Come gli Stati Uniti stanno spingendo l’India verso il multipolarismo

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Per diversi mesi gli Stati Uniti hanno ripetutamente cercato di costringere l’India a rompere i legami con la Russia, abbandonando così i propri interessi nazionali. Nuova Delhi, tuttavia, continua a resistere ai tentativi americani di assoggettare la propria economia ai dettami di Washington.

L’ultima polemica ha riguardato il tentativo di imporre controlli sui prezzi del petrolio russo da parte del G7 e i divieti dell’UE e del Regno Unito sulla spedizione e sui servizi correlati al petrolio russo.

L’India non è interessata ad aderire all’iniziativa guidata dagli Stati Uniti, poiché ottiene uno sconto significativo sul petrolio dalla Russia e vuole mantenere le relazioni con un partner strategico di lunga data. Il ministro degli Esteri indiano Subramaniam Jaishankar si è recato a Mosca l’8 novembre per discutere del proseguimento delle vendite di petrolio. Ha dichiarato che l’India intende continuare ad acquistare il petrolio russo, ignorando ancora una volta gli appelli degli Stati Uniti ad alleati e partner per isolare la Russia dai mercati mondiali.

I piani del G7 probabilmente faranno salire i prezzi del petrolio (nonostante le dichiarazioni contrarie del Segretario del Tesoro americano Janet Yellen) e ridurranno la disponibilità di navi cisterna, mettendo a rischio la sicurezza energetica dell’India e danneggiando la sua economia, che è il terzo consumatore e importatore di petrolio al mondo.

La Russia ha dichiarato che non venderà petrolio a nessun Paese coinvolto nello schema di price cap e Jaishankar ha ripetuto più volte che l’India non può permettersi di acquistare petrolio a prezzi elevati, almeno non senza danneggiare la sua crescita economica, che si prevede sarà del 6,1% nel 2023, rendendo l’India la grande economia a più rapida crescita del mondo. Secondo Energy Intelligence, in ottobre la Russia è diventata il principale fornitore di greggio dell’India, con oltre 900.000 barili al giorno, pari a circa un quinto delle esportazioni indiane di petrolio.

La preoccupazione maggiore dei due Paesi è quella di garantire che il greggio russo continui a circolare dopo i divieti imposti dall’UE e dal Regno Unito il 5 dicembre e i relativi limiti di prezzo del G7.

A causa di questo atteggiamento attendista, non c’è ancora chiarezza. L’esperto di sanzioni e partner dello studio legale Seward & Kissel Bruce Paulsen ritiene che “se non arriveranno presto indicazioni sulla conformità [al price cap], alcuni operatori del settore potrebbero essere lasciati in disparte fino a quando non saranno in grado di determinare se i prezzi stanno influenzando la sicurezza dell’approvvigionamento”.

Gli Stati Uniti hanno temporaneamente smesso di fare pressioni sull’India affinché si attenga ai massimali di prezzo, e la Yellen ora dice che Washington è “contenta” se Nuova Delhi continua ad acquistare tutto il petrolio russo che vuole, anche a prezzi superiori ai massimali fissati dal G7. Anche se l’India non potrà utilizzare i servizi assicurativi, finanziari o marittimi occidentali per il trasporto del petrolio.

Le raffinerie indiane sono in grado di lavorare altri 600.000 bpd di greggio russo, a condizione che questo batta i principali gradi mediorientali, che costituiscono la base di raffinazione del Paese, pari a 5 milioni di bpd. Ma la disponibilità di consegna e assicurazione, così come di canali di pagamento, è fondamentale. A partire dal 5 dicembre, alle petroliere e alle assicurazioni marittime legate ai Paesi dell’UE e del G7, che dominano le spedizioni globali di petrolio, sarà vietato il commercio del greggio russo, a meno che tali volumi non siano venduti a un prezzo massimo, che non è ancora stato determinato. Inoltre, il 90% del commercio di liquidi in India è rifornito da navi cisterna straniere, il che crea problemi. L’assicurazione di per sé non sembra essere così problematica e le imprese russe e cinesi potrebbero essere in grado di gestirla.

Ciò potrebbe rendere la Russia dipendente da una flotta ombra di petroliere più vecchie che non effettuano transazioni in dollari. Recentemente Braemar, una società di brokeraggio, ha riferito che 33 petroliere che prima trasportavano esportazioni iraniane o venezuelane, da aprile trasportano esportazioni russe, per lo più verso la Cina e in seconda battuta verso l’India.

Questa “flotta ombra” rappresenta le petroliere che hanno trasportato petrolio iraniano o venezuelano almeno una volta nell’ultimo anno. Il numero totale di queste navi cisterna è ora di 240, per lo più di piccole e medie dimensioni, con il 74% di età pari o superiore a 19 anni. Ottanta di queste navi sono very large crude carrier (VLCC, petroliere da 2 milioni di barili), che non potrebbero fare scalo nei porti russi, ma potrebbero essere utilizzate per trasportare carichi russi da una nave all’altra.

Allo stesso tempo, Washington sta esercitando pressioni su Nuova Delhi affinché rispetti i massimali di prezzo e sta importando dall’India una maggiore quantità di gasolio sottovuoto, che viene utilizzato nelle raffinerie per produrre altri prodotti come benzina e diesel. La Russia è stata un fornitore chiave di gasolio sottovuoto per le raffinerie statunitensi fino al febbraio 2022.

Le sanzioni degli Stati Uniti e dell’UE non si applicano ai prodotti raffinati ottenuti dal petrolio russo esportato da un Paese terzo, in quanto non sono di origine russa. In India, le raffinerie hanno aumentato le importazioni di greggio russo a 793.000 bpd tra aprile e ottobre, rispetto ai soli 38.000 bpd dello stesso periodo dell’anno precedente, secondo i dati commerciali.

Nel contesto in cui gli Stati Uniti stanno cercando di costruire la loro strategia indo-pacifica per affrontare la Cina, le azioni di Nuova Delhi stanno chiaramente causando problemi a Washington. La possibilità che l’India persegua i propri interessi nazionali non sembra essere stata presa in considerazione in questa strategia.

Le tensioni sulla limitazione dei prezzi del petrolio proveniente dalla Russia sono solo le ultime di una serie di disaccordi tra Nuova Delhi e Washington. Le sanzioni statunitensi sulle esportazioni di petrolio iraniano privano anche l’India del petrolio iraniano a basso costo e la costringono ad acquistare esportazioni di energia più costose dagli Stati Uniti. L’India è attualmente il principale esportatore di petrolio dagli Stati Uniti.

Così come Washington sta armando la Grecia e Cipro nel tentativo di costringere la Turchia a tagliare i legami con la Russia, gli Stati Uniti stanno facendo lo stesso in Pakistan per fare pressione sull’India. Dopo aver rovesciato l’ex primo ministro pakistano Imran Khan, che accusa gli Stati Uniti di aver perso il potere con un voto di sfiducia, Washington sta cercando di trovare approcci al nuovo governo. A settembre, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha fatto infuriare l’India approvando un accordo da 450 milioni di dollari per l’aggiornamento della flotta pakistana di jet da combattimento F-16. Poco dopo, l’ambasciatore statunitense in Pakistan ha inasprito le tensioni durante una visita alla parte del Kashmir controllata dai pakistani, che ha definito “Kashmir amministrato dai pakistani” invece del “Kashmir amministrato dai pakistani” approvato dalle Nazioni Unite.

L’8 novembre, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha persino dato lezioni all’India su ciò che è nel suo interesse: “Abbiamo anche chiarito che non è il momento di fare affari come al solito con la Russia, e i Paesi di tutto il mondo hanno l’obbligo di fare tutto il possibile per allentare i loro legami economici con la Russia”. È nell’interesse collettivo, ma anche bilaterale, dei Paesi di tutto il mondo porre fine alla dipendenza dall’energia russa e, naturalmente, liberarsene nel tempo. Diversi Paesi hanno avuto l’amara esperienza che la Russia non è una fonte affidabile di energia. La Russia non è un fornitore di sicurezza affidabile. La Russia è tutt’altro che affidabile in tutti gli ambiti. Quindi non è solo nell’interesse dell’Ucraina, non solo nell’interesse della regione, ma è nell’interesse collettivo dell’India ridurre la sua dipendenza dalla Russia nel tempo, ma anche nell’interesse bilaterale dell’India stessa, visto quello che abbiamo visto in Russia”.

Naturalmente, questo non è vero. E l’India ne è ben consapevole. La Indian Observer Research Foundation ha pubblicato il 2 novembre i risultati di un sondaggio che mostra come il 43% degli indiani consideri la Russia il partner più affidabile per il proprio Paese, ben prima degli Stati Uniti (27%). Washington non riesce a spiegare perché sarebbe meglio per l’India ridurre i suoi legami economici con la Russia.

Il commercio bilaterale dell’India con la Russia ha raggiunto il livello record di 18,2 miliardi di dollari tra aprile e agosto di quest’anno fiscale, secondo gli ultimi dati del Ministero del Commercio. La Russia diventa così il settimo partner commerciale dell’India, rispetto al 25° posto dello scorso anno. Stati Uniti, Cina, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Iraq e Indonesia sono ancora davanti alla Russia.

L’India, l’Iran e la Russia hanno inoltre dedicato gli ultimi due decenni allo sviluppo del Corridoio di trasporto internazionale Nord-Sud per incrementare gli scambi commerciali tra i Paesi, che ha assunto un’importanza maggiore con l’imposizione di sanzioni occidentali a Mosca. LoadStar riporta che RZD Logistics, una filiale del monopolio ferroviario russo RZD, ha avviato servizi regolari di treni container da Mosca all’Iran per servire il crescente commercio con l’India attraverso il trasbordo.

L’obiettivo è quello di massimizzare l’uso del Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), una rete di trasporto merci multimodale transfrontaliera in Asia centrale che aiuta i due partner strategici a superare le sfide della catena di approvvigionamento causate dalle sanzioni occidentali contro la Russia.

Secondo fonti industriali, il tempo di transito lungo la rotta nazionale “oceanica” è stimato in 35 giorni, rispetto ai circa 40 dei precedenti trasporti tradizionali.

La pressione sull’India sembra solo incoraggiare Nuova Delhi a cercare modi per allontanarsi dalla dipendenza dal dollaro. Loadstar aggiunge che anche la Reserve Bank of India sta introducendo nuove linee guida normative per aiutare gli esportatori a pagare le spedizioni in rupie anziché in dollari. La Federazione delle organizzazioni indiane per l’esportazione sta inoltre spingendo il governo a introdurre un metodo di valuta alternativo al di fuori del mercato russo. È interessante notare che il Pakistan sta chiedendo al Ministero del Commercio russo di introdurre un meccanismo di scambio di valuta per rafforzare i legami economici tra i due Paesi.

Gli Stati Uniti e l’Occidente, con le loro azioni sconsiderate, stanno spingendo l’India e altri Paesi a ridisegnare le rotte logistiche e a cercare soluzioni finanziarie ed economiche alternative, favorendo la costruzione di un’architettura multipolare.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

26 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube