Contraccolpo, la polizia italiana arresta una cellula neonazista legata ad Azov che pianificava attacchi terroristici

image_pdfimage_print

di Alexander Rubinstein

La polizia italiana ha annunciato una serie di raid contro l’organizzazione neonazista L’Ordine di Hagal. Accusato di accumulare armi e pianificare attacchi terroristici, il gruppo ha stabilito legami operativi con il battaglione ucraino Azov.

Cinque membri di un’organizzazione neonazista italiana nota come “L’Ordine di Hagal” sono stati arrestati il 15 novembre, mentre un altro membro rimane ricercato dalle autorità. Gli è capitato di trovarsi in Ucraina, a combattere le forze russe insieme al battaglione Azov, che è stato formalmente integrato nell’esercito ucraino.

I membri di “Hagal” sono accusati di aver pianificato attacchi terroristici contro obiettivi civili e di polizia. Un sesto membro del gruppo Hagal, ora considerato latitante, si trova in Ucraina ed è arruolato nel Battaglione Azov, un gruppo paramilitare neonazista che è stato incorporato nella Guardia Nazionale ucraina.

Membri dell’Ordine di Hagal avrebbero mantenuto contatti “diretti e frequenti” via Telegram non solo con il Battaglione Azov, ma anche con le formazioni militari neonaziste ucraine Pravi Sektor e Centuria, “probabilmente in vista di un possibile reclutamento nelle file di questi gruppi di combattimento”, secondo i media italiani.

L’indagine della polizia è stata avviata nel 2019 e ha incluso ampie ricerche informatiche e intercettazioni telefoniche; tattiche che hanno rivelato i membri del gruppo intenti a compiere atti violenti in Italia.

Uno dei membri arrestati, Giampiero Testa, sarebbe stato “pericolosamente vicino a gruppi nazionalisti ucraini di estrema destra” e, secondo le intercettazioni telefoniche, stava pianificando un attentato contro un commissariato di Marigliano a Napoli. Il fuggitivo combattente dell’Azov, Anton Radomsky, è un cittadino ucraino che ha vissuto in Italia ma attualmente combatte per conto delle forze armate ucraine. Le autorità dicono che Radomsky ha pianificato di attaccare il centro commerciale “Vulcano Buono” a Napoli.

In un’intercettazione del gennaio 2021, Testa disse che «farebbe una strage come quella in Nuova Zelanda, ma io non andrei dai neri, andrei in caserma a Marigliano». Si riferiva al tiratore della moschea neozelandese che affermava di aver visitato l’Ucraina e di aver indossato una toppa nazista Sonnenrad, o “sole nero” sul suo giubbotto antiproiettile mentre uccideva 51 fedeli. Il simbolo, come ha notato il New York Times nel 2019, è “comunemente usato dal battaglione Azov, un’organizzazione paramilitare neonazista ucraina”.

Nel febbraio 2021, Testa ha inveito al telefono, affermando «Come Tarrant… tututututu. Nella caserma di Marigliano. Boom boom, li ho uccisi tutti».

Più o meno nello stesso periodo, la polizia che monitorava l’organizzazione dell’Ordine di Hagal ha sequestrato “armi ad aria compressa” che potevano essere “facilmente modificate per sparare proiettili autentici”, munizioni, equipaggiamento tattico e persino un lanciagranate. Il gruppo è anche accusato di condurre addestramenti paramilitari a Napoli e Caserta, nonché seminari che promuovono la supremazia bianca e il negazionismo dell’Olocausto.

I filmati degli arresti trasmessi dal canale di notizie Sky Tg24 mostrano lunghi coltelli, un’ascia in stile nordico, un manganello con la scritta “Dux Mussolini”, una bandiera con la svastica, una maschera antigas, una maglietta del Battaglione Azov e “Valhalla Express”, un libro di memorie di un combattente dell’Azov.

Di seguito il servizio del TG24.

Ma l’Ucraina non è l’unico paese ad essere stato visitato da membri dell’Ordine di Hagal; “alcuni membri” si sono anche recati in Israele per allenarsi nel Krav Maga e nell’uso di armi lunghe e corte”, secondo i funzionari di polizia. Infatti, sono stati anche rilasciati diplomi per aver completato la formazione.

L’operazione di polizia ha attraversato tredici province italiane e ha incluso “26 perquisizioni personali, domiciliari e informatiche”, secondo il comunicato stampa della polizia che annuncia gli arresti.

Tra gli arrestati per “delitto di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico” vi sono Maurizio Ammendola, fondatore del gruppo, il suo vicepresidente Michele Rinaldi, e i soci Giampiero Testa e Massimiliano Mariano. Il quinto arrestato, Fabio Colarossi, è accusato di propaganda neonazista.

Mentre il nazismo ha trovato uno spazio sicuro nelle forze armate ucraine, gli arresti e i mandati contro i membri dell’Ordine di Hagal che hanno pianificato attacchi terroristici suggeriscono il potenziale di contraccolpo della guerra per procura dell’Ucraina della NATO, in quanto veterani agguerriti e ideologicamente estremi incoraggiati dai governi occidentali e sostenuti con gli aiuti degli Stati Uniti e dell’UE tornano a casa nelle città di tutta Europa.

“L’elevata disponibilità di armi durante l’attuale conflitto comporterà la proliferazione di armi illecite nella fase postbellica”, ha avvertito il segretario generale dell’Interpol Juergen Stock. Come riportato da The Grayzone, un documento del Department of Homeland Security del 2022 ha riconosciuto che “i gruppi nazionalisti ucraini, incluso il movimento Azov, stanno attivamente reclutando estremisti bianchi violenti di matrice razzista o etnica per unirsi a vari battaglioni di volontari neonazisti nella guerra contro la Russia”, ma ha osservato una lacuna chiave dell’intelligence: “Che tipo di addestramento stanno ricevendo i combattenti stranieri in Ucraina che potrebbero eventualmente proliferare nelle milizie con sede negli Stati Uniti e nei gruppi nazionalisti bianchi?”.

Traduzione di Alessandro Napoli 

Foto: Controinformazione.info

30 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube