Concetti militari chiave americani [1/2]

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Operazioni multidominio

Il primo nella revisione sarà il concetto di operazioni multidominio (cioè in molte aree). È descritto in dettaglio in un documento di cento pagine pubblicato nel dicembre 2018 dall’US Army Training and Doctrine Command [1]. Nella prefazione scritta dal presidente del Joint Chiefs of Staff delle Forze armate statunitensi, Mark Milley, si afferma esplicitamente che:

“Concorrenti strategici come Russia e Cina stanno sintetizzando tecnologie emergenti grazie alla loro analisi della dottrina e delle operazioni militari. Stanno implementando capacità per combattere gli Stati Uniti attraverso più livelli di stallo in tutti i domini: spazio, cyber, aria, mare e terra. Il problema militare che dobbiamo affrontare è sconfiggere più livelli di stallo in tutti i domini al fine di mantenere la coerenza delle nostre operazioni.”

In effetti, il Pentagono ha designato i suoi oppositori: Russia e Cina. Sebbene la Russia stia modernizzando le proprie forze armate a scopo difensivo, gli Stati Uniti guardano ad essa con la propria logica e ritengono che questa sia una preparazione per un conflitto militare del prossimo futuro. Da qui anche le attuali dichiarazioni sull’imminente invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Naturalmente, la Russia non attaccherà nessuno, ma gli Stati Uniti si stanno già preparando a rompere con metodi militari la capacità di difesa del nostro Paese, metodi per i quali, tra l’altro, è stato preparato questo documento. Viene ripetutamente sottolineato che “ai fini di questo documento, la Russia funge da stimolo di minaccia” [2].

Qual è in teoria l’implementazione delle operazioni multidominio?

L’idea centrale è che sia proprio l’esercito americano, in quanto elemento delle Forze Unite, a condurre operazioni multidominio per vincere la competizione; se necessario, le unità dell’esercito penetrano e disabilitano i sistemi nemici anti-accesso/negazione d’area/A2/AD e utilizzano la conseguente libertà di manovra per raggiungere obiettivi strategici (vittoria), dopodiché sono costretti a tornare in competizione a condizioni più favorevoli per sé stessi.

In altre parole, si tratta di condurre operazioni speciali e sabotaggi appunto nelle retrovie dell’avversario o nel territorio da esso controllato. Gli Stati Uniti hanno un comando separato per le operazioni speciali e quindi è alquanto strano vedere il trasferimento delle loro priorità alle unità dell’esercito.

Il documento afferma che i principi delle operazioni multidominio si basano sul fatto che l’esercito risolve i problemi derivanti dalle operazioni cinesi e russe in condizioni di concorrenza e conflitto, applicando tre principi interconnessi: una disposizione verificata delle forze, formazioni multidominio e convergenza.

Una posizione di potere verificata è una combinazione di una posizione e della capacità di manovrare a distanze strategiche. Le formazioni multidominio hanno il potenziale, le capacità e la resistenza necessarie per operare in più domini in spazi contesi contro un avversario quasi uguale.

La convergenza è l’integrazione rapida e continua di capacità in tutte le aree, lo spettro elettromagnetico e l’ambiente informativo, che ottimizza gli effetti di superiorità sul nemico attraverso la sinergia tra i domini e molteplici forme di attacco, il tutto fornito dal comando di missione e dall’iniziativa disciplinata. I tre principi della soluzione sono complementari e comuni a tutte le operazioni multidominio, anche se le modalità di attuazione variano a seconda del livello e della specifica situazione operativa.

Secondo gli autori, le forze combinate dovrebbero sconfiggere gli avversari e raggiungere obiettivi strategici in condizioni di competizione, conflitti armati e durante il ritorno alla competizione. Questo passaggio richiama i vecchi regolamenti sul campo dell’esercito americano secondo cui la guerra non viene condotta solo durante un conflitto armato, ma anche prima, in uno stato di pace e dopo il ritorno in esso. Allo stesso tempo, non solo in relazione ai nemici, ma anche agli alleati e alle forze neutrali. Nel nuovo documento, lo stato del mondo è cambiato in competizione.

Il documento menziona la Russia 159 volte e la Cina (Cinese) 82, cioè due volte meno. Allo stesso tempo, altri Paesi che gli analisti americani amano collegare alla presenza o agli interessi della Russia, come Siria e Georgia, vengono utilizzati una volta e l’Ucraina tre. Taiwan non è affatto menzionata.

Ciò indica indirettamente che la protezione dell’Ucraina o della Georgia (così come di Taiwan) non è di interesse per gli Stati Uniti in quanto partner che hanno bisogno di essere aiutati. Il vero obiettivo è creare forze armate così capaci che saranno in grado di spezzare la difesa della Russia e/o della Cina.

Il documento descrive in dettaglio quali azioni sta conducendo e può condurre la Russia in caso di conflitto armato. Si noti che:

“il centro di gravità operativo per le azioni russe in competizione è la stretta integrazione di guerra dell’informazione, guerra non convenzionale e forze convenzionali. La capacità di impiegare tutti gli elementi in modo coordinato fornisce alla Russia un vantaggio crescente, in cui una qualsiasi reazione amichevole rischia una risposta più potente. All’interno della competizione, l’escalation più estrema è il passaggio al conflitto armato, che favorisce un avversario con la capacità di condurre un attacco compiuto con le proprie forze convenzionali. La capacità dimostrata di realizzare un fatto compiuto fornisce credibilità alle narrazioni informative russe. La combinazione di guerra dell’informazione, guerra non convenzionale e forze convenzionali e nucleari fornisce alla Russia uno stallo politico e militare all’interno del quale può garantire obiettivi strategici a meno di un conflitto armato con gli Stati Uniti. La guerra d’informazione e la guerra non convenzionale contribuiscono alla destabilizzazione della sicurezza regionale, ma di per sé non sono sufficienti per raggiungere tutti gli obiettivi strategici russi. Il vantaggio dell’escalation fornito dalle forze convenzionali integra la guerra dell’informazione e la guerra non convenzionale, consentendo alla Russia di mantenere l’iniziativa in competizione.” [3]

La menzione del fatto compiuto si riferisce chiaramente agli eventi del 2014 e al ritorno della Crimea alla Russia. E l’uso del termine “centro di gravità” indica la continuazione dell’uso del discorso caratteristico del pensiero strategico-militare statunitense degli anni ’90. In generale, ci sono molte pagine dedicate alla Russia, che descrivono le capacità tecniche militari e politiche dal punto di vista dell’esercito americano. Oltre a Russia e Cina, sono citati come minacce anche la Corea del Nord e l’Iran.

Tuttavia, cosa suggeriscono gli sviluppatori di operazioni multidominio per un ipotetico scenario di guerra con Russia e Cina?

In primo luogo, la necessità di condurre una manovra indipendente, pur continuando le operazioni in una situazione controversa nell’ambito di una campagna nel teatro delle operazioni:

“La manovra indipendente allude alla formazione che possiede la capacità, l’abilità e l’iniziativa autorizzata ad operare sotto i vincoli dell’ambiente operativo. Le formazioni multidominio possiedono capacità organiche di sostenersi e proteggersi fino a quando non riprendono il contatto con le unità adiacenti e di supporto. Sono abilitati da capacità come firme visive ed elettromagnetiche ridotte, canali ridondanti per comunicazioni rafforzati contro le interferenze nemiche, ridotta richiesta logistica, supporto medico potenziato, reti di supporto multiple, robuste capacità e abilità di supporto delle manovre e capacità di oscuramento multi-dominio. Brigate, divisioni e corpi, in particolare, richiedono capacità organiche di comando della missione, ISR e supporto per mantenere operazioni offensive per diversi giorni nonostante linee di comunicazione altamente contestate.” [4]

In secondo luogo, è un fuoco di combattimento tra domini:

“La capacità di impiegare scontri tra domini offre opzioni ai comandanti e crea resilienza all’interno delle Forze Congiunte per superare la separazione funzionale temporanea imposta dai sistemi nemici anti-accesso e di negazione d’area. Oltre alla difesa aerea e missilistica modernizzata e alle capacità di fuoco a terra a lungo raggio, le formazioni multidominio forniscono capacità di fuoco interdominio attraverso i sistemi aeronautici; sistemi di protezione avanzati, difesa aerea e ricognizione a strati, dispositivi di guerra elettronica; munizioni multispettrali fuse con sensori e capacità relative al cyberspazio, allo spazio e alle informazioni. Gli scontri tra domini includono le capacità ISR necessarie per impiegarli, che possono comprendere una combinazione di capacità organiche e accesso a risorse esterne. Gli scontri tra domini si combinano con i necessari progressi nella mobilità e nella letalità nelle future piattaforme aeree e terrestri, nelle reti di comunicazione e nell’elaborazione dei dati (velocità e volume) per fornire le capacità di manovra tra domini.” [5]

Nello studio si parla anche di migliorare le qualità del personale. C’è chiaramente un pregiudizio evidente nelle nuove tecnologie e un’enfasi sulla conoscenza necessaria nel personale:

“I sensori biotecnici che monitorano lo stato e i cambiamenti nelle prestazioni umane aumentano la comprensione delle unità da parte dei loro comandanti, informano sulle decisioni che riguardano il tempo e l’intensità delle operazioni e assistono le unità nel sostenere e rigenerare la forza fisica e psicologica. Le interfacce uomo-macchina, abilitate dall’intelligenza artificiale e dall’elaborazione dei dati ad alta velocità, migliorano il processo decisionale umano sia in termini di velocità che di precisione. L’impiego di capacità multi-dominio richiede all’esercito di attrarre, addestrare, trattenere e impiegare leader e soldati che possiedono collettivamente una notevole ampiezza e profondità di competenze tecniche e professionali.” [6]

Il documento [quindi] si concentra sulla convergenza e sulla sinergia tra domini, che riflette le precedenti strategie del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

“Il Joint Operational Access Concept (JOAC) propone di impiegare la sinergia tra domini – il vizio complementare meramente additivo per l’impiego di capacità in domini diversi in modo tale che ciascuno aumenti l’efficacia e compensi le vulnerabilità degli altri – per stabilire la superiorità in alcune combinazioni di domini che garantirà la libertà d’azione richiesta dalla missione.” [7]

Il concetto di accesso per operazioni combinate prevede un maggiore grado di integrazione tra domini e a livelli più bassi che mai.

Sfruttare la sinergia tra domini a livelli sempre più bassi sarà essenziale per creare un ritmo che spesso è cruciale per sfruttare fugaci opportunità locali per distruggere un sistema nemico. JOAC prevede inoltre un’integrazione più ampia e flessibile delle operazioni spaziali e del cyberspazio nello spazio di combattimento aereo, marittimo e terrestre tradizionale.

Questo concetto, a sua volta, si basa sul precedente “Capstone Concept for Joint Operations” (CCJO) [8].

Esso descrive un ambiente operativo futuro caratterizzato da incertezza, complessità e rapidi cambiamenti. Come soluzione a queste condizioni, CCJO offre un processo di adattamento operativo che include una combinazione dinamica di quattro grandi categorie di attività militari: operazioni di combattimento, sicurezza, interazione, soccorso di emergenza e recupero.

Direttamente durante lo svolgimento delle ostilità, si scommette sulla neutralizzazione dei sistemi di combattimento a lungo raggio del nemico (sistemi di difesa aerea, installazioni di missili balistici), tracciando la manovra delle truppe, raccogliendo ed elaborando rapidamente dati da diverse aree, colpendo le capacità di intelligence dall’altra parte e attaccando bersagli provenienti da sfere diverse (cioè l’uso sincrono di vari tipi di truppe e armi).

Il generale dell’esercito in pensione David Perkins, che era il capo del Training and Doctrine Command, ha affermato in un’intervista che il concetto di battaglia multi-dominio era chiamato “vecchio vino in una nuova bottiglia” o “battaglia aria-terra con steroidi”.

Una dottrina abbastanza vicina è il Joint Command and Control of All Domains (JADC2), un concetto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per collegare i sensori di tutti i servizi militari – Aeronautica, Esercito, Corpo dei Marines, Marina e forze spaziali – in un’unica Rete. Tradizionalmente, ciascuno dei servizi militari sviluppava la propria rete tattica, che era incompatibile con le reti di altri servizi (cioè le reti dell’esercito non potevano interagire con le reti della Marina o dell’Aeronautica Militare).

Funzionari del Dipartimento della Difesa hanno affermato che i conflitti futuri potrebbero richiedere che le decisioni vengano prese entro ore, minuti o potenzialmente secondi rispetto all’attuale processo di più giorni di analisi dell’ambiente operativo e di emissione di comandi. Hanno anche affermato che l’attuale gestione e struttura di gestione del Ministero è insufficiente per soddisfare le richieste della Strategia di difesa nazionale.

In uno studio del Congresso degli Stati Uniti su questo argomento, la tecnologia del servizio di condivisione di corse Uber viene fornita come analogia:

“Uber combina due diverse app: una per i passeggeri ed una seconda per i conducenti. Utilizzando le rispettive posizioni degli utenti, l’algoritmo Uber determina la corrispondenza ottimale in base alla distanza, al tempo di viaggio e i passeggeri (tra le altre variabili). L’applicazione fornisce quindi le indicazioni che i conducenti devono seguire per portare i passeggeri a destinazione. Uber si affida alle reti cellulari e Wi-Fi per trasmettere dati in modo da abbinare i passeggeri e fornire istruzioni di guida.” [9]

E le operazioni combinate in tutti i domini (JADO) sono un’evoluzione del concetto di operazioni multidominio (MDO). Si dice che:

“JADO incorpora l’enorme potenziale di una forza veramente integrata (il fulcro di MDO) e ne aggiorna il concetto incorporando alcuni aspetti cruciali di come la NATO aspira a condurre operazioni future. JADO sposta l’attenzione da ‘multidominio’, in cui i singoli servizi operano da decenni e lo rimette ad affrontare le sfide delle operazioni congiunte. Inoltre, considerando l’intreccio di sistemi e capacità interconnesse che abbracciano i domini negli eserciti all’avanguardia di oggi, si può sostenere che la nostra tradizionale strutturazione dei servizi basata sul loro principale dominio operativo potrebbe non essere molto utile in molti scenari futuri. È probabile che il vincitore emergerà come la forza in grado di manovrare facilmente dentro e attraverso tutti i domini in modo sincronizzato a una velocità che l’avversario non può eguagliare. Con queste considerazioni in mente, è facile concludere che dare troppo peso al dominio riduce l’enfasi sulla sfida congiunta di più servizi che lavorano insieme senza problemi in tutti i domini.” [10]

[1] “The U.S. Army in Multi-Domain Operations 2028”. TRADOC Pamphlet 525-3-1. U.S. Army Training and Doctrine Command, 6 dicembre 2018.

[2] Ididem, pag. 6

[3] Ididem, pag. 11

[4] Ididem, pag. 19

[5] Ididem

[6] Ididem, pag. 20.

[7] Joint Operational Access Concept (JOAC). Department of Defence, 17 gennaio 2012.

 https://dod.defense.gov/Portals/1/Documents/pubs/JOAC_Jan%202012_Signed.pdf

[8] Department of Defence, Capstone Concept for Joint Operations, v3.0, 15 Jan 2009.

[9] Joint All-Domain Command and Control (JADC2). Congressional Research Service, 1 luglio 2021.

https://sgp.fas.org/crs/natsec/IF11493.pdf

[10] “All-Domain Operations in a Combined Environment”

https://www.japcc.org/portfolio/all-domain-operations-in-a-combined-environment/

Parte 1 di 2

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azone

15 febbraio 2022