Dalla Bielorussia le truppe russe muovono verso l’Ucraina

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Come riportano vari analisti militari, il grande accumulo di forze russe in Bielorussia induce a ritenere che ci sia una crescente possibilità di accerchiamento per una offensiva contro l’Ucraina.

Il trasferimento delle forze militari russe in Bielorussia lunedì 17 gennaio, sta aggiungendo alla lunga lista di segnali di avvertimento che Mosca potrebbe essere pronta a lanciare una grande offensiva contro l’Ucraina nelle prossime settimane – e quell’attacco, se dovesse arrivare, potrebbe rappresentare il peggiore -scenario del caso per la capitale Kiev.

Il dispiegamento russo in Bielorussia “suggerisce che se c’è una considerevole offensiva di terra, potrebbe includere diversi assi di attacco dalla Bielorussia per tagliare e circondare Kiev”, lo hanno detto Michael Kofman, direttore del programma di studi sulla Russia della CNA e un collega al Woodrow Wilson Il Kennan Institute dell’International Center, riferendo a Coffee or Die Magazine .

Secondo numerose valutazioni occidentali, una delle opzioni militari della Russia contro l’Ucraina include un attacco a tenaglia da nord, utilizzando le forze russe organizzate all’interno della Bielorussia per circondare Kiev, la capitale dell’Ucraina.

Coffee or Die ha riferito in precedenza che i funzionari di Kiev hanno iniziato a preparare i circa 5.000 rifugi antiaerei della città. I piani di emergenza della capitale prevedono l’evacuazione completa dei suoi circa 3 milioni di cittadini (numero che potrebbe essere molto più alto, secondo alcuni resoconti dei media) in caso di un grande attacco militare. I funzionari di Kiev hanno detto a Coffee or Die che i piani di evacuazione erano già stati elaborati. Ciononostante, un’evacuazione a breve termine di una capitale europea nel pieno dell’inverno farebbe quasi certamente precipitare una catastrofe umanitaria.

Nell’ultima settimana, c’è stato un notevole aumento del ritmo dei rapporti di intelligence open source sui trasferimenti militari russi verso l’Ucraina. Diversi video non verificati pubblicati sui canali dei social media pretendono di mostrare il movimento di missili russi, elicotteri da combattimento, equipaggiamenti aeroportuali, sistemi missilistici antiaerei, sistemi missilistici a lancio multiplo, sistemi di guerra elettronica, carri armati e vari altri veicoli militari, tutti diretti verso il confine con l’Ucraina.

Secondo quanto riferito, circa 12 regioni russe stanno richiamando forze di riserva , evidenziando la possibile valutazione di forze successive per sostenere un’invasione terrestre dell’Ucraina, affermano alcuni esperti. I video delle truppe russe provenienti dalle regioni dell’estremo oriente del Paese che salutano le loro famiglie e si caricano sui treni stanno ora emergendo sui social media.

Un’istantanea dei feed Twitter di alcuni dei massimi esperti militari russi lunedì offre un quadro chiaro dell’attuale minaccia per l’Ucraina.

“Il mio feed di Twitter potrebbe diventare piuttosto cupo, dato che l’esercito russo cambia marcia questa settimana [e] in poi: riservisti, truppe che salutano le famiglie in treno, grandi esercitazioni avviate, [sistemi missilistici a lancio multiplo] si spostano ecc. Rimango forte mentre combatto la crescente paura”, ha detto Dara Massicot, ricercatrice politica senior presso la Rand Corp..

“Forse Mosca sta andando oltre la fase di segnalazione pubblica e si sta invece preparando a usare la forza e vuole ottenere la massima sorpresa”, ha scritto Rob Lee, un collega del Foreign Policy Research Institute specializzato nelle forze armate russe.

In un Tweet separato, Lee ha aggiunto: “Quando è stata l’ultima volta che la Russia ha schierato quasi un intero esercito di armi combinate dalla Siberia al confine con l’Ucraina con quella che sembra essere una forza di divisione (+) in viaggio dal distretto militare orientale? Stanno schierando unità con sede a circa 50 miglia dalla Corea del Nord. Questa non è una routine”.

Questo inverno, la Russia ha ammassato le forze militari ai confini dell’Ucraina, aggiungendo all’hardware già in atto dopo un simile accumulo militare nell’aprile 2021.

I siti di notizie russi e bielorussi hanno riferito lunedì che le forze militari dei due paesi avrebbero condotto un’esercitazione militare combinata a febbraio lungo i confini meridionali e occidentali della Bielorussia. Secondo tali rapporti, la mossa era una reazione a un presunto accumulo di forze NATO ai confini della Bielorussia. Annunciando le esercitazioni lunedì, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che anche l’Ucraina stava ammassando le forze al confine con la Bielorussia.

Foto: Controinformazione.info

19 gennaio 2022