Davos 2022

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

La scorsa settimana si è tenuto il World Economic Forum.

Il World Economic Forum è un’organizzazione internazionale non governativa fondata il 24 gennaio 1971 dall’ingegnere ed economista tedesco Klaus Schwab.

Il WEF è noto soprattutto per il suo incontro annuale alla fine di gennaio a Davos, una località di montagna nelle Alpi orientali della Svizzera. L’incontro riunisce circa 3.000 membri paganti e partecipanti selezionati, inclusi investitori, leader aziendali, leader politici, economisti, celebrità e giornalisti, per discutere di questioni globali in 500 sessioni.

A proposito dell’operazione militare speciale in Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto sanzioni “più dure possibili” contro la Russia durante un discorso virtuale rivolto lunedì a dirigenti aziendali, funzionari governativi e altre élites nel primo giorno della riunione del Forum Economico Mondiale a Davos.

Ha detto che le sanzioni devono essere rafforzate per fermare l’aggressione russa. Questi dovrebbero includere un embargo petrolifero, il blocco di tutte le banche e la cessazione totale del commercio con la Russia. Secondo Zelensky, questo sarà un precedente che funzionerà per decenni.

Ha anche insistito sul ritiro completo delle compagnie straniere dalla Russia. In questo modo possono impedire il sostegno del regime. Zelensky ha affermato che l’Ucraina ha bisogno di 5 miliardi di dollari al mese di finanziamenti.

Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, David Beasley, ha affermato che «la mancata apertura dei porti è una dichiarazione di guerra ai sistemi alimentari globali ».

Secondo lui, se le scorte alimentari rimarranno fuori mercato, il mondo potrebbe affrontare un problema con la disponibilità di grano nei prossimi 10-12 mesi e “sarà un inferno in terra”.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che Putin “ha commesso un grosso errore strategico”.

Il capo della NATO ha definito l’operazione militare speciale un “momento spartiacque” sia per la sicurezza europea che per il più ampio ordine internazionale. Ha anche aggiunto che negli ultimi mesi la “pace in Europa” è stata distrutta.

Stoltenberg osserva che, a seguito della guerra, Putin avrà ora “più soldati della NATO al confine e più membri dell’alleanza “, riferendosi alla crescente probabilità che Svezia e Finlandia vengano accettate nell’alleanza, che attualmente conta 30 membri .

Come l’ex primo ministro norvegese, Stoltenberg ha salutato la loro decisione di fare domanda per entrare a far parte dell’organismo, definendolo “storico” e ha affermato che tutte le preoccupazioni della Turchia sarebbero state prese in considerazione. Circa il 96% degli europei sarà protetto dalla NATO quando Svezia e Finlandia si uniranno, ha aggiunto.

Stoltenberg ha detto agli imprenditori che “la libertà è più importante del libero scambio” e ha chiesto la difesa dei valori condivisi. Ha avvertito che ignorare la minaccia dei regimi autoritari “mina la sicurezza”.

Intervenendo al forum poco prima di Stoltenberg, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha affermato che l’operazione militare speciale in Ucraina ha messo in discussione “l’intero ordine internazionale”. Invece di affrontare il cambiamento climatico e dare forma all’economia globale, «dobbiamo dedicare tempo alle conseguenze del conflitto».

Secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, «una grande potenza nucleare si comporta come se avesse il diritto di ridisegnare i confini».

 «Putin vuole un ritorno a un ordine mondiale in cui il potere detta ciò che è giusto; in cui la libertà, la sovranità e l’autodeterminazione non sono per tutti. Questo è l’imperialismo. Questo è un tentativo di riportarci indietro nel tempo in cui la guerra era uno strumento comune della politica, quando il nostro continente e il mondo erano privi di un ordine pacifico stabile. Putin ha sottovalutato l’unità e l’energia con cui G7, NATO e UE risponderanno alla sua aggressione. Lavorando insieme, abbiamo imposto sanzioni più dure e di vasta portata di qualsiasi altra imposta in precedenza a un Paese delle dimensioni della Russia».

L’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger ha espresso un punto di vista diverso. Un sostenitore della “realpolitik”, che un tempo ha svolto un ruolo importante nel disinnescare le tensioni tra URSS e USA, ha invitato Kiev a fare concessioni a Mosca. Inoltre, Kissinger ha affermato che l’Occidente deve smettere di cercare di sconfiggere le truppe russe in Ucraina.

«Nei prossimi due mesi devono iniziare i negoziati per la pace, altrimenti ci saranno sconvolgimenti, si creeranno tensioni che non saranno facili da superare. Idealmente, la linea di demarcazione dovrebbe essere un ritorno allo stato di cose precedente. Credo che il proseguimento della guerra dopo questo punto la trasformerebbe non in una guerra per la libertà dell’Ucraina, intrapresa dalla NATO con grande unità, ma in una guerra contro la stessa Russia. Il risultato ideale sarebbe se l’Ucraina prendesse il posto di uno stato neutrale, come ponte tra Russia ed Europa» .

A proposito di questioni ambientali

La pandemia ha dimostrato che l’umanità può adattarsi – e adattarsi rapidamente – a sfide complesse con l’aiuto della tecnologia, ma secondo Ronald Busch, CEO di Siemens AG, è emersa un’altra grave minaccia per l’umanità: il cambiamento climatico. Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change, l’umanità sta esaurendo il tempo per rallentare il riscaldamento globale.

La soluzione a questo problema si trova su tre livelli.

In primo luogo, la tecnologia può aiutare a trasformare la spina dorsale dell’economia. Abbiamo bisogno di combinare il mondo reale e quello digitale, che permetteranno di ottenere nuove idee da un ampio set di dati. Le industrie possono diventare più intelligenti, ottenendo una maggiore efficienza e risparmiando risorse.

Questa è una svolta per le aziende ad alta intensità energetica come Gestamp, dove i costi energetici sono strettamente legati ai costi operativi. Secondo Bush, qualsiasi progresso nell’efficienza energetica si tradurrà in vantaggi significativi sia per le imprese che per il clima. Gestamp, un produttore di componenti per auto, è stato in grado di ridurre il consumo di energia e le emissioni del 15% collegando 20 dei suoi stabilimenti di produzione a una piattaforma di gestione dell’energia basata su cloud che ha analizzato milioni di dati in tempo reale.

Tecnologie come i digital twin consentono un ripensamento completo della progettazione del prodotto e dei processi di produzione. Anche prima che un prodotto, una macchina o un impianto venga costruito, possiamo ottimizzarne il design e le prestazioni nel mondo virtuale.

L’uso della produzione additiva per produrre beni più vicino a dove sono necessari aumenta la resilienza dell’azienda, elimina le emissioni associate alle spedizioni di prodotti in tutto il mondo e apre nuovi modelli di business, affermano gli esperti.

In secondo luogo, mentre «è positivo per le organizzazioni implementare tecnologie che migliorano la loro resilienza, è necessario affrontare la verità. Il più grande ostacolo alla riduzione delle emissioni risiede nelle nostre catene di approvvigionamento, dove si verifica oltre il 90% delle emissioni di carbonio».

La decarbonizzazione delle catene di approvvigionamento è un compito difficile, soprattutto perché molte aziende mancano di trasparenza. Quando le aziende capiscono meglio da dove provengono le loro emissioni, possono collaborare in modo più efficace con i loro fornitori per sviluppare strategie di riduzione.

È qui che la digitalizzazione può aiutare. Strumenti software come SiGREEN, che si basano sulla tecnologia blockchain, consentono alle aziende di cercare, calcolare e condividere in modo sicuro i dati sull’impatto ambientale dei loro prodotti dall’estrazione delle materie prime al funzionamento.

Terzo, il cambiamento climatico è una sfida troppo grande per un’organizzazione, un settore o un paese da affrontare da sola. Bush ha affermato che i responsabili politici e le industrie devono lavorare insieme per accelerare la trasformazione economica.

Più di 70 paesi e regioni, compresa l’UE, hanno fissato obiettivi di zero netto per il 2050 o prima. Ma le misure attuali per raggiungere questi obiettivi non hanno avuto successo.

Bush propone una misura drastica: fissare un prezzo per il carbonio, che creerà un incentivo per le aziende a decarbonizzare le proprie attività. Il reddito generato può essere utilizzato per stimolare l’innovazione e gli investimenti in tecnologie a basse emissioni di carbonio. Tuttavia, “qualsiasi schema di tariffazione del carbonio farà davvero la differenza quando il prezzo del carbonio sarà sufficientemente alto e tutti i settori saranno inclusi”.

Oggi, meno del 20% delle emissioni globali è coperto da un sistema di tariffazione del carbonio. Il Fondo per la difesa ambientale stima che un mercato globale del carbonio potrebbe ridurre i costi di attuazione dell’accordo di Parigi fino al 79% e creare condizioni di parità in cui nessuna impresa è in svantaggio competitivo.

«Questo è un decennio cruciale nella corsa contro il cambiamento climatico. Raggiungere lo zero netto non sarà facile: richiederà una cooperazione più stretta e politiche più intelligenti. La buona notizia è che la trasformazione digitale porta vantaggi. Le tecnologie che migliorano l’efficienza, la produttività e la trasparenza possono anche aprire la strada a un futuro più sostenibile».

Crisi alimentare

Sia la Russia che l’Ucraina sono potenze mondiali nell’agricoltura e nella produzione alimentare e il conflitto in Europa sta esacerbando la crisi alimentare globale. Il presidente di Yara International, Svein Tore Holseter, ritiene che sia necessario compiere ogni sforzo per mantenere i flussi commerciali delle principali materie prime agricole e degli input a breve termine. Ha affermato che è necessario prevenire politiche protezionistiche che porteranno a un nuovo aumento dei prezzi dei generi alimentari e colpiranno le fasce più vulnerabili della popolazione, causando una destabilizzazione in futuro. Swain ha suggerito di esortare i paesi a rilasciare scorte alimentari per alleviare invece la pressione sul sistema alimentare.

Circa la metà della popolazione mondiale ha accesso al cibo grazie ai fertilizzanti minerali, e oggi viene prodotto utilizzando gas naturale. Swain ha affermato che «con la Russia che rappresenta circa il 40% della fornitura di gas in Europa, sono necessari massicci investimenti nelle energie rinnovabili per ridurre la dipendenza. Questo cambiamento consentirà anche la produzione di ammoniaca verde, che può essere utilizzata per fornire derrate senza combustibili fossili e senza fertilizzanti: un passo da gigante nella transizione verso l’agricoltura rigenerativa».

La Russia è anche uno dei maggiori esportatori di fertilizzanti e sostanze nutritive come la potassa. Tuttavia, il sistema alimentare ha un eccesso significativo di nutrienti che non vengono utilizzati ma che invece danneggiano l’ambiente, ad esempio a causa di perdite. Trovando modi per produrre fertilizzanti minerali organici basati su nutrienti riciclati, l’umanità farà un altro passo importante verso “l’agricoltura rigenerativa e soluzioni ambientali positive”.

Ci sono enormi differenze regionali nella produttività agricola globale. Questi sono spesso indicati come il “divario di rendimento”. La raccolta è determinata da molti fattori: il clima, come è ottimizzato l’uso delle risorse (semi e fertilizzanti), le pratiche agricole. Con i giusti strumenti decisionali e con l’accesso a conoscenze e input di qualità, i piccoli agricoltori possono aumentare significativamente i loro raccolti.

Secondo Swain, «se l’agricoltura in molti paesi africani, ad esempio, raggiunge lo stesso livello di produttività dei paesi europei, rafforzeranno la loro resilienza, forniranno molti più mezzi di sussistenza e, infine, potranno diventare esportatori netti piuttosto che grandi importatori di cibo».

Sicurezza Internet

A causa della diffusione di disinformazione sanitaria, abusi sessuali su minori e contenuti di sfruttamento e contenuti di estremisti violenti e terroristici, la navigazione in Internet può essere pericolosa.

Fornire un’esperienza online sicura e protetta è essenziale per le aziende globali, i gruppi della società civile e gli individui. Courtney Gregoire, direttore della sicurezza digitale di Microsoft, ha affermato che «le parti interessate di tutti i settori e delle aree geografiche concordano sull’urgente necessità di un coordinamento globale deliberato per migliorare la sicurezza digitale».

«La sicurezza globale di Internet è un obiettivo collettivo che deve essere affrontato lavorando con i singoli paesi. Non vediamo l’ora di lavorare con i membri della coalizione internazionale per ridurre il rischio di danni online e costruire una vita online più sicura per tutti».

Le aziende private sono libere di moderare i contenuti sulle loro piattaforme secondo le proprie politiche, ma c’è una tensione continua tra troppo poco e troppo contenuto che arriva sulle piattaforme.

È stato istituito un gruppo consultivo di esperti ad hoc che sarà consultato per garantire che “le migliori idee di molte parti interessate sulla sicurezza digitale siano portate in primo piano per l’attuazione poiché stimolano la collaborazione tra il settore pubblico e privato” su tre questioni:

Come si traducono i principi internazionali sui diritti umani in un contesto digitale?

Quali “interventi” tecnici, politici, tecnologici e di design possono migliorare la sicurezza di Internet?

Chi dovrebbe valutare i rischi per la sicurezza digitale?

Strategia aziendale speciale

Più di 1,3 miliardi di persone vivono con una qualche forma di disabilità. Questo gruppo costituisce il 17% della popolazione mondiale. Questo è il più grande gruppo di minoranza al mondo.

«C’è una crisi globale della disuguaglianza dei disabili. E questo non può essere risolto solo dai governi e dagli enti di beneficenza. Ha bisogno della forza più potente del pianeta: il business»,  ha affermato Caroline Casey, fondatrice di Valuable500.

Le persone con disabilità spesso non hanno accesso al lavoro. Attualmente, il tasso di occupazione globale delle persone con disabilità è solo la metà di quello delle persone non disabili. Le persone che lavorano con disabilità spesso devono far fronte a standard di reclutamento e promozione diseguali, retribuzioni diseguali e segregazione occupazionale. Mentre il 90% delle aziende afferma di dare la priorità alla diversità, solo il 4% delle aziende si concentra sulla creazione di offerte che includono la disabilità.

Caroline Casey crede che ci sia un forte business case per l’integrazione delle persone con disabilità nei processi aziendali. A suo avviso, una strategia aziendale che tenga conto della disabilità promette un significativo ritorno sull’investimento.

Risultati

Il tema dell’Ucraina non è ancora diventato un “mono-argomento” di questo forum. I suoi organizzatori cercano tradizionalmente di formulare contemporaneamente significati in diverse aree chiave per l’agenda globale. Sebbene alcuni esperti accusino il forum di “chiacchiere inutili”, il più delle volte i significati formulati su di esso sono precoci o si riflettono nelle decisioni del governo e nelle decisioni delle società internazionali.

Quest’anno, gruppi di riflessione come la London School of Economics, l’Università di Harvard, Chatham House (descritta come indesiderabile in Russia), la Brookings Institution, l’Università di Cambridge e altri hanno preparato e pubblicato 30 rapporti analitici su tutte le questioni chiave per l’Occidente: dall’”energia verde” all’ottimizzazione delle filiere produttive, dall’analisi delle prospettive di recessione globale agli scenari per la risoluzione delle crisi alimentari, dal già tradizionale tema della povertà e della disuguaglianza al dibattito sull’evitare la dipendenza da un ristretto gruppo di Paesi dell’approvvigionamento di metalli delle terre rare necessari per la “nuova energia”.

Pertanto, i globalisti costituiscono i significati di base dell’”agenda euro-atlantica”, che sta cercando di mantenere una posizione dominante nel mondo. Compresi i media, che poi quotidianamente influenzano le politiche degli stati.

Le idee promosse di solito portano a risultati disastrosi. La ricchezza combinata dei miliardari del mondo è aumentata di 5 trilioni di dollari durante la pandemia, secondo un rapporto della confederazione britannica delle ONG di beneficenza Oxfam. Considerando che, secondo la Banca Mondiale, il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà è cresciuto da 641 milioni a 657 milioni. Allo stesso tempo, il deposito bancario medio degli americani, grazie ai benefici della pandemia, è aumentato da $ 400 a $ 2.000.

Una certa narrativa si è sviluppata nel forum economico: il capitalismo dovrebbe essere sostituito da una costruzione sociale estremamente semplificata, in cui le società transnazionali e i loro proprietari diventeranno i padroni con pieno potere e diritti. Gli stati-nazione, le sovranità, le religioni, le culture e così via rimarranno nel passato: il mondo diventerà un’unica società con un unico proprietario che si prenderà cura di altre persone. Naturalmente, con il pieno controllo su questi ultimi e il pieno diritto di disporre dei loro destini.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: Katehon.com

1° giugno 2022