Boris Johnson in Ucraina posa come Churchill

image_pdfimage_print

di Finian Cunningham

Boris Johnson che tenta di iniziare una guerra con la Russia in parte per una festa di compleanno illecita è una discesa verso una farsa deplorevole e senza fegato.

Il vecchio detto è più vero che mai, quando alimentare il conflitto in qualche paese lontano è un’efficace distrazione dai guai politici interni. Ma nel caso del primo ministro britannico Boris Johnson, lo stratagemma si trasforma in farsa.

Johnson sta contando i giorni prima che il suo partito conservatore si liberi finalmente di questo disastro ferroviario costituito da un tale un leader. Bugie, incompetenza e scandali trasudano da Downing Street sotto la sua gestione. Anche la stampa Tory britannica ha rinunciato alla sua fedeltà a Johnson, che ora è visto come un’irrimediabile responsabilità elettorale per i conservatori.

Ecco perché l’“avvertimento” di Johnson alla Russia questa settimana di “gravi conseguenze” se invaderà l’Ucraina suona decisamente comico. Il suo tentativo di mostrare una spina dorsale politica all’estero è smentito dall’immagine della sua reputazione a casa che risulta simile a una gelatina traballante.

Johnson ha affermato con faccia seria che l’intelligence britannica era “chiara” sul fatto che la Russia ha in programma di invadere l’Ucraina e installare un regime fantoccio a Kiev. Ha continuato dicendo che la Gran Bretagna stava “avanzando” tra gli alleati della NATO per aver inflitto terribili costi economici alla Russia. Questo nonostante la storia britannica sia stata screditata perché non ha un briciolo di credibilità.

Per dare credibilità alle ultime affermazioni, il Ministero degli Esteri britannico ha iniziato a evacuare il personale diplomatico dalla sua ambasciata a Kiev. Questo può essere visto come la prova che gli inglesi cercano deliberatamente di intensificare le tensioni tra NATO e Russia sull’Ucraina, fomentando deliberatamente un’atmosfera di conflitto imminente. L’evacuazione del personale dell’ambasciata tende a dare credibilità alle accuse altrimenti infondate secondo cui la Russia sta pianificando di invadere l’Ucraina.

Gli americani e gli australiani hanno poi seguito l’esempio britannico. Sembra significativo che i ministri degli esteri e della difesa britannici fossero in visita in Australia al momento dell’ordine dell’ambasciata. Per Boris Johnson assumere un’aria portentosa da statista in stile Churchill è più parodia che politica. Ci si aspetta che qualcuno creda che Johnson stia guidando il “mondo libero” nel resistere alla presunta aggressione russa nei confronti dell’Europa. Questo avviene mentre il vestito sgualcito di Boris sta affrontando il licenziamento per aver supervisionato un incubo senza fine di scandali a Downing Street.

Le predilezioni di Johnson per le feste alcoliche al numero 10 durante il blocco della pandemia di Covid lo hanno raggiunto come una grande torta alla crema in faccia. Questa settimana è emerso che l’anno scorso ha tenuto una festa di compleanno nella residenza del primo ministro, quando molti britannici erano in lutto per la morte di persone care a cui non potevano nemmeno dire l’ultimo addio a causa delle restrizioni di blocco. L’indignazione pubblica per il comportamento inetto di Johnson ha raggiunto un punto di ebollizione. C’era una volta, Bumbling Boris è stato visto come un personaggio amabile e un vincitore di voti. Ora la sua immagine pubblica di un buffone bugiardo è vista più chiaramente con disgusto e disprezzo. Inoltre, i britannici si trovano ad affrontare un aumento vertiginoso dei costi della vita e delle bollette del carburante proprio quando il governo conservatore ha in programma di introdurre aumenti delle tasse che colpiranno più duramente i lavoratori.

Il futuro politico di Johnson è in bilico. I media britannici, solitamente sostenitori dei conservatori, si sono rivoltati decisamente contro di lui. Il Daily Telegraph (soprannominato anche “Torygraph”) prevede che Johnson sarà destituito dalla carica di leader del partito e quindi primo ministro “entro pochi giorni”.

È in questo contesto di politica interna sporca e disperata che Johnson ei suoi lealisti si stanno aggrappando alla “crisi ucraina” per mantenersi a galla. Downing Street ha dato il via libera agli aerei cargo della RAF a consegnare tonnellate di letali aiuti militari all’Ucraina.

Gli inglesi hanno messo in attesa “brigate d’assalto” per volare in Ucraina per aiutare a evacuare i diplomatici rimasti in caso di invasione russa. C’è, tuttavia, una strana disconnessione dalla realtà nei media britannici. In genere riferiscono sulla situazione ucraina con adeguata credulità. La Russia è dipinta come un attore maligno e la Gran Bretagna come un nobile difensore della sovranità ucraina. Le accuse contro Mosca sono riportate alla lettera senza alcuno scetticismo.

Non ci sono quasi dubbi nonostante le ripetute e veementi negazioni da parte della Russia di covare una minaccia nei confronti dell’Ucraina. Le plausibili affermazioni di Mosca sulla militarizzazione sostenuta dalla NATO in Ucraina e sulla minaccia alla pace sono a malapena riportate, non importa senza un’analisi adeguata dei media britannici. L’atteggiamento di Boris Johnson nei panni di Churchill riceve stranamente credito dai media quando si tratta di pontificare sull’Ucraina.

Eppure, l’anomalia in questa proiezione di immagini è che gli stessi media hanno perso la loro tolleranza per le buffonate domestiche di Johnson. Lo hanno definito un ciarlatano e un clown incompetente che non ha autorità morale. Com’è divertente quindi che questo stesso clown di Downing Street sia in qualche modo preso sul serio dai media britannici quando si tratta di fingere di essere uno statista internazionale “che resiste all’aggressione russa”.

Nel corso della storia, ci sono molti esempi in cui i problemi di politica interna forniscono lo slancio per avventure militari all’estero come un modo per evitare la responsabilità in patria. Questa manovra cinica non è affatto esclusiva della Gran Bretagna. Ma nel caso in esame, Boris Johnson che tenta di iniziare una guerra con la Russia in parte per una festa di compleanno illecita è una discesa verso una farsa deplorevole e insensibile.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: The Guardian

30 gennaio 2022