Crollo economico in Sri Lanka

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon.com

La nazione insulare dello Sri Lanka è precipitata in una profonda crisi economica. Gli esperti ritengono che questo sia uno dei colpi più gravi per lo stato e la società che abbiano mai subito. Il 12 aprile, per la prima volta dall’indipendenza, il governo è andato in default sul suo debito estero.

Inoltre, una popolazione di 22 milioni di persone sta affrontando catastrofiche interruzioni di corrente di 12 ore e un’estrema carenza di cibo, carburante e altri beni essenziali come le medicine.

Il 1° aprile il presidente Gotabaya Rajpaksha ha  dichiarato lo stato di emergenza. Meno di una settimana dopo, lo ha ritirato dopo le massicce proteste di cittadini arrabbiati per l’incapacità del governo di gestire la crisi.

Il paese  dipende dalle importazioni per  molti beni essenziali, tra cui benzina, cibo e medicine.

I prezzi altissimi sono attribuiti alla mancanza di valuta estera dello Sri Lanka. L’inflazione è al massimo storico del 17,5%, con il prezzo del cibo come un chilogrammo di riso che sale a 500 rupie dello Sri Lanka ($ 2,10), mentre normalmente costa circa 80 rupie (0, 34 $). Si dice che una singola confezione da 400 grammi di latte in polvere costi più di Rs 250 (AU $ 1,05) quando scarseggia, mentre normalmente costa circa Rs 60 (AU $ 0,25).

In Occidente, gli esperti si sono affrettati ad affermare che il motivo principale della crisi sono le relazioni economiche dello Sri Lanka con la Cina. Gli Stati Uniti hanno chiamato questo fenomeno “diplomazia della trappola del debito”. Il paese o l’istituto prestatore concede debiti al paese mutuatario per aumentare l’influenza politica del prestatore: se il mutuatario ottiene il potere e non può rimborsare il denaro, è alla mercé del prestatore.

Tuttavia, i prestiti dalla Cina rappresentavano solo il 10% circa del debito estero totale dello Sri Lanka nel 2020. La maggior parte – circa il 30% – è da attribuire a titoli sovrani internazionali. In effetti, il Giappone detiene una quota maggiore del proprio debito estero all’11%. Cioè, l’onere principale dello Sri Lanka è rappresentato da strutture come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale. Sono queste organizzazioni che hanno attuato la globalizzazione economica dagli anni ’90 e impongono richieste politiche durante l’emissione di prestiti e crediti.

Tuttavia, gli autori occidentali si sono attaccati al tema cinese e hanno citato le inadempienze sui prestiti cinesi relativi alle infrastrutture allo Sri Lanka, in particolare sul finanziamento del porto di Hambantota, come fattori che hanno contribuito alla crisi. Ma questo non è vero. La costruzione del porto di Hambantota è stata finanziata dalla cinese Eximbank. Il porto stava perdendo denaro, quindi lo Sri Lanka ha affittato il porto per 99 anni a un gruppo commerciale cinese che ha pagato allo Sri Lanka 1,12 miliardi di dollari. Pertanto, il fiasco del porto di Hambantota non ha portato a una crisi della bilancia dei pagamenti (quando partono più denaro o esportazioni di quante ne arrivano), ma in realtà ha aumentato le riserve valutarie dello Sri Lanka di 1,12 miliardi di dollari.

E ora guardiamo alle vere cause della crisi. Dopo aver ottenuto l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1948, l’agricoltura dello Sri Lanka era dominata da colture orientate all’esportazione come tè, caffè, gomma e spezie. Una quota significativa del prodotto interno lordo proveniva dalla valuta estera generata dall’esportazione di queste colture. Questo denaro è stato utilizzato per importare generi alimentari di base.

Nel corso degli anni, il paese ha anche iniziato ad esportare vestiti e guadagnare valuta estera dal turismo e dalle rimesse (denaro inviato in Sri Lanka dall’estero dai membri della famiglia). Qualsiasi riduzione delle esportazioni rappresenterebbe uno shock economico e metterebbe sotto pressione le riserve valutarie.

Per questo motivo, lo Sri Lanka ha spesso sperimentato crisi della bilancia dei pagamenti. Dal 1965, il paese ha ricevuto 16 prestiti dal Fondo Monetario Internazionale. Ciascuno di questi prestiti prevedeva condizioni, tra cui che, una volta concesso il prestito, lo Sri Lanka doveva ridurre il proprio disavanzo di bilancio, attuare una politica monetaria rigorosa, ridurre i sussidi alimentari del governo per il popolo dello Sri Lanka e svalutare la valuta (per rendere esportazioni più redditizie).

Ma di solito durante le recessioni economiche, una buona politica fiscale impone ai governi di spendere di più per stimolare l’economia. Questo diventa impossibile alle condizioni del FMI. Nonostante questa situazione, i prestiti del FMI continuavano a fluire e l’economia assediata stava assorbendo sempre più debito.

L’ultimo prestito del FMI allo Sri Lanka è stato concesso nel 2016. Il paese ha ricevuto 1,5 miliardi di dollari in tre anni dal 2016 al 2019. Le condizioni erano familiari e durante questo periodo l’economia si deteriorò bruscamente. La crescita economica, gli investimenti, i risparmi e i redditi sono diminuiti mentre l’onere del debito è aumentato.

La brutta situazione è stata esacerbata da due shock economici nel 2019. In primo luogo, nell’aprile 2019, c’è stata una serie di attentati in chiese e hotel di lusso a Colombo. Le esplosioni hanno portato a un forte calo del numero di arrivi di turisti – secondo alcuni rapporti, fino all’80% – e all’esaurimento delle riserve valutarie. In secondo luogo, il nuovo governo sotto il presidente Gotabay Rajapaksa ha tagliato irrazionalmente le tasse .

Le aliquote dell’imposta sul valore aggiunto (simili alle tasse su beni e servizi in alcuni paesi) sono state ridotte dal 15% all’8%. Altre tasse indirette furono abolite, come la tassa sulla costruzione della nazione, la tassa “pay as you go” e le tasse per i servizi economici. Le aliquote dell’imposta sulle società sono state ridotte dal 28% al 24%. Circa il 2% del prodotto interno lordo è andato perso a causa di questi tagli alle tasse.

A marzo 2020 è scoppiata la pandemia di COVID-19. Nell’aprile 2021, il governo Rajapaksa ha commesso un altro errore fatale. Per prevenire la fuoriuscita di riserve valutarie, tutte le importazioni di fertilizzanti sono state completamente vietate. Lo Sri Lanka è stato dichiarato un paese di agricoltura biologica al 100%. Questa politica, che è stata annullata nel novembre 2021, ha portato a un forte calo della produzione agricola, quindi è stato necessario aumentare le importazioni. Ma le riserve valutarie sono rimaste sotto stress. Anche il calo delle rese di tè e gomma dovuto al divieto di fertilizzanti ha portato a una riduzione dei proventi delle esportazioni. A causa del calo dei proventi delle esportazioni, c’erano meno soldi per le importazioni di cibo e c’era carenza di cibo. Man mano che il cibo e altre merci scarseggiano, ma la domanda non diminuisce, i prezzi di queste merci aumentano.

Cosa farà il governo in questa situazione? Con ogni probabilità, lo Sri Lanka riceverà ora il suo 17° prestito dal FMI per superare l’attuale crisi, che arriverà con nuove condizioni. Ci sarà una politica fiscale deflazionistica che limiterà ulteriormente le prospettive di ripresa economica e danneggerà la popolazione dello Sri Lanka. Ovviamente Colombo deve considerare un’altra alternativa se vuole minimizzare gli effetti della crisi e cercare di costruire un’economia sovrana.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Barlettaweb

21 aprile 2022