Idee&Azione

Dieci osservazioni critiche sull’inizio della controffensiva di Kiev sostenuta dalla NATO

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

La guerra per procura tra NATO e Russia in Ucraina sta raggiungendo il suo momento più critico, poiché Kiev si prepara a iniziare la sua controffensiva, sostenuta dal blocco militare guidato dagli Stati Uniti. Una svolta da parte di una delle due parti potrebbe costringere l’altra a fare concessioni prima dei colloqui per il cessate il fuoco mediati dalla Cina (e forse anche dalla Francia) che dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno. Allo stesso modo, una continua situazione di stallo porterebbe probabilmente al congelamento dell’attuale linea di contatto (LOC), in vigore da mesi.

Ecco dieci osservazioni critiche su tutto ciò, rispettivamente dal punto di vista dell’Occidente e della Russia:

  1. La NATO riconosce la sua “corsa logistica”/”guerra di logoramento” con la Russia

Il Segretario Generale Stoltenberg ha ammesso a metà febbraio che l’intero blocco sta lottando per tenere il passo con la Russia in termini di produzione militare-industriale, il che ha avvertito che potrebbe portare a un affaticamento politico sul coinvolgimento degli Stati membri in questo conflitto se non ci sarà una risoluzione decisiva a favore di Kiev.

  1. Il Washington Post ha rivelato i problemi logistici e di personale di Kiev

L’ammissione del capo della NATO ha posto le basi per correggere la percezione dell’opinione pubblica occidentale sulle possibilità di vittoria della propria parte, che il Washington Post ha informato non essere così sicura come alcuni avrebbero potuto pensare in precedenza dopo che il suo rapporto di metà marzo ha rivelato i problemi logistici e di personale di Kiev.

  1. Il capo di Stato maggiore polacco ha confermato le valutazioni di cui sopra due settimane fa

Molti sono stati colti di sorpresa dal fatto che il Capo di Stato Maggiore polacco Rajmund Andrzejczak abbia confermato le valutazioni “politicamente scomode” che erano state condivise in precedenza da Stoltenberg e dal Washington Post, il che ha ampliato il credito ad esse e avrebbe dovuto convincere la gente a prenderle finalmente sul serio.

  1. Il vice primo ministro polacco ha detto che metà dell’Europa vuole la pace con la Russia

Rafforzando l’idea che l’imminente controffensiva di Kiev, sostenuta dalla NATO, sia l’ultima possibilità per l’Ucraina di riconquistare il territorio perduto, il vice primo ministro polacco Piotr Glinski ha dichiarato all’inizio del mese che metà dell’Europa vuole la pace con la Russia, per cui è possibile che spinga in tal senso entro la fine dell’anno.

  1. Alcuni sostenitori di Kiev stanno già inventando teorie cospiratorie sulla “pugnalata alle spalle”.

Garry Kasparov si è sciolto su Twitter meno di due settimane fa dopo aver capito che c’è la possibilità che Kiev non raggiunga i suoi obiettivi massimalisti, il che lo ha portato a incanalare le paure di molti dei suoi sostenitori inventando una teoria del complotto “pugnalata alle spalle” per spiegare questo fatto se dovesse accadere.

  1. Gli “scacchi 5D” e le narrazioni “Doom-And-Gloom” manipolano le percezioni

Le percezioni dei russi e dei loro sostenitori sono manipolate dalle narrazioni polarmente opposte degli “scacchi 5D” e del “doom-and-gloom”, che possono essere parafrasate come “tutto sta andando secondo i piani” e “abbandonare ogni speranza”, che si traducono entrambe in valutazioni radicalmente inaccurate del conflitto.

  1. La rivalità Ministero della Difesa-Gruppo Wagner costituisce una minaccia per la sicurezza nazionale russa

La competizione sempre più accesa tra queste due forze patriottiche rischia di minare l’operazione speciale e quindi di mettere a repentaglio la sicurezza nazionale della Russia, a prescindere dal fatto che sia limitata alla sfera della morale o che coinvolga anche la logistica militare, come sostiene il capo di Wagner Yevgeny Prigozhin.

  1. Rapporti recenti suggeriscono che la Russia sta lottando per difendere la zona di confine.

Dalle occasionali incursioni terroristiche nelle regioni confinanti con l’Ucraina della Russia pre-2014, come Bryansk, al ritiro tattico di venerdì a nord di Artyomovsk e all’abbattimento di sabato di diversi aerei militari sopra la suddetta regione indiscutibilmente russa, la difesa della LOC sarà probabilmente un compito molto difficile.

  1. Né Kiev né la NATO si preoccupano delle “linee rosse” della Russia dopo averle attraversate tutte finora

Kiev e la NATO hanno già oltrepassato le linee rosse della Russia per quanto riguarda il trasferimento di armi all’avanguardia nella zona di conflitto, l’attuazione del terrorismo all’interno dei suoi confini prima del 2014, il bombardamento del ponte di Crimea, il sequestro di parti della regione di Kherson dopo il referendum e il bombardamento del Cremlino, quindi nessuno sa cosa accadrà dopo.

  1. La Russia sembra ancora contraria a guidare la scalata dell’escalation

A parte l’avvio dell’operazione speciale per prevenire l’imminente riconquista del Donbass da parte di Kiev, sostenuta dalla NATO, e la conseguente cascata di minacce alla sicurezza nazionale, la Russia si è limitata a rispondere agli sviluppi invece di dar loro forma, mantenendosi inspiegabilmente sulla difensiva strategica.

Queste dieci osservazioni critiche saranno ora riassunte in relazione a ciascuna parte.

I problemi logistici e la stanchezza politica in Europa potrebbero ostacolare la controffensiva di Kiev, mentre i rischi per la Russia riguardano le conseguenze potenzialmente destabilizzanti del perdurare della rivalità tra Ministero della Difesa e Gruppo Wagner, le difficoltà difensive esistenti in modo indipendente lungo la LOC e la riluttanza a un’escalation. Ognuno di loro dovrà risolvere i rispettivi problemi, sfruttando al contempo quelli dell’avversario, per avere una possibilità di raggiungere una svolta prima della fine dell’anno, quando probabilmente inizieranno i colloqui per il cessate il fuoco.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

14 maggio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube