Cavalieri in un mondo di Apocalisse

image_pdfimage_print

di Maria del Pilar Soler Gordils

Anche per la pseudo speranza non c’è più spazio. Tra gli eventi sconvolgenti che si stanno verificando in questi giorni, non è il massacro criminale di Bucha o le scene con montagne di cadaveri filmate dagli ultimi droni che sono scandalosi. Peggio ancora è la pseudo-informazione e l’uso suicida che l’Occidente fa di questi eventi per i propri scopi. Tutto indica che il mondo liberale globalizzato sta conducendo una guerra psicologica promuovendo l’odio della Russia nei media. La silhouette della terza guerra mondiale sta diventando più chiara.

I tratti della “speranza” sono visti attraverso il prisma dell’ontologia delle cose e del romanticismo in un mondo schiavizzato dal commercio sotto le spoglie del Leviatano, che, come un demiurgo cieco, ci porta sull’orlo di un abisso, condannandoci all’estinzione. Personalmente non sono incline a credere che le persone sopravviveranno alla prossima catastrofe, perché finora ho potuto solo osservare la patetica dell’anima umana, che, di fronte al nichilismo morale, cade nella fantasia e nella negazione e subordina le menti e i desideri umani alla propaganda e all’ideologia, e tutti i discorsi sul pensiero critico non sono altro che un altro stratagemma idealista.

Dalla fine degli anni ’70 si parla molto di una catastrofe ecologica di un tipo o di un altro. La gente non è riuscita a invertire il degrado ecologico allora, né ci riuscirà adesso. Non c’è modo. L’umanità non uscirà dal sentiero della gioia cieca nell’abbraccio del finto ottimismo e della noncuranza. Piuttosto, ci sarà un futuro pieno di sventura in cui non c’è spazio per i miracoli. Allora la gente agirà sulla base dell’esperienza degli anni passati: inscenerà scontri armati, condendoli con recriminazioni reciproche fino a quando non si sarà sterminata o si troverà sulla soglia del Medioevo…

E così sarà. Invecchiando e perdendo il mio ottimismo giovanile, ho detto addio alla riflessione sul fascino della democrazia. Ero troppo ingenua per pensare che l’umanità potesse cambiare. Ora conosco molto meglio le persone. A quanto pare, la gente è solo un odioso chiacchierone. E l’azione concreta? Oh, no, non credo. E se non sono d’accordo con qualcosa, sono destinati a portarlo in strada e tornare a casa in un’estasi di orgoglio narcisistico per essere diventati parte di… cosa? Solo un altro sproloquio vuoto che non servirà a molto.

E mentre osservo giovani scienziati che pubblicano un articolo dopo l’altro, un libro dopo l’altro, e partecipano a infinite conferenze, mi chiedo: cosa avete fatto per cambiare il modo in cui stanno le cose? Niente. Basta andare su Amazon o in qualsiasi altra libreria per trovare migliaia di libri pubblicati ogni mese, tutti scritti allo stesso modo, sullo stato allarmante del nostro mondo. E così è stato negli ultimi duecento anni. È cambiato qualcosa da allora? Niente affatto…

Anche se non conosciamo il futuro, non deve necessariamente portare sofferenza. La domanda è se affronteremo il futuro a cuore aperto o se sprofonderemo in un mondo immaginario di neoliberalismo, credendo che la tecnologia ci salverà da noi stessi e ci aiuterà a trovare una via d’uscita da questa situazione di crisi? Per secoli la nostra fede nella scienza e nella tecnologia come mezzo per trovare soluzioni ai nostri problemi ha fatto parte del mito popolare dell’Età dei Lumi. Continueremo a sacrificare agli dèi della tecnologia e del capitale? Continueremo ad alimentare il grande leviatano tecnocrate con miti globalisti che guidano tutte le nostre aspirazioni una volta per tutte in una realtà virtuale? Continueremo a credere negli dèi moderni e nel progresso tecnologico anche quando il mondo andrà in fiamme a causa dell’imminente catastrofe economica e del cambiamento climatico? Un supereroe verrà in nostro soccorso, portando con sé la NATO e i grandi capitali? Può certamente assurgere alla fama di attore, ma è poco adatto al ruolo dell’onnipotente.

In risposta alle nostre domande, i sostenitori della tecnologia vogliono tamburellare nelle nostre teste il sogno di Marte, del capitalismo galattico e di una nuova era di voli spaziali e di colonizzazione, che probabilmente salvaguarderà la nostra civiltà dalla prossima apocalisse e darà alla nostra specie una speranza di sopravvivenza. Questo sarà possibile ricreando le condizioni di vita terrestri su Marte. Alcuni sognano la perfezione umana usando mutazioni biogenetiche e sequenziamento del DNA/RNA al solo scopo di creare superuomini. Altri sognano di combinare la macchina e l’uomo nelle vesti di un cyborg e di creare una futura civiltà delle macchine. Il sogno umano di perfezione e immortalità è vecchio come la religione e il mito. E le risposte a tutte le domande non vanno cercate all’esterno ma all’interno.

 

Pessimismo attivo o ideologia politica dell’apocalisse

Nel suo ultimo libro, L’apocalisse dell’ideologia politica, lo scrittore Thomas Lynch sostiene che “il pensiero deve assumere la forma di un pessimismo attivo, che permette di mettere da parte ogni speranza per questo mondo, ma senza arrendersi”. Vivere criticamente implica un allenamento costante e lo sviluppo dell’abilità di negazione e la capacità di non prendere gli eventi del mondo al valore nominale. Questa abilità vi permetterà di concentrarvi sugli scopi e le cause di qualsiasi evento piuttosto che sulle conseguenze.

Ho sempre creduto che il “mondo” come lo intendiamo noi non è il mondo reale, letterale e naturale, ma l’ordine simbolico del nostro mondo socio-culturale, politico, ideologico e di visione del mondo. Pertanto, quando parliamo della vita prima della fine del mondo, non intendiamo la fine letterale dell’ordine naturale, ma l’ordine simbolico del mondo umano virtuale cucito insieme dall’ideologia, dalla politica e dagli investimenti sociali.

L’ideologia del pessimismo apocalittico è quindi costruita su un’opposizione aggressiva all’ordine simbolico del mondo – una costruzione ideologica e una farsa politica, un mondo falso di progresso e perfezionismo umano e tecnologico che permea il tecno-ottimismo del nostro mondo globalizzato. Invece di continuare a comprare i miti dei valori neoliberali immaginati, dovremmo aprire gli occhi e stroncarli sul nascere.

Secondo Lynch, “ci sono molti momenti adatti nella storia per descrivere la fine del mondo. Ovviamente, ogni epoca e ogni società ha avuto i suoi pessimisti, visionari e coloro che ammantano la loro misantropia e nichilismo con uno strato di intellettualismo. Questa visione di coloro che credono nell’apocalisse ricorda la filosofia del cavaliere della rassegnazione infinita di Kierkegaard. Il suo libro finisce con un discorso su questo cavaliere e un confronto con il cavaliere della fede. In contrasto con queste due figure, propongo il cavaliere del pessimismo apocalittico come modello di vita apocalittica.

Ecco perché mi classifico tra i distruttori che professano il satanismo letterario del nichilismo apocalittico – sostenitori della distruzione istantanea dell’ordine simbolico della civiltà occidentale per ricominciare da zero. È importante risvegliare lo spirito, perché questa non è un’operazione di salvezza, dopo la fine non ci sarà nulla da restituire. Un nuovo inizio con un risultato sconosciuto ci aspetta.

Tra le rovine della civiltà siamo tutti cavalieri del pessimismo apocalittico, ma solo finché non emergono i tratti di un nuovo mondo basato sulle nostre aspirazioni e visioni più profonde.

Non c’è speranza qui – solo assoluta mancanza di speranza. Tutto questo accade nell’anniversario dei 200 anni dalla nascita di Dostoevskij. Le sue opere ci causano molta angoscia, ma allo stesso tempo ci aiutano e ci confortano, e se siamo capaci di lottare perché il bene trionfi prima dentro di noi, poi fuori. Siamo salvati.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

23 aprile 2022