Bhutan e Nepal: equilibri di potere

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Con l’ascesa di Cina e India e l’attuazione dei rispettivi piani strategici, le posizioni strategiche del Nepal e del Bhutan sono divenute gradualmente visibili. L’Asia meridionale è vista dall’India come il proprio cortile. A causa dei numerosi disaccordi e contraddizioni tra Cina e India, quest’ultima resiste fortemente alla penetrazione dell’influenza cinese.

Inoltre, qui si incontrano anche alcune forze extraterritoriali e forze speciali, come le forze di infiltrazione provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e Giappone, nonché le forze indipendentiste tibetane. Sebbene Nepal e Bhutan non abbiano sbocco sul mare, la geografia dell’Asia meridionale li pone al crocevia di forze marittime e di terra.

La politica estera del Bhutan: dal riavvicinamento con l’India all’accesso al mondo

Il Bhutan si trova nell’Asia meridionale e nella parte settentrionale del subcontinente dell’Asia meridionale, sul versante meridionale dell’Himalaya orientale, confina con la Cina a est, nord e ovest e l’India a sud-est. È uno dei più piccoli paesi montuosi senza sbocco sul mare ed è conosciuto come “l’ultimo Shangri-La del mondo” e “il regno della felicità”. Il Bhutan è molto debole in termini di territorio, economia, popolazione e risorse, molto probabilmente è un tipico paese piccolo e debole nel sistema politico internazionale. La vulnerabilità intrinseca del Bhutan limita la sua capacità di difendere i propri diritti e di partecipare al sistema politico ed economico internazionale.

Il Bhutan si trova geograficamente ai piedi meridionali dell’Himalaya, tra Cina e India. La geografia unica del Bhutan ha plasmato le sue caratteristiche in termini di sicurezza nazionale, integrità territoriale, trasformazione politica, sviluppo economico e protezione culturale. In particolare, la posizione geografica tra le due maggiori potenze ha accresciuto l’onere del comportamento diplomatico del Bhutan. La complessa formazione storica, la connettività geografica, le preoccupazioni per la sicurezza, la dipendenza politica ed economica e altre “debolezze strutturali” fanno sì che il Bhutan “mantenga sempre un rapporto speciale” con l’India, tutte queste debolezze sono basate sulla debolezza del Bhutan radicata nei suoi interessi di sicurezza nazionale [1]. Per questo motivo, l’eccessiva preoccupazione del Bhutan per la sicurezza ha fatto sì che la sua diplomazia ruotasse attorno all’India per tutti gli anni ’70, limitando la propria diplomazia e le relazioni interstatali alla “protezione” dell’India, con conseguente alienazione permanente dai paesi vicini come la Cina e la maggior parte organizzazioni internazionali [2].

La geopolitica del Bhutan ha subito grandi cambiamenti a metà degli anni ’70, e l’India ha infine deliberatamente annesso il Sikkim nel 1975 per farne uno “Stato” dell’India [3]. Così, dopo gli anni ’80, il Bhutan iniziò a ricercare uno sviluppo indipendente e una diplomazia per contrastare le insicurezze nel rapporto altamente asimmetrico tra paesi deboli e grandi potenze, e basato sulla realizzazione dell’indipendenza economica, sul graduale raggiungimento dell’indipendenza politica e sulla diversificazione del paese, ha iniziato a svolgere la cooperazione internazionale [4]. Sulla base di ciò, dagli anni ’80, il Bhutan ha iniziato a concentrarsi sullo sviluppo delle relazioni con i paesi vicini, sull’instaurazione di relazioni diplomatiche con altri paesi, sulla partecipazione alle organizzazioni internazionali e sulla diplomazia indipendente. Ora la sua diplomazia non si limita all’India. La Cina ha aiutato il Bhutan a stabilire relazioni diplomatiche e a partecipare alle organizzazioni internazionali. L’India crede inoltre di aver stabilito “amicizia” con il Bhutan sulla base della “buona volontà” e della “comprensione” [5]. Il Bhutan ha gradualmente adottato una politica di cauta espansione delle sue relazioni, tenendo conto degli interessi regionali e di sicurezza dell’India, esplorando attivamente il multilateralismo e il bilateralismo internazionale e riducendo la sua dipendenza politica ed economica dall’India.

Sebbene il Bhutan non abbia stabilito relazioni diplomatiche con la Cina, ha sostenuto la Cina in molte attività internazionali. Nel 1971, il Bhutan, che aveva appena aderito all’ONU, votò per ripristinare il legittimo seggio della Cina nell’ONU e votò molte volte contro le proposte anti-cinesi nell’Organizzazione. Il Bhutan sostiene il principio One China e si oppone a qualsiasi interferenza negli affari interni della Cina. Ad esempio, nel 2000, il Bhutan ha sostenuto il governo cinese alle Nazioni Unite e si è opposto alla proposta della cosiddetta “partecipazione di Taiwan alle Nazioni Unite” e nel 2002, il Bhutan si è anche opposto all’offerta di Taiwan di ospitare i Giochi asiatici.

Il 14 ottobre 2021, l’assistente del ministro degli Esteri cinese Wu Jianghao e il ministro degli Esteri del Bhutan Dandy Dorji hanno firmato un memorandum d’intesa su una “tabella di marcia in tre fasi” per accelerare i colloqui di confine tra Bhutan e Cina. Questo è un passo significativo nei colloqui di confine tra Cina e Bhutan negli ultimi anni ed è stato molto elogiato dai circoli politici dei due paesi.

Nepal: verso la diplomazia indipendente e la protezione della sicurezza nazionale

Per ragioni geografiche, culturali e geopolitiche, l’India ha da tempo interessi in Nepal. Il Nepal ha lunghi confini con Cina e India, ma il confine con la Cina è limitato dal maestoso Himalaya. Al contrario, Nepal e India hanno frontiere aperte, motivo principale per cui il Nepal è dominato dall’Asia meridionale. La posizione geografica rende il Nepal un paese strategicamente importante sia per l’India che per l’Asia meridionale. Poiché il Nepal dipende dal commercio con l’India, ha un peso politico maggiore nei circoli politici del Nepal. L’India riconosce l’indipendenza e la sovranità del Nepal, ma lo vede ancora come parte dell’antico “Bharatbarsha” (subcontinente indiano), e la vicinanza culturale, climatica, linguistica e geografica tra Nepal e India rafforza ancora di più questo atteggiamento. Questo è il fattore principale che determina l’atteggiamento dell’India nei confronti del Nepal e la relativa politica e strategia.

Per secoli, le caratteristiche topografiche dell’Himalaya hanno creato problemi alla struttura energetica della regione. La posizione di politica estera del Nepal può mantenere relazioni equidistanti con Cina e India? Ramakant ritiene che il Nepal cerchi di mantenere una stretta vicinanza con Cina e India, che è una questione fondamentale nella politica estera del Nepal [6]. La teoria di Ramakant è che il Nepal debba mantenere relazioni strette e amichevoli con l’India per espandere i suoi interessi economici e politici, ma non può essere troppo vicino e amichevole per non mettere in pericolo la propria sicurezza nazionale. Il Nepal vuole andare d’accordo con la Cina solo per contrastare l’influenza indiana. Secondo SD Mooney, il Nepal ha adottato le seguenti strategie per raggiungere i suoi obiettivi di politica estera: (1) capitalizzare le differenze e i conflitti tra Cina e India; (2) diversificare le relazioni diplomatiche per ridurre la dipendenza da due paesi vicini; (3) aumentare i contatti internazionali e mantenere il confronto [7]. Pertanto, la stessa politica del Nepal è astuta, ma ciò non sarebbe accaduto se la presenza statale del Nepal fosse stata meno importante per i più ampi interessi sino-indiani.

Il Nepal ha cercato di creare un “equilibrio di potere” tra due potenti vicini, ma in una certa misura scommettere su una parte o su una carta nella “teoria dei giochi” non consentirà al Nepal di raggiungere uno sviluppo significativo. Già durante il periodo Panchayat, il Nepal aveva sottolineato la necessità di adottare una politica di equidistanza tra due potenti vicini. Dopo il 1990, il concetto di equilibrio è stato utilizzato per spiegare la vicinanza dei centri di potere nepalesi ai detentori del potere esterni. Lo studioso Dhurba Kumar, nel suo libro La politica del Nepal verso l’India, definisce il termine “equiprossimità” come “un concetto che assicura un rapporto equilibrato con Cina e India”. Crede che “l’uguaglianza sovrana rimane la chiave del concetto. Pertanto, il Nepal deve modificare intenzionalmente tutti i trattati precedenti e rinunciare a tali parti che si rivelano sfavorevoli all’interesse nazionale. Il dibattito indica chiaramente la fine del rapporto speciale con l’India. Un rapporto speciale con l’India limita la libertà del Nepal di mantenere una relazione significativa con la Cina, un sentimento reso ora più concreto dagli aiuti militari cinesi e dal blocco dell’India”. [8].

Riguardo alle sfide che il Nepal deve affrontare nel formulare una politica estera per proteggere i suoi immediati vicini, il professor Sadmuk Thapa ha suggerito: «La nuova diplomazia equidistante del Nepal è più ampia e profonda di prima. Nelle parole della scienza politica, la strategia di prossimità è multidimensionalmente orientata. Innanzitutto, questa politica, che il Nepal utilizzerà, è molto appropriata nelle relazioni con la Cina e l’India. È ugualmente affidabile e vantaggioso nel nuovo Nepal per l’interazione diplomatica. Inoltre, è una politica positiva e costruttiva, poiché si basa sul vantaggio reciproco, sulla fiducia reciproca, sull’uguaglianza e sulla cooperazione» [9].

Da quando Oli è stato eletto Primo Ministro del Nepal per la seconda volta nel febbraio 2018, la situazione interna e internazionale che il Nepal sta affrontando ha subito grandi cambiamenti. In primo luogo, il partito al governo non è più in uno stato di coalizione libera di governo. I principali partiti comunisti del Nepal si sono formalmente fusi nel “Partito Comunista del Nepal”, risultando per la prima volta che il partito al governo è stato in grado di mantenere i diritti di voto in parlamento e la base al governo è diventata più stabile. In secondo luogo, il principale partito di opposizione, il “Partito del Congresso”, era diviso sulla questione dell’abbandono e del mantenimento di Deuba, che ne indeboliva la capacità di interferire nella politica estera di Oli; in terzo luogo, con il profondo sviluppo della cooperazione tra Cina e paesi dell’Asia meridionale nel quadro della “One Belt, One Road” L’influenza della Cina nell’Asia meridionale è aumentata in modo significativo rispetto a quella di molti anni fa e l’India ha iniziato a cambiare la sua linea dura originaria nei confronti del Nepal. Insieme all’aumento dei punti, questo dà al Nepal l’opportunità di impegnarsi in una diplomazia attiva tra Cina e India. Di conseguenza, Oli ha assunto una posizione più attiva in politica estera promuovendo al contempo il governo della linea dura in patria. Il Primo Ministro Oli ha compiuto grandi sforzi per bilanciare la diplomazia con la Cina e l’India, cerca di massimizzare gli interessi nazionali, promuovere lo sviluppo della SAARC e partecipare attivamente alla diplomazia multilaterale.

Note

[1] Karma Galay, “Politica internazionale del Bhutan”, Journal of Bhutan Studies, vol. 10, Estate 2004, pp. 90-108.

[2] Geetanjali Sharma e Ajay K. Sharma, “Geopolitics of Bhutan and its Relevance in the Security of India”, International Journal of Interdisciplinary Research in Science Society and Culture, vol. 2, n. 1, 2016, pp. 365-378.

[3] 张明金 、 汤道 凯编 著: 《斯里兰卡 斯里兰卡 印度洋 上 上 上 的 尼泊尔 尼泊尔 尼泊尔 喜马拉雅山 喜马拉雅山 国 不丹 不丹 神龙 之 国 锡金 锡金 山顶 王国》 , , , 军事 , 1995 年 第 125 ~ 126页。

[4] Karma Galay, “Politica internazionale del Bhutan”, Journal of Bhutan Studies, vol. 10, Estate 2004, pp. 90-108.

[5] Dorji Penjore, “Sicurezza del Bhutan: Camminare tra i giganti,” p. 121

[6] Ramakant, Nepal-Cina e India, Delhi, India: South Asia Books, 1976, pp. 47-48.

[7] SD Muni, “The Dynamics of Foreign Policy”, in SD Muni, ed., Nepal: 1977.

[8] Sushi Raj e Pushpa Adhikari Pandey, a cura di, Nepalese Foreign Policy at the Crossroads, 2009, p. 58.

[9] Thana Sadmukh, “Nepal: Sandwiched Between Three Bounders”, Journal of International Affairs, vol. 1, n. 1(2009), p.51.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

10 agosto 2022