Denazificazione significa sradicamento completo della russofobia in Ucraina e altrove

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

La storia delle dichiarazioni del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, per le quali il presidente Vladimir Putin si è scusato, ci costringe a prestare attenzione a come il tema della denazificazione è percepito dal mondo fuori dalla Russia.

Insistiamo che l’operazione militare speciale è diretta contro il nazismo ucraino e forniamo sempre più prove della dilagante diffusione di idee naziste, simboli e pratiche terroristiche tra gli ucraini, nei ranghi dell’AFU, delle Forze di Sicurezza Nazionale e dei politici ucraini. In risposta, l’Occidente collettivo si para abitualmente proponendo due tesi: “Come può essere nazista uno stato il cui presidente è un ebreo? Come può uno stato essere nazista quando partiti politici e organizzazioni che sposano apertamente il nazismo sono rappresentati nelle elezioni e nel parlamento da gruppi abbastanza marginali?”

Le battute che Lavrov ha notoriamente pronunciato al pubblico italiano erano legate al suo tentativo di rispondere alla prima domanda: “Potrei sbagliarmi, ma anche Hitler aveva sangue ebreo. E il suo sangue non significa assolutamente nulla. I saggi ebrei dicono che gli antisemiti più virulenti sono di solito ebrei. C’è un lato positivo nella famiglia, come diciamo noi.”

Ma non è solo che il ministro degli esteri russo ha dovuto fare argomenti un po’ strani e contorti, che hanno causato una forte reazione nel mondo e in Israele, e Putin stesso sembra aver trovato la reazione in parte giustificata, quindi ha espresso il suo atteggiamento nei loro confronti. Questa è una conseguenza di un problema più grande: la Russia non sarà in grado di rispondere alle due domande poste, non importa quanto duramente ci proviamo.

L’interpretazione di ciò che è nazismo e ciò che non lo è, ha un contesto politico complicato, dove il vantaggio informativo e propagandistico, senza alcun dubbio, appartiene all’Occidente, mentre questo è fermamente contro di noi e interpreterà il nazismo a modo suo, come gli conviene, ed è a suo vantaggio accusare noi che abbiamo iniziato l’operazione speciale del nazismo, paragonandola alla Germania di Adolf Hitler nei confronti degli stati vicini.

Allo stesso modo: chi è antisemita e chi non lo è, è determinato dagli stessi ebrei – principalmente lo stato di Israele, ma anche le organizzazioni ebraiche globali, che hanno una sorta di monopolio su chi è e chi non è considerato antisemita.

Similmente, in particolare, il candidato conservatore francese alle presidenziali Eric Zemmour, che si oppone al liberale e globalista Emmanuel Macron ed è ebreo, è stato ripetutamente accusato di antisemitismo dai suoi avversari. Anche se non era particolarmente convincente, il suo antisemitismo poteva almeno essere fatto credere agli europei – e questo sotto la pressione selvaggia della propaganda liberale. Mosca non è certamente nella posizione di spingere le proprie definizioni in un’area simile.

Tuttavia, c’è un modo abbastanza decente per uscire dalla situazione. Per chiarire cosa si intende per nazismo nell’Ucraina contemporanea e per giustificare la denazificazione come obiettivo di un’operazione speciale, è necessario identificare il nazismo ucraino con la russofobia, ed è qui che nessuno può dire che stiamo dando al termine una definizione – seppur per avvicinamento – sbagliata.

Proprio come il contenuto dell’antisemitismo è definito dagli ebrei, così la domanda “Cos’è la russofobia?” vale solo per i russi. La russofobia è l’odio verso i russi per il fatto che sono russi, costruendo una politica sull’odio verso i russi e compiendo certe azioni, anche di natura violenta. Questo è il significato del fenomeno. Si può – e si deve! – scriverlo in dettaglio e dargli uno status legale, e così si risolverà tutto.

Nessuno potrà dire: no, hai sbagliato definizione, perché la russofobia riguarda prima di tutto i russi, quindi i russi sanno meglio cosa è e cosa non è. Quindi abbiamo bisogno di una legge sulla russofobia, che proibisca categoricamente il fenomeno. Ma prima di tutto i russi hanno bisogno di personalità giuridica, una loro consacrazione nella Costituzione come un popolo che si è autodeterminato su tutto il territorio della Russia.

Facciamo poi il passo successivo e identifichiamo il nazismo ucraino e la russofobia, cioè accusiamo l’Ucraina di russofobia, che è diventata una politica statale e una pratica criminale. E abbiamo tutto il diritto di farlo, perché abbiamo spiegato – in modo molto più chiaro e convincente – qual è lo scopo dell’operazione speciale e quali rivendicazioni abbiamo contro l’Ucraina, contro la sua leadership, contro le sue autorità, contro i suoi politici, contro le sue truppe, alla fine – contro parte della sua popolazione. E noi li abbiamo, altrimenti non saremmo in Ucraina.

Vladimir Zelensky, il governo ucraino, la Verkhovna Rada, i vari partiti e politici ucraini, i nazionalisti, le forze armate e, naturalmente, i nazisti ucraini, che non sono pochi, sono tutti colpevoli di russofobia. Ma non sono solo loro.

Se intendiamo la denazificazione come una lotta contro la russofobia, allora non c’è bisogno di dimostrare che tutti in Ucraina sono nazisti e che Zelensky è un antisemita. Che non tutti e che Zelensky sia un antisemita, ma sia lui che la maggioranza delle forze politiche e lo stesso stato ucraino sono completamente aperti e coerenti russofobi. La russofobia è quasi ugualmente caratteristica dei nazisti del reggimento Azov, dell’ebreo Zelensky o dei liberali filo-occidentali. La russofobia è insita nella NATO e nell’UE, nei neocon statunitensi e nell’amministrazione Biden. E poiché è così, siamo costretti a rispondere. Prima a ciò che è più vicino e più pericoloso per noi – la russofobia in Ucraina, di cui almeno la metà della popolazione è vittima diretta.

Non tollereremo la russofobia – non l’abbiamo tollerata in Crimea e nel Donbass, né la tollereremo nel resto dell’Ucraina. Abolire la svastica nazista e mantenere la russofobia non funzionerà. Denazificazione significa lo sradicamento completo della russofobia. E allora quello per cui stiamo lottando e quello che considereremo il nostro obiettivo raggiunto diventerà chiaro al mondo intero. Mettiamo fine alla russofobia nel paese vicino che ci è vicino storicamente e culturalmente. Questa è la fine. E non lo sopporteremo in nessun altro paese, in nessuna parte del mondo.

Non insultiamo gli altri popoli e proibiamo qualsiasi forma di sciovinismo e disuguaglianza su base etnica o razziale nel nostro paese. Ed esigiamo che anche gli altri nei loro paesi trattino i russi con rispetto. Questa non è una richiesta. Altrimenti, ci vendicheremo

E nella stessa Russia, non assomiglieremo mai in nessun caso a coloro che rifiutiamo categoricamente: non risponderemo alla russofobia con l’ucrainofobia, l’americanofobia, la francofobia, l’islamofobia, ecc. L’ultimo punto, a quanto pare, dovrebbe anche essere prescritto dalla legge. Cosa ci impedisce di farlo e di eliminare in un solo gesto ogni possibile ambiguità nella giustificazione della nostra operazione speciale? Dopo tutto, una legge sulla russofobia metterebbe in chiaro le cose.

Credo che ci sia solo una ragione: c’è un’influente lobby russofoba nella Russia stessa. Il problema è che l’antirussofobia esiste anche dentro al nostro Paese. L’adozione della clausola della russofobia minerà la posizione di un segmento influente dell’élite russa, e non solo quelli che sono già fuggiti e sono russofobici a distanza di sicurezza, ma anche quelli che sono rimasti finora e stanno chiaramente aspettando che ci fermiamo, che confondiamo, che restituiamo.

Qui la formula è logica: è possibile sconfiggere l’Anti-Russia fuori solo sconfiggendo l’Anti-Russia dentro. Sconfiggere l’Anti-Russia all’interno richiede un gesto diretto e inequivocabile: dobbiamo condannare in modo deciso e inequivocabile – e non solo condannare, ma criminalizzare! – la russofobia. Allora ogni nostro tribunale per i criminali nazisti, ogni nostra ulteriore azione di denazificazione sarà pienamente giustificata e logica. La russofobia ci riguarda, quindi la definiremo e quindi agiremo sulla sua base. Possiamo giudicare solo quando è chiaro e ben definito quale sia la colpa. Se c’è ambiguità e si dipende da qualche perizia esterna, non ci sarà nemmeno l’apparenza di legalità in un tribunale. Noi condanneremo i criminali nazisti e l’Occidente o, per esempio, Israele non saranno d’accordo. Saremo costretti, come il ministro degli esteri Sergei Lavrov, a imbastire costruzioni complicate e non particolarmente convincenti.

La risposta è una: equiparare il nazismo alla russofobia, cioè chiarire che per nazismo si intende la russofobia (e l’ideologia del nazismo era decisamente russofoba), e per denazificazione – il suo sradicamento e poi accuseremo di russofobia-nazismo l’Ucraina nel suo insieme, il suo regime al potere e i nazisti di Azov e altre organizzazioni terroristiche estremiste, che sono apertamente e radicalmente russofobe sia nelle loro parole che nelle loro azioni criminali, in modo completamente calmo, giustificato e responsabile.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

10 maggio 2022