Due rivali nell’architettura si sfidano

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

Il mondo post 24 febbraio è davvero diverso. L’inesorabile logica geopolitica oggi è che l’attenzione dell’America si rivolge altrove e il mondo vede un’America più debole.

Nessuno sembra sicuro del perché Biden stia facendo questo viaggio in Medio Oriente. È un mistero. Di sicuro, non è per il plauso in patria: I sudari di Jamal Khashoggi e Shireen Abu Akleh turbinano nebbiosamente intorno alla delegazione statunitense, rendendola nervosa. Biden viene bistrattato anche dai giornali statunitensi più favorevoli per il rischio per la sicurezza dei giornalisti implicito in qualsiasi riconciliazione con MbS.

Biden non viene per i palestinesi. Piuttosto, viene con un piccolo regalo per “Israele” – che ignorerà i palestinesi, come meglio può. Non è nemmeno per inaugurare una NATO araba (gli Stati del Golfo vogliono mantenere i legami con l’Iran). E non è nemmeno per il petrolio: Gli Emirati Arabi Uniti non gli daranno nemmeno un barile in più e i sauditi, forse, solo 100.000 o 150.000 barili in più al giorno (e anche questo sarà contro gli Stati OPEC+ che hanno sottoalimentato la quota).

Una volta un neurologo mi disse che il nostro cervello è come un bosco vergine. All’inizio, sotto gli alberi ci sono erba e fiori ovunque. Poi un cervo si aggira e passa oltre. Un altro segue, e un altro ancora, e tutti seguono la traccia tracciata dal primo cervo. Diventa un sentiero profondamente battuto. La diplomazia è così.

Due decenni fa è stata elaborata una strategia di rottura che diceva che gli Stati Uniti dovevano essere amici dei monarchi della regione e sostenerli contro gli Stati arabi laici e socialisti per rendere sicuro “Israele”. E tutti i Presidenti degli Stati Uniti si sono attenuti a questa stessa strategia. Non cambia nulla, solo si trova un nuovo nome per una “nuova” alleanza araba contro l’Iran.

E così Biden sta facendo la stessa passeggiata nel bosco. Ma questa volta si tratta più di “occupare spazio” nella regione: Fare da collante con i monarchi per assicurarsi che questo “spazio americano” sia negato alla Russia.

Oggi a Washington c’è la preoccupazione che la sfera russa appaia troppo allettante. E c’è motivo di preoccuparsi (lo ammette anche Josep Borrell): L’Occidente, al vertice dei ministri degli Esteri del G20 a Bali, non è riuscito a costringere i BRICS e i principali attori del Sud globale a isolare e sanzionare la Russia per l’Ucraina. Ci stanno ancora provando: India e Arabia Saudita sono nel mirino. Tuttavia, il resoconto del G20 cinese ha evidenziato che Jaishankar ha comunicato a Wang Yi che “l’India continuerà a sostenere l’autonomia strategica e una posizione indipendente negli affari internazionali”. L’India ha anche detto agli Stati Uniti che non parteciperà a nessun progetto per cercare di limitare il prezzo del petrolio russo.

Gli americani stanno vendendo la loro architettura di sicurezza regionale (basata sulla polarizzazione intorno all’Iran). Ma la Russia ha un’alternativa.

L’architettura SCO-BRICS è diversa da quella americana. Prevede un’architettura che non è diretta da potenze esterne, ma di cui i partecipanti sono proprietari. La Russia e la Cina insistono su questo punto. E intende essere inclusiva.

Il mondo post 24 febbraio è davvero diverso. L’inesorabile logica geopolitica oggi è che l’attenzione dell’America si rivolge altrove (alla Cina). E il mondo vede un’America che si indebolisce.

Il titolo di Harpers di questo mese è sorprendente: Harpers dichiara “È finita” – Il “secolo americano” è finito. Per di più, lo dice senza il solito punto interrogativo. Si notava lontano un miglio anche prima che Harpers uscisse con questo titolo: Confrontate le buffonate infantili del G7 con la condotta a regola d’arte dimostrata al vertice dei BRICS.

In questo contesto, tutti stanno valutando il corso della storia. Se si vuole evitare la guerra, è necessaria un’architettura di sicurezza. L’iniziativa russa è interessante proprio perché include l’Iran. L’Iran è membro della SMO e candidato ai BRICS. Anche l’Arabia Saudita, il Bahrein e il Qatar sono candidati alla SMO e l’Arabia Saudita è stata invitata a far parte dei BRICS. L’Egitto e la Siria hanno chiesto lo status di osservatore della SMO e la Turchia è un partner di dialogo. Quindi gode già di una base architettonica.

Se poi aggiungiamo che la SMO possiede già una dimensione di sicurezza e una potente dimensione economica nella Comunità Economica Eurasiatica che si collega alla Belt and Road Initiative, l’architettura settentrionale diventa irresistibile.

Questa settimana l’Iran ha annunciato il completamento della prima spedizione di merci in partenza da San Pietroburgo attraverso il corridoio di trasporto Nord-Sud. Il carico è passato attraverso il porto di Anzali sul Mar Caspio e il porto iraniano di Bandar Abbas fino a Bombay.

Questa nuova rotta, che dovrebbe essere portata ad alta velocità entro un anno, riduce drasticamente i tempi e i costi di trasporto. L’India ha appena reso la rupia una valuta commerciale e l’Iran ha firmato un accordo di compensazione interbancaria con la Russia. Prevediamo che sarà il Golfo a fare da pivot – pivot nel commercio verso l’India e l’Asia.

Gli eventi si stanno muovendo con grande rapidità. C’è quindi da stupirsi che il Team Biden sia tornato per cercare di rinsaldare le relazioni? Il risultato del Team Biden nella regione sarà così diverso da quello del G20 che ha tanto irritato Josep Borrell?

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione 

25 luglio 2022