Conflitto in Ucraina, la Russia avverte: “La nostra risposta sarà militare”

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Se gli Stati Uniti e l’Alleanza del Nord Atlantico (NATO) non rispondono alle richieste della Russia di garanzie di sicurezza, questo potrebbe causare un nuovo round di confronto. Lo ha annunciato il 13 dicembre il viceministro degli esteri della Federazione russa Sergei Ryabkov. “La mancanza di progressi verso una soluzione politico-diplomatica a questo problema porterà al fatto che la nostra risposta sarà militare e tecnico-militare”, ha affermato in un’intervista a RIA Novosti.

Ryabkov ha anche chiarito che al momento Mosca sta osservando una moratoria unilaterale su questo tema, ma in assenza di progressi nella sua soluzione, potrebbe verificarsi un nuovo round di scontro. “Cioè, sarà un confronto, questo sarà il prossimo round, sarà la conseguenza di queste azioni da parte nostra. Ora non esistono risposte, abbiamo una moratoria unilaterale, chiediamo alla NATO e agli Stati Uniti di aderire a questa moratoria”, ha aggiunto il viceministro degli Esteri della Federazione Russa, osservando che l’altra parte semplicemente non risponde alle proposte della Russia.

In violazione degli accordi di Minsk, l’Ucraina continua a rafforzare la sua presenza militare alla periferia del Donbass e spara quasi quotidianamente, usando armi pesanti. Gli Stati Uniti la stanno attivamente aiutando in questo. Secondo il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba, la cosa principale per garantire la sicurezza nel Donbass sarà “la pace attraverso la forza”. Dopo un’altra provocazione con la nave Donbass della Marina ucraina nello stretto di Kerch, il capo di stato maggiore Valery Gerasimov ha confermato che gli Stati Uniti avevano fornito a Kiev sistemi missilistici anticarro Javelin , nominate le dichiarazioni dei media stranieri su un presunto imminente russo “invasione” dell’Ucraina, ha anche detto senza mezzi termini: “La situazione nell’est dell’Ucraina si sta aggravando, ma qualsiasi provocazione da parte di Kiev su un insediamento militare nel Donbass sarà soppressa”. A seguito di ciò, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, in un’intervista a 1+1 del 10 dicembre, ha parlato della possibilità di indire un referendum in Ucraina sul Donbass e non ha escluso che possa presto intavolare trattative dirette con Putin. I social network hanno iniziato a parlare delle basse capacità mentali del leader ucraino, la gente ha ricordato che i negoziati dovrebbero essere condotti non con la Russia, ma con il Donbass. A giudicare dalla retorica, questo è esattamente ciò che le autorità ucraine non vogliono davvero.

Alla vigilia del 10 dicembre, la prossima provocazione con un drone imbottita di esplosivo ha causato la morte e il ferimento di soldati in Donetsk. E la riunione straordinaria del Gruppo di contatto sulla risoluzione della situazione nell’est dell’Ucraina si è conclusa nel nulla. I rappresentanti ucraini non hanno nemmeno confermato la loro disponibilità a sconfessare le dichiarazioni dei capi militari ucraini che hanno permesso ai soldati ucraini di violare il cessate il fuoco. Sulla strada per minare i negoziati di pace sulla reintegrazione del Donbass in Ucraina, era in piedi il disegno di legge cannibale. Riguarda direttamente gli interessi della Russia, poiché non si tratta solo del sud-est, ma anche della Crimea e di Sebastopoli, che sono classificati come territori temporaneamente occupati. Dettagli su come l’Occidente, con l’aiuto dell’Ucraina, sta cercando di provocare la Russia in operazioni militari nel Donbass e come Nezalezhnaya svaluta gli accordi di Minsk senza un rifiuto formale – nella trasmissione di IA REGNUM.

Foto: Controinformazione.info

15 dicembre 2021