potrà forse portarmi un personale beneficio? Posso usare questo oggetto come mio strumento? E questo mio simile che io vedo può essermi utile, quali sue qualità potrebbero servire al mio interesse? Cosa può darmi? Come posso sfruttare al meglio tutte queste cose, come posso strappare via da esse il più possibile, il prima possibile, perché sia mio, tutto mio, finché sono su questo pianeta?

  • Thumbnail for the post titled: Gli Studenti Contro il Green Pass sostengono il prof. Imbriano

    Gli Studenti Contro il Green Pass sostengono il prof. Imbriano

    Da studenti dell’università di Bologna vogliamo ringraziare il professor Imbriano per l’onestà, il rispetto e il senso di responsabilità che ha dimostrato con le sue parole, parole che ha deciso di condividere con la classe in apertura del suo corso di Storia della filosofia contemporanea e che hanno finalmente rotto un silenzio vergognoso e un’indifferenza inaccettabile.

  • Thumbnail for the post titled: La lettera al presidente della RAI di Studenti e professori

    La lettera al presidente della RAI di Studenti e professori

    Egregio Presidente della RAI,

    al giungerLe della presente, che vorrà accettare e leggere come protesta e denuncia di cittadini delusi e di telespettatori amareggiati, si sarà compiuto, nel silenzio generale, l’ennesimo atto riprovevole di un Paese che appare sempre più lontano da quei canoni di civiltà e di lucidità ai quali un’illustre tradizione di pensiero, nostro vanto ed onore nel mondo, ci ha abituati, ma che oggi appare come il vuoto simulacro di glorie defunte, di fasti sopiti. In apertura della 70a edizione del Festival di Sanremo, in prima serata, abbiamo dovuto assistere, con sgomento e costernazione, a due spettacolini imbarazzanti, decisamente vergognosi: l’intervento dell’ospite Rosario Fiorello e l’esibizione del cantante Lauro De Marinis, in arte (?) Achille Lauro.

  • Thumbnail for the post titled: Il lupo perde il pelo ma non il vizio

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio

    Girano voci che i prossimi martiri delle più stringenti misure discriminatorie potremmo essere noi universitari.
    L’introduzione del green pass all’università, lo ricordiamo, risale all’agosto scorso. Da allora, chi non si è sottoposto a tampone o alla vaccinazione è stato costretto a rimanere a casa per seguire le lezioni, almeno dove i Rettori (spesso dei veri Ras locali) lo permettevano.

  • Thumbnail for the post titled: Un seme d’umanità

    Un seme d’umanità

    Certe notizie superano il filtro delle idee e delle opinioni personali, lasciano semplicemente attoniti e investiti da un iniziale sentimento di impotenza. Generano interrogativi e pungolano la riflessione, forse più delle norme scellerate che ci vengono imposte; richiamano tutti a connettersi con il proprio sentire e con la propria coscienza, per comprendere quale direzione sia stata impressa alla comunità nella quale siamo immersi – e della quale pensavamo di fare parte, fino a qualche tempo fa, senza discriminazioni.

  • Thumbnail for the post titled: Gli studenti contro l’obbligo vaccinale

    Gli studenti contro l’obbligo vaccinale

    Gli Studenti contro il Green Pass si dichiarano fortemente contrari non soltanto al certificato verde (in ogni sua forma), ma anche all’obbligo vaccinale (difatti crediamo che l’imposizione compiuta nei confronti di varie categorie di lavoratori – quali medici, infermieri, operatori delle RSA, docenti e membri delle forze dell’ordine – sia sicuramente illegittima, e in quanto tale va disattesa).

  • Thumbnail for the post titled: Contro le “Di Cesare” in Università

    Contro le “Di Cesare” in Università

    L’Italia sta vivendo una gravissima crisi sociale, prima ancora che sanitaria. Il green pass ha scavato un solco tra le persone e ha lacerato il tessuto della società, ciò che la tiene insieme, ovvero le relazioni che legano tra loro le persone e le persone allo stato.
    Si parla di mascherine all’aperto, di tamponi, di terze e quarte dosi, di super green pass, mentre sei milioni di persone sono attualmente private dei diritti fondamentali. Sei milioni di cittadini che fino a ieri attraversavano gli spazi con noi, al lavoro, al ristorante, al bar, in università, da mesi sono privati della possibilità di entrare in quegli spazi. Sono escluse quasi interamente dalla partecipazione alla comunità, dalla possibilità non solo di avere un futuro al suo interno, ma anche di sopravviverci.

  • Thumbnail for the post titled: “Questo è un regime”, il coraggioso grido degli Studenti Contro il Green Pass

    “Questo è un regime”, il coraggioso grido degli Studenti Contro il Green Pass

    Questa non è più la Repubblica Italiana dove siamo nati e cresciuti, questo è un regime.
    Questo è un regime perché il Green Pass ha trasformato quelli che prima erano diritti riconosciuti e protetti da una carta costituzionale in diritti concessi da un’autorità che decide quanto, per quanto tempo e i requisiti in base ai quali concederli o negarli.