Dall’Archeomodernità all’Impero

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

In Russia viviamo nelle condizioni dell’archeomodernità. È appena stata pubblicata la seconda edizione del mio libro Archaeomoderno, in cui descrivo questo fenomeno in modo dettagliato.

La sua essenza è che nella stessa società esiste un modello di interpretazione a due livelli di quasi tutti i fenomeni e principi, in politica, nella cultura, nella vita quotidiana, ecc. Il nucleo della popolazione rimane piuttosto arcaico e continua a vivere nelle condizioni della società tradizionale, mentre ufficialmente lo Stato è moderno, essenzialmente occidentalizzato. Quindi la nostra Costituzione, l’organizzazione della vita politica e lo strato dirigente rappresentano sistemi moderni dell’Europa occidentale piuttosto liberali; ma tutto questo funziona in modo molto diverso dai Paesi dell’Occidente moderno, perché viene reinterpretato a modo suo dalla società arcaica.

Si crea così l’Archeomoderno, un sistema in cui all’esterno tutto è abbastanza modernista, ma all’interno è profondamente arcaico.

Ciò si nota soprattutto nell’atteggiamento verso il potere ultimo: la modernità europea, almeno a partire da Montesquieu e ancor prima in Inghilterra, ha da tempo spogliato il potere di qualsiasi accenno di sacralità. La separazione dei poteri e la costante rotazione della classe dirigente servono proprio a questo scopo, disperdendo il centro decisionale ultimo in organi di governo diversi e che cambiano regolarmente. Naturalmente, una simile democrazia non ha raggiunto i suoi obiettivi nello stesso Occidente, fermando la dispersione del potere a livello della classe oligarchica, all’interno della quale c’è una rotazione che occasionalmente include “sangue nuovo” – ma solo coloro che sono disposti a giocare secondo le regole dell’élite esistente. Tuttavia in Russia l’oligarchia si rivela sempre instabile e lascia il posto all’autoritarismo e all’autocrazia, in una forma o nell’altra, e questo non è dovuto tanto all’usurpazione del potere supremo da parte di un singolo individuo, quanto alle esigenze della società stessa, che nel suo nucleo rimane patriarcale, tradizionale e vede nel sovrano supremo una figura paterna, quasi mistica. Fino al 1917 questa sacralizzazione si basava sulla teoria dei catecumeni, gli Holder, mutuata dall’Impero bizantino e trasferita in Russia (Mosca – la Terza Roma) alla fine del XV secolo, ma anche dopo il 1917, questa tradizione, dopo essere stata modificata, non scomparve ma venne estesa ai nuovi governanti comunisti – i “monarchi rossi” – che portarono a un culto quasi “religioso” di Lenin e alla glorificazione della personalità di Stalin.

Per tutta la sua debolezza e dipendenza dagli oligarchi, persino Eltsin era una sorta di “zar liberale”, ma con l’arrivo di Putin e le sue riforme patriottiche veramente decisive e, notiamo, completamente contro la sua volontà – il principio autocratico si è dispiegato in tutta la sua forza. Il popolo vuole solo Putin e nessun altro, ed è pronto a cambiare la Costituzione e tutto il resto per averlo. Putin è il sovrano supremo, il salvatore della Russia, così che viene percepito dal nucleo arcaico. E questo si estende alla SMO, che si giustifica proprio a livello di popolo (mentre a livello di élite provoca chiaramente rifiuto e quantomeno sconcerto).

Il nucleo arcaico rimane monarchico e, soprattutto, è un monarchismo dal basso. La classe dirigente – quello stesso Stato che Puškin definiva “l’unico europeo in Russia” – cerca di dare a una democrazia formale ed esteriormente moderna una sostanza reale (in realtà, di instaurare un’oligarchia asservita al potere mondiale globalista delle élite liberali), ma viene ripetutamente sconfitta.

Tuttavia, la facciata occidentalista e modernista non cambia, né si adegua alla volontà del nucleo arcaico e profondamente conservatore. Rimane immutata e l’élite, quella “solo europea”, il collettivo oligarca-occidentale russo, fa di tutto per mantenere questa “modernità” esterna, sperando che in futuro, sotto un governante debole o durante qualche cataclisma, riesca ancora a schiacciare definitivamente l’identità russa – eurasiatica. La stessa Federazione Russa, emersa nel 1991 dalle rovine della Grande Russia (URSS, Impero Russo), è stata fondata come strumento di decisa modernizzazione e globalizzazione. A costo di vere e proprie torture e violenze selvagge contro il popolo, non solo fisicamente ma anche spiritualmente, contro la sua più profonda autocoscienza, che è rimasta in gran parte immutata.

L’archeomodernismo è una malattia, una sorta di schizofrenia sociale. Una stessa società è consapevole di se stessa in modi diametralmente opposti. Dall’esterno e dall’alto è una moderna democrazia liberale di stampo occidentale, dal basso e dall’interno è una potenza mondiale con la volontà di ricostruire un impero, con un sovrano supremo sacrale alla sua testa, con valori tradizionali e con una psicologia conservatrice che rifiuta gli atteggiamenti occidentali “progressisti” (LGBT+, ultrafemminismo, ecc.) come perversi.

Tutto ciò genera un conflitto di interpretazioni (per dirla con Ricoeur). Da qui la menzogna totale. Tutti mentono, su tutto. Sia chi è al potere sia chi non lo è ha a che fare con una mentalità instabile e dolorosamente distorta, che contiene deliberatamente una contraddizione inamovibile. Allo stesso tempo, non c’è alcun tentativo di conciliare il moderno e l’arcaico. È vero che le élite liberali cercano occasionalmente di attaccare il nucleo arcaico, ma sono ostacolate dal potere supremo, che sta al di sopra delle élite e si basa sulla volontà arcaico-monarchica del popolo. E l’intero sistema dell’archeomodernità ristagna di nuovo.

Dal punto di vista delle élite, la soluzione al problema archeomoderno può risiedere solo nella “modernizzazione”, nel “progresso” e nell’integrazione della Russia nell’Occidente globale. Ma è interessante notare che l’archeomoderno a volte rompe anche con i modernizzatori occidentali d’élite. Il caso dell’ex presidente ed ex primo ministro della Federazione Russa Dmitry Medvedev è esemplificativo. Nelle sue alte cariche è rimasto un convinto liberale occidentalista, si è affidato a consiglieri globalisti, ha proclamato la modernizzazione e la democratizzazione, ha cercato cautamente di tornare agli anni ’90 e ha ricevuto il sostegno dei globalisti americani, lo stesso Biden e l’atlantista Brzezinski, che hanno fatto attivamente pressioni per il suo “secondo mandato”. Ora scribacchia instancabilmente post ultrapatriottici e iperimperialisti sui social network, che il regime al vertice è costretto persino a censurare. Le élite si chiedono: “l’account deve essere stato violato”. No, non è niente di personale, è solo archeomoderno.

Naturalmente non si possono escludere calcoli politici e strategie, ma anche questo non fa che confermare la diagnosi: volete essere il sovrano supremo in Russia, fate appello al nucleo arcaico del popolo, al potere forte e alla giustizia sociale. O così o niente. Il teorema dell’archeomodernità è dimostrato.

Va però considerato anche un altro scenario che, ahimè, non esiste ancora nemmeno in teoria. Tutte le soluzioni proposte (consapevolmente proposte) all’impasse dell’archeomoderno si riducono alla modernizzazione o allo sfruttamento cinico di questa tragedia mentale, un popolo condannato a una falsa identità.

Tuttavia, c’è un’altra via d’uscita: le élite liberali occidentali-moderniste non dovrebbero subordinare il popolo, l’arcaico? Non dovremmo riconoscere l’autocrazia, il patriarcato e il sistema autoritario non solo di fatto, ma anche di diritto? La Chiesa e le istituzioni della società tradizionale non dovrebbero riacquistare la loro posizione dominante nella società (con una piena rinascita delle tendenze tradizionaliste e una definitiva liberazione dal liberalismo ecclesiastico – Laric, ciao ciao, come sta Budapest)? Non si potrebbe attuare una rivoluzione conservatrice su larga scala nell’epistemologia – scienza, educazione, illuminismo -? Le élite non dovrebbero essere richiamate alla fedeltà al popolo, piuttosto che ad astratti principi globalisti? Non dovremmo colpire l’oligarchia, indebolita ma ancora influente?

Anche questa è una soluzione a cui molti politici, sia nella Russia zarista che in quella sovietica, erano propensi. All’inizio erano gli slavofili, i filosofi religiosi russi, i geni dell’Età d’Argento. Hanno visto l’archeomodernismo anche nella Russia dei Romanov (almeno da Pietro in poi) e hanno giustificato la necessità di un ritorno al modo sacro di vivere di Mosca e alle origini del popolo.

In epoca sovietica, questa linea è stata difesa dai nazional-bolscevichi (Ustryalov, Lezhnev) e sviluppata nell’emigrazione dagli eurasiatici. Si proponeva di curare l’archeomodernità sovietica facendo appello all’elemento russo.

Questo scenario, quindi, ha una solida storia nella tradizione culturale nazionale. Numerosi rappresentanti dell’élite si sono spostati a loro tempo dalla parte del popolo, ma non occidentalizzati e oligarchici, bensì spirituali e maestosi, profondamente patriottici.

Solo un tale conservatorismo, o meglio, un conservatorismo-rivoluzionario (il semplice conservatorismo non è sufficiente) ci garantirà la vittoria nelle SMO. L’archeomodernismo deve essere superato, ed è nella direzione di un pieno ripristino dell’ordine sacrale, del popolo e del potere allo stesso tempo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

9 agosto 2022