Con le sanzioni Ursula rovinerà l’Europa intera

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

L’Unione Europea imporrà restrizioni alla fornitura di prodotti da aziende metallurgiche russe. Ha paura di toccare il gas.

Bruxelles non riesce ancora a calmarsi e continua la guerra delle sanzioni contro la Russia. “Vieteremo l’importazione di prodotti chiave dell’industria siderurgica dalla Federazione Russa. Ciò colpirà il settore centrale del sistema russo (economico – ndr), privandolo di miliardi di dollari di proventi da esportazione e garantendo che i nostri cittadini non sovvenzionino la guerra”, ha affermato la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, in un comunicato diffuso la sera del 11 marzo.

Gli eurocrati di Bruxelles sono stati presi da una ondata di entusiasmo pacifista e si sono messi al lavoro per decretare altre nuove sanzioni alla Russia. Ci si chiede soltanto, dove erano e cosa stavano facendo questi quando le truppe della NATO hanno distrutto la Libia, la Jugoslavia, o quando gli americani hanno organizzato una “tempesta nel deserto” in Iraq? E ora stanno costruendo il mito del pacifismo su se stessi. Ma il bastone delle sanzioni ha due finalità, la Russia sta adottando misure di ritorsione contro l’UE e chi finirà peggio è una questione aperta. I cittadini europei iniziano a capirlo molto bene.

“La risposta alle sanzioni Ue dovrebbe essere semplice: in proporzione alla diminuzione delle importazioni di altri beni dalla Russia, la Russia ridurrà anche le esportazioni di energia”. “Beh, bentornati all’età della pietra, allora, vieta solo le importazioni di gas allo stesso tempo.” “La UE comprerà metallo russo attraverso la Cina, soltanto più costoso e con un doppio trasporto. Non ci sono affatto cervelli nella UE! Risulta debole rifiutare palladio, platino e nichel? La Russia fornisce fino al 50% e non c’è nulla che lo sostituisca “e ci sono molti commenti del genere sulla rete.

Molti utenti ricordano spesso la parola di tre lettere “gas”. La Russia può davvero usare questa leva? Il prezzo dei vettori energetici è già favoloso e l’inverno non è ancora finito. E la prospettiva di rimanere senza condizionatori e unità di refrigerazione in estate difficilmente piacerà ai cittadini dell’UE, così come la sospensione della produzione per carenza o costo dell’energia proibitivo.

Il direttore del Fondo per lo sviluppo energetico Sergei Pikin ritiene che la Russia non farà questo passo.

“Ora la situazione è così complicata. Per noi, l’esportazione di idrocarburi è un elemento chiave dei guadagni in valuta estera. Perché interromperlo? I prezzi dell’energia sono aumentati in modo significativo, le rendite per la Russia aumenteranno di circa una volta e mezza, e forse anche del doppio. Inoltre, il Presidente della Russia ha chiaramente indicato che le sanzioni di ritorsione contro l’UE dovrebbero essere adottate in modo equilibrato. Cosa succede se vengono tagliate le forniture di gas all’Europa? Innanzitutto, c’è un divario significativo nel mercato, ma è facile prevedere che di fronte ad una domanda in crescita ci saranno altre soluzioni. Il problema sarà per l’Europa sostituire quel 68% circa di gas importato dalla Russia e altrettanto di petrolio.
Quindi imporre sanzioni su gas, petrolio o carbone, metalli è miope. Tuttavia Washington lo chiede all’Europa, anzi lo esige e gli eurocrati di Bruxelles non si azzardano a contravvenire alle direttive che provengono d’oltre atlantico.

La Von der Leyen ha scavato la buca dove far cadere gli europei.

Foto: Idee&Azione

14 marzo 2022