Discorso di Vladimir Putin alla riunione del Valdai Club

image_pdfimage_print

di Redazione 

Riunione del Valdai International Discussion Club

Il tema del forum di quest’anno è “Il mondo dopo l’egemonia: giustizia e sicurezza per tutti”. L’incontro di quattro giorni ha riunito 111 esperti, politici, diplomatici ed economisti provenienti dalla Russia e da 40 paesi stranieri, tra cui Afghanistan, Brasile, Germania, Egitto, Cina, India, Indonesia, Iran, Kazakistan, Stati Uniti, Turchia, Francia, Uzbekistan, Sud Africa e altri. Assente l’ignavia Italia.

 

* * *

 

Fëdor Lukyanov: Cari amici, illustri ospiti!

Stiamo aprendo la sessione plenaria finale del 19° forum annuale del Valdai International Discussion Club.

Sono molto felice di vedervi tutti in sala e sono ancora più felice di presentare il nostro ospite alla sessione plenaria, il presidente della Federazione Russa Vladimir Vladimirovich Putin.

Vladimir Vladimirovich, buona sera!

La aspettiamo ogni anno, ma quest’anno, forse, l’impazienza è stata ancora più impaziente del solito: gli argomenti di discussione sono tanti.

Vladimir Putin: Sì, posso indovinare.

Fyodor Lukyanov: Il forum stesso è principalmente dedicato al tema dell’ordine mondiale: come sta cambiando e, soprattutto, chi, in generale, è al potere nel mondo ora – chi governa, come il mondo può essere gestito in linea di principio.

Ma stiamo discutendo come osservatori e Lei rappresenta il potere, quindi per favore condivida la sua opinione con noi.

Vladimir Putin: Grazie mille.

 

* * *

 

Cari partecipanti alla sessione plenaria! Signore e signori! Cari amici!

Ho fatto un po’ di conoscenza delle discussioni che hanno avuto luogo qui nei giorni precedenti: molto interessanti e istruttive. Spero che voi non vi siate pentiti di essere venuti in Russia e di comunicare tra di voi.

È bello vedervi tutti.

Sulla piattaforma del Valdai Club abbiamo parlato più di una volta di quei cambiamenti – gravi, grandi cambiamenti che sono già avvenuti e stanno avvenendo nel mondo, dei rischi che sono legati al degrado delle istituzioni mondiali, al erosione dei principi di sicurezza collettiva, con la sostituzione del diritto internazionale alle cosiddette regole – volevo dire, è chiaro chi l’ha inventata, ma forse anche questo è impreciso – in genere non è chiaro chi l’abbia inventato, cosa queste regole si basano su cosa c’è dentro queste regole.

Apparentemente, c’è solo un tentativo di approvare una regola, in modo che chi è al potere – ora si parla di potere, parlo di potere globale – abbia l’opportunità di vivere senza regole e gli sia permesso di fare tutto , loro l’avrebbero fatto franca con qualunque cosa facciano . Ecco, infatti, proprio queste sono le regole di cui loro parlano costantemente.

Il valore delle discussioni Valdai sta nel fatto che qui si ascoltano una varietà di valutazioni e previsioni. Per quanto fossero veri, la vita stessa mostra, l’esaminatore più severo e obiettivo è la vita. Qui mostra quanto fossero corrette le nostre discussioni preliminari negli anni precedenti.

Purtroppo, gli eventi si stanno ancora sviluppando secondo uno scenario negativo, di cui abbiamo parlato più di una o due volte durante gli incontri precedenti. Inoltre, questi eventi, si sono trasformati in una crisi sistemica su larga scala, e non solo nella sfera politico-militare, ma anche in quella economica e umanitaria.

Il cosiddetto Occidente – sto usando il condizionale , ovviamente, perché li non c’è l’unità, è chiaro che si tratta di un conglomerato molto complesso, tuttavia, diciamo che questo Occidente ha compiuto diversi passi per intensificare il contrasto con noi negli ultimi anni e soprattutto negli ultimi mesi. In effetti, giocano sempre ad esacerbare, non c’è niente di nuovo neanche qui. Questo è l’incitamento alla guerra in Ucraina, queste sono le provocazioni intorno a Taiwan, la destabilizzazione del mercato alimentare ed energetico mondiale. Quest’ultimo, ovviamente, non è stato fatto apposta, non c’è dubbio, ma a causa di una serie di errori sistematici proprio di quelle autorità occidentali di cui ho già parlato. E come vediamo ora, oltre a questo c’è la distruzione dei gasdotti paneuropei. Questa è generalmente una cosa trascendente, ma ciononostante stiamo assistendo a questi tristi eventi.

Il potere sul mondo è esattamente ciò che il cosiddetto Occidente ha messo in gioco nella sua politica. Ma questo gioco è sicuramente pericoloso, cruento e, direi, sporco. Nega la sovranità dei paesi e dei popoli, la loro identità e unicità, non mette in niente gli interessi degli altri Stati. In ogni caso, se non si parla direttamente di diniego, ma in pratica è proprio quello che si sta facendo. Nessuno, tranne coloro che formulano queste stesse regole che ho citato, ha diritto a determinare come si svilupperà il mondo: tutti gli altri non devono essere “pettinati” a queste stesse regole.

A questo proposito, vorrei ricordarvi le proposte della Russia ai partner occidentali per creare fiducia e costruire un sistema di sicurezza collettiva. Nel dicembre dello scorso anno, ancora una volta sono stati semplicemente messi da parte.

Ma nel mondo moderno, è improbabile che rimangano fuori. Chi semina vento, come si suol dire, raccoglierà tempesta. La crisi ha infatti acquisito un carattere globale, colpisce tutti. Non occorre nutrire illusioni.

L’umanità ora ha, infatti, due strade: o continuare ad accumulare un carico di problemi che inevitabilmente ci schiaccerà tutti, oppure cercare ancora di trovare insieme delle soluzioni, anche se imperfette, ma funzionanti, in grado di rendere il nostro mondo più stabile e più sicuro.

Sapete, ho sempre creduto e credo nel potere del buon senso. Pertanto, sono convinto che prima o poi sia i nuovi centri di un ordine mondiale multipolare che l’Occidente dovranno avviare un dialogo paritario su un futuro comune per noi, e prima succederà,naturalmente, meglio è. E a questo proposito, delineerò alcuni dei principi più importanti per tutti noi.

Gli eventi di oggi hanno messo in ombra i problemi ambientali – stranamente, ma vorrei iniziare con questo. Il cambiamento climatico non è più in cima all’agenda. Ma queste sfide fondamentali non sono scomparse, stanno solo crescendo.

Una delle conseguenze più pericolose della violazione dell’equilibrio ecologico è la riduzione della biodiversità in natura. E ora passo al tema principale, per il quale ci siamo riuniti tutti: un’altra diversità è meno importante: culturale, sociale, politica, di civiltà?

Allo stesso tempo, la semplificazione, la cancellazione di tutte e tutte le differenze sono diventate quasi l’essenza dell’Occidente moderno. Cosa c’è dietro questa semplificazione? In primo luogo, questa è la scomparsa del potenziale creativo dell’Occidente stesso e il desiderio di frenare, bloccare il libero sviluppo delle altre civiltà.

C’è anche un interesse mercantile diretto, ovviamente: imponendo i loro valori, stereotipi di consumo, unificazione, i nostri oppositori – li chiamerò così accuratamente – stanno cercando di espandere i mercati per i loro prodotti. È un comportamento molto primitivo. Non è un caso che l’Occidente affermi che è la sua cultura e la sua visione del mondo che dovrebbero essere universali. Se questo non viene detto direttamente – anche se spesso lo si dice anche direttamente – ma se non lo si dice direttamente, allora è così che si comportano e insistono che, di fatto, nel fatto della vita, con la loro politica, insistono che questi stessi valori debbano essere accettati incondizionatamente da tutti gli altri membri della comunità internazionale.

Citerò il famoso discorso di Harvard di Alexander Isaevich Solzhenitsyn. Già nel 1978 notava che l’Occidente è caratterizzato da una “continua cecità di superiorità” – e questo sta ancora accadendo – che “sostiene l’idea che tutte le vaste aree del nostro pianeta dovrebbero svilupparsi e svilupparsi fino agli attuali sistemi occidentali.. .”. Dal 1978 Niente è cambiato.

Nell’ultimo quasi mezzo secolo, questa cecità di cui parlava Solzhenitsyn – di natura apertamente razzista e neocoloniale – ha assunto forme semplicemente brutte, soprattutto dopo l’emergere del cosiddetto mondo unipolare. Cosa voglio dire con questo? La fiducia nella propria infallibilità è una convinzione molto pericolosa: qui siamo a un passo dal desiderio degli stessi “infallibili” di distruggere semplicemente coloro che non gli piacciono. Come si suol dire, “annulla” – pensiamo almeno al significato di questa parola.

Anche al culmine della Guerra Fredda, al culmine del confronto tra sistemi, ideologie e rivalità militari, non è mai venuto in mente a nessuno di negare l’esistenza stessa della cultura, dell’arte, della scienza di altri popoli – i loro oppositori. Non è nemmeno passato per la mente a nessuno! Sì, sono state imposte alcune restrizioni ai legami educativi, scientifici, culturali e, purtroppo, sportivi. Tuttavia, sia i leader sovietici che americani di quel tempo avevano abbastanza comprensione che la sfera umanitaria doveva essere trattata con delicatezza, studiando e rispettando l’avversario, a volte prendendo in prestito qualcosa da lui per preservare, almeno per il futuro, le basi per una sana relazione fruttuosa.

E ora cosa sta succedendo? Un tempo, i nazisti raggiunsero il punto di bruciare libri, e ora i “guardiani del liberalismo e del progresso” occidentali sono caduti nei divieti di Dostoevskij e Ciajkovskij. La cosiddetta cultura dell’annullamento, ma di fatto – ne abbiamo già parlato più volte – la vera abolizione della cultura falcia tutto ciò che è vivo e creativo, non permette il libero pensiero di svilupparsi in nessuno degli ambiti: né in economia, né in politica, né in cultura.

L’ideologia molto liberale oggi è cambiata ed e irriconoscibile. Se inizialmente il liberalismo classico intendeva la libertà di ciascuno come la libertà di dire ciò che si vuole, di fare ciò che si vuole, ma già nel XX secolo i liberali avevano cominciato a dichiarare che la cosiddetta società aperta ha dei nemici e la libertà di tali nemici può e deve essere limitata, se non abolita. Ora sono arrivati ​​al punto di assurdità, quando qualsiasi punto di vista alternativo viene dichiarato propaganda sovversiva e minaccia alla democrazia.

Qualunque cosa provenga dalla Russia sono tutti gli “intrighi del Cremlino”. Ma pensate un po’ ! Siamo davvero così potenti? Qualsiasi critica ai nostri avversari – qualsiasi! – è percepita come “la propaganda del Cremlino”, “la mano del Cremlino”. Questa è una sciocchezza. Come ci sono cascati dentro tutto ciò ? Usate almeno il cervello, affermate qualcosa di più interessante, esprimete il vostro punto di vista in qualche modo concettualmente. È impossibile dare la colpa di tutto al Cremlino.

Tutto questo fu profeticamente predetto da Fëdor Mikhailovich Dostoevskij nel 19° secolo. Uno dei personaggi del suo romanzo “I demoni” – il nichilista Shigalev, ha descritto l’immaginario hanno un futuro radioso: “lasciando libertà illimitata, finiremmo con un dispotismo illimitato” – questo, tra l’altro, è ciò a cui sono arrivati ​​i nostri oppositori occidentali. Gli fa eco un altro protagonista del romanzo – Peter Verkhovensky, sostenendo che sono necessari tradimenti diffusi, denunce, spionaggio, che la società non ha bisogno di talenti e abilità superiori: “La lingua di Cicerone è tagliata, gli occhi di Copernico sono cavati, Shakespeare è lapidato .” Questo è ciò a cui stanno arrivando i nostri avversari occidentali. Cos’è questa se non la moderna cultura occidentale della cancellazione?

C’erano grandi pensatori e sono grato, a dire il vero, ai miei assistenti che hanno trovato queste citazioni.

Cosa si può dire di questo? La storia, ovviamente, metterà tutto al suo posto e cancellerà non le più grandi opere dei geni universalmente riconosciuti della cultura mondiale, ma coloro che oggi per qualche motivo hanno deciso di avere il diritto di disporre di questa cultura mondiale a propria discrezione. La presunzione di tali figure, come si suol dire, va fuori scala, ma nessuno ricorderà nemmeno i loro nomi tra qualche anno. E Dostoevskij vivrà per sempre,  come Ciajkovskij, Pushkin, non importa cosa ne pensi qualcuno.

È stato sull’unificazione, sul monopolio finanziario e tecnologico, sulla cancellazione di tutte le differenze, che è stato costruito anche il modello occidentale di globalizzazione, neocoloniale nella sua essenza. Il compito era chiaro: rafforzare il predominio incondizionato dell’Occidente nell’economia e nella politica mondiale, e per questo mettere al suo servizio le risorse naturali e finanziarie, le capacità intellettuali, umane ed economiche dell’intero pianeta, per farlo sotto con il concetto della cosiddetta nuova interdipendenza globale.

Vorrei qui ricordare un altro filosofo russo, Alexander Alexandrovich Zinoviev, di cui celebreremo il centenario proprio l’altro giorno, il 29 ottobre. Ancora più di 20 anni fa, ha affermato che per assicurare la sopravvivenza della civiltà occidentale al livello da essa raggiunto, “l’intero pianeta è necessario come ambiente per l’esistenza, sono necessarie tutte le risorse dell’umanità”. Questo è ciò che affermano, ed è esattamente quello che è.

Inoltre, in questo sistema, l’Occidente ha inizialmente posto un enorme vantaggio per se stesso, poiché ha sviluppato da solo i suoi principi e meccanismi – come ora gli stessi principi di cui si parla costantemente e che sono un incomprensibile “buco nero”: nessuno lo sa Cos’è. Ma non appena i benefici della globalizzazione hanno cominciato a derivare non dai paesi occidentali, ma da altri stati, e soprattutto, ovviamente, stiamo parlando dei grandi stati dell’Asia, l’Occidente ha subito cambiato o cancellato del tutto molte regole. E i cosiddetti sacri principi del libero scambio, dell’apertura economica, della concorrenza equa, persino del diritto di proprietà furono improvvisamente dimenticati, completamente. Non appena qualcosa diventa redditizio per loro stessi, cambiano le regole immediatamente, in movimento, nel corso del gioco.

O un altro esempio di sostituzione di concetti e significati. Gli ideologi e i politici occidentali da molti anni dicono e ripetono al mondo intero: non c’è alternativa alla democrazia. È vero, stavano parlando del cosiddetto modello occidentale di democrazia liberale. Tutte le altre opzioni e forme di democrazia le hanno sprezzantemente e – lo tengo a sottolineare – attraverso il labbro, arrogantemente respinte. Questo modo si è sviluppato molto tempo fa, dall’epoca coloniale: tutti sono considerati persone di seconda classe e loro stessi sono eccezionali. E così continua per secoli fino ad oggi.

Ma oggi la maggioranza assoluta della comunità mondiale chiede democrazia negli affari internazionali e non accetta alcuna forma di imposizione autoritaria da parte di singoli paesi o gruppi di stati. Che cos’è questa se non l’applicazione diretta dei principi della democrazia a livello delle relazioni internazionali?

E qual è la posizione dell’Occidente “civilizzato” – tra virgolette -? Se sei un democratico, sembrerebbe che dovresti accogliere un desiderio così naturale di libertà di miliardi di persone – ma no! L’Occidente lo definisce una sovversione dell’ordine liberale basato sulle regole, lancia guerre economiche e commerciali, sanzioni, boicottaggi, rivoluzioni colorate, prepara e conduce ogni tipo di colpo di stato.

Uno di loro ha portato a tragiche conseguenze in Ucraina nel 2014: lo hanno sostenuto, hanno persino detto quanti soldi hanno speso per questo colpo di stato. In generale, sono semplicemente sbalorditi, non sono timidi per nulla. Presero Soleimani e uccisero un generale iraniano. Era possibile trattare Soleimani come si desidera, ma questo è un funzionario di un altro stato! Hanno ucciso sul territorio di un paese terzo e hanno detto: sì, abbiamo ucciso. Che cos’è in generale? Dove viviamo?

Per abitudine, Washington continua a chiamare liberale l’attuale ordine mondiale americano, ma in realtà, ogni giorno questo famigerato “ordine” moltiplica il caos e, potrei aggiungere, diventa sempre più intollerante anche nei confronti degli stessi paesi occidentali, nei confronti dei loro tentativi di mostrare alcuna indipendenza. Tutto viene soppresso sulla vite e impongono più sanzioni contro i propri alleati – senza alcuna esitazione! E sono d’accordo con tutto, abbassando la testa.

Ad esempio, le proposte di luglio dei parlamentari ungheresi per consolidare l’impegno per i valori e la cultura cristiana europea nel trattato dell’UE non sono state nemmeno percepite come facciata sì, ma come un sabotaggio ostile diretto. Cos’è questo? Cosa significa? Sì, ad alcune persone piace, ad altre no.

Per mille anni, in Russia abbiamo sviluppato una cultura unica di interazione tra tutte le religioni del mondo. Non c’è bisogno di cancellare nulla: né i valori cristiani, né quelli islamici, né quelli ebraici. Abbiamo altre religioni del mondo. Dobbiamo solo essere rispettosi gli uni degli altri. In un certo numero di regioni del paese – lo so solo in prima persona – le persone camminano insieme, celebrano le festività cristiane, islamiche, buddiste ed ebraiche e lo fanno con piacere, congratulandosi a vicenda e gioendo l’uno per l’altro.

Ma non qui. Perché no? Almeno avrebbero discusso. Meravigliosa!

Tutto ciò, senza esagerare, non è nemmeno una crisi sistemica, ma dottrinale del modello neoliberista dell’ordine mondiale americano. Non hanno idee sulla creazione e sullo sviluppo positivo, semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo, se non per mantenere il loro dominio.

Sono convinto che la vera democrazia in un mondo multipolare presupponga anzitutto la possibilità per qualsiasi nazione – lo voglio sottolineare – per qualsiasi società, qualsiasi civiltà, di scegliere la propria strada, il proprio sistema socio-politico. Se gli Stati Uniti e i paesi dell’UE hanno un tale diritto, allora i paesi dell’Asia, gli stati islamici, le monarchie del Golfo Persico e gli stati degli altri continenti hanno sicuramente un tale diritto. Naturalmente, anche il nostro paese, la Russia, ce l’ha, e nessuno sarà mai in grado di dettare alla nostra gente che tipo di società e su quali principi dovremmo costruire.

Una minaccia diretta al monopolio politico, economico, ideologico dell’Occidente è che nel mondo possano sorgere modelli sociali alternativi – più efficaci, voglio sottolinearlo, più efficaci oggi, luminosi, attraenti di quelli esistenti. Ma tali modelli si svilupperanno sicuramente: questo è inevitabile. A proposito, gli scienziati politici americani, esperti, ne scrivono direttamente.

È vero, il loro governo non sta ancora ascoltando molto, anche se non possono non vedere queste idee che si esprimono sulle pagine delle riviste di scienze politiche e nelle discussioni.

Lo sviluppo deve procedere proprio nel dialogo delle civiltà, basato su valori spirituali e morali. Sì, civiltà diverse hanno una comprensione diversa di una persona, della sua natura: spesso è diversa solo in superficie, ma tutti riconoscono la più alta dignità e l’essenza spirituale di una persona. Ed è estremamente importante avere una base comune e comune su cui possiamo certamente costruire e dobbiamo costruire il nostro futuro.

Cosa voglio sottolineare qui? I valori tradizionali non sono un insieme fisso di postulati a cui tutti devono aderire. Ovviamente no. La loro differenza dai cosiddetti valori neoliberisti è che in ogni caso sono unici, perché seguono la tradizione di una particolare società, la sua cultura e l’esperienza storica. Pertanto, i valori tradizionali non possono essere imposti a nessuno: devono semplicemente essere rispettati, trattati con cura con ciò che ogni nazione ha scelto per secoli.

Questa è la nostra comprensione dei valori tradizionali e questo approccio è condiviso e accettato dalla maggior parte dell’umanità. Questo è naturale, perché sono le società tradizionali dell’Oriente, dell’America Latina, dell’Africa, dell’Eurasia che costituiscono la base della civiltà mondiale.

Il rispetto delle peculiarità dei popoli e delle civiltà è nell’interesse di tutti. In realtà, questo è anche nell’interesse del cosiddetto Occidente. Perdendo il suo dominio, diventa rapidamente una minoranza sulla scena mondiale. E, naturalmente, il diritto di questa minoranza occidentale alla propria identità culturale, ovviamente, voglio sottolinearlo, deve essere assicurato, deve essere trattato, ovviamente, con rispetto, ma, sottolineo, su un piano di parità con i diritti di tutti gli altri.

Se le élite occidentali pensano di poter iniettare nelle menti della loro gente, delle loro società, strane tendenze, secondo me, nuove di zecca come dozzine di generi e sfilate di gay pride, allora così sia. Lascia che facciano quello che vogliono! Ma quello che certamente non hanno il diritto di fare è chiedere agli altri di seguire la stessa direzione.

Vediamo che nei paesi occidentali sono in corso complessi processi demografici, politici e sociali. Naturalmente, questo è il loro affare interno. La Russia non interferisce in questi problemi e non lo farà – a differenza dell’Occidente, non ci arrampichiamo nel cortile di qualcun altro. Ma speriamo che prevalga il pragmatismo e che il dialogo della Russia con l’occidente autentico e tradizionale, così come con altri centri paritari di sviluppo, diventi un importante contributo alla costruzione di un ordine mondiale multipolare.

Aggiungo che il multipolarismo è una vera, e di fatto, l’unica possibilità per la stessa Europa di ripristinare la propria soggettività politica ed economica. A dire il vero, lo capiamo tutti, e ne parlano direttamente nella stessa Europa: oggi questa personalità giuridica dell’Europa – per usare un eufemismo, per non offendere nessuno – è molto limitata.

Il mondo è intrinsecamente diverso e i tentativi dell’Occidente di guidare tutti sotto un unico modello sono oggettivamente condannati, non ne verrà fuori nulla.

L’arrogante desiderio di leadership mondiale, e di fatto, di dettare o salvare La ricerca della leadership attraverso i diktat si traduce in realtà in una diminuzione dell’autorità internazionale dei leader del mondo occidentale, compresi gli Stati Uniti, e in un aumento della sfiducia nella loro capacità di negoziare nel suo insieme. Oggi dicono una cosa – domani un’altra, firmano i documenti – domani li rifiutano, fanno quello che vogliono. Non c’è affatto stabilità. È del tutto incomprensibile come vengono firmati i documenti, di cosa hanno parlato, cosa si può sperare.

Se prima solo pochi paesi si permettevano di discutere con la stessa America, e sembrava quasi una sensazione, ora è già un luogo comune quando vari stati rifiutano a Washington le sue richieste infondate, nonostante stia ancora cercando di fare pressione su tutti . Una politica erronea non è assolutamente, semplicemente da nessuna parte. Bene, lascia che sia anche la loro scelta.

Sono convinto che i popoli del mondo non chiuderanno un occhio sulla politica di coercizione, che si è screditata, e ogni volta che l’Occidente dovrà pagare e pagare sempre di più per cercare di mantenere la sua egemonia. Al posto di queste élite occidentali, penserei seriamente a una simile prospettiva, proprio come ci stanno pensando alcuni scienziati politici e politici negli Stati Uniti, come ho già detto.

Nelle attuali condizioni di un duro conflitto, dirò alcune cose direttamente. La Russia, essendo una civiltà originaria e indipendente, non ha mai considerato e non si considera nemica dell’Occidente. Americanofobia, anglofobia, francofobia, germanofobia – queste sono le stesse forme di razzismo della russofobia e dell’antisemitismo – tuttavia, come qualsiasi manifestazione di xenofobia.

Devi solo capire chiaramente che ci sono, come dicevo prima, due Occidente – almeno due, e forse di più, ma almeno due: l’Occidente dei valori tradizionali, in primis cristiani, della libertà, del patriottismo, della cultura più ricca, ora Anche i valori islamici: una parte significativa della popolazione di molti paesi occidentali professa l’Islam. Questo Occidente ci è vicino per certi versi, abbiamo molto in comune, anche radici antiche. Ma c’è un altro Occidente: aggressivo, cosmopolita, neocoloniale, che agisce come strumento delle élite neoliberiste. È proprio con i dettami di questo Occidente che la Russia, ovviamente, non lo sopporterà mai.

Nel 2000, dopo essere stato eletto presidente, quello che ho affrontato, lo ricorderò per sempre: ricordo il prezzo che abbiamo pagato per aver distrutto il nido dei terroristi nel Caucaso settentrionale, che l’Occidente allora praticamente sosteneva apertamente. Tutti gli adulti qui, la maggior parte di voi presenti in questa sala, capite di cosa sto parlando. Sappiamo che in pratica era così: supporto finanziario, politico, informativo. L’abbiamo sperimentato tutti.

Inoltre, [l’Occidente] non solo ha sostenuto attivamente i terroristi sul territorio russo, ma ha anche alimentato questa minaccia in molti modi. Lo sappiamo. Tuttavia, dopo la stabilizzazione della situazione, quando le principali cosche di terroristi furono sconfitte, grazie anche al coraggio del popolo ceceno, abbiamo deciso di non voltarci indietro, di non fingere di essere offesi, di andare avanti, di costruire relazioni anche con coloro che effettivamente hanno operato contro di noi, instaurare e sviluppare relazioni con tutti coloro che lo desiderano, sulla base del reciproco vantaggio e del rispetto reciproco.

Pensavo fosse nell’interesse generale. La Russia, grazie a Dio, è sopravvissuta a tutte le difficoltà di quel tempo, ha resistito, si è rafforzata, ha affrontato il terrorismo interno ed esterno, l’economia è sopravvissuta, ha iniziato a svilupparsi e la sua capacità di difesa ha iniziato ad aumentare. Abbiamo cercato di costruire relazioni con i principali paesi dell’Occidente e con la NATO. Il messaggio era lo stesso: smettiamo di essere nemici, conviviamo, dialoghiamo, costruiamo fiducia, e quindi pace. Siamo stati assolutamente sinceri, voglio sottolinearlo, abbiamo chiaramente compreso la complessità di un simile riavvicinamento, ma ci siamo andati.

E cosa abbiamo ricevuto in cambio? Insomma, abbiamo ricevuto un “no” in tutte le principali aree di possibile cooperazione. Abbiamo ricevuto una pressione sempre maggiore su di noi e la creazione di focolai di tensione ai nostri confini. E qual è lo scopo, se posso chiedere, di questa pressione? Quindi cosa? È così facile da addestrare, vero? Ovviamente no. L’obiettivo è rendere la Russia più vulnerabile.

L’obiettivo è trasformare la Russia in uno strumento per raggiungere i propri obiettivi geopolitici.

A rigor di termini, questa è una regola universale: cercano di trasformare tutti in uno strumento per utilizzare questi strumenti per i propri scopi. E coloro che non si sottomettono a questa pressione, non vogliono essere uno strumento del genere: contro di loro vengono comminate sanzioni, contro di loro vengono attuate restrizioni economiche di ogni tipo e in relazione ad esse si stanno preparando colpi di stato o, dove è possibile eseguire, eseguire, e così via. E alla fine, se non si può fare niente, c’è un solo obiettivo: distruggere, spazzarlo via dalla mappa politica. Ma non ha funzionato e non sarà mai in grado di dispiegare e implementare uno scenario del genere in relazione alla Russia.

Cos’altro vorresti aggiungere? La Russia non sfida le élite occidentali: la Russia difende semplicemente il suo diritto di esistere e svilupparsi liberamente. Allo stesso tempo, noi stessi non diventeremo un nuovo egemone. La Russia non propone di sostituire l’unipolarità con la bipolarità, la tripolarità e così via, il dominio dell’Occidente con il dominio dell’Est, del Nord o del Sud. Ciò porterebbe inevitabilmente a una nuova impasse.

E voglio citare qui le parole del grande filosofo russo Nikolai Yakovlevich Danilevsky, che credeva che il progresso non consistesse nel fatto che tutti andassero nella stessa direzione, poiché alcuni dei nostri oppositori ci stanno spingendo – in questo caso, il progresso si fermerebbe presto, dice Danilevsky, – ma deve “produrre l’intero campo, che è il campo dell’attività storica dell’umanità, in tutte le direzioni”. E aggiunge che nessuna civiltà può essere orgogliosa di rappresentare il punto più alto dello sviluppo.

Sono convinto che alla dittatura si possa contrastare solo la libertà di sviluppo dei paesi e dei popoli, il degrado dell’individuo – amore per la persona come creatore, semplificazioni primitive e divieti – la complessità rigogliosa delle culture e delle tradizioni.

Il senso del momento storico odierno sta proprio nel fatto che tutte le civiltà, gli Stati e le loro associazioni di integrazione aprono davvero opportunità per un proprio, democratico, originale percorso di sviluppo. E soprattutto, crediamo che il nuovo ordine mondiale debba basarsi sulla legge e sul diritto, essere libero, originale ed equo.

Pertanto, l’economia e il commercio mondiale dovrebbero diventare più equi e aperti. La Russia considera inevitabile la formazione di nuove piattaforme finanziarie internazionali, anche ai fini degli accordi internazionali. Tali piattaforme dovrebbero essere al di fuori delle giurisdizioni nazionali, essere sicure, depoliticizzate, automatizzate e non dipendere da un unico centro di controllo. È possibile farlo o no? Certo che si. Richiederà molto sforzo, l’unificazione degli sforzi di molti paesi, ma si può fare.

Ciò escluderà la possibilità di abusi nella nuova infrastruttura finanziaria globale e consentirà di gestire in modo efficace, redditizio e sicuro le transazioni internazionali senza il dollaro e altre cosiddette valute di riserva. Inoltre, usando il dollaro come arma, gli Stati Uniti e l’Occidente nel suo insieme hanno screditato l’istituzione delle riserve finanziarie internazionali. In primo luogo, li ha svalutati a causa dell’inflazione nella zona del dollaro e dell’euro, e poi completamente – gratta e vinci – ha intascato le nostre riserve di oro e valuta estera.

La transizione verso i regolamenti nelle valute nazionali acquisterà attivamente slancio, inevitabilmente. Questo, ovviamente, dipende dallo stato degli emittenti di queste valute, dallo stato delle loro economie, ma si rafforzeranno e tali calcoli, ovviamente, cominceranno gradualmente a dominare. Tale è la logica della politica economica e finanziaria sovrana del mondo multipolare.

Ulteriore. Oggi, i nuovi centri di sviluppo mondiali dispongono già di tecnologie e sviluppi scientifici unici in vari campi e possono competere con successo con le aziende transnazionali occidentali in molti settori.

Ovviamente, abbiamo un interesse comune, abbastanza pragmatico, per uno scambio scientifico e tecnologico onesto e aperto. Insieme, tutti vincono più che individualmente. La maggioranza dovrebbe beneficiarne, non le singole corporazioni super ricche.

Come stanno andando le cose oggi? Se l’Occidente vende medicinali o semi di colture alimentari ad altri paesi, allora ordina l’uccisione dei prodotti farmaceutici nazionali e la selezione, infatti, in pratica tutto si riduce a questo; fornisce macchine utensili e attrezzature – distrugge l’ingegneria meccanica locale. Io, pur essendo presidente del Consiglio, lo capivo: appena si apre il mercato per un certo gruppo di prodotti, ecco, il produttore locale “si sdraia”, ed è quasi impossibile alzare la testa. È così che si costruiscono le relazioni. Così avviene la conquista dei mercati e delle risorse, i paesi vengono privati ​​del loro potenziale tecnologico e scientifico. Questo non è progresso, ma asservimento, riduzione delle economie a un livello primitivo.

Lo sviluppo tecnologico non dovrebbe aumentare la disuguaglianza globale, ma ridurla. Questo è il modo in cui la Russia attua tradizionalmente la sua politica tecnologica estera. Ad esempio, costruendo centrali nucleari in altri paesi, stiamo creando contemporaneamente centri di competenza lì, formando personale nazionale: stiamo creando un’industria, non stiamo solo costruendo un’impresa, ma stiamo creando un intero settore. In sostanza, stiamo offrendo ad altri paesi l’opportunità di fare una vera svolta nel loro sviluppo scientifico e tecnologico, ridurre le disuguaglianze e portare il loro settore energetico a un nuovo livello di efficienza e rispetto dell’ambiente.

Consentitemi di sottolineare ancora: sovranità, sviluppo originario non significano in alcun modo isolamento, autarchia, ma, al contrario, presuppongono una cooperazione attiva e reciprocamente vantaggiosa su principi equi ed eguali.

Se la globalizzazione liberale è spersonalizzazione, imposizione del modello occidentale al mondo intero, l’integrazione, al contrario, è la rivelazione del potenziale di ciascuna civiltà nell’interesse dell’insieme, per il bene comune. Se il globalismo è un dettato, ed è a questo che alla fine si riduce, l’integrazione è lo sviluppo congiunto di strategie comuni che sono vantaggiose tutti.

A questo proposito, la Russia ritiene importante avviare più attivamente meccanismi per la creazione di grandi spazi costruiti sull’interazione dei paesi vicini, la cui economia, sistema sociale, base di risorse e infrastrutture si completano a vicenda. Spazi così grandi, infatti, sono la base di un ordine mondiale multipolare: la base economica. Dal loro dialogo nasce la vera unità dell’umanità, molto più complessa, originale e multidimensionale che nelle idee semplificate di alcuni ideologi occidentali.

L’unità dell’umanità non è costruita sul comando “fai come me”, “sii come noi”. Si forma tenendo conto e sulla base delle opinioni di tutti, con un atteggiamento attento all’identità di ogni società e popolo. È su questo principio che può svilupparsi una cooperazione a lungo termine in un mondo multipolare.

A questo proposito, può valere la pena considerare che la struttura delle Nazioni Unite, compreso il suo Consiglio di sicurezza, riflette proprio in misura maggiore la diversità delle regioni del mondo. Dopotutto, dall’Asia, dall’Africa, dall’America Latina nel mondo di domani dipenderà molto di più di quanto comunemente si creda oggi, e un tale aumento della loro influenza è certamente positivo.

Lascia che ti ricordi che la civiltà occidentale non è l’unica anche nel nostro comune spazio eurasiatico. Inoltre, la maggior parte della popolazione è concentrata proprio nell’est dell’Eurasia, dove sorsero i centri delle più antiche civiltà dell’umanità.

 Il valore e il significato dell’Eurasia è che questo continente è un complesso autosufficiente con risorse gigantesche di ogni tipo e enormi opportunità. E più ci adoperiamo per aumentare la connettività dell’Eurasia, creare nuovi modi, forme di cooperazione, maggiore è il successo che otteniamo.

L’attività di successo dell’Unione economica eurasiatica, la rapida crescita dell’autorità e dell’influenza dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, iniziative su larga scala nel quadro di “One Belt, One Road”, piani di cooperazione multilaterale sull’attuazione del Nord -Corridoio di trasporto sud e molti altri progetti in questa parte del mondo, sono sicuro che questo è l’inizio di una nuova era, una nuova fase nello sviluppo dell’Eurasia. I progetti di integrazione qui non si contraddicono, ma si completano a vicenda, ovviamente, se sono portati avanti dai paesi vicini nel proprio interesse e non sono introdotti da forze esterne per dividere lo spazio eurasiatico, trasformandolo in una zona di confronto di blocco.

Una parte naturale della Grande Eurasia potrebbe anche essere la sua punta occidentale: l’Europa. Ma molti dei suoi leader sono ostacolati dalla convinzione che gli europei siano migliori degli altri, che non sia opportuno che partecipino ad alcune imprese alla pari degli altri. Dietro tale arroganza, in qualche modo non si accorgono che loro stessi sono già diventati la periferia di qualcun altro, si sono essenzialmente trasformati in vassalli, spesso senza diritto di voto.

Cari colleghi!

Il crollo dell’Unione Sovietica ha anche distrutto l’equilibrio delle forze geopolitiche. L’Occidente si sentiva un vincitore e proclamava un ordine mondiale unipolare in cui solo la sua volontà, la sua cultura, i suoi interessi avevano il diritto di esistere.

Ora questo periodo storico di dominio indiviso dell’Occidente negli affari mondiali sta volgendo al termine, il mondo unipolare sta diventando un ricordo del passato. Siamo davanti a un traguardo storico, in vista di quello che è probabilmente il decennio più pericoloso, imprevedibile e allo stesso tempo importante dalla fine della seconda guerra mondiale. L’Occidente non è in grado di gestire da solo l’umanità, ma sta disperatamente cercando di farlo e la maggior parte dei popoli del mondo non vuole più sopportarlo. Questa è la principale contraddizione della nuova era. Per usare le parole di un classico, la situazione è in una certa misura rivoluzionaria: le classi superiori non possono, e le classi inferiori non vogliono vivere già così, per usare le parole di un classico.

Questo stato di cose è irto di conflitti globali o di un’intera catena di conflitti, che è una minaccia per l’umanità, compreso l’Occidente stesso. Risolvere in modo costruttivo e costruttivo questa contraddizione: questo è il principale compito storico di oggi.

Cambiare le pietre miliari è un processo doloroso, ma naturale e inevitabile. Il futuro ordine mondiale si sta formando davanti ai nostri occhi. E in questo ordine mondiale, dobbiamo ascoltare tutti, tenere conto di ogni punto di vista, di ogni popolo, società, cultura, ogni sistema di visioni del mondo, idee e credenze religiose, senza imporre una sola verità a nessuno, e solo su questa base , comprendendo la nostra responsabilità per il destino – il destino dei popoli, del pianeta, per costruire una sinfonia della civiltà umana.

Su questo vorrei concludere con parole di gratitudine per la pazienza che avete dimostrato nell’ascoltare il mio messaggio.

Grazie mille.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

30 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube