Biden fa cenno a un compromesso in Ucraina

image_pdfimage_print

di M.K. Bhadrakumar

Le elezioni di midterm negli Stati Uniti sono state caratterizzate da una corsa al rasoio, con il controllo del Senato e della Camera in bilico. Ma questo non ha scoraggiato il Presidente Biden dal tenere una conferenza stampa mercoledì per affermare che la “gigantesca onda rossa” non si è verificata.

Biden ha detto: “I Democratici hanno avuto una notte forte.  Abbiamo perso meno seggi alla Camera dei Rappresentanti rispetto alla prima elezione di midterm di qualsiasi presidente democratico negli ultimi 40 anni.  E abbiamo avuto le migliori elezioni di metà mandato per i governatori dal 1986”.

Biden, tuttavia, ha evitato la retorica trionfalistica e si è impegnato “a continuare a lavorare in modo trasversale (anche se) non è sempre facile”.

Per le capitali mondiali, le osservazioni di Biden sull’Ucraina erano il segmento più atteso. In poche parole, Biden è stato tutt’altro che convinto che i Repubblicani, che ora controllano la Camera, saranno collaborativi.

Ha detto: “Sono pronto a lavorare con i miei colleghi Repubblicani.  Il popolo americano ha chiarito, credo, che si aspetta che anche i Repubblicani siano pronti a lavorare con me. Nel campo della politica estera, spero che continueremo a seguire questo approccio bipartisan per affrontare l’aggressione della Russia in Ucraina”.

Alla domanda se gli aiuti militari statunitensi all’Ucraina continueranno senza interruzioni, Biden si è limitato a rispondere: “È quello che mi aspetto”. Ha sostenuto che gli Stati Uniti non hanno dato all’Ucraina “un assegno in bianco” e hanno solo equipaggiato Kiev per avere “la capacità razionale di difendersi”.

Come senatore, Biden ha ottenuto risultati impressionanti nella costruzione di coalizioni al Congresso. Ma oggi, la sua candidatura per un secondo mandato da presidente si mette di mezzo. Se scegliesse di candidarsi nel 2024, i Repubblicani non avrebbero altra scelta che opporsi visceralmente a lui, sia personalmente che politicamente.

Biden ha espresso alcuni commenti interessanti sull’annuncio di mercoledì a Mosca del ritiro delle truppe russe nella città di Kherson. Biden ha detto che la mossa russa era in linea con le aspettative e che la cosa interessante è che Mosca ha aspettato la fine delle elezioni di metà mandato.

Biden ha evitato di dare una risposta diretta quando gli è stato chiesto se l’evacuazione russa avrebbe dato a Kiev la leva per iniziare i negoziati di pace con Mosca. Ma non ha nemmeno confutato questa linea di pensiero. Biden ha invece aggiunto che “come minimo, l’evacuazione darà a tutti il tempo di ricalibrare le proprie posizioni durante il periodo invernale. E resta da vedere se si deciderà se l’Ucraina è pronta o meno a scendere a compromessi con la Russia”. (enfasi aggiunta)

Biden ha detto che a margine del vertice del G20 a Bali (15-16 novembre), potrebbero esserci consultazioni con i leader mondiali, anche se Putin stesso non sarà presente. In effetti, è in corso una sorta di messaggistica diplomatica. Infatti, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato giovedì alla Tass che “è stato deciso che la Russia sarà rappresentata dal (ministro degli Esteri) Sergey Lavrov al vertice del G20”.

Biden ha risposto a una seconda domanda sugli sviluppi di Kherson per dire che l’evacuazione russa non solo aiuterà le parti a “leccarsi le ferite”, ma anche a “decidere se e cosa faranno durante l’inverno, e se decideranno o meno di scendere a compromessi”. (enfasi aggiunta)

In particolare, Biden ha parlato due volte di “compromessi” (leggi concessioni territoriali) da parte di Kiev, il che rappresenta un importante cambiamento rispetto alla posizione statunitense secondo cui le forze russe dovrebbero uscire dall’Ucraina. Biden ha concluso: “Questo è – questo è ciò che accadrà, che sia o meno. Non so cosa faranno. E so una cosa: non saremo noi a dire loro cosa devono fare”.

Nel complesso, le osservazioni di Biden sono coerenti con lo “scoop” di NBC News di mercoledì, che cita fonti informate, secondo cui durante la visita non annunciata del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan a Kiev la scorsa settimana, egli avrebbe studiato la disponibilità dell’Ucraina a trovare una soluzione diplomatica al conflitto.

Il canale NBC ha riferito che Sullivan stava esplorando le opzioni per porre fine al conflitto e la possibilità di avviare negoziati e ha sollevato la necessità di una soluzione diplomatica durante gli incontri con le autorità ucraine. Alcuni funzionari statunitensi e occidentali sono sempre più convinti che né Kiev né Mosca possano raggiungere tutti i loro obiettivi e che il rallentamento invernale delle ostilità potrebbe offrire una finestra di opportunità per avviare i negoziati.

È interessante notare che RT, finanziata dal Cremlino, ha prontamente ripreso il rapporto della NBC e lo ha messo in evidenza. Anche la portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, è intervenuta commentando: “Siamo ancora aperti ai negoziati, non li abbiamo mai rifiutati, siamo pronti a condurli – tenendo ovviamente conto delle realtà che si stanno stabilendo in questo momento”.

Le autorità russe continuano a sostenere che l’evacuazione delle loro forze a Kherson è dovuta esclusivamente a considerazioni di sicurezza. L’onere della raccomandazione è stato attribuito al generale dell’esercito Sergey Surovikin, comandante dell’operazione militare russa in Ucraina. Il generale ha affermato in un discorso televisivo che l’evacuazione da Kherson crea linee difensive più forti per le truppe e salverà la vita di soldati e civili.

È sufficiente dire che la presenza di Lavrov a Bali sarà di fondamentale importanza. Presumibilmente avrà contatti con le controparti occidentali. In effetti, le osservazioni di Biden sul compromesso territoriale segnalano un cambiamento radicale nel calcolo.

Inoltre, il generale Mark Milley, presidente degli Stati Maggiori Riuniti, aprendo mercoledì una discussione con l’Economic Club di New York sulla possibilità di pace tra Ucraina e Russia, ha confermato che esiste effettivamente “una finestra di opportunità per i negoziati”.

Il generale ha esortato: “Quando c’è un’opportunità di negoziare, quando si può raggiungere la pace, coglietela. Cogliete l’attimo”. Per essere sicuri, ha parlato con un occhio al comando militare russo.

Lo sfondo è che la perdita del controllo della Camera dei Rappresentanti da parte dei Democratici rende difficile promuovere liberamente la linea di politica estera dell’amministrazione Biden, compresa l’assistenza all’Ucraina. D’ora in poi, Biden dovrà negoziare le decisioni sull’Ucraina con i Repubblicani. Questo è un aspetto.

In secondo luogo, la crisi economica a cascata in Europa ha un potenziale esplosivo per le turbolenze politiche, soprattutto se ci sarà un altro flusso di rifugiati dall’Ucraina nelle rigide condizioni invernali, il che è una possibilità reale.

Il contraccolpo delle sanzioni contro la Russia ha ferito in modo letale l’Europa e, a parte le spacconate, non c’è davvero modo di sostituire le forniture energetiche russe, poco costose, affidabili e abbondanti, attraverso i gasdotti.

Tutto questo sta diventando estremamente importante per l’unità dell’Occidente. La recente visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz in Cina dimostra che il dissenso sta nascendo.

Soprattutto, la massiccia mobilitazione russa minaccia di dare un colpo di grazia alle forze armate ucraine, ma gli europei non hanno voglia di confrontarsi con la Russia.

Anche il Regno Unito, saldo alleato di Washington in Ucraina, è sottoposto a un’immensa pressione per disimpegnarsi e concentrarsi sulla crisi interna, mentre il nuovo governo affronta un buco di finanziamento dell’ordine di 50 miliardi di sterline nel bilancio.

In futuro, i concetti di cambio di regime a Mosca che Biden aveva sposato pubblicamente e il progetto neocon di “cancellare” la Russia hanno colpito il muro e si sono sgretolati. Detto questo, gli Stati Uniti possono trarre conforto dal fatto che il ritiro russo dall’ovest del Dnieper implica che Mosca non intende fare alcuna mossa su Nikolaev, per non parlare di Odessa – almeno nel breve termine.

D’altra parte, se le forze ucraine dovessero imporsi e occupare Kherson e minacciare la Crimea, ciò rappresenterebbe una grande sfida per l’Amministrazione Biden. Dalle osservazioni di Biden, l’amministrazione è sicura di avere abbastanza influenza su Kiev per garantire che non ci sia un’escalation.

Per il momento, è prematuro stimare che Mosca abbia preso l’amara decisione di abbandonare la città di Kherson, fondata da un decreto di Caterina la Grande e profondamente impressa nella coscienza collettiva russa, solo con la ragionevole certezza che Washington impedirà a Kiev di “inseguire” l’esercito russo in ritirata sulle rive orientali del fiume Dnieper.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Katehon.com

15 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube