Diario dell’infermo. Idealisti, materialisti e donne [4/6]

image_pdfimage_print

di Levan Vasadze

Capitolo XLVII

Dopo essere tornato, se possibile, a scrivere il Diario dell’indolente, ho cercato più volte di scrivere sul confronto russo-ucraino e ogni volta senza successo, perché non voglio offendere nessuno dei due popoli, che, nella mia convinzione, fanno parte di una sola nazione e di una sola civiltà chiamata slavi orientali.

Quello che sta succedendo lì è una tragedia, e come patriota del mio paese e cristiano ortodosso, non volevo scriverne per il motivo menzionato, ma la fase calda di questo conflitto ha reso impossibile il mio silenzio.

Quindi, scriverò ciò che penso con la massima cautela e mi scuso in anticipo con chiunque mi offenda.

Dirò subito che non ho intenzione di schierarmi e prego sinceramente Dio che la guerra che è iniziata finisca il più presto possibile e che il minor numero possibile di russi e ucraini (militari e civili) vi muoia.

Allo stesso tempo, voglio chiarire come capisco ogni parte.

Non ci possono essere due opinioni, che se guardiamo la questione superficialmente, sulla base del concetto di stati nazionali dal tempo della Pace di Westfalia e dei confini internazionalmente riconosciuti delle ex repubbliche sovietiche dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Russia sta ora commettendo un’invasione della sovranità ucraina e come interveniente invade il suo territorio.

Riconoscendo gli stati indipendenti delle regioni di Donetsk e Luhans’k dell’Ucraina sovrana senza il consenso di Kiev, la Russia viola gravemente la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina, proprio come ha fatto con la Georgia nel 2008, quando la Russia ha riconosciuto l’Abkhazia e la cosiddetta Ossetia del Sud.

Questo è un lato della questione.

L’altro lato è che prima che lo facesse la Russia, gli americani hanno fatto la stessa cosa per la prima volta nell’Europa del dopoguerra, quando hanno sostenuto i separatisti albanesi sull’antica terra serba in Kosovo senza il consenso di Belgrado e hanno riconosciuto uno stato indipendente del Kosovo.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti e l’Europa hanno sostenuto apertamente il colpo di stato militare e il rovesciamento violento delle legittime autorità ucraine a Kiev nel 2014, che è stato seguito da una guerra civile nel paese e dalla distruzione dell’Ucraina unita.

La relazione causa-effetto qui è abbastanza chiara: se l’Occidente non avesse riconosciuto il cosiddetto Kosovo, la Russia non avrebbe riconosciuto nemmeno le regioni separatiste georgiane e ucraine.

Così, la violazione de jure dell’integrità territoriale della Georgia e dell’Ucraina è colpa dell’Occidente, alle cui azioni la Russia reagisce.

Per quanto riguarda l’inammissibilità dell’invasione di un paese in un altro, di cui i nostri liberali scrivono con tanto furore in questi giorni, non ricordo che abbiano alzato la voce quando gli Stati Uniti e i loro alleati hanno invaso, distrutto e portato scompiglio in Iraq, Libia, Siria, Afghanistan…

Non esiste un sistema di diritto internazionale, le guerre sono in corso tutto il tempo, chiunque può difendere gli interessi del proprio paese e non vedere tutto questo o vedere solo un caso di questo caleidoscopio e chiudere un occhio e tacere su tutto il resto è una dimostrazione di cretinismo o una prova di completa incoscienza.

Ora, per quanto riguarda la nota massima che ogni paese sovrano dovrebbe avere piena libertà di scegliere i suoi alleati e le sue alleanze nei diversi blocchi. Si basa su un insieme molto specifico di accordi e trattati internazionali, sia la Carta per la sicurezza europea (adottata al vertice OSCE di Istanbul) o altri che affermano anche che il rafforzamento della sicurezza di un paese non deve avvenire a spese della sicurezza di un altro.

Lo stesso si può dire qui: usare singole frasi prese fuori dal contesto ed essere sordi ad altre frasi di documenti, che però pochi hanno letto, è un segno dello stesso cretinismo o mancanza di coscienza.

Nel caso del conflitto russo-ucraino la questione è fondamentale: l’adesione dell’Ucraina alla NATO e il dispiegamento di missili NATO in quel paese riduce il tempo di volo verso Mosca da 15-20 minuti a 4-7 minuti e rende inutile l’intero sistema di difesa aerea russo, cosa che la Russia, naturalmente, non permetterà per ragioni ideologiche, ma semplicemente tecniche.

Quindi, in questo caso c’è un “rafforzamento” della sicurezza di un paese a spese della sicurezza dell’altro, cioè vengono violate le condizioni dello stesso pacchetto di documenti sull’inammissibilità della violazione di cui i nostri liberali danno voce.

E perché il presidente Zelensky oggi, con l’esercito russo alla periferia di Kiev, ha iniziato a parlare dello status neutrale dell’Ucraina? Dove è stato fino ad ora? Non sapeva che per la Russia l’adesione dell’Ucraina alla NATO non è nemmeno una questione ideologica, ma semplicemente una questione tecnica per garantire la sicurezza del suo paese?

Quando l’Unione Sovietica è crollata, la NATO ha promesso ai russi che non si sarebbe espansa “un pollice” verso est, e da allora ci sono state cinque ondate di espansione.

Inoltre, quando la Russia era all’apice della sua debolezza, anche la Russia stessa fu tentata di disintegrarsi, all’inizio degli anni ’90, quando gli istruttori americani pullularono in tutti gli organi di governo russi, comprese le forze di sicurezza.

È stato durante il periodo di attività di questi consiglieri che sono scoppiati tutti i conflitti separatisti nello spazio post-sovietico, e non solo nelle ex repubbliche sovietiche, ma anche nella stessa Russia.

E coloro che non capiscono che in caso di collasso della Russia sia la Georgia che l’Ucraina sarebbero state ulteriormente frammentate, non capiscono assolutamente nulla. È comprensibile che sia difficile per una persona zombificata, drogata dalla propaganda dei media liberali e ignorante capire tutto questo, ma ciò non significa che la sua incapacità di comprendere faccia alcuna differenza nella realtà.

Di fatto, questa ignoranza porta gli stati governati, come il nostro o l’Ucraina, a mangiare cane e lupo, per i quali i liberali globalisti esprimono “indignazione”, che sono essenzialmente completamente indifferenti alla sofferenza e alla povertà del popolo ucraino e georgiano.

Per esempio, un ufficiale dei servizi di sicurezza americani Luke Coffey ha dichiarato che “è ora di armare i georgiani fino ai denti”, cioè questa figura non è abbastanza del massacro degli ucraini con la Russia e ora ha bisogno di spostare il fuoco dalla nostra parte. Questo è lo stesso Luke Coffey che ha osato tenere una conferenza insultante al Rums Hotel di Tbilisi nel 2018 su “Georgia nella NATO senza Abkhazia e Tskhinvali” per tutti i georgiani.

A mio parere, tali provocatori non solo non dovrebbero tenere conferenze in Georgia, ma dovrebbero essere dichiarati persona non grata dal nostro Stato.

Ora, per quanto riguarda la consapevolezza. Qualsiasi guerra è terribile, soprattutto a causa delle inevitabili vittime civili. E ora, lo spazio televisivo si riempirà lentamente di queste terribili immagini. Ma va anche detto che nel corso degli anni nessuno ci ha mostrato queste immagini che ritraggono le vittime civili nel Donbass.

A Mosca vado in due chiese: la chiesa georgiana di San Giorgio sulla Bolshaya Gruzinskaya e la chiesa di Nostra Signora di Iveron sulla Bolshaya Polyanka. Quest’ultimo si trova nel cortile del Centro Ustioni e Traumi dei Bambini.

I padri della chiesa vanno in questo ospedale dopo ogni servizio e si prendono cura dei bambini mutilati.

Per tutti questi anni, la maggior parte dei reparti dell’ospedale sono stati occupati da bambini portati dal Donbass, che sono stati mutilati a causa del costante bombardamento delle scuole e degli asili nelle città del Donbass da parte delle forze armate ucraine.

Non racconterò l’incubo e il dolore indescrivibile che questi bambini, i loro genitori e i padri di questo tempio hanno sopportato per anni.

O un altro esempio: la tragedia di Odessa, quando nel 2014 pacifici manifestanti russi sono stati bruciati vivi in un edificio.

Ho visto prove forensi successive all’incendio che confermano che gli assassini hanno aspettato i manifestanti all’interno dell’edificio prima di dare fuoco ai manifestanti insieme all’edificio.

Per esempio l’esame dettagliato del corpo di una donna delle pulizie incinta, che è stata prima violentata, poi strangolata, poi per imitare la sua morte per fuoco le hanno versato della paraffina sulla testa e l’hanno bruciata, il che ha portato a bruciare solo la parte superiore del suo corpo ma la parte inferiore è sopravvissuta e si è rivelata adatta all’esame. E ci sono molti altri fatti altrettanto orribili solo in questo edificio.

Quindi, se vogliamo essere obiettivi, dovremmo ascoltare entrambe le parti, capire le loro posizioni e solo allora giudicare.

Infine, secondo me, quale posizione dovrebbe assumere un patriota georgiano in questo conflitto?  Solo pacifico e conciliante.

Dovremmo capire che siamo di fatto una nazione, una civiltà con una profonda ferita del cristianesimo occidentale e orientale che attraversa il suo corpo.

Risale a secoli fa ed è la più grande tragedia di quella civiltà. Purtroppo, non è la prima e probabilmente non è l’ultima guerra tra russi e ucraini, anche se Dio non voglia che sia l’ultima.

Prendere una parte in questa guerra fratricida ed entrare in guerra con l’altra parte è, a mio parere, prendere parte a questo terribile incitamento e non farà bene alla Georgia.

Tutti coloro che insistono sul fatto che l’attuale regime ucraino è amico della Georgia dovrebbero ricordare quanti anni questo regime ha ospitato georgiani assetati di sangue del violento regime di Saakashvili, che hanno picchiato l’Ucraina ed esposto la Georgia alla Russia per trarre profitto dalla guerra e versare il sangue dei nostri eroi.

Che ci piaccia o no, dovremmo capire bene che noi, come l’Ucraina, siamo in una zona di collisione di grandi poli di potere, e almeno dovremmo avere abbastanza motivi per non perdere i nostri stati e per non portare i nostri popoli sull’orlo della distruzione per mano di quei burattinai, I quali, trovandosi al di là dell’oceano, fanno delle dichiarazioni ciniche e ispiratrici e, di fatto, non ci aiutano affatto, se non con crediti costosi e imponendo pseudo valori a noi estranei, rovinando la nostra futura generazione con il gioco, la droga e la dissolutezza.

Che Dio aiuti l’Ucraina e stabilisca la pace tra essa e la Russia il più presto possibile e al costo del minor numero possibile di vittime.

Parte 4 di 6

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

6 maggio 2022