Cina e Russia bastioni del mondo multipolare che rompono il dominio degli Stati Uniti

image_pdfimage_print

di Liu Xiang

Come afferma il filosofo e analista politico russo Aleksandr Dugin, il mondo unipolare, l’ideologia globalista e l’egemonia occidentale stanno crollando e gli Stati Uniti non vogliono restare a guardare. Washington è disposta a intraprendere qualsiasi azione per impedire che ciò accada. Così è sorto il problema dell’Ucraina quando gli Stati Uniti hanno dichiarato una “imminente invasione russa”.

Tuttavia, l’attuale crisi ucraina non è essenzialmente un problema russo-ucraino, ma americano-europeo. L’istigazione statunitense alla crisi ucraina mira a prendere due piccioni con una fava, a reprimere la Russia e a stabilizzare la NATO. Poiché al giorno d’oggi i membri europei della NATO sono sempre più alienati dagli Stati Uniti, gli Stati Uniti devono sfruttare la crisi ucraina per dividere la Russia e l’Europa, consolidare la NATO e rafforzare il controllo degli Stati Uniti sull’organizzazione. Di conseguenza, i paesi europei dovrebbero rafforzare la NATO così come l’alleanza transatlantica.

Oltre all’Ucraina, ci sono molte altre leve disponibili per gli Stati Uniti in Europa. Piccoli paesi come la Lituania possono essere facilmente controllati e utilizzati dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono più preoccupati per la mancanza di conformità da parte di grandi paesi come Germania e Francia, che potrebbe portare le relazioni Europa-USA a deragliare dall’attuale binario. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti stanno disperatamente cercando di rovinare il progetto del gasdotto Nord Stream-2 e impedire a Germania e Russia di formare una sorta di partnership economica.

Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto in Europa per prendere di mira la Russia è di natura simile alle loro operazioni anti-cinesi nella regione Asia-Pacifico. La ricerca del globalismo da parte degli Stati Uniti dalla seconda guerra mondiale è stata essenzialmente il desiderio di mantenere un mondo in cui ha il sopravvento. Al momento, gli Stati Uniti stanno cercando di ampliare la propria cerchia di amici, escludendo solo Cina e Russia. Questo perché, secondo gli Stati Uniti, solo queste due potenze hanno la capacità di proteggere la propria sovranità.

In definitiva, gli Stati Uniti non vogliono che un altro paese dominante emerga al di fuori del Nord America. La Cina è la seconda economia più grande del mondo e ha sufficienti capacità di difesa militare, mentre la Russia è una formidabile potenza militare con un vasto territorio e abbondanti risorse. Nel frattempo, l’alto grado di coerenza strategica tra Cina e Russia farebbe invidia a tutti i paesi storicamente allineati. La partnership tra Cina e Russia non è un’alleanza. Ma i due si offrono un solido sostegno politico ed economico. Con una cooperazione politica, economica e di sicurezza profonda e stabile, Cina e Russia assicureranno che ci sia più di un polo nel mondo, ispirando altri paesi a fare del loro meglio per diventare pienamente sovrani.

Poiché gli Stati Uniti comprendono il potere di Cina e Russia, hanno cercato di raccontare una storia di “Cina e Russia malvagie che si uniscono per minacciare il mondo” e propagandano costantemente le “minacce” della cooperazione cinese-russa. Gli Stati Uniti credevano che la Russia si sarebbe assimilata all’Europa nel modo che preferivano dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica, ma la realtà rivela un’altra storia. Ciò ha messo a disagio gli Stati Uniti e le sue ansie sono ulteriormente aumentate con l’ascesa della Cina come civiltà diversa dall’Occidente. Di conseguenza, c’è l’inevitabile demonizzazione di Cina e Russia. Questo, tuttavia, non ha senso in quanto nulla può fermare lo sviluppo della Cina o l’amicizia tra Cina e Russia.

Le relazioni Cina-Russia sono diventate la pietra angolare dell’ordine internazionale multipolare. L’era unipolare è stata solo un’illusione fugace per un decennio circa dopo la Guerra Fredda, ma gli Stati Uniti cercano ancora di alimentarla. Tuttavia, Cina e Russia esistono come due bastioni nel mondo che gli Stati Uniti non possono sfondare, il che è una garanzia fondamentale di un mondo multipolare.

L’autore è ricercatore presso la Chinese Academy of Social Sciences.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

26 febbraio 2022