Breve storia del Caos: dall’antica Grecia al Postmoderno [2]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Il conflitto tra due ordini mondiali

Sembrerebbe che la SMO parli di un conflitto tra due ordini mondiali – uno unipolare, rappresentato dall’Occidente collettivo e dall’Ucraina, e uno multipolare, difeso dalla Russia e da coloro che sono in qualche modo dalla sua parte (in primo luogo Cina, Iran, Corea del Nord, alcuni Stati islamici, in parte India, Turchia, ma anche Paesi latinoamericani e l’Africa). È proprio questo il caso, ma guardiamo il problema da una prospettiva che ci interessa e scopriamo quale ruolo gioca il caos.

Sottolineiamo subito il punto che il termine world order, ordine mondiale, fa chiaramente appello alla struttura esplicita, cioè è l’antitesi del caos. Abbiamo quindi a che fare con due modelli di cosmo: unipolare e multipolare. Se è così, si tratta di una collisione tra mondi, tra ordini, strutture, e il caos non ha nulla a che fare con questo.

L’Occidente offre la sua versione: un centro e una periferia, dove il centro è se stesso e il suo sistema di valori. La Russia e (più spesso passivamente) i Paesi che la sostengono sarebbero un cosmo alternativo: tante civiltà, tanti mondi. Una gerarchia contro più gerarchie, organizzate su principi autonomi. Il più delle volte su base storico-religiosa. Questo è esattamente il modo in cui Huntington ha immaginato il futuro.

Lo scontro di civiltà è una competizione di mondi, di ordini. Esiste un modello occidentale-centrico e uno pluralistico.

In questo contesto, la SMO appare come qualcosa di abbastanza logico e razionale. Il mondo unipolare, quasi consolidato dopo il crollo del modello bipolare dal 1991, non vuole rinunciare alla sua posizione di leader. Nuovi centri di potere lottano per liberarsi dal potere di un egemone in decadenza. Anche la Russia potrebbe avere fretta di sfidarlo direttamente, ma non si sa mai quanto sia davvero debole (o forte) finché non si prova. In ogni caso, è abbastanza chiaro: ci sono due modelli di cosmo in lotta, uno con un centro chiaro e uno con diversi. 

In ogni caso, non c’è caos, e se incontriamo qualcosa del genere, è solo come una situazione di transizione di fase. Questo spiegherebbe in parte la situazione in Ucraina, dove il caos si sta facendo sentire in pieno. Ma il problema ha anche altre dimensioni.

 

Il caos hobbesiano: lo Stato naturale e il Leviatano

Esaminiamo più da vicino ciò che costituisce un ordine mondiale unipolare occidentocentrico.  Non si tratta solo del dominio politico-militare degli Stati Uniti e degli Stati vassalli, soprattutto della NATO. È anche l’attuazione di un progetto ideologico. Questo progetto ideologico corrisponde a una democrazia progressiva. Il significato di democrazia progressiva è che ci dovrebbe essere sempre più democrazia e che il modello verticale di società dovrebbe essere sostituito da uno orizzontale – nel caso estremo, un modello a rete, rizomatico.

Il fondatore della scienza politica occidentale, Thomas Hobbes, immaginava la storia della società come segue. Nella prima fase, le persone vivono in uno stato di natura. Qui “l’uomo è lupo all’uomo” (homo homini lupus est). È un caos sociale iniziale aggressivo, basato sull’egoismo, la crudeltà e il potere. Da qui il principio della guerra di tutti contro tutti. Secondo Hobbes, questa è la natura dell’uomo, perché l’uomo è intrinsecamente malvagio. Malvagio, ma anche intelligente.

L’intelligenza dell’uomo gli disse che se avesse continuato a rimanere nel suo stato naturale, prima o poi le persone si sarebbero uccise a vicenda. Si decise quindi di creare un terribile idolo creato dall’uomo, il Leviatano, che avrebbe imposto le regole e le leggi e si sarebbe assicurato che tutti le seguissero. In questo modo l’umanità ha risolto il problema della coesistenza dei lupi. Leviathan è un super-lupo, certamente più forte e crudele di qualsiasi uomo. Il Leviatano è uno Stato.

La tradizione del realismo politico – prima di tutto nelle relazioni internazionali – si ferma qui. Esistono solo lo Stato naturale e il Leviatano. Se non ne volete uno, avrete l’altro.

 

Il caos nelle relazioni internazionali nella tradizione del realismo

Questo modello è piuttosto materialista. Lo stato naturale corrisponde al caos aggressivo, all’inimicizia (νεῖκος) – quella che rappresenta l’alternativa di Empedocle all’amore/amicizia. L’introduzione del Leviatano riequilibra l’inimicizia imponendo a tutti i “lupi” regole e norme che non osano violare pena la punizione e al limite la morte. Da qui la formula proposta molto più tardi da Max Weber: “lo Stato è l’unico soggetto di violenza legittima”. Il Leviatano è consapevolmente più forte e terribile di qualsiasi predatore ed è quindi in grado di fermare una serie di aggressioni irreversibili. Ma il Leviatano non è amore, non è Eros, non è psiche. È solo una nuova espressione dell’inimicizia, un’inimicizia totale innalzata di grado.

Da qui il diritto di qualsiasi Stato sovrano (e il Leviatano è sovrano e questa è la sua caratteristica principale) di iniziare una guerra con un altro Stato. Avendo pacificato l’inimicizia interna, il Leviatano è libero di scatenare una guerra all’esterno.

È questo diritto di andare in guerra che diventa la base del caos nelle relazioni internazionali, secondo la scuola del realismo. Le relazioni internazionali sono un caos proprio perché non può esistere un’autorità suprema tra diversi Leviatani. Sono a livello macro che ripetono lo stato naturale: lo stato è egoista e malvagio perché egoista e malvagio è l’uomo che lo ha fondato. Il caos interno è congelato per rivelarsi nella guerra tra Stati.

Il realismo politico non è stato completamente superato nemmeno nelle democrazie ed è considerato un punto di vista legittimo nelle relazioni internazionali.

 

L’ordine di Locke

Ciò non è tutto. A Hobbes seguì un altro importante pensatore, John Locke, che formulò una diversa scuola di pensiero politico, il liberalismo. Locke riteneva che l’uomo stesso non fosse cattivo, ma piuttosto eticamente neutro, una tabula rasa. Se il Leviatano è malvagio, anche i suoi cittadini lo saranno; ma se il Leviatano cambia il suo carattere e i suoi orientamenti, è in grado di trasformare la natura delle persone. Le persone in sé non sono nulla, si può farne dei lupi e delle pecore. Tutto ruota intorno all’élite al potere.

Se Hobbes pensa allo Stato prima dello Stato e ne predetermina il carattere mostruoso (da cui il caos hobbesiano) e lo confronta con lo Stato, Locke esamina lo Stato già esistente e ciò che potrebbe seguire, se lo Stato stesso smettesse di essere un mostro malvagio e diventasse una fonte di moralità e di educazione, per poi scomparire del tutto, trasferendo l’iniziativa a cittadini rieducati – illuminati. Hobbes pensa in termini di passato/presente. Locke pensa in categorie presente/futuro. Nel presente, lo Stato è malvagio, egoista e crudele (da qui le guerre e il caos nelle relazioni internazionali). In futuro, però, è destinato a diventare buono, quindi i suoi cittadini cesseranno di essere lupi e le guerre cesseranno perché la comprensione reciproca prevarrà nelle relazioni internazionali. In altre parole, Hobbes propone una dialettica del caos e la sua relativa rimozione nel Leviatano (con una nuova invasione delle relazioni interstatali), mentre Locke propone di risolvere la natura violenta dello Stato rifacendo (rieducando, illuminando) i suoi cittadini e abolendo la guerra tra le nazioni; ma l’inimicizia insita in Hobbes, Locke propone di sostituirla non con l’amore e l’ordine, ma con il commercio, gli scambi, la speculazione. Il mercante (e non il profeta, il sacerdote o il poeta) sostituisce il guerriero. Allo stesso tempo il commercio è chiamato douce commerce, “commercio gentile”. È delicato rispetto al brutale sequestro del bottino da parte del guerriero dopo la conquista della città. Ma quanto sia brutale lo dimostra il Mercante di Venezia di Shakespeare.

È importante notare che Locke pensa all’ordine commerciale puro post-statale come a qualcosa che segue l’età degli Stati. Ciò significa che la mente collettiva ipostatizzata nel Leviatano non viene affatto abolita, ma solo abbassata a un livello inferiore. Un cittadino rieducato e illuminato (ex lupo) è ora lui stesso un Leviatano, ma solo uno nuovo. Rieducando i suoi sudditi, il monarca illuminato (sinonimo di Stato illuminato) rieduca se stesso.

 

Il governo del mondo come progetto illuminista

Da qui parte la teoria della democrazia politica. Lo Stato educa i suoi cittadini, sradica l’aggressività e l’egoismo e diventa esso stesso altruista e pacifista. Da qui la principale legge delle relazioni internazionali: le democrazie non si combattono. E ancora: se gli Stati non sono più egoisti (sovrani), sono in grado di istituire democraticamente un governo mondiale con autorità sovranazionale; farà in modo che tutte le società siano buone, che commercino solo tra loro e che non si facciano mai la guerra. Gradualmente, gli Stati saranno aboliti e nascerà un Mondo Unico, una società civile globale.

 

Economia: il caos di Locke

Sembra che in Locke e nella successiva tradizione del liberalismo che riprende le sue idee, il caos sia stato eliminato. Ma non è questo il caso. Non c’è caos militare, ma c’è caos economico. Pertanto, non c’è aggressione, ma rimane il caos. Sì, e l’aggressività e l’ostilità rimangono, ma acquisiscono un carattere diverso, ovvero quello imposto alla società dallo Stato commerciale (capitalista). In particolare, lo stato europeo occidentale della Nuova Era.

Che il mercato debba essere libero e l’economia deregolamentata è la tesi centrale del liberalismo, cioè della democrazia moderna. Viene così reintrodotto il caos, ma solo in uno spaccato diverso, con l’aggressività tagliata e l’egoismo diretto. Il Leviatano è identificato con la ragione (è stato fondato sulla sua base), e la ragione è pensata come qualcosa di universale. Da qui Kant, il suo ragionamento trascendentale e gli appelli alla pace universale. Questo ragionamento non viene abolito (insieme al superamento del Leviatano), ma trasformato, ammorbidito, collettivizzato (il Leviatano è collettivo) e poi atomizzato in tante unità, scritte su fogli bianchi di individui atomici. L’uomo post-statale si differenzia dall’uomo pre-statale in quanto la mente è d’ora in poi il suo dominio individuale. È così che Hegel intendeva la società civile. In esso, la razionalità comune della vecchia monarchia viene trasmessa alla moltitudine di cittadini – i borghesi, gli abitanti della città.

Pertanto, nella teoria liberale, poiché il Leviatano è la razionalità, la distribuzione della razionalità a tutti gli individui ne elimina la necessità. La società sarà pacifica così com’è (come previsto dal Leviatano in precedenza), e realizzerà le sue tendenze da lupo nella forma rimossa – attraverso la competizione commerciale. Il teorico razzista liberale del darwinismo sociale Spencer dice la stessa cosa in forma dura.

Il commercio gentile, il douce commerce, è il caos gentile, il caos nel contesto della democrazia liberale.

 

Nuova democrazia e governance: il dolce caos della dissipazione

In Occidente c’è un equilibrio tra Hobbes e Locke, una concezione pessimistica e retrospettiva dello Stato (e della stessa natura umana) e una ottimistica e progressista. Il primo si chiama realismo, il secondo liberalismo. Entrambe le teorie moderne, occidentalocentriche e moderniste, coincidono in generale, ma differiscono nelle particolarità. Innanzitutto, nell’interpretazione del caos. Per i realisti, il caos è intrinsecamente malvagio e aggressivo, ed è per combatterla che è stato creato lo Stato – il Leviatano; ma il caos non è scomparso e da interno è diventato esterno. Da qui l’interpretazione della natura della guerra nel realismo.

Il liberalismo condivide l’interpretazione della genesi dello Stato, ma ritiene che il male presente nell’uomo possa essere superato. Con l’aiuto dello Stato, che trasforma (illumina) e poi illumina anche i suoi cittadini, fino a penetrare il loro codice, la loro natura. In questo senso, lo Stato, soprattutto lo Stato illuminato, agisce come programmatore per installare un nuovo sistema operativo nella società.

Con il successo del liberalismo, iniziò a prendere forma la teoria di una nuova democrazia o globalismo. La sua essenza è che gli Stati nazionali vengono aboliti e con essi scompaiono le guerre, mentre la natura aggressiva ed egoistica dell’uomo viene cambiata attraverso l’ingegneria sociale, che trasforma l’uomo – trasforma il lupo in una pecora.  Il Leviatano non esiste più e il vecchio caos, aggressivo e lupoide, è stato abolito. Inizia il caos del commercio mondiale, la mescolanza di culture e popoli, i flussi migratori incontrollati, il multiculturalismo, la fusione di tutti e tutto in un unico mondo.

Ma questo crea un nuovo caos. Non aggressivo, ma morbido, “gentile”. In questo caso, il controllo non viene abolito, ma relegato a un livello inferiore. Mentre il governo (governement), anche nella vecchia democrazia, era una struttura elettiva, ma gerarchica e verticale, ora è la governance, o “governare”, dove il potere entra nel soggetto governato, fondendosi con esso fino a renderlo indistinguibile. Non censura, ma autocensura. Non controllo dall’alto, ma autocontrollo. Così il Leviatano verticale si plasma nell’orizzonte degli individui atomici sparsi ed entra in ognuno di essi. È un ibrido tra caos (stato naturale) e Leviatano (razionalità universale). In effetti, è così che Kant pensava alla società civile. L’universale si riversa negli atomi e ora non è più un’istanza esterna, ma il ragionamento individuale del cittadino illuminato che frena la sua aggressività e modera il suo egoismo. È così che la violenza si colloca all’interno dell’individuo. Il caos non divide il potere e le masse, non gli Stati tra loro, ma l’uomo stesso. È la società del rischio (Risikogeselshcaft) di Ulrich Beck: il pericolo ora proviene dall’io e dalle sue scissioni schizofreniche, che diventano la norma. Si arriva così allo schizoindividuo, portatore del particolare caos della nuova democrazia liberale progressista. Invece di danneggiare gli altri, il “caotico” liberale danneggia se stesso, si picchia, si divide e si divide. La chirurgia di riassegnazione del genere e la promozione delle minoranze sessuali in generale non potevano arrivare in un momento migliore. L’opzione del genere, la libertà di scelta, contrappone due identità autonome nello stesso individuo. La politica di genere permette al “caotismo” di avere pieno effetto.

Si tratta, tuttavia, di un caos speciale, privo di formalizzazione sotto forma di aggressione e guerra.

 

Il “caos” come norma umana della nuova democrazia

È proprio questo ordine della nuova democrazia che l’Occidente cerca di imporre all’umanità.  Il globalismo insiste sul caos commerciale (libero mercato) combinato con l’ideologia LGBT+, che normalizza la scissione all’interno dell’individuo, postula il “caotismo” come modello antropologico. Ciò presuppone che la razionalità e il divieto di aggressione siano già inclusi nel “caotismo” – attraverso la demonizzazione di massa del nazionalismo e del comunismo (soprattutto nella versione sovietica, stalinista).

Si scopre che il mondo unipolare e il corrispondente ordine globale sono un ordine di caos progressivo. Non si tratta di puro caos, ma nemmeno di un ordine nel senso pieno del termine. Si tratta di una “governance” che tende a svilupparsi orizzontalmente. Quindi la tesi di un governo mondiale si rivela troppo gerarchica – leviatanica. È più corretto parlare di un Governo Mondiale, un Governo Mondiale invisibile, implicito. Gilles Deleuze ha giustamente sottolineato che nell’epoca del capitalismo classico l’immagine della talpa è ottimale: il capitale lavora in modo invisibile per minare le strutture tradizionali e premoderne e costruire la propria gerarchia. L’immagine del serpente si adatta meglio alla nuova democrazia. La sua flessibilità e i suoi movimenti indicano il potere nascosto che è entrato nella massa atomizzata dei liberali del mondo. Ognuno di essi, singolarmente, è portatore di spontaneità e imprevedibilità caotica (biforcazione). Allo stesso tempo, però, in essi viene costruito un programma rigido che predetermina l’intera struttura del desiderio, del comportamento e della definizione degli obiettivi, come una fabbrica con macchine del desiderio funzionanti. Più l’atomo è libero in relazione alla costellazione, più la sua traiettoria diventa prevedibile. Questo è ciò che Putin intendeva citando I demoni di Dostoevskij nel suo passo su Shigalev: “Inizio con la libertà assoluta e finisco con la schiavitù assoluta”. Il Leviatano come idolo globale, un demone onnipotente creato dall’uomo, non è più necessario, poiché gli individui liberali diventano piccoli “Leviatani” – “caotici” esemplari, liberi da religione, classi, nazione, genere, e l’egemonia di tale Occidente progressista-democratico non rappresenta solo l’ordine nel vecchio senso e nemmeno l’ordine democratico, ma proprio l’egemonia del caos “pacifico”.

 

I pacifisti vanno al fronte

Fino a che punto questo caos lockiano è pacifico? Nella misura in cui non si trova di fronte a un’alternativa, cioè l’ordine. Si può trattare di ordini occidentali, anche della vecchia democrazia hobbesiana (che potrebbe essere chiamata collettivamente “trumpismo” o “vecchio liberalismo”), e di altri tipi di ordini, generalmente non democratici, che l’Occidente chiama collettivamente “autoritarismo”, cioè i regimi della Russia, della Cina, di molti Paesi arabi e così via. Ovunque vediamo altre articolazioni dell’ordine che si oppongono apertamente ed esplicitamente al caos.

Qui c’è un punto interessante: di fronte all’opposizione, il pacifista liberale neo-democratico occidentale impazzisce e diventa estremamente militante. Sì, le democrazie non si combattono tra loro, ma con i regimi non democratici, al contrario, la guerra deve essere spietata. Solo un “caotico” senza genere o altra identità collettiva è un essere umano, almeno un essere umano in senso progressista. Tutti gli altri sono le masse arretrate e non illuminate su cui si basa l’ordine verticale, il cinico Leviatano o versioni ancora più autonome e autarchiche dell’ordine. E devono essere distrutti.

 

Post-ordine

Così il mondo unipolare entra in una battaglia decisiva con il mondo multipolare, proprio perché l’unipolarismo è il culmine di una volontà di porre fine all’ordine in assoluto, sostituendolo con un post-ordine, un Nuovo Caos Mondiale. L’interiorizzazione dell’aggressività e la schizocivilizzazione del “caos” sono possibili solo quando nel mondo non ci sono confini – né nazioni, né Stati, né “Leviatano”, cioè nessun ordine in quanto tale e finché non ci sarà, il pacifismo rimarrà assolutamente militante. Ai transgender e ai pervertiti vengono date uniformi e vengono mandati in battaglia escatologica con gli avversari del caos.

 

Maiali Gardarin del caos

Tutto ciò getta una nuova luce concettuale sulla SMO, la guerra di civiltà della Russia con l’Occidente, contro l’unipolarismo e a favore del multipolarismo. L’aggressività qui è multidimensionale e ha diversi livelli. Da un lato, la Russia sta dimostrando la propria sovranità, il che significa che sta accettando la regola del caos nelle relazioni internazionali. Comunque la si guardi, questa è una vera guerra, anche se non riconosciuta da Mosca. Mosca esita per un motivo: non si tratta di un classico conflitto militare tra due Stati nazionali, ma di qualcosa di diverso: è una battaglia dell’ordine multipolare contro il caos unipolare, e il territorio dell’Ucraina è proprio la frontiera concettuale. L’Ucraina non è ordine, non è caos, non è uno Stato, non è un territorio, non è una nazione, non è un popolo. È una nebbia concettuale, un brodo filosofico in cui si svolgono i processi fondamentali della transizione di fase. Da questa nebbia può nascere qualsiasi cosa, ma finora si tratta di una sovrapposizione di caos diverso, che rende questo conflitto unico.

Se si considerano la Russia e Putin come realisti, la SMO è una continuazione della battaglia per il consolidamento della sovranità. Ma implica una tesi realista del caos delle relazioni internazionali e quindi la legittimazione della guerra. Per uno Stato veramente sovrano, nessuno può proibire di fare o non fare qualcosa, perché ciò contraddirebbe la nozione stessa di sovranità.

Ma la Russia sta chiaramente combattendo non solo per un ordine nazionale contro il caos gestito dai globalisti, ma anche per il multipolarismo, cioè per il diritto delle diverse civiltà di costruire i propri ordini, cioè di superare il caos con i propri metodi. Così, la Russia è in guerra con il Nuovo Caos Mondiale solo per il principio dell’ordine – non solo per il proprio, quello russo, ma per l’ordine in quanto tale. In altre parole, la Russia cerca di difendere proprio l’ordine mondiale che si oppone all’egemonia occidentale, ovvero l’egemonia del caos interiorizzato, cioè il globalismo.

E c’è un altro punto importante. L’Ucraina stessa è un’entità puramente caotica. E non solo ora: nella sua storia, l’Ucraina è stata un territorio di anarchia, una zona in cui prevaleva lo “stato naturale”. Un ucraino è un lupo per un ucraino e tanto più un lupo per un moscovita o uno yabloko. L’Ucraina è un’area naturale di libero arbitrio anarchico, un campo nomadi totale, dove paffuti autonomisti atomizzati cercano il profitto o l’avventura, senza essere vincolati da alcuna struttura. Anche l’Ucraina è un caos, orrendo, disumano e insensato. È ingovernabile e ingombrante. Caos di maiali scatenati e delle loro fidanzate.

Si tratta dei maiali di Gardar, nei quali entrarono i demoni scacciati da Cristo e che si precipitarono nell’abisso. Il destino dell’Ucraina – come idea e progetto – si riduce proprio a questo simbolo.

 

SMO, una guerra di caos polisemantico

Non sorprende quindi che in Ucraina si siano scontrati diversi tipi di caos. Da un lato, il caos globale gestito dall’Occidente della nuova democrazia ha sostenuto e orientato i “caotici” ucraini nel loro confronto con l’ordine russo. Sì, quell’ordine è ancora solo una promessa, solo una speranza. Ma la Russia, di tanto in tanto, si comporta proprio come il suo vettore. Stiamo parlando di impero, multipolarità e confronto frontale con l’Occidente. Il più delle volte, però, questo vettore è presentato sotto forma di sovranità (realismo), che ha reso possibile la SMO. Non dobbiamo perdere di vista la profonda penetrazione dell’Occidente all’interno della società russa – il caos nella stessa Russia ha un suo serio supporto, che mina il vettore dell’identità della Russia e l’affermazione del suo ordine. La quinta e la sesta colonna in Russia sono sostenitori del caos occidentale. Entrambi stanno affilando e corrodendo la volontà dello Stato e del popolo di vincere nella SMO.

 

Pertanto, la Russia nella SMO, essendo prioritariamente dalla parte dell’ordine, agisce a volte secondo le regole del caos, imposte sia dall’Occidente (Nuovo Caos Mondiale) sia dalla natura stessa del nemico.

 

Il Caos russo

Caos russo. Deve vincere, creando un ordine russo.

E l’ultima cosa. La società russa porta in sé un inizio caotico. Ma si tratta di un altro caos, quello russo. E questo caos ha le sue caratteristiche, le sue strutture. È l’opposto del Nuovo Caos Mondiale dei liberali, perché non è individualista e materiale. È anche diverso dal caos pesante, carnoso, corporeo e sadico degli ucraini, che naturalmente genera violenza, terrorismo, calpestando tutte le norme dell’umanità. Il caos russo è speciale, ha un suo codice; questo codice non coincide con lo Stato, è strutturato in modo completamente indipendente da esso.  Il caos russo si avvicina di più all’originale greco, che è un vuoto tra il cielo e la terra, non ancora riempito. Non si tratta tanto di un miscuglio di semi di cose in guerra tra loro (come in Ovidio), quanto di un’anticipazione di qualcosa di grande: la nascita dell’Amore, un’apparizione dell’Anima. I russi sono un popolo precoce per qualcosa che non si è ancora manifestato pienamente. Ed è proprio questo tipo di caos speciale, gravido di nuovi pensieri e nuove azioni, che il popolo russo porta dentro di sé.

Per questo caos russo, il quadro della moderna statualità russa è ristretto e persino ridicolo.  Porta con sé i semi di qualche inconcepibile grande realtà impossibile. Una stella della danza russa.

E il fatto che la SMO non includa solo lo Stato, ma anche lo stesso popolo russo, rende tutto ancora più complesso e complicato. L’Occidente è un caos. L’Ucraina è un caos. Il popolo russo è un caos. L’Occidente ha un ordine nel passato, noi abbiamo un ordine nel futuro. E questi elementi di ordine – frammenti dell’ordine del passato, elementi del futuro, contorni di alternative, margini conflittuali di progetti – si mescolano alla battaglia del caos.

Non c’è da stupirsi che la SMO abbia un aspetto così caotico. Questa è una guerra del caos, con il caos, per il caos e contro il caos.

Caos russo. È lui che deve vincere, creando un Ordine russo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

10 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube