Centri operativi informativo-psicologici dell’Occidente – Terza Parte

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

La NATO è un’organizzazione piuttosto complessa, con una struttura estesa e competenze distribuite. Mentre il Consiglio Atlantico è il think-tank dell’intera organizzazione, le questioni specifiche sono distribuite tra i centri specializzati, il cui numero cresce di anno in anno. Il numero totale di Centri di eccellenza accreditati all’interno della struttura della NATO è attualmente di 26 [1]. Tra di essi ve ne sono alcuni che sono puramente orientati al lavoro.

Tra questi ve ne sono alcuni puramente specializzati, ad esempio sul tema della medicina militare o della guerra in territorio montano. Ma ce ne sono diversi che sono legati agli affari civili-militari e sono la sede per la preparazione e l’esecuzione di operazioni di propaganda, disinformazione e manipolazione di massa.

Il Centro per le comunicazioni strategiche, che ha sede a Riga [2], è un meccanismo esemplare per l’organizzazione delle tecniche di influenza, poiché la nozione stessa di “comunicazioni strategiche” è l’influenza informativa mirata su un pubblico straniero. Una caratteristica delle comunicazioni strategiche è la loro natura dialogica, cioè la trasmissione di informazioni attraverso uno scambio bidirezionale. Il concetto e la metodologia della comunicazione strategica sono stati sviluppati negli Stati Uniti all’interno del Dipartimento della Difesa.

I co-fondatori sono Estonia, Germania, Italia, Lettonia, Lituania, Polonia e Regno Unito. Come si legge sul sito web del centro, le sue funzioni comprendono la diplomazia pubblica, la sensibilizzazione dei media sulle attività della NATO, il collegamento civile-militare e le operazioni informative-psicologiche.

Il Centro di Riga organizza regolarmente conferenze, riviste e rapporti di ricerca. La gamma di argomenti trattati comprende le tattiche di guerra informativa che utilizzano i memi; le narrazioni delle organizzazioni estremiste; la sicurezza nell’Unione europea; la guerra informatica; il nazionalismo; le tecnologie biometriche, ecc. Un’attenzione particolare è riservata alla Russia [3].

Solo nella prima metà del 2022, il Centro ha prodotto più di 20 pubblicazioni sui bot informatici, la manipolazione dei social media, l’influenza cinese, l’intelligenza artificiale, la tecnologia 5G, il tema dei rifugiati e Nord Stream 2, tra gli altri [4]. Il Centro di eccellenza NATO per la sicurezza energetica di Vilnius celebra quest’anno il suo decimo anniversario [5]. La sua missione è assistere il Comando strategico della NATO e altre entità dell’Alleanza, Stati membri e partner. Il compito principale del centro di Vilnius è quello di fornire competenze e consulenza sull’intera gamma di questioni relative alla sicurezza energetica, comprese le interazioni tra università e industria, la logistica militare, ecc. Il Centro organizza corsi e stage per studenti (i costi di vitto e alloggio sono coperti dalla NATO).

Le riviste tematiche pubblicate dal Centro di Vilnius contengono spesso articoli che parlano della necessità di liberarsi della “dipendenza energetica dalla Russia”. La minaccia alla sicurezza energetica dell’Ucraina, presumibilmente proveniente dalla Russia, è uno dei temi ricorrenti negli ultimi numeri. Il motivo di una “guerra energetica” con la Russia, sebbene non sia dichiarato nei compiti ufficiali del centro, è presente nei materiali del centro e negli eventi che organizza. I suoi seminari regolari si concentrano sulla guerra ibrida (e quindi automaticamente su Russia e Cina) [6].

Un elemento importante delle operazioni offensive non cinetiche è il “Cybernetic Defence Centre” di Tallinn [7]. Nonostante il nome, questo centro addestra e pratica attacchi informatici alle infrastrutture russe. Inoltre, il centro è noto per aver prodotto una serie di documenti che promuovono un’interpretazione esclusivamente occidentale del cyberspazio e giustificano l’interferenza negli affari di altri Stati sotto la veste di “meccanismi legali”. Il Manuale di Tallinn, sviluppato da analisti, accademici e politici occidentali, è ampiamente conosciuto e spesso interpretato come un documento fondamentale nel campo dei conflitti informatici. In realtà, non è vincolante per l’applicazione della legge ed è solo di natura consultiva.

Nel 2022, il Centro ha pubblicato un altro manuale intitolato “Privacy and Data Protection Law in Times of Armed Conflict” [8]. Il compendio inizia con le parole “aggressione russa” in Ucraina e la parola “Russia” compare 46 volte. È chiaro che il materiale è deliberatamente di parte. Ad esempio, le parole “Cyber Command” compaiono solo una volta, anche se il generale Paul Nakasone ha ripetutamente dichiarato apertamente che il Cyber Command statunitense ha condotto una gamma completa di operazioni informatiche contro la Russia (più recentemente, durante un’operazione speciale in Ucraina). È improbabile che gli hacker statunitensi abbiano seguito le norme etiche sulla privacy e sulla protezione delle informazioni personali quando hanno violato le infrastrutture russe.

Un progetto interessante e degno di nota è il “Stability Centre”, con sede in Italia [9]. Il Centro è il collegamento dell’Alleanza Nord Atlantica con le organizzazioni internazionali e le agenzie non-NATO nel campo della stabilità. Ufficialmente, il personale del Centro svolge attività volte a rafforzare o sostituire temporaneamente la polizia locale per contribuire al ripristino e/o al mantenimento dell’ordine pubblico e della sicurezza, dello Stato di diritto e della tutela dei diritti umani. In realtà, si tratta di uno strumento di intervento umanitario e di guerra politica speciale. Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Italia, Polonia, Romania, Spagna, Paesi Bassi e Turchia sono i principali donatori del Centro. Secondo la NATO, si tratta di un’organizzazione moderna, adattabile, cooperativa e di supporto, con conoscenze e prodotti di alta qualità richiesti da una rete di clienti e partner all’interno e all’esterno della NATO [10].

Una copertura simile è il “Crisis Management and Disaster Response Centre” [11]. Questo centro si trova a Sofia, in Bulgaria e conduce vari addestramenti, corsi, seminari e conferenze. Significativamente, sotto l’egida della NATO, ha collaborato con l’Associazione civica per sviluppare giochi per computer, un altro elemento di impatto psicologico e di coinvolgimento dei giovani [12].

Il “Simulation and Modelling Centre” di Roma sostiene lo sviluppo e la gestione di un archivio condiviso di modelli, simulazioni, dati, metodi, strumenti e migliori pratiche [13]. È responsabile dello sviluppo e dell’integrazione degli strumenti e delle attività di modellazione e simulazione esistenti e futuri della NATO e nazionali. Interagisce con le agenzie nazionali del settore, le istituzioni, l’industria, il mondo accademico e le organizzazioni. Di fatto, è un hub tecnico per alcuni tipi di soluzioni nel campo delle operazioni informative e psicologiche e delle campagne militari.

Ma oltre ai centri accreditati, ve ne sono altri che non sono elencati sul sito principale della NATO. Tra questi vi è il “Specialised Defence Innovation Centre” (IDEaS), noto anche come “Innovation Hub”, con sede in Canada [14]. Il sito web elenca sette aree in cui il centro lavora. Si tratta di istruzione e formazione, meccanismi decisionali, cyberspazio, iniziative umanitarie, informazione e disinformazione, sistemi autonomi e strategia. Tuttavia, il tema più ricorrente in più aree contemporaneamente è la guerra cognitiva. Alla fine del 2020, il centro ha pubblicato uno studio sull’argomento, a firma di François de Cluzel [15]. Si legge che:

“la guerra cognitiva ha una portata universale, dall’individuo agli Stati e alle organizzazioni multinazionali. Utilizza le tecniche della disinformazione e della propaganda che mirano all’impoverimento psicologico dei recettori dell’informazione. Ognuno di noi vi contribuisce, in varia misura, consciamente o inconsciamente e fornisce una conoscenza inestimabile della società, soprattutto delle società aperte come quelle occidentali. Questa conoscenza può essere facilmente usata come arma… Gli strumenti della guerra dell’informazione, insieme all’aggiunta delle “neuro-armi”, ampliano le prospettive tecnologiche future, suggerendo che il campo cognitivo sarà uno dei campi di battaglia di domani. Questa prospettiva è ulteriormente rafforzata dal rapido sviluppo delle nanotecnologie, delle biotecnologie, delle tecnologie dell’informazione, delle scienze cognitive e della comprensione del cervello… La guerra cognitiva è una guerra di ideologie che cerca di minare la fiducia che sta alla base di ogni società… La disinformazione sfrutta la vulnerabilità cognitiva dei suoi obiettivi, approfittando di paure o convinzioni preesistenti che li predispongono ad accettare informazioni false… La guerra cognitiva sfrutta le vulnerabilità innate della mente umana per il modo in cui è progettata per elaborare le informazioni, che ovviamente sono sempre state utilizzate in guerra. Tuttavia, a causa della velocità e della pervasività della tecnologia e delle informazioni, la mente umana non è più in grado di elaborare il flusso di informazioni. Ciò che rende la guerra cognitiva diversa dalla propaganda è che tutti partecipano, in gran parte involontariamente, all’elaborazione delle informazioni e alla formazione della conoscenza in un modo senza precedenti. Si tratta di un cambiamento sottile ma significativo. Mentre prima gli individui si sottomettevano passivamente alla propaganda, ora vi contribuiscono attivamente. Lo sfruttamento della conoscenza umana è diventato un’industria di massa. E si prevede che i nuovi strumenti dell’intelligenza artificiale forniranno presto ai propagandisti opportunità radicalmente maggiori per manipolare la mente umana e modificare il comportamento umano”.

Si prevede che la guerra cognitiva sarà condotta a livello strategico. Lo dimostra un rapporto del 2020 dello staff del Centro sulla futura strategia della NATO. In esso si osserva che la guerra informativa e cognitiva in futuro sarà uno strumento decisivo del potere nazionale [16].

Il rapporto afferma inoltre che tutte le scienze saranno militarizzate, in particolare le nanotecnologie, le biotecnologie, le tecnologie dell’informazione e le scienze cognitive (scienze del cervello).

È stato sottolineato che:

“Poiché la mente umana è il dominio della guerra, la NATO dovrebbe sviluppare capacità per distorcere il flusso di informazioni agli avversari. Inoltre, la NATO dovrebbe essere pronta a utilizzare i domini dell’informazione e della cognizione sia per scopi difensivi che offensivi. Ciò inizierà con uno studio esaustivo e aggiornato sulla natura, la probabilità e lo sviluppo di questa minaccia, nonché con una valutazione delle conseguenze degli attacchi già avvenuti. La raccolta di prove, la strutturazione dello studio non solleva alcun problema specifico e può essere condivisa tra diversi partner internazionali militari e non militari, ma occorre prestare particolare attenzione alla qualità dei risultati in modo che siano ben adatti alle due fasi successive di risposta della NATO.”

È stato affermato anche che:

“Le informazioni sono fondamentali. Le rotte utilizzate dalle informazioni devono essere trattate e protette come rotte di approvvigionamento. Più in generale, la guerra dell’informazione, che di per sé non è radicalmente nuova, trae vantaggio dall’espansione di reti interconnesse che rappresentano un’ampia gamma di azioni, dal plasmare le motivazioni umane, le dinamiche di gruppo e i movimenti sociali, minare la volontà del nemico di combattere, senza combattere ma attraverso la distorsione delle informazioni e la cognizione, fino all’azione più prettamente militare. Il nostro vantaggio competitivo si otterrà utilizzando meglio gli strumenti a nostra disposizione: estrarre rapidamente le informazioni dai dati, fornire informazioni, indicazioni e autorità in modo più efficace e sicuro ai nodi in grado di agire. Si dice anche che per migliorare l’interoperabilità e la resilienza, la NATO dovrebbe prendere in considerazione la creazione di una capacità di intelligence inter-agenzie o di un’agenzia open source che utilizzi l’intelligence open source. In genere, gli utenti dei dati operano con l’1-2% delle informazioni rilevanti e un’agenzia di questo tipo migliorerebbe radicalmente la capacità della NATO di raccogliere, elaborare e analizzare i dati. Questa organizzazione potrebbe aiutare a condurre una guerra nel cyberspazio utilizzando i big data e partnership efficaci per attribuire correttamente gli attacchi in un’area in cui l’anonimato rende difficile l’attribuzione. Un’agenzia interagenzie potrebbe riunire i Paesi per sfruttare l’intelligence open source e aumentare l’interoperabilità e la resilienza.”

Sulla base di queste proposte e teorizzazioni, è ipotizzabile che la NATO stia già lavorando attivamente per sviluppare un’arma d’influenza informativa e per organizzare le unità direttamente responsabili di questa attività. È molto probabile che si stiano testando operazioni di guerra cognitiva anche contro la Russia e i nostri cittadini.

Nel 2021 August Cole (The Atlantic Council) e Harvey Le Guider con la marcatura di Allied Command hanno prodotto un saggio in stile fantascientifico sulla trasformazione della NATO – nella prima parte della pubblicazione, alti ufficiali della NATO si incontrano a Tallinn nel 2028 e hanno una conversazione, anche se contiene raccomandazioni piuttosto pratiche. Ad esempio:

La guerra è cambiata radicalmente allontanandosi dalla cinetica e lo stesso dovrebbe valere per la NATO. Le operazioni cinetiche militari tradizionali esisteranno sempre, ma il quadro generale delle minacce è molto più ampio, come dimostrato ogni giorno. Se la NATO si attiene alle sue attuali cinque aree operative, le sue capacità non saranno sufficienti a respingere gli attacchi, e questo è un percorso diretto verso l’obsolescenza.

La fiducia, soprattutto tra alleati, è una vulnerabilità deliberata. Come ogni organizzazione internazionale, la NATO si basa sulla fiducia tra i suoi partner. La fiducia si basa sul rispetto di alcuni accordi espliciti e tangibili, ma anche su “contratti invisibili”, uno scambio di valori, che non è facile quando tante nazioni alleate si sono combattute per secoli.

Questo ha lasciato ferite e cicatrici nel panorama cognitivo/informativo che i nostri avversari studiano con grande attenzione. Il loro obiettivo è identificare i “centri di attrazione cognitiva” dell’Alleanza, da colpire con “armi informative”. Sapete cosa intendo, un arsenale di fake news, falsi profondi, cavalli di Troia, avatar digitali… Si tratta della sfera umana. La sfera “cognitiva” e quella “informativa” svolgono un ruolo significativo in queste nuove minacce. Ma, a meno di non distorcere, distorcere il loro vero significato, nessuno di essi può coprire l’intera gamma di minacce che oggi provengono da altri ambienti (basti pensare alla biologia e alle neuroscienze e poi mescolarle insieme!). L’ambiente umano si occupa di questi ambienti, cosa che i cinque ambienti attuali non fanno. Quindi, sì, abbiamo bisogno di un nuovo ambiente. E non può essere solo il dominio cognitivo o quello dell’informazione. L’industria e il mondo accademico devono lavorare insieme su questo tema.

Minoranze dedicate: Il progresso della scienza, di tutti i tipi di scienza, comprese le scienze della sfera umana, ha creato una situazione senza precedenti nella storia dell’umanità. Mai prima d’ora singoli individui e minoranze impegnate hanno avuto a disposizione un tale potere distruttivo.

Non lo risolverete da soli. Le vulnerabilità legate al dominio umano, come i Centri di attrazione cognitiva, rappresentano indubbiamente una minaccia significativa per la NATO, ma sono applicabili anche a livello nazionale [17].

La seconda parte del saggio parla anche di un’esercitazione in territorio norvegese nel 2029.

Nel giugno 2021, il Centro ha pubblicato un altro studio sulla guerra cognitiva [18]. In esso si afferma che:

“La guerra cognitiva è un approccio a tutto campo che combina le capacità di guerra non cinetiche di ingegneria informatica, informativa, psicologica e sociale per vincere senza combattimenti fisici. È un nuovo tipo di guerra, definito come l’uso dell’opinione pubblica da parte di attori esterni come arma. Ciò avviene per influenzare e/o destabilizzare una nazione. Questi attacchi possono essere pensati come una matrice: comprendono pochi e molti; influenzano pensieri e azioni; i bersagli vanno dall’intera popolazione a misure individuali; tra comunità e/o organizzazioni. Gli attacchi mirano a modificare o rafforzare i pensieri. Il modo in cui viene condotta differisce dai settori più tradizionali della guerra. La guerra dell’informazione cerca di controllare ciò che il pubblico bersaglio vede, la guerra psicologica controlla come il pubblico bersaglio si sente, la guerra informatica cerca di disturbare le capacità tecnologiche dei Paesi bersaglio, mentre la guerra cognitiva si concentra sul controllo di come il pubblico bersaglio pensa e reagisce.”

Nel marzo 2022, il Centro ha pubblicato gli atti del Simposio sulla guerra cognitiva tenutosi nel giugno 2021 a Bordeaux, in Francia [19]. In essi vi si afferma che:

“La guerra cognitiva è una forma di guerra non convenzionale che utilizza strumenti cibernetici per alterare i processi cognitivi del nemico, sfruttare i pregiudizi mentali o il pensiero riflessivo e provocare distorsioni del pensiero, influenzare il processo decisionale e impedire le azioni con conseguenze negative sia a livello individuale che collettivo.”

Ciò è ovviamente legato al concetto di guerra cibernetica, che utilizza strumenti informatici digitali per ottenere il controllo, alterare o distruggere tali strumenti. Tuttavia, la guerra cognitiva va oltre le informazioni e si rivolge al modo in cui i cervelli umani affrontano tali informazioni. Quindi, va oltre le conseguenze umane della guerra informatica che coinvolge l’ingegneria informatica, la robotica e il software; l’effetto cognitivo non è un sottoprodotto dell’azione, ma è molto oggettivo. Questo obiettivo è indipendente dalla tecnologia utilizzata per raggiungerlo. Si tratta di una “guerra psicologica, sociale e tecnica” da un lato e di una forma di “guerra per l’influenza” dall’altro, che utilizza mezzi cibernetici. In particolare, in un contesto militare, si tratta di una strategia finalizzata al combattimento, alla sorveglianza o alle azioni di sicurezza. Esistono altre definizioni per concetti correlati. Il “combattimento cognitivo” si riferisce all’uso effettivo, localizzato e temporaneo di strumenti tattici per influenzare le capacità cognitive. Questa azione si svolge come parte di una strategia più ampia per raggiungere obiettivi cognitivi.

L’azione offensiva è caratterizzata da un approccio incentrato sull’inseguimento, che sfrutta sistematicamente i punti deboli, mentre la postura difensiva prevede lo sviluppo di capacità di resistenza e prevenzione con strumenti simili. Si potrebbe utilizzare la nozione di “conflitto cognitivo”, dove il contatto è generalizzato e il confronto dei processi cognitivi è la regola. Ma questa nozione deve ancora essere teorizzata.

Gli atti del simposio comprendono relazioni sul tema dell’intelligenza artificiale, un’analisi dei metodi di diffusione della propaganda cinese e la presentazione di nuovi concetti come la scienza cognitiva (analoga alla genetica, ma solo per il campo della ricerca sul cervello) e la cyberpsicologia (una sintesi di cibernetica e psicologia).

Tenendo conto di questi sviluppi e del corso generale verso la militarizzazione delle scienze, delle dichiarazioni aperte sulla necessità di condurre nuovi tipi di guerre non cinetiche mirate alla coscienza umana, sorge la domanda non solo sulla necessità di contrastare tali tentativi aggressivi, ma anche sulla loro ammissibilità, perché non stiamo parlando nemmeno di nemici condizionati (che la NATO può inventare a sua discrezione, nascondendosi dietro i diritti umani o altri slogan politici), ma della minaccia per la maggior parte dei Paesi e dei popoli del mondo, compresi i cittadini della NATO, perché queste tecnologie manipolano e manipolano le persone.

 

Fonti:

[1] https://www.nato.int/cps/en/natohq/structure.htm#OA

[2] https://stratcomcoe.org/

[3]             https://ruskline.ru/opp/2018/iyun/9/o_centrah_peredovogo_opyta_nato_v_pribaltike

[4] https://stratcomcoe.org/publications

[5] https://enseccoe.org/en/about/6

[6]            https://enseccoe.org/data/public/uploads/2017/03/zurnalas_no11_sp_176x250mm_3mm_2.pdf

[7] https://ccdcoe.org/

[8]    https://ccdcoe.org/uploads/2022/06/The-Rights-to-Privacy-and-Data-Protection-in-Armed-Conflict.pdf

[9] https://www.nspcoe.org/about-us/history/nato-sp-coe

[10] https://act.nato.int/articles/nspcoe-responds-coronavirus-challenge

[11] https://www.cmdrcoe.org/

[12] http://game.activestart.bg/

[13] https://www.mscoe.org/

[14] https://www.innovationhub-act.org/content/all-initiatives

[15]         

https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2021-01/20210122_CW%20Final.pdf

[16] https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2020-06/WF2040Report.pdf

[17]         https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2021-04/ENG%20version%20v6.pdf

[18]      https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2021-07/210601%20Cognition%20Workshop%20Report-%20v3.pdf

[19]  https://www.innovationhub-act.org

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

9 luglio 2022

One Reply to “Centri operativi informativo-psicologici dell’Occidente – Terza Parte”

Comments are closed.