Chi è il vero “cattivo” del film “Jurassic World: Il Dominio”? Una riflessione sul “Cattivo/a” e sulla malvagità umana [4]

image_pdfimage_print

di Fabrizio Manco

 

Evoluzione degli insetti

Gli insetti, discendenti dagli artropodi acquatici, furono i primi organismi a colonizzare la terraferma, circa 300 milioni di anni fa, durante il Carbonifero.  Gli insetti sono quindi tra gli esseri viventi ad avere la struttura anatomica e il genoma più antichi in assoluto.   Essi si evolsero in innumerevoli specie di ogni dimensione, come imenotteri, ortotteri, coleotteri, libellule, farfalle, api, vespe, cicale, grilli, cavallette e locuste. Durante il Mesozoico (Triassico, Giurassico, Cretaceo), le libellule raggiunsero dimensione gigantesche, come dimostrano i reperti fossili di Meganeura Monyi, Brogniart, 1893).

La Meganeura monyi (Brogniart, 1893), è la più grande libellula della storia degli insetti. La sua apertura alare raggiungeva le dimensioni di 75 centimetri e il suo corpo era di circa 1 metro di lunghezza. Visse circa 300 milioni di anni fa, durante il Carbonifero.

Durante il Carbonifero quindi gli insetti e gli artropodi raggiunsero dimensioni giganteschi, come le già citate libellule giganti e il gia visto millepiedi gigante: l’Arthropleura. Le locuste giganti del Cretaceo, quindi, non sono una invenzione del regista Colin Trevorrow.  Ma sono realmente esistite locuste di queste dimensioni, in quanto durante il Mesozoico, gli insetti erano molto più grandi di quelli odierni.

Nel Pozzo di Messel, un giacimento fossilifero ubicato in Germania, risalente al periodo Eocene, cioè circa 50 milioni di anni fa, furono scoperti, oltre ad una notevole quantità di specie di mammiferi preistorici, anche numerosissime specie di insetti: circa 10. 000. Per la maggior parte cicale (Cicadidae, Westwood, 1840), formiche alate giganti (Latreille, 1809) e coleotteri (Coleoptera, Linnaeus, 1758). E la cosa sorprendente è che si sono conservati per milioni di anni con lo spettro dei colori del corpo ancora intatto sia all’interno della resina, che all’interno dei blocchi di pietra.  Il Pozzo di Messel è conosciuto soprattutto per i mammiferi placentari e marsupiali, che in questa epoca, quella dell’Eocene, erano all’inizio della loro evoluzione. Nell’ Eocene l’attuale zona del Pozzo di Messel, cioè la Germania, era posizionata circa dieci gradi più a sud di oggi.  Questo ha favorito un clima umido e afoso, e quindi una crescita notevole di foreste e di giungle tropicali, nelle quali vivevano mammiferi placentari come l’Europolemur, una proscimmia affine ai lemuri, il Darwinis masillae, un’altra proscimmia, Lepticidium, un mammifero simile ad un toporagno che saltava come un canguro, e il Propalaeotherium, uno degli antenati degli equini.

 

I cattivi umani di Jurassic world il Dominio

Tuttavia, nonostante la minaccia dei dinosauri e delle locuste giganti modificate geneticamente, i veri nemici del film a mio avviso sono gli esseri umani. La specie umana si classifica ancora come il peggiore nemico in assoluto. Ho detto prima che il Dr. Henry Wu non è un cattivo, ma un uomo ambizioso. I veri cattivi sono gli speculatori che lo hanno costretto a creare nuovi dinosauri geneticamente modificati, come gli avidi Eli Mills e Gunnar Eversoll. Ma non dimentichiamo che all’inizio anche Claire Dearing era favorevole alla creazione di un nuovo dinosauro geneticamente modificato, come l’Indominus Rex, il quale secondo lei, avrebbe attirato più pubblico con l’effetto Wow.  Sappiamo tutti come andrò a finire.  Claire Dearing, infatti, la si può considerare una Cattiva redenta, poiché successivamente agli avvenimenti di Jurassic world, cambiò radicalmente il suo punto di vista sui dinosauri, visti non più come creature da sfruttare per il profitto, ma come esseri viventi da amare e proteggere. Sono tanti i cattivi redenti nella letteratura e nella cultura pop. Primo fra tutti Don Rodrigo del romanzo I promessi sposi di Alessandro Manzoni (1785- 1873), oppure il principe Vegeta, il famigerato Sayan del manga e poi diventato serie animata Dragon ball Z (1989- 1996), di Akyro Toryama

I tre cattivi umani di Jurassic world il Dominio sono tre: Rainn Delacourt, Soyona Santos e Lewis Dodgson. 

Rainn Delacourt è un mercenario al servizio di Lewis Dodgson e di Soyona Santos. Un brutto tipo poco raccomandabile, come suggerisce sia il suo comportamento che la definizione che gli dà Franklin Dabb parlando con Claire Dearing e Owen Grady. Infatti, è lui che cattura il cucciolo Beta e lo carica sul camioncino per portarlo all’imbarco dell’aeroporto diretto alla sede della Byosin genetic.  Il DNA di Beta è importantissimo perché permette di capire come è stata clonata Maisie Lockwood, in quanto anche Beta è un clone. Quando Beta nel bosco della Sierra Nevada cerca di dare un morso alla volpe catturata da sua madre Blue, il cucciolo salta in aria e viene imprigionato in una rete. E da lì portato di corsa all’imbarco.

Soyona Santos è la capo responsabile del traffico illegale dei dinosauri, che da Malta vengono portati direttamente alla Byosin Genetic.  C’è lei dietro il rapimento sia sia di Beta che della ragazzina Maisie Lockwood. Il carattere e il comportamento di questa giovane donna molto affascinante sono molto peggio di quello di Rainn Delacourt: quando Owen Grady si trova a Malta, Soyona Santos non ci pensa due volte a dare l’ordine di liberare I quattro famigerati Atrociraptor marshalli dalle loro gabbie. Tanto è vero che la decisione lascia di stucco lo stesso Rainn Delacourt. È lei che fa inseguire Owen Grady dai quattro Atrociraptor marshalli per impedirgli di raggiungere l’aereo e di salvare così la piccola Maisie Lockwood. Mentre infatti sta per essere arrestata, nasconde dietro la schiena il telecomando per aprire le gabbie, e in un secondo fa lanciare all’inseguimento di Owen Grady i quattro Atrociraptor marshalli. Soyona Santos, una donna abile anche nelle arti marziali, dallo sguardo di ghiaccio e vestita in modo elegante, è il cattivo più pericoloso del film, preceduta soltanto da Lewis Dodgson.

Ed eccoci a Lewis Dodgson: Dogson! è arrivato Dogson! disse una volta ironicamente il corrotto Dennis Nedry sul tavolo del loro primo incontro.  Lewis Dodgson, da sempre rivale della Ingen di John Hammond, dopo un tentativo andato a monte di sabotare la società, facendo rubare dal corrotto Dennis Nedry i famosi e preziosi embrioni congelati dal laboratorio di Isla Nublar, finalmente dopo tanti anni ha trovato la sua rivincita. Con la sua Byosin Genetic ha ormai il potere genetico in mano, se non fosse per la sua Ubris.

Il suo progetto segreto con la Byosin Genetic è quello di creare dei parassiti in grado di divorare in breve tempo tutte le piante coltivate per l’alimentazione degli animali e degli esseri umani. Facendo così la Byosin Genetic si assicura il monopolio delle sue produzioni agricole. Ma il progetto segreto di Dogson viene ostacolato dal suo braccio destro Ramsey, e da Ian Malcom, Ellie Sattler e Ian Malcom, i quali vengono subito informati segretamente da Ramsey. Ellie Sattler, tuttavia, si accorge che qualcosa non quadrava quando viene contattata dai genitori dei due ragazzini che hanno visto le locuste giganti. Ellie Sattler infatti porta una locusta come prova ad Alan Grant. Ma servono altre prove, come quella del genoma delle locuste giganti.  Se si scopre che le locuste furono volontariamente alterate con il vecchio DNA del Cretaceo, vuol dire che c’è un piano sotto.  Ed è proprio questo che ha fatto Lewis Dodgson con la Byosin Genetic. 

Non appena fu scoperto, cerca di eliminare le prove, cioè le locuste giganti, dando fuoco all’intero allevamento sotterraneo di locuste giganti modificate geneticamente, posizionato sotto il livello dei laboratori principali. Le locuste giganti infuocate si disperdono impazzite per tutta la valle della Byosin genetic, causando danni ai dinosauri e alla vegetazione. Tuttavia, il Dottor Henry Wu, con lo studio del genoma di Maisie Lockwood, riesce finalmente ad eliminare l’errore delle locuste giganti: la loro incontrollata riproduzione. Così, risolto l’errore, libera alcune locuste con il genoma corretto, e nel giro di qualche mese, la situazione torna sotto controllo. 

 

Il cattivo perdente radicale

Lewis Dodgson è un Perdente radicale. Con questo termine, coniato dal filosofo e saggista Tedesco Hans Magnus Enzensberger (1929…), nel suo libro omonimo, Il perdente radicale (2006), si indica il cattivo ormai sconfitto che pur di non accettare la sconfitta, elimina sé stesso possibilmente coinvolgendo altre persone. Il Kamikaze Orientale e Arabo Musulmano è il perdente radicale. Ma anche Adolf Hitler è stato un perdente radicale. Il terrorista Islamico che si autoelimina per vendetta è il Perdente Radicale. Le madri che eliminano I loro figli per vendetta nei confronti dei compagni e dei mariti sono delle perdenti radicali.  Martina Patti è una perdente radicale. 

Nei fumetti, come il manga Dragon ball (1986- 1989), di Akyro Toryama, i nemici principali di Goku, Lord Freezer (saga di Namecc), Cell (saga degli androidi) e Majinbu (saga di Majinbu), sono dei perdenti radicali. Non appena capiscono di essere sconfitti, si autodistruggono, eliminando anche gli altri. Ma anche nelle fiabe troviamo lo schema egoico del perdente radicale: la strega di Biancaneve, Grimilde, decide di eliminare sé stessa, trasformandosi in vecchia decrepita, pur di eliminare Biancaneve.

La specie umana (Homo Sapiens Sapiens, Linnaeus, 1758), con il suo ego smisurato è il vero nemico di ogni epoca e di ogni storia. I più feroci dinosauri e le più mostruose locuste giganti fagocitanti, agisce per sopravvivere, ma l’essere umano agisce per il piacere di fare del male, sapendo di fare del male.  I mostri descritti nel genere fantasy e nel genere fantastico sono molto spesso delle personificazioni della malvagità umana, frutto dell’attaccamento all’ ego.  E infatti l’ego la causa principale di ogni azione malvagia, come avidità, cattiveria, uccisioni, genocidi e violenze. Se si vuole riportare la pace e la gioia dobbiamo eliminare l’ego dalle nostre vite.

 

Bibligorafia

Jurassic world Dominion: La storia, Edizioni Fabbri editori.

Jurassic world: Il Dominio, regia di Colin Trevorrow, Amblin Entertainment and Universal Pictures, 2022.

La Bibbia, Edizioni CEI.

Dragon Ball Z, Akyro Toryama. 

Foto: Wired

28 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube