Centri operativi informativo-psicologici dell’Occidente – Seconda Parte

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

In primo luogo, è necessario spiegare cosa intendono le forze armate statunitensi per operazioni informative.

Secondo un documento di formazione pubblicato dall’US Army War College nell’ottobre 2011:

“Le operazioni informative (IO) cercano di influenzare il comportamento dei destinatari modificando la loro capacità di prendere decisioni, difendendo contemporaneamente la capacità amica di prendere decisioni adeguate. Questo non è diverso dall’esercizio delle altre forme di potere nazionale. In questo caso il mezzo è l’informazione, ma il risultato è lo stesso. Anche se spesso definita “soft-power” o “non cinetica”, l’OI comprende l’uso di attacchi fisici contro i sistemi informativi avversari o direttamente contro i responsabili delle decisioni. L’OI impiega anche attività basate sulla tecnologia per colpire i sistemi informativi avversari. Influenzare il ciclo decisionale dell’obiettivo (talvolta definito “ciclo OODA” (osserva, orienta, decidi, agisci)) è un mezzo per influenzarne il comportamento. Ovviamente, riducendo la capacità di un avversario di prendere decisioni tempestive ed efficaci, si degrada il suo esercizio dell’iniziativa o la sua risposta all’azione militare amica. È inoltre necessario agire per proteggere le informazioni e i sistemi informativi amici da compromissioni o interruzioni, poiché le forze armate statunitensi fanno particolare affidamento su questi sistemi per mantenere la consapevolezza della situazione, supportare il processo decisionale e comandare e controllare le forze. Queste azioni di protezione non mirano a impedire il flusso illimitato di informazioni vitale per una società libera, ma piuttosto a impedire che la manipolazione o la distorsione delle informazioni da parte di un obiettivo o gli attacchi ai sistemi informativi siano efficaci.” [1]

Questo documento presta particolare attenzione al cyberspazio.

Si afferma che l’OI dovrebbe essere utilizzata per sostenere l’intero spettro del dominio, sfruttando la tecnologia dell’informazione, mantenendo il dominio strategico degli Stati Uniti nelle tecnologie in rete e capitalizzando la diffusione globale di informazioni in tempo quasi reale per influenzare i cicli decisionali del nemico, al fine di ottenere la superiorità informativa per gli Stati Uniti.

Tra le pubblicazioni più importanti di quel periodo vi sono:

Joint Pub 3-13, Information Operations, 13 febbraio 2006.

Joint Pub 3-13.1, Electronic Warfare, 25 gennaio 2007.

Joint Pub 3-13.2, Operazioni psicologiche, 07 gennaio 2010

Joint Pub 3-13.3, Operations Security (Sicurezza delle operazioni), 29 giugno 2006.

Pub congiunto 3-13.4, Inganno militare, 13 luglio 2006

Joint Pub 3-57, Operazioni civili-militari, 08 luglio 2008

Pub congiunto 3-61, Affari pubblici, 25 agosto 2010.

Il documento afferma inoltre che

“È fondamentale integrare gli alleati e i partner della coalizione nella pianificazione delle operazioni di intelligence il più presto possibile, in modo da poter sviluppare una strategia di intelligence integrata e realizzabile fin dalle prime fasi del processo di pianificazione. I requisiti per l’integrazione includono il chiarimento degli obiettivi delle OI dei partner alleati e della coalizione; la comprensione delle operazioni informative delle altre nazioni e del modo in cui intendono condurre le OI; l’istituzione di procedure di collegamento/deconfronto per garantire la coerenza; l’identificazione precoce delle vulnerabilità delle forze multinazionali e delle possibili contromisure ai tentativi dell’avversario di sfruttarle.”

In altre parole, a livello operativo, il compito era quello di estendere la propria influenza e visione alle autorità militari di altri Stati.

E ora le strutture che conducono le operazioni informative secondo la dottrina del Pentagono:

  1. Sottosegretario per la diplomazia pubblica e gli affari pubblici. Il Dipartimento di Stato è responsabile dell’Ufficio per le politiche, la pianificazione e le risorse per la diplomazia pubblica e gli affari pubblici; del Centro per le comunicazioni strategiche antiterrorismo; dell’Ufficio per l’istruzione e gli affari culturali; dell’Ufficio per i programmi di informazione internazionale e dell’Ufficio per gli affari pubblici.
  2. L’Agenzia per la sicurezza nazionale (è guidata anche dal capo del Comando informatico degli Stati Uniti, il generale Paul Nakasone).
  3. All’interno del Pentagono, i temi delle operazioni informative sono gestiti dai seguenti dipartimenti: Sottosegretario alla Difesa per la politica; Assistente Segretario alla Difesa per gli affari pubblici, la pianificazione delle comunicazioni e l’integrazione; Direttore della tecnologia dell’informazione, Dipartimento della Difesa, Agenzia per i sistemi informativi della Difesa (DISA); Centro di analisi tecnologica per la sicurezza dell’informazione (IATAC).

Inoltre, diverse organizzazioni congiunte e istituzioni educative stanno lavorando su questo tema:

  • Stato Maggiore, Vicedirettore per le operazioni globali;
  • Centro congiunto dello spettro;
  • Elemento di supporto alle relazioni pubbliche congiunte;
  • Centro congiunto per le operazioni di combattimento nel campo delle operazioni informative;
  • Comando strategico degli Stati Uniti (USSTRATCOM);
  • Comando cibernetico degli Stati Uniti (USCYBERCOM);
  • Comando per le operazioni speciali degli Stati Uniti (USSOCOM);
  • Joint Forces Staff College – Information Operations Program;
  • Information Operations Center per la formazione avanzata della US Navy Graduate School.

Cioè, l’operato dell’esercito statunitense include ovviamente il livello di supporto al ministero degli Esteri.

È significativo che nel documento la parola “propaganda” si riferisca a “qualsiasi forma di comunicazione nemica”, mentre per le proprie azioni viene scelto un ampio apparato terminologico: comunicazioni strategiche; diplomazia pubblica; operazioni psicologiche e operazioni di supporto all’informazione militare; gestione della percezione; operazioni di rete; inganno militare; organizzazioni non governative; coordinamento interdipartimentale; superiorità informativa; addestramento congiunto all’intelligence per l’ambiente operativo; assistenza informativa; gestione delle informazioni; operazioni di influenza; guerra elettronica; disinformazione; percezione desiderata; operazioni nel cyberspazio; contro-propaganda; operazioni civili-militari; comando e controllo, ecc.

La nuova formulazione afferma che:

“le operazioni informative sono l’impiego integrato, durante le operazioni militari, di capacità legate all’informazione in concerto con altre linee operative per influenzare, interrompere, corrompere o usurpare il processo decisionale di avversari e potenziali avversari, proteggendo al contempo i nostri.” [2]

Per la loro attuazione, viene selezionato personale speciale, che viene preparato e addestrato.

Come si legge sul sito web dell’esercito statunitense,

“gli operatori delle operazioni psicologiche sono pensatori adattivi specializzati in capacità non convenzionali, competenze culturali, conoscenza delle lingue, inganno militare, guerra informatica e tecniche di comunicazione avanzate attraverso tutte le forme di media. I soldati PSYOP operano in piccole squadre autonome o con altre forze per le operazioni speciali per persuadere e influenzare le popolazioni locali a sostegno degli obiettivi militari statunitensi.” [3]

Il corso di qualificazione in operazioni psicologiche dura 46 settimane. Le prime due settimane sono dedicate alle lezioni introduttive. Il secondo blocco è dedicato alla specializzazione militare e dura 10 settimane. Nelle sette settimane successive si apprende l’arte delle operazioni psicologiche dalla struttura stessa delle forze per le operazioni speciali.

In generale, comprende forze speciali, ranger, aviazione per operazioni speciali, unità per operazioni psicologiche e unità per gli affari civili. I suoi compiti principali sono l’azione diretta, l’intelligence speciale, l’antiterrorismo, la guerra non convenzionale, la difesa in paesi stranieri (in questo caso, l’Ucraina è adatta), le operazioni psicologiche e gli affari civili [4].

La quarta fase dell’addestramento dura tre settimane ed è chiamata “Cavaliere Nero”. Si tratta di esercitazioni pratiche che si avvicinano alla situazione reale, cioè esercitazioni militari in cui gli studenti sono infiltrati e devono portare a termine con successo i loro compiti in un ambiente ostile.

Altre 24 settimane sono dedicate ai corsi di lingua, un vero e proprio master.

Se nella zona di ostilità attiva questi specialisti sono impegnati nella propaganda attiva, nel ricatto, nell’intimidazione del nemico attraverso la distribuzione di volantini, messaggi sui social network e notifiche tramite altoparlanti, nei luoghi il Comando per le operazioni speciali ha divisioni funzionali. L’Esercito ha un Quarto e un Ottavo Gruppo per le Operazioni Psicologiche, l’Aeronautica ha il 193° Stormo per le Operazioni Speciali (Middletown, PA) e il Corpo dei Marines ha un Centro per le Operazioni Informatiche. Esiste anche il Comando per gli Affari Civili e le Operazioni Psicologiche dell’Esercito degli Stati Uniti, che ha sede a Fort Bragg. La Marina ha una struttura a Norfolk.

Il 160° reggimento separato per scopi speciali dell’aviazione (anfibia), chiamato “Night Stalkers”, è direttamente collegato all’attuazione di missioni speciali con particolare attenzione alle operazioni psicologiche [5].

Di particolare interesse è l’unità per gli affari civili, che si chiama “Warrior Diplomats” e ha come motto “Secure the victory”.

Come indicato, gli operatori degli affari civili sono soldati versatili, innovativi e ben addestrati che operano in piccole squadre autonome tra la popolazione locale, anche in territorio ostile o non riconosciuto.

Addestrati alle lingue straniere, alle conoscenze culturali e alle tecniche di negoziazione, i soldati degli affari civili operano tipicamente in abiti civili in più di 80 Paesi del mondo, creando reti di leader ufficiali e non ufficiali e svolgendo importanti missioni in aree diplomatiche o politicamente sensibili. L’addestramento per questa posizione richiede 48 settimane, cioè due in più rispetto ai normali combattenti per le operazioni speciali [6].

Le operazioni informative e psicologiche comprendono non solo la disinformazione, il ricatto e l’intimidazione, ma anche la creazione di un’immagine attraente degli Stati Uniti e l’attrazione di altri Stati in una zona di influenza permanente.

Ad esempio, una delle pubblicazioni di una rivista militare specializzata intitolata “Total immersion. Language, Culture, and the Colombian Military” [“Immersione totale. Lingua, cultura e esercito colombiano”] presenta l’esperienza di due specialisti in operazioni psicologiche in Colombia. Vi si descrivono, ad esempio, non solo le particolarità della vita in una base militare e della cucina locale, ma anche come il sergente Roberson, sotto forma di clown, intrattenesse i bambini del posto mostrando loro ogni sorta di trucchi, che li deliziavano per la gioia delle madri [7].

È possibile trovare pubblicazioni su come gli Stati Uniti attirino dalla loro parte Stati neutrali, come l’India, attraverso esercitazioni congiunte [8].

Se ci concentriamo sul lavoro in zona di combattimento, le operazioni informative e psicologiche del Pentagono sono associate all’uso di metodi sia nuovi che vecchi e collaudati.

Nell’ottobre 2019, il tenente generale Francis M. Beaudette ha dichiarato che “attraverso gli sforzi in Siria, abbiamo ottenuto molte più serie e ripetizioni. Sono stato accusato di chiamare rifiuti e spazzatura audio volantini e altoparlanti, ma hanno un tempo e un luogo”. E ha aggiunto: “La Siria è un ottimo esempio. Quando la fibra è stata tagliata e le torri cellulari erano fuori uso, la gente era affamata di informazioni. Quindi indovinate cosa funzionava lì? I volantini.” [9]

Va notato che i principali contenuti video per le operazioni psicologiche in Siria sono stati preparati nella base militare statunitense in Qatar.

Tuttavia, l’enfasi principale nelle operazioni psicologiche delle forze speciali statunitensi è ora posta sui social network. Joseph Dunford, presidente degli Stati Maggiori Riuniti, ha dichiarato che “tra le molte cose a cui dobbiamo pensare quando guardiamo all’estremismo violento nel futuro, la loro capacità di sfruttare la tecnologia, le capacità informatiche, le operazioni informatiche… è una delle cose che dobbiamo anticipare ed essere davanti a loro. <…> I militari hanno avuto un certo successo nel cyberspazio <…> abbiamo fatto la stessa cosa per negare loro la libertà di movimento nel cyberspazio.” [10]

È stato notato che il Comando per le Operazioni Speciali sta sviluppando nuove capacità “che ci permettono di valutare lo spazio dei social media, di valutare il dominio cibernetico, di vedere l’analisi delle tendenze, dove si sta muovendo l’opinione e poi come influenzare potenzialmente quell’ambiente con i nostri prodotti.”[11]

Nel maggio 2019, a Fort Bragg è stata annunciata una significativa espansione del numero di sottufficiali per le operazioni psicologiche a 300 persone. Nel comunicato stampa si legge che

“da una recente revisione è emerso che le attuali autorizzazioni per i gradi PSYOP sono inadeguate per tenere conto di soldati con un’ampia formazione e istruzione in teoria dell’influenza, dinamiche umane, psicologia, sociologia, lingua, cultura e politica. I sottufficiali PSYOP devono operare con successo in ambienti austeri e hanno la missione principale di persuadere le popolazioni locali a sostenere le forze militari statunitensi. Si prevede che interagiscano quotidianamente con ambasciatori statunitensi, membri di squadre di alto livello del Paese e funzionari della nazione ospitante.” [12]

Nel maggio 2020, il generale Richard Clark, capo del Comando per le operazioni speciali degli Stati Uniti, ha affermato che la vittoria nelle battaglie del futuro potrebbe dipendere non tanto dai soldati che sfondano le porte, ma da operatori tecnicamente esperti addestrati per le battaglie cibernetiche e informatiche.

“Ma abbiamo anche bisogno di codificatori. Abbiamo anche bisogno di leader che sappiano applicare [l’intelligenza artificiale]. … Non è più detto che la persona più importante della missione sia l’operatore delle Forze speciali che sfonda la porta, ma potrebbe essere l’operatore informatico che la squadra di operazioni speciali deve portare sul posto e assicurarsi che possa utilizzare i suoi strumenti informatici nella battaglia.”

Condurre operazioni informative di successo, sia a livello locale che regionale, sarà “fondamentale per la capacità degli Stati Uniti di avere successo nei combattimenti futuri” ha detto Clarke [13].

In effetti, nello stesso periodo, è stato lanciato il Joint Military Information Support Operations Web/Ops Center.

Clark ha aggiunto che “mentre guardiamo alla capacità di influenzare e plasmare in questo ambiente, avremo bisogno di strumenti di intelligenza artificiale e di apprendimento automatico specificamente per le operazioni informative che riguardano un portafoglio molto ampio. Dovremo capire come pensa l’avversario, come pensa la popolazione e lavorare in questi spazi… per assicurarci che il messaggio degli Stati Uniti, dei nostri alleati e dei nostri partner sia ascoltato e risuoni.”

Naturalmente, il cyberspazio offre l’opportunità di influenzare gli angoli più remoti del mondo. E tra le regioni rilevanti per gli Stati Uniti c’è l’Ucraina.

È significativo che già il 18 febbraio 2022, cioè prima dell’inizio dell’operazione speciale in Ucraina, il Centro per gli studi strategici e internazionali di Washington abbia indicato un pacchetto di misure che gli Stati Uniti dovrebbero adottare, tra cui le operazioni di informazione sul tema Russia e Ucraina [14].

Dopo l’inizio dell’operazione, la parte ucraina è stata apertamente consigliata su come utilizzare le tattiche di inganno militare:

“Attraverso un mix di sforzi non cinetici che degradano la guida dei missili insieme all’uso di esche, negazione e inganno, l’Ucraina può iniziare a diminuire la capacità della Russia di colpire efficacemente, un fenomeno noto come attrito virtuale nella teoria militare.”  [15]

Anche se il vero logoramento si è verificato da parte ucraina, questa attività di autori esperti americani mostra il grado di coinvolgimento nella crisi ucraina. Il capo del Cyber Command, Paul Nakasone, ha confermato ufficialmente che i loro militari hanno preso parte a tutti i tipi di operazioni informatiche mirate alle infrastrutture della Russia. Anche l’Ucraina è stata coinvolta come risorsa aggiuntiva.

Oltre alle forze armate statunitensi, la CIA ha una lunga esperienza nella conduzione di operazioni informative-psicologiche. Il quartier generale delle operazioni psicologiche aveva nomi diversi: era gestito dalla Vice Direzione della Pianificazione, dalla Direzione delle Operazioni o dai Servizi Segreti Nazionali. Ora si chiama Direzione delle Operazioni e ha i seguenti dipartimenti:

  • Agenti operativi: Si occupano di “identificare, valutare, sviluppare, reclutare e lavorare segretamente con persone che hanno accesso a informazioni di vitale importanza per l’estero”.
  • Gli ufficiali dell’intelligence “controllano e facilitano la raccolta, la valutazione, la classificazione e la diffusione di informazioni di intelligence straniera ottenute da fonti segrete”. Garantiscono che “l’intelligence estera raccolta da fonti segrete sia aggiornata, tempestiva e risponda alle più alte esigenze di politica estera e di sicurezza nazionale”.
  • Gli ufficiali operativi di staff hanno sede presso il quartier generale della CIA a Washington DC e “pianificano, dirigono e supportano le operazioni di raccolta di informazioni, le attività di controspionaggio e i programmi di azione segreta”.
  • Gli ufficiali con competenze speciali sono costituiti da un gruppo eterogeneo di “ufficiali addetti alle risorse informative, alle lingue, alle operazioni paramilitari, ai programmi e ai piani; in base agli obiettivi, molti dei quali sono certificati come Core Collector”. Essi conducono e/o supportano direttamente le operazioni della CIA utilizzando la propria lingua, i media, le competenze tecniche e/o l’esperienza militare.

Non c’è dubbio che tali specialisti si trovino anche presso l’ambasciata statunitense a Mosca.

Infine, dobbiamo prestare attenzione al processo di sviluppo di iniziative e metodi speciali per condurre guerre d’informazione. L’Agenzia per i Progetti di Ricerca Avanzata della Difesa DARPA ha costantemente nel suo arsenale una serie di programmi che riguardano direttamente le operazioni informative e psicologiche.

Ad esempio, il ricercatore della DARPA Robert Finkelstein ha dedicato diversi anni di ricerca alla memeticamilitare, che si sono svolti dal 2006 al 2009, ma sono stati pubblicati solo nel 2011. La sua presentazione contiene 155 diapositive e una descrizione dettagliata [16].

Le raccomandazioni sulle pratiche di guerra memetica sono state trasmesse alla CIA, al Comando per le Operazioni Psicologiche, al Comando Navale per la Guerra di Rete, al Comando per le Operazioni Psicologiche dell’Aeronautica, all’Agenzia di Intelligence della Difesa, a tutte le agenzie per gli affari civili e a servizi simili coinvolti nella formazione del personale militare.

Sono stati spesi milioni di dollari per queste ricerche. Oppure prendiamo il progetto della DARPA chiamato “Social Media in Strategic Communications” che ha come obiettivo:

  1. Rilevare, classificare, misurare e tracciare (a) la formazione, lo sviluppo e la diffusione di idee e concetti (memi) e (b) la messaggistica e la disinformazione intenzionale o ingannevole;
  2. Riconoscere le strutture delle campagne di persuasione e le operazioni di influenza nei siti e nelle comunità dei social media;
  3. Identificare i partecipanti e le intenzioni e misurare gli effetti delle campagne di persuasione.
  4. Contrastare la messaggistica delle operazioni di influenza avversarie individuate.

Questo obiettivo doveva essere raggiunto attraverso soluzioni tecniche quali:

  • Algoritmi di Visual Thinking per la visualizzazione di memi, argomenti e comunità dei social media;
  • Clustering Memes in Social Media;
  • Dal compito alla visualizzazione: Applicazione di una metodologia di progettazione alla visualizzazione dei meme;
  • Classificazione a due stadi per il monitoraggio dei memi nei microblog;
  • Propagazione di memi concorrenti sulle reti: A Network Science Perspective. [17]

La IARPA, un’agenzia specializzata nel campo delle tecnologie di intelligence, sviluppa anche metodi di manipolazione e analisi avanzate. Ad esempio, il programma Integrated Cognitive Neuroscience Architecture for Understanding Sensemaking (ICARUS) mira a capire come le persone gestiscono la formazione del significato in diversi contesti e come i pregiudizi influenzano i modelli computazionali [18].

In generale, la DARPA e la IARPA affinano costantemente le loro capacità di condurre guerre di informazione, approfondendo le neuroscienze e le tecniche di impatto cognitivo [19].

Quindi lo sviluppo e la diffusione dei social network e delle nuove tecnologie di comunicazione vanno di pari passo con le tecnologie militari di influenza. Si può addirittura dire che alcune applicazioni sono progettate per manipolare i loro utenti.

È necessario aggiungere un dato importante: negli Stati Uniti il personale militare in pensione entra a far parte dei quadri di varie società, agenzie di consulenza, aziende private, istituzioni educative, organizzazioni non governative e centri di analisi. Pertanto, le conoscenze sulla conduzione di operazioni informative e psicologiche sono attivamente applicate nella sfera civile a livello internazionale.

[1] https://cyberwar.nl/d/201111_info_ops_primer.pdf

[2] https://othjournal.com/2020/03/10/joint-all-domain-effects-convergence-evolving-c2-teams/

[3] https://goarmysof.com/PsyOp/PsyOprecruiting.html

[4] https://www.globalsecurity.org/intell/library/policy/army/fm/34-36/ch1.htm

[5] https://goarmysof.com/160th/SOARrecruiting.html

[6] https://goarmysof.com/CivilAffairs/CArecruiting.html

[7] https://arsof-history.org/articles/v14n3_total_immersion_page_1.html

[8]https://arsof-history.org/articles/v14n2_vajra_prahar_page_1.html

[9] https://www.armytimes.com/news/your-army/2019/10/25/syria-gave-psyops-civil-affairs-sets-and-reps-in-messaging-and-setting-up-local-governance-three-star-says/

[10] https://www.militarytimes.com/news/your-military/2018/10/16/dod-knows-future-terror-groups-seek-to-copy-isis-turn-social-media-into-a-weapon/

[11] https://www.militarytimes.com/news/your-military/2019/02/06/socom-needs-to-step-up-its-propaganda-game-pentagon-deputy-says/

[12] https://www.military.com/daily-news/2019/05/24/army-promote-hundreds-psyop-soldiers-fort-bragg.html

[13] https://www.military.com/daily-news/2020/05/12/less-door-kicking-more-influencing-changing-role-special-operators.html

[14] https://www.csis.org/analysis/russias-losing-hand-ukraine

[15] https://www.csis.org/analysis/winning-interdiction-fight-ukraine

[16] https://throughthelookingglassnews.wordpress.com/2017/12/31/robotic-technology-inc-tutorial-military-memetics-based-on-darpa-projects-potential-military-worth-of-memetics-lots-of-pictures-and-words/

[17] https://medium.com/@MichaelMcBride/why-the-us-government-spent-millions-weaponizing-memes-a894cec5a2d2

[18] http://www.iarpa.gov/Programs/ia/ICArUS/icarus.html

[19] Per altre informazioni, vedere Savin L. V. “Centaur arrows. Cyberwar American-style”,

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitika.ru/en/article/centres-informational-psychological-operations-west-part-two

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

23 giugno 2022