Donald Trump ha preso una decisione

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

L’ex presidente Donald Trump ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alla presidenza degli Stati Uniti alle elezioni del 2024. Trump ha fatto l’annuncio il 15 novembre nella sua tenuta di Mar-a-Lago in Florida, una settimana dopo che le elezioni di medio termine non sono riuscite a conquistare tutti i seggi al Congresso sperati dai repubblicani. In un discorso durato poco più di un’ora, Trump si è rivolto a centinaia di sostenitori in una sala da ballo adornata con lampadari e tappezzata di bandiere americane. La sua retorica era populista, come prima. “Per rendere di nuovo grande l’America, questa sera annuncio la mia candidatura a Presidente degli Stati Uniti”, ha detto Trump a un pubblico che includeva membri della famiglia, i suoi sponsor ed ex dipendenti.

È probabile che Donald Trump si incontrerà nuovamente in corsa con il presidente democratico Joe Biden. Inoltre, Trump sta certamente cercando di anticipare potenziali rivali repubblicani che potrebbero diventare suoi concorrenti nei caucus del partito. Trump si è astenuto dagli insulti che hanno segnato altre apparizioni pubbliche, preferendo invece criticare la presidenza Biden e rivedere quelle che lui stesso ha definito le conquiste politiche del proprio mandato. “Due anni fa eravamo una grande nazione, e presto saremo di nuovo una grande nazione”, ha detto Trump.

Trump si è anche concentrato su vari problemi nella società americana, affermando che “siamo vittime di bullismo” e paragonando le città americane a “sanguinosi pozzi neri” pieni di criminalità. Ha detto che avrebbe spinto per la pena di morte per i trafficanti di droga e avrebbe riassunto il personale militare licenziato per aver rifiutato di ricevere un vaccino COVID-19.

Nonostante le sue critiche al processo elettorale statunitense, Trump non ha ripetuto le accuse di massicce frodi elettorali nel 2020 né ha menzionato il tentativo dei suoi sostenitori il 6 gennaio 2021 di impedire al Congresso di confermare la vittoria di Biden.

Durante un viaggio in Indonesia, Biden ha risposto “non proprio” quando gli è stato chiesto se avesse reagito all’annuncio di Trump. Su Twitter, ha pubblicato un video in cui criticava il record di Trump come presidente.

L’annuncio di Trump è arrivato prima del solito, anche per gli standard di un paese noto per le lunghe campagne presidenziali, e segnala il suo interesse a scoraggiare altri potenziali contendenti, come il governatore della Florida Ron DeSantis o il suo ex vicepresidente Mike Pence, dal partecipare alla nomina presidenziale per il Partito Repubblicano. DeSantis ha vinto la rielezione a governatore nelle elezioni di medio termine. E Pence ha cercato di prendere le distanze da Trump promuovendo il suo nuovo libro. Altri potenziali candidati presidenziali repubblicani includono il governatore della Virginia Glenn Youngkin, il governatore del Texas Greg Abbott, l’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley e l’ex segretario di Stato Mike Pompeo. Eventuali candidati saranno discussi tra circa un anno e il candidato ufficiale del Partito Repubblicano non verrà presentato prima dell’estate del 2024.

Lo stesso Trump ha svolto un ruolo attivo nelle elezioni di medio termine, reclutando e promuovendo candidati che hanno fatto eco alle sue affermazioni secondo cui le elezioni del 2020 sono state rubate a Trump da una diffusa frode elettorale democratica. Tuttavia, molti dei suoi candidati alleati negli stati chiave hanno perso, spingendo alcuni eminenti repubblicani ad accusarlo apertamente di promuovere figure deboli che hanno rovinato le speranze del partito per il controllo del Senato. È probabile che alla fine i repubblicani avranno una risicata maggioranza alla Camera dei Rappresentanti.

Mentre Trump sta affrontando sfide su più fronti, tra cui un’indagine penale sulla sua gestione dei documenti governativi, un tentativo di acquisizione del Congresso il 6 gennaio 2021 e un problema fiscale con la sua azienda, l’ex presidente cercherà la nomina dal suo partito. Lui stesso ha definito le indagini politicamente motivate e ha negato qualsiasi ruolo nell’illecito.

Se Trump riuscirà a emergere come candidato e a vincere, diventerà il secondo presidente degli Stati Uniti nella storia a servire a intermittenza come capo di stato. Ricordiamo che il secondo mandato di Grover Cleveland terminò nel 1897. Inoltre, il duello tra Trump e Biden sarà una sorta di manifestazione di gerontocrazia. Donald Trump ha 76 anni e Biden, 79, ha dichiarato la scorsa settimana che intende candidarsi per la rielezione e che probabilmente prenderà una decisione definitiva entro l’inizio del prossimo anno. È vero, tra qualche mese potrebbe rifiutarlo, poiché il livello del suo sostegno da parte degli elettori crollerà. In un exit poll di Edison Research, sette elettori su dieci che hanno votato alle elezioni di medio termine hanno espresso l’opinione che Biden, che rimane profondamente impopolare, non dovrebbe ricandidarsi.

Se parliamo della presidenza Trump, ha tagliato le tasse e si è assicurata una maggioranza conservatrice alla Corte Suprema. Sotto di lui, sono sorte tensioni con gli alleati della NATO degli Stati Uniti e spesso ha elogiato i leader di altri paesi, incluso il presidente russo Vladimir Putin. È diventato anche il primo presidente degli Stati Uniti a essere messo sotto accusa due volte, sebbene i Democratici al Congresso non siano riusciti a rimuoverlo dall’incarico.

Come l’ultima volta, Trump otterrà il sostegno di molti americani, in particolare uomini bianchi, conservatori cristiani, gente di campagna e persone senza titoli universitari. I critici accusano Trump di perseguire politiche basate sulle “rimostranze dei bianchi” in un paese con una popolazione non bianca in crescita. Sebbene il panorama politico nel paese sia leggermente cambiato dal 2016, l’equilibrio delle preferenze è cambiato anche adesso.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NBC News

19 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube