Daria Dugina: “La guerra in Ucraina uno scontro di civiltà globalista ed eurasiatica”

image_pdfimage_print

di Daria Platonova Dugina

Il conflitto in Ucraina non è ancora finito. In Occidente siamo bombardati da informazioni a favore dell’Ucraina e degli ucraini. Dimentichiamo che anche i russi hanno il loro punto di vista. Per questo abbiamo intervistato Daria Dugin, figlia di Aleksandr Dugin, sulla situazione. Un’intervista affascinante.

Breizh-info.com: Può presentarsi ai nostri lettori? Non è a volte difficile per lei portare il nome di Dugin, e quindi essere necessariamente assimilato a suo padre?

Daria Dugina: Mi sono laureata in storia della filosofia presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Statale di Mosca. La mia ricerca si è concentrata sulla filosofia politica del tardo neoplatonismo, un argomento di infinito interesse. La linea di pensiero principale della filosofia politica del tardo neoplatonico è lo sviluppo dell’idea di un’omologia dell’anima e dello Stato e dell’esistenza di un triplice ordine simile in entrambi. Come nell’anima ci sono tre basi, così nello Stato (e i platonici descrivono il modello indoeuropeo, poi perfettamente teorizzato nell’opera di Dumezil) ci sono anche tre domini – questo modello si manifesta nell’antichità e nel Medioevo. La comprensione esistenziale e psichica della politica è infatti oggi per molti versi perduta, abituati a vedere la politica solo come una tecnica, ma il platonismo rivela una profonda connessione tra processi politici e psichici. Oggi è urgente ristabilire una visione globale dei processi politici, cioè esaminare la “politica esistenziale”.

Ho l’onore di essere sulla stessa barca di mio padre (sulla stessa nave esistenziale), essendo figlia di un grande studioso della Tradizione, autore dell’opera in 24 volumi Noomachia (“guerre della mente” – analisi attraverso i tre loghi di tutte le culture del mondo). Il fatto che siamo sotto sanzioni da parte di Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito è anche un simbolo del fatto che noi Dugin siamo sulla strada della verità nella lotta contro il globalismo. Pertanto, direi che è un onore essere nati in una famiglia di questo tipo.

Breizh-info.com: Ci parli del suo lavoro attuale?

Daria Dugina: Sono un osservatore politico del Movimento Internazionale Eurasiatista e un’esperta di relazioni internazionali. Il mio campo di attività è l’analisi della politica europea e della geopolitica. In questa veste, appaio su canali televisivi russi, pakistani, turchi, cinesi e indiani, presentando una visione mondiale multipolare dei processi politici. Le mie aree di interesse sono sia lo spazio della civiltà europea sia il Medio Oriente, dove è in atto una sorta di rivoluzione conservatrice – dal costante confronto dell’Iran con l’egemonia americana o la lotta della Siria contro l’imperialismo occidentale alla Turchia, che ora mostra interessanti tendenze ad allontanarsi dalla NATO e dal blocco geopolitico anglosassone e cerca di costruire la sua politica estera su una base multipolare, dialogando con la civiltà eurasiatica. Credo sia importante seguire i processi nella regione mediorientale, è una delle fasi della lotta contro l’imperialismo. D’altra parte, sono anche molto interessato ai Paesi africani; essi rappresentano “l’altro” per l’Europa e la Russia, dalla cui analisi si può comprendere meglio la propria civiltà. L’Africa è sempre stata un elemento di sogno sia per gli europei che per i russi – ricordiamo il Viaggio in Abissinia e Harrar di Arthur Rimbaud, o il poeta russo Nikolai Gumilev che si ispirò a Rimbaud (“Diario africano“) e a una serie di poesie sull’Africa, in cui in realtà rivela l’Africa come una civiltà inesplorata e ricca di significato che il colonialismo occidentale ha crudelmente cercato di annullare e distruggere. Oggi nel continente africano si stanno verificando cambiamenti tettonici e il confronto tra le civiltà: quella occidentale e quella autenticamente africana (così diversa e così unica) è estremamente interessante.

Per me, una questione particolarmente importante è lo sviluppo della teoria del mondo multipolare. È chiaro che il momento globalista è finito, è arrivata la fine del liberalismo, la fine della storia liberale. Allo stesso tempo, è estremamente importante capire che è iniziata una nuova fase ricca di sfide, provocazioni e complessità. Il processo di creazione del multipolarismo, di strutturazione dei blocchi civili e di dialogo tra di essi è il compito principale di tutti gli intellettuali di oggi. Samuel Huntington, da realista delle relazioni internazionali, ha giustamente messo in guardia dai rischi di uno scontro di civiltà. Fabio Petito, specialista in relazioni internazionali, ha sottolineato che la costruzione di un “dialogo di civiltà” è il compito centrale e “l’unica strada percorribile”. Pertanto, per consolidare il mondo multipolare, le aree di confine (intermedie) tra le civiltà devono essere trattate con cura. Tutti i conflitti hanno luogo ai confini (zone intermedie) delle civiltà, dove gli atteggiamenti si scontrano. È quindi essenziale sviluppare una mentalità “di confine” (intermedia) se si vuole che il mondo multipolare funzioni pienamente e passi da uno “scontro” a un “dialogo” di civiltà. In mancanza di ciò, c’è il rischio di uno “scontro”.

Breizh-info.com: Come vede la guerra in Ucraina? E sulle reazioni in Occidente e nel mondo?

Daria Dugina: La situazione in Ucraina è proprio un esempio di scontro di civiltà; può essere vista come uno scontro tra la civiltà globalista e quella eurasiatica. Dopo la “grande catastrofe geopolitica” (come il presidente russo ha definito il crollo dell’URSS), i territori del Paese un tempo unito sono diventati “confini” (zone intermedie) – quegli spazi su cui è aumentata l’attenzione dei vicini, con la NATO e soprattutto gli Stati Uniti interessati a destabilizzare la situazione ai confini della Russia. Negli anni Novanta è stato avviato un lavoro coerente con i quadri dei nuovi governi dei nuovi Stati – l’Ucraina non fa eccezione. Gli eventi del 2014 in Ucraina, i Maya, sostenuti con tanto fervore sia dalla Nuland che dal famigerato Bernard-Henri Levy soldato dell’ultra-globalizzazione, sono stati un punto di svolta, infatti hanno aperto la porta all’instaurazione di una dittatura diretta globalista sull’Ucraina. Inoltre, elementi liberali e nazionalisti, che prima del 2014 erano più o meno neutrali, si sono uniti in un fronte unito con un’agenda globalista e filoamericana. Per 8 anni in Ucraina la russofobia è stata coltivata da vari programmi e la storia è stata riscritta, fino al massacro fisico dei russi: gli stessi 8 anni terribili per il Donbass con bombardamenti quotidiani. Il pubblico francese potrà ascoltare la documentarista Anne Laure Bonnel, testimone di questi 8 anni a Donetsk, che non ha paura di raccontare la verità nei suoi film e nelle sue interviste.

Il sostegno unanime dell’Occidente all’Ucraina nel 2022, la fornitura di armi su scala impensabile: tutto sembra un’agonia. L’agonia di un regime globalista che comincia a perdere terreno nei confronti del multipolarismo. Per me, il dolore più importante è che l’Europa ha ceduto all’influenza della propaganda globalista e, invece di rimanere neutrale, si è schierata con la guerra. Per molti versi, questo è stato certamente il piano degli Stati Uniti, che hanno sistematicamente e continuamente provocato l’intero conflitto, rifornendo di armi l’Ucraina. Solo dagli Stati Uniti (secondo Transparency International), tra il 2014 e il 2017 sono stati investiti oltre 658 milioni di dollari in aiuti all’Ucraina.

Allo stesso tempo, i Paesi dell’America Latina, del Medio Oriente, della Cina e dell’India non hanno adottato una posizione globalista. Il leader venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che il suo Paese aderisce “fermamente” alla posizione della Russia. A Cuba, durante una manifestazione del Primo Maggio, sono state viste persone portare bandiere russe e simboli Z, come ha riferito l’emittente tedesca ZDF. L’Argentina ha accusato l’Occidente di avere due pesi e due misure. La vicepresidente del Paese, Cristina Kirchner, ha dichiarato che il Paese è in conflitto con Londra per le isole Falkland. In Brasile, il candidato alla presidenza Lula da Silva ha a sua volta affermato che il leader ucraino Volodymyr Zelensky è responsabile di quanto sta accadendo nel suo Paese. La Cina si è espressa contro l’espansione della NATO e le provocazioni degli Stati Uniti. L’India ha cercato di mantenere la sua neutralità strategica (negli anni ’90, l’India stessa è stata bersaglio di dolorose sanzioni statunitensi e occidentali per aver rifiutato di aderire al Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari. Il Paese, a cui l’Occidente vuole togliere l’ossigeno e privare dell’alta tecnologia, ha poi tenuto duro (soprattutto grazie alla collaborazione con la Russia, che non ha aderito alle sanzioni e ne ha chiesto l’abolizione). Alcuni Paesi del Medio Oriente hanno appoggiato l’operazione militare speciale della Russia (la Siria, da sempre alleata della Russia, conosce meglio di chiunque altro la battaglia contro il globalismo), in Turchia crescono le richieste di ritiro dalla NATO e il Presidente si è rifiutato di approvare l’ammissione di Svezia e Finlandia alla NATO. Molti Paesi africani, soprattutto quelli con un forte sentimento antiglobalista, non hanno appoggiato le critiche occidentali alla Russia (Mali, Sudan, RCA, Zimbabwe, Repubblica del Congo, Eritrea). Queste reazioni indicano la fine del mito di uno “spazio unico mondiale”. L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha accelerato la formazione di un mondo multipolare e ha catalizzato molti processi geopolitici.

Breizh-info.com: Non crede che la Russia si stia isolando? Quali pensa che saranno le conseguenze di tutto questo?

Daria Dugina: Penso che sia il contrario. La Russia sta trovando nuovi partner e i processi di sovranità (ad esempio la de-dollarizzazione economica) iniziano ad accelerare. La Russia sta cercando di essere “punita” dai Paesi occidentali attraverso le sanzioni, ma l’effetto sull’economia russa non è molto evidente (“Le sanzioni internazionali contro la Russia non sembrano avere un impatto sulla vita quotidiana dei moscoviti”, afferma un giornalista in un servizio di BFM TV). La politica di sanzioni dell’Occidente è stata un catalizzatore per la ricerca di nuovi partner e la de-occidentalizzazione del nostro Paese. Allo stesso tempo, queste sanzioni hanno colpito duramente i Paesi europei, diventando una sorta di “harakiri” per molte economie europee. Si tratta di una notizia molto preoccupante, ma a quanto pare faceva anche parte del complotto americano per destabilizzare il continente europeo. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato che Budapest non appoggia l’imposizione di sanzioni sconsiderate contro la Russia. “Le sanzioni contro la Russia sono come una bomba atomica, potrebbero portarci non solo a non poter sfamare la nostra popolazione, ma anche a ricevere una massa di migranti al confine”, ha dichiarato il primo ministro ungherese.

Stanno emergendo nuovi blocchi. “I Paesi in via di sviluppo, tra cui Cina, India, Indonesia, Brasile e altri che si sono rifiutati di schierarsi sulla scia delle sanzioni occidentali contro la Russia, dovrebbero considerare come rafforzare il loro coordinamento economico per resistere a ulteriori shock da parte dell’Occidente”. È importante notare che i Paesi in via di sviluppo dovrebbero cercare una soluzione attraverso la cooperazione finanziaria e commerciale”, ha scritto un giornalista del Global Times cinese. Si tratta di processi geopolitici molto interessanti. La Russia non è stata quindi vittima dell’isolamento, ma pioniera di un ordine mondiale multipolare.

Breizh-info.com: Come sta reagendo la popolazione russa a questa guerra, che ovviamente ha già causato molte perdite da parte russa?

Daria Dugina: Qualsiasi operazione militare comporta sempre delle perdite. Va notato che le cifre fornite da fonti ucraine (e sono quelle diffuse dai media occidentali) non sono corrette e devono essere verificate. Ci troviamo di fronte a una situazione di guerra dell’informazione in cui tutto, dai rapporti militari alle cifre, viene politicizzato. Nei media occidentali, purtroppo, non c’è quasi nessuna visione alternativa degli eventi. Nel 2016 l’Ofpra ha prodotto un dossier su Pravy Sektor (“Settore destro”), un gruppo ultra-ucraino: “Pravy Sektor è oggetto di accuse di antisemitismo e xenofobia, manifestazioni omofobe, detenzioni illegali e altri abusi di potere. Crea una milizia armata, il Corpo Volontari Ucraini, impegnata nel conflitto con i separatisti filorussi nel Donbass. Le tensioni tra il Corpo Volontario Ucraino e le autorità continuarono fino a quando il Corpo divenne una parte scomoda delle forze armate regolari. Nel 2022, coloro che nel 2016 erano considerati con sospetto diventano eroi: le mogli dei combattenti di Azov (un gruppo responsabile delle crudeli uccisioni di russi nel Donbass) incontrano il Papa in Vaticano. È molto strano che qualcosa che sembrava proibito solo due anni fa sia diventato comune in Europa. Oppure l’incontro di BHL con l’ex capo del battaglione radicale russofobo e xenofobo Aydar (organizzazione terroristica vietata in Russia) Marchenko. Oggi il liberalismo va di pari passo con la xenofobia e il nazismo. Questo è un paradosso. Ma si può spiegare se si comprende la “natura totalitaria” del liberalismo moderno. Questo è il tema della manipolazione delle informazioni e delle cifre.

Per quanto riguarda la reazione dei russi, la stragrande maggioranza sostiene l’operazione militare speciale. Ai loro occhi, si tratta di una comprensibile difesa degli interessi geopolitici della Russia e di una lotta contro la russofobia, perché a Kiev si è formato un regime che nega ai russi il diritto all’autodeterminazione (lingua, cultura, identità) e all’esistenza. Alcuni elementi della società hanno lasciato immediatamente il Paese dopo lo scoppio delle ostilità, recandosi negli Stati Uniti, in Europa e in Israele. È significativo che Anatoly Chubais, ex capo dell’amministrazione presidenziale russa e uno degli ideologi e leader delle riforme economiche in Russia negli anni ’90, abbia lasciato il Paese. Negli anni ’90, il Fronte patriottico lo ha definito “traditore” e responsabile delle difficoltà economiche della Russia. Questo è un simbolo. Esistono sicuramente casi del genere.

Tutti quelli che conosco sostengono l’operazione militare speciale non solo a parole ma anche, per molti, nei fatti, fornendo aiuti umanitari ai rifugiati e alla regione. Inoltre, non lo fanno da pochi mesi, ma da molti anni. Gli stessi otto anni di cui l’Occidente sapeva così poco.

Breizh-info.com: Come giornalista, cosa pensa della censura di RT nell’Unione Europea o di Sputnik, e del silenzio (se non dell’approvazione) della maggioranza dei giornalisti europei?

Daria Dugina: Questo è un caso senza precedenti di violazione della “libertà di espressione”. La libertà di espressione implica la possibilità di avere punti di vista diversi, talvolta sgraditi alle autorità. RT e Sputnik non erano strumenti di propaganda russa, ma piattaforme di discussione. Ho guardato molti programmi di RT France ed erano interessanti perché includevano esperti con un punto di vista alternativo a quello dei media del sistema. Il fatto che i giornalisti in Europa non abbiano reagito in alcun modo a questi blocchi dimostra la natura “totalitaria” dell’intero mondo mediatico occidentale. È molto triste. Speriamo che i media di reinformazione rimangano attivi e prolunghino la distruzione del blocco di disinformazione.

Breizh-info.com: In Francia, le conseguenze economiche si fanno già sentire (in particolare l’aumento del prezzo della benzina). Come si può evitare un circolo vizioso?

Daria Dugina: Le sanzioni antirusse stanno iniziando a prosciugare l’economia europea. Le Pen, nel dibattito con Macron, li ha giustamente definiti un “harakiri” per l’economia francese. Ma pensiamo, a chi serve un’Europa indebolita? Afflitta dal COVID, indebolita dalle sanzioni anti-russe, l’Europa dovrà concentrare tutte le sue forze sulla questione del salvataggio della propria economia; in una situazione del genere i beneficiari sono gli Stati Uniti, che riescono a stabilire il loro controllo sul continente. Un Rimland indipendente è inaccettabile per la civiltà anglosassone, il crescente sentimento antiamericano e anti-NATO (in Francia, si noti, Mélanchon, Le Pen, Zemmour e molti altri candidati hanno attivamente criticato l’appartenenza della Francia alla NATO e auspicato uno scenario quasi gollista del 1966) è una minaccia al dominio globale degli Stati Uniti. Pertanto, l’idea delle sanzioni anti-russe è stata attuata con l’obiettivo egoistico di indebolire la regione. Le élite dell’UE hanno agito come intermediari, procuratori dei globalisti in questo tentativo, e hanno inferto un duro colpo al benessere dei popoli e delle popolazioni europee.

Breizh-info.com: Qualche parola finale?

Daria Dugina: Invito tutti i lettori a pensare in modo critico e a mettere in discussione le notizie pubblicate dai media. Se le élite liberali occidentali insistono tanto nel sostenere Kiev e nel demonizzare Mosca, è perché dietro c’è una logica di profitto. Tutto deve essere messo in discussione. Questo è un principio importante che ci permette di mantenere un occhio sobrio. Nella società dello spettacolo, della propaganda e della natura totalitaria dei sistemi occidentali, il dubbio è un passo fondamentale per uscire dalla caverna…

Pubblicato su Breizh-info 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Geopolitica.ru

26 maggio 2022