Dove vanno le nostre armi? La trasparenza degli Stati Uniti è in picchiata

image_pdfimage_print

di Connor Echols

Per circa 60 anni, gli Stati Uniti hanno pubblicato uno studio annuale chiamato World Military Expenditures and Arms Transfers (WMEAT). Il documento forniva informazioni dettagliate sui trasferimenti di armi a livello mondiale, sulle spese per la difesa e su una serie di altri argomenti legati al settore militare.

Per ragioni ancora poco chiare, la legge sulla spesa per la difesa dello scorso anno ha posto fine al rapporto. Il mese scorso il Dipartimento di Stato ha pubblicato l’ultima edizione, segnando silenziosamente la fine di un’era di divulgazione militare.

“A un certo punto della storia, il rapporto WMEAT è stato il modello per la trasparenza in tutto il mondo”, ha dichiarato Jeff Abramson dell’Associazione per il controllo delle armi, sottolineando l’importanza delle sue origini risalenti alla Guerra Fredda.

Naturalmente, il rapporto non era perfetto. Gli esperti sostengono che il WMEAT tendeva a sovrastimare le vendite militari in modo fuorviante, tra le altre cose. Ma la sua scomparsa fa parte di un più ampio allontanamento dalla trasparenza negli affari militari, secondo gli esperti che hanno parlato con Responsible Statecraft. Negli ultimi anni, la società civile ha perso l’accesso ad alcune delle informazioni più dettagliate su quali armi americane vengono esportate, dove sono dirette e come vengono utilizzate – lacune cruciali dato che le aziende statunitensi rappresentano quasi il 40% delle esportazioni globali di armi.

“Siamo il primo fornitore di armi che permettono e prolungano i conflitti”, ha dichiarato Ari Tolany del Center for Civilians in Conflict. “È una responsabilità capire come e dove questi articoli e servizi di difesa vengono trasferiti e proliferano”.

Le cause del calo rimangono poco chiare. Alcuni ipotizzano che il governo stia semplicemente cercando di evitare di condividere informazioni imbarazzanti, come ad esempio se i violatori dei diritti umani utilizzano armi americane. Altri sostengono che l’aumento delle tensioni internazionali abbia spinto gli Stati Uniti e altri Stati a custodire più strettamente i propri segreti o semplicemente a ignorare gli inviti a condividere le informazioni con il pubblico.

Ciò che è chiaro è che il problema proviene da tutto il governo. Sia il Congresso che l’esecutivo hanno contribuito alla crisi e dovranno lavorare insieme per cambiare rotta.

A differenza della fine improvvisa del WMEAT, gran parte del calo delle informazioni pubbliche è stato graduale. Prendiamo il rapporto Section 655, una raccolta annuale che illustra le vendite commerciali dirette (DCS) dei produttori di armi americani a clienti stranieri. Un tempo il documento si estendeva per diverse centinaia di pagine, fornendo dettagli così dettagliati da permettere ai ricercatori di sapere che, nel 2008, i produttori statunitensi hanno fornito alla Colombia esattamente 325 armi da fuoco non automatiche per un valore di 1.869.129 dollari.

I rapporti 655 più recenti sono stati molto meno approfonditi, fornendo solo informazioni di massima sulle vendite commerciali in un formato breve e lungo come un opuscolo. Ad esempio, i lettori dell’edizione 2021 sanno solo che le aziende statunitensi hanno venduto alla Colombia circa 3247 pistole e/o articoli correlati, per un valore di 789.953 dollari: un dato poco utile per chi vuole capire il commercio di armi.

In particolare, il calo di qualità del rapporto ha coinciso con un relativo aumento dell’uso dei DCS a scapito delle vendite militari estere (FMS), che sono accordi da Paese a Paese supervisionati dal Pentagono. L’FMS, che ha requisiti di trasparenza molto più stringenti rispetto ad altri programmi, si è ridotto a circa 30 miliardi di dollari l’anno scorso, mentre le autorizzazioni di vendita del DCS hanno superato i 100 miliardi di dollari per almeno il quinto anno consecutivo (vale la pena notare che le autorizzazioni DCS non portano necessariamente a vendite, ma sono un utile punto di riferimento dato che non ci sono requisiti per rivelare le consegne effettive).

I ricercatori di Arms affermano inoltre che molti rapporti redatti dal ramo esecutivo sono diventati inaccessibili al pubblico. Mentre prima potevano chiedere agli uffici del Congresso di condividere i documenti, gli analisti sostengono che tali rapporti sono sempre più spesso contrassegnati come “solo per uso ufficiale”, il che significa che gli analisti non governativi non sono autorizzati a vederli.

Il calo maggiore di trasparenza si è registrato nel settore delle armi leggere, uno sviluppo preoccupante se si considera che le armi tendono a prolungare i conflitti e a consentire le violazioni dei diritti umani, come hanno notato sia la Croce Rossa che le Nazioni Unite. Tra il 1981 e il 2010, gli Stati Uniti hanno inviato queste armi a circa il 60% dei Paesi coinvolti in un conflitto violento, talvolta fornendole a più di una parte in una stessa guerra.

Nel 2020, il Presidente Donald Trump ha spostato la regolamentazione delle esportazioni di armi da fuoco non automatiche dal Dipartimento di Stato al Dipartimento del Commercio, che non è obbligato a condividere con il pubblico informazioni dettagliate su queste vendite. Nonostante le speranze che il presidente Joe Biden potesse ribaltare la controversa decisione di Trump, il cambiamento di politica è rimasto in vigore.

“Tutto ciò che ho sentito e che hanno detto durante le udienze mi fa pensare che non lo stiano facendo attivamente”, ha dichiarato Nate Marx, ricercatore presso il Center for International Policy.

C’è però un’eccezione importante al calo di trasparenza: i trasferimenti di armi all’Ucraina. Dall’invasione della Russia, Washington ha condiviso informazioni dettagliate e tempestive su 22 pacchetti distinti di armi, permettendo al pubblico di sapere esattamente quali armi gli Stati Uniti stanno inviando per sostenere la difesa dell’Ucraina.

Le spiegazioni per questa eccezionale trasparenza variano molto. Alcuni esperti danno un giudizio positivo, sostenendo che l’amministrazione Biden è impegnata nella trasparenza e considera la divulgazione come una parte necessaria degli aiuti alla sicurezza, una categoria che ha un livello di controllo più elevato rispetto ad altri tipi di trasferimenti di armi. Gli analisti più cinici considerano l’approccio come un modo per mettersi in mostra e guadagnare punti politici annunciando una nuova tranche di aiuti ogni due settimane.

Indipendentemente dalle motivazioni, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l’approccio del team di Biden agli aiuti all’Ucraina rappresenterebbe una base di trasparenza molto migliorata per il futuro. Ma il cambiamento più importante che molti analisti e attivisti auspicano riguarda un’area più impegnativa: il “monitoraggio dell’uso finale” o EUM.

EUM è un termine bizzarro per verificare che le armi 1) arrivino a destinazione e 2) non vengano usate in modi che violino le leggi di guerra. Sebbene gli Stati Uniti siano un leader relativo nella trasparenza militare, l’EUM è stata a lungo un po’ un punto cieco, con i funzionari che si sono concentrati principalmente sul fatto che le armi statunitensi siano arrivate alla giusta scorta.

“Non è stato fatto quello che secondo noi sarebbe un vero e proprio monitoraggio dell’uso finale, cioè se sono state utilizzate in modo improprio”, dice Abramson dell’Associazione per il controllo delle armi. “Per esempio, l’Arabia Saudita sta usando le armi statunitensi nello Yemen in modi che non erano previsti? Questo tipo di rapporti, di monitoraggio e di attenzione non sono stati la norma, ed è quello che dovremmo fare”.

Anche in Ucraina, gli Stati Uniti sembrano essersi affidati alla parola di Kiev per quanto riguarda l’uso delle armi, secondo Abramson, che ha aggiunto che “non sappiamo bene” quali siano le protezioni in atto per prevenire la diversione.

“Capisco che ci sono delle politiche in atto e che potrebbero condividerle ad un certo punto”, ha detto. “Ma, a questo punto, non le ho viste”.

Fortunatamente, le cose potrebbero cambiare presto. La versione della Camera del disegno di legge sulla spesa per la difesa contiene una disposizione che espanderebbe l’EUM per includere i rapporti sull’uso improprio delle armi statunitensi.

Se il Senato accetterà di accogliere questa proposta, gli americani avranno accesso a un quadro molto più chiaro di come le armi statunitensi vengono utilizzate all’estero. Con miliardi di dollari di armi americane che si riversano in Ucraina ogni mese, questo non potrebbe arrivare in un momento migliore.

 

Pubblicato su Responsible State Craft

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

30 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube