Dugin a Shangai: la Cina nelle Relazioni Internazionali – Quarta lezione [6]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

La Cina può affrontare l’egemonia in tre modi.

  1. Potrebbe accettare l’egemonia occidentale, il che non è così strano, credo. Dal concetto di trasformazione di Deng Xiaoping, c’è una sorta di minaccia che la società cinese si addentri nella società dei consumi, nello stile di vita occidentale, nel capitalismo e nella globalizzazione, accettando infine l’egemonia occidentale. Se non ci interessa l’identità cinese, forse accettare l’egemonia occidentale è la soluzione, o almeno un’opzione. Se tutti i cinesi accettano questa società globale, con alcune competenze e talenti consentiti al popolo cinese, forse ci sarà una soluzione, ma non ci sarà un’identità cinese. Alcuni hanno a cuore l’identità e la sovranità cinese, altri no. Non credo che siano in molti, ma in teoria potrebbe essere così, perché l’egemonia non è solo il dominio strategico dell’Occidente, ma anche valori e norme. Quindi nella società cinese si potrebbe individuare una tendenza liberale, filo-occidentale, filo-popolare, filo-Soros. Presumo che ci possano essere alcune strutture educative, professori e tendenze culturali – forse non dominanti, perché c’è il Partito Comunista, la principale guardia dell’identità cinese e del Logos attuale, e la tradizione. Tuttavia, avete accolto un po’ di veleno, e il veleno può essere attivo in alcuni casi.
  2. Potete affermare e sviluppare l’egemonia regionale cinese. Questa è la tendenza realista e nazionalista. Si potrebbe chiamare badao, con wangdao che aggiunge una dimensione etica. Questa sarà la vostra via cinese. Ma credo che questo sia il modo migliore per la Cina di considerare l’egemonia. Potreste dire che la vostra egemonia è più o meno in una certa area, magari per certi versi al di fuori dei confini cinesi e includendo altri spazi, ma potreste anche fare delle differenze – in una situazione, politica, in un’altra economica, in una terza l’egemonia potrebbe essere culturale. L’egemonia non è un male in sé. Ma la cosa più importante è avere un modello giusto di egemonia. Per l’equilibrio e l’armonia, la cultura cinese ha fatto molte esperienze. L’equilibrio fa parte dell’identità cinese. L’egemonia cinese potrebbe basarsi sul proprio carattere e sulla propria identità, non su alcune regole universali di egemonia.
  3. Infine, si potrebbe cercare di mettere l’egemonia cinese su scala mondiale, per proporre un globalismo cinese. Ho sentito una sorta di paura o idea tra le persone serie negli Stati Uniti, in Occidente e in Russia del mito della globalizzazione cinese. Forse non avete un’idea o un progetto per imporre l’egemonia su scala mondiale, ma altri pensano che abbiate questi piani. Dovete accettarli, perché se qualcuno pensa che ci sia qualcosa, significa che a livello sociale c’è qualcosa, forse solo nella sua mente, ma è così che il mondo viene plasmato – dalle proiezioni dei nostri pensieri. Non si deve dire che non si ha un’idea [egemonica] di questo tipo. Ci sono molte persone in diverse culture che sono assolutamente sicure che voi abbiate queste idee. Dovete tenerne conto. Se sapete che ci sono queste persone, parlerete loro con più attenzione. Dovreste in qualche modo promuovere la vostra versione tenendo conto di come loro considerano la Cina.

La teoria del mondo multipolare, sviluppata soprattutto da noi in Russia, dalla scuola eurasiatica e dalla scuola russa di geopolitica, significa accettare le differenze tra le civiltà. La civiltà è l’attore principale dell’IR, non lo Stato. La differenza qui è di enorme importanza. Ad esempio, se sviluppiamo l’idea di Huntington e riconosciamo che sono le civiltà e i grandi spazi gli attori principali, allora abbiamo una visione totalmente diversa del sistema delle IR che non è ancora presente nei manuali di IR. Questo non solo perché è al primo stadio di sviluppo, ma perché contraddice qualsiasi tipo di comprensione globalista e occidentale.

Che cos’è la civiltà? La civiltà è un assoluto relativo, o un aspetto dell’assoluto. Vorrei sottolineare questo aspetto. Cosa significa essere un aspetto dell’assoluto? Significa essere assolutamente assoluti – ma non da soli. Se siete pienamente, totalmente cinesi, potete capire qualcosa o qualcuno che non è cinese solo se avete realizzato questa dimensione assoluta dell’identità. Allora, dal centro, non dall’esterno, potrete capire l’altro. L’unico modo per arrivare a una vera “globalizzazione”, a una vera comprensione dell’altro, è partire da noi stessi. Non possiamo capire l’altro se non capiamo noi stessi. Se non siamo noi stessi, non possiamo affrontare correttamente l’Altro. Allora saremmo solo mezzi cinesi, mezzi russi, mezzi inglesi o mezzi tedeschi. Il vero tedesco dovrebbe basarsi sul Dasein tedesco (“Essere-qui”), sul Logos tedesco, sulla Tradizione tedesca, sull’Identità tedesca. Solo nella profondità, nel nucleo di questa identità, possono capire gli altri.

Tutti i problemi non risiedono in questa profonda realizzazione dell’identità, ma nascono quando iniziamo a fingere di averla già realizzata, quando siamo solo a metà del cammino. Le persone che entrano in una nuova religione sono più radicali e fanatiche di quelle che vivono in quella religione per tutta la vita. Si tratta di una sorta di reazione “troppo precoce”. Il nazionalismo, il razzismo, la xenofobia, l’odio per l’altro sono possibili solo nel cammino intermedio verso se stessi. Quando stiamo arrivando a noi stessi, non possiamo essere xenofobi, nazionalisti o razzisti. Quando abbiamo realizzato pienamente la nostra identità, il nostro sé, siamo molto più aperti all’altro, perché consideriamo, ad esempio, che non è solo la Russia ad essere assoluta, ma che essendo sempre più russi, scoprendo sempre più la profonda identità russa, stiamo arrivando verso l’Assoluto. Qui, in quel punto centrale, possiamo incontrare il cinese reale, perfetto, assoluto. Il cinese assoluto incontra il russo assoluto nel centro della sua civiltà. Potremmo confrontare Laozi o Confucio con Dostoevskij o con la tradizione cristiana ortodossa russa. Rendendoci conto degli aspetti relativi dell’assoluto, arriviamo al punto d’incontro delle civiltà – non al di fuori, senza essere totalmente distrutti come unità culturale e frammentati in individui. Gli individui non possono comprendere altri individui, perché l’individuo puro è la forma più “primitiva” dell’essere, totalmente limitata a desideri semplicistici. L’individuo è come un robot, perché un robot è un uomo senza tradizione né identità, un simulacro di uomo.

Le civiltà vanno intese al plurale. Ci sono civiltà cinesi, russe, europee, islamiche, africane, latinoamericane, occidentali che possono interagire, coesistere pacificamente, cercare di scambiare le proprie identità. Per esempio, per diventare russi, si può venire in Russia, imparare la nostra lingua, accettare i nostri valori, se si vuole o non si è obbligati. Questo concetto di civiltà è quindi inclusivo. Ma non possiamo proporre una civiltà unica per tutta l’umanità. Forse sarà il risultato dell’Assoluto, quando ognuno andrà al centro di se stesso, e arriveremo al punto d’incontro di civiltà uniche, ma per farlo dobbiamo fare il lungo cammino dentro di noi. Questo è il significato principale del mondo multipolare.

Un polo è un Grande Spazio + civiltà, un’idea + potere, autarchia + sovranità, egemonia + cultura, forza + autorità.  Questi sono i concetti formali per capire cosa sia un polo nella teoria del mondo multipolare.

Quindi, quale potrebbe essere la versione cinese del mondo multipolare? Si tratta di applicare gli stessi principi al caso della Cina. La Cina è identità + sovranità. Se si enfatizza troppo la sovranità, si può perdere l’identità, e se si enfatizza solo l’identità culturale, si può perdere la capacità pratica di difendere la propria sovranità. La Cina dovrebbe unire identità e sovranità, ed è proprio questo che la Cina moderna sta facendo e che Xi Jinping vuole fare. Questa è la Grande Cina, il sogno cinese.

La Cina è una civiltà, che deve essere affermata. C’è il rischio che, se lo dimenticate, veniate trattati come popolazione, massa e individui. Ma dovreste promuovere educativamente la vostra civiltà come tale. Dovreste chiamarla civiltà.

La Cina è un’egemonia regionale in Asia meridionale e in Estremo Oriente – e oltre, finché il suo potere, la sua volontà e la sua capacità le permetteranno di espandere la sua egemonia. Ma questo dovrebbe essere legato alla vostra comprensione di ciò che è giustizia, di ciò che è equilibrio. Se ci si espande troppo, si rischia di estendere eccessivamente la propria egemonia. L’egemonia deve avere dei giusti limiti. Questo è stato proprio il nostro caso. Di tanto in tanto, la Russia ha esteso troppo il nostro impero e noi non siamo riusciti a gestirlo. Dovremmo espanderci solo entro i limiti in cui possiamo assimilare, governare, gestire, nonché sviluppare le nostre relazioni con i popoli che si uniscono a noi – dovremmo sempre dare loro qualcosa, non umiliarli. Credo che questo sia importante per affrontare lo Xinjiang e il Tibet. Dovreste tenerli sotto il vostro controllo, ma dovreste comprenderli come l’Altro e includerli in qualche modo. Questo richiede sempre un aggiornamento e un adeguamento.

La Cina è molto più di uno Stato, ed è qui che il concetto di Zhao Tingyang è di radicale importanza: affermare la Cina come Tianxia. La crescita di questa Tianxia deve avvenire in armonia. Si potrebbe dire: non cominciamo con il globale, ma cominciamo con la nostra regione, installiamo praticamente ora il progetto Belt and Road, installiamolo qui, dimostriamo come funziona, e se l’umanità sarà sedotta da questo momento Tianxia, forse altri lo accetteranno. L’importanza è iniziare con la Cina, nei limiti delle vostre possibilità, per introdurre questo concetto inclusivo basato su relazioni, giustizia, etica ed egemonia. La Cina deve essere riconosciuta come un polo in tutti i sensi. Ecco già gli aspetti fondamentali di una versione cinese della teoria del mondo multipolare.

In questa mappa vediamo le civiltà di base che prima o poi potrebbero essere i poli del mondo multipolare. Alcune sono già presenti, come l’Occidente, o la civiltà europea se si affermerà come indipendente al di fuori dell’egemonia globalista americana, e ci sono i mondi eurasiatico, cinese e islamico – quest’ultimo sta cercando di affermare la propria identità, finora con scarso successo – e l’Africa. È interessante che in Sudamerica il pensiero multipolare sia molto sviluppato. Lì ci sono molti teorici, molti partigiani della teoria del mondo multipolare e dell’identità sud o latinoamericana.

La teoria cinese delle relazioni internazionali può basarsi sul multipolarismo. In questo senso, tutti gli altri fattori che ho già citato possono giocare un ruolo importante. La teoria Tianxia applicata su una scala originale potrebbe creare questo polo costante. Anche la teoria del realismo morale di Yan Xuetong potrebbe essere applicata non solo alla Cina come Paese, ma anche alla civiltà cinese, e qui la sua idea di etica più potere acquista un significato implicito. Ci sono anche analogie con la scuola britannica, con la relativizzazione delle regole occidentali per il club in cui la Cina dovrebbe imporre regole nel club di cui la Cina vorrebbe far parte. Nella situazione attuale, il G7 è un club occidentale che impone regole estranee alla cultura cinese. Qui i concetti di Zhang Weiwei e Qin Yaqing possono essere molto utili.

Qui possiamo vedere una sorta di inizio del mondo multipolare nella forma del 4+.

Se la Cina è dalla parte del Land Power, allora l’ordine mondiale è già multipolare. Non siamo così lontani dal multipolarismo. Se la Cina sceglie il multipolarismo, non si tratta necessariamente di un’alleanza con la Russia. La Cina potrebbe essere essa stessa un Heartland, così come l’Europa potrebbe essere un Heartland continentale come nella geopolitica classica, e naturalmente c’è l’Heartland russo. Queste tre terre del cuore potrebbero cooperare e creare molto presto il multipolarismo. Questo è un invito anche alle altre civiltà.

Per concludere, l’assioma geopolitico del XXI secolo è il seguente: Chi controlla la Cina, controlla il Rimland; chi controlla il Rimland, controlla l’Heartland; chi controlla l’Heartland, governa il mondo.

Noi, Russia, non possiamo cambiare la nostra posizione nello spazio geopolitico. Possiamo esistere come Eurasia, come Heartland, oppure non possiamo esistere. Non abbiamo scelta. È difficile per l’Europa fare una scelta nella situazione attuale con le attuali élite. L’unica grande potenza che nella situazione attuale può fare una scelta, e ha abbastanza potere per farlo, è la Cina. La Cina può scegliere come Rimland. L’Heartland non può. L’America non può, anche se sta cercando di uscire da questa globalizzazione e dal Sea Power con Trump – non Trump in sé, ma le sue parole e i voti per lui – il popolo americano ha cercato di uscire da questo concetto globalista, per riaffermarsi come polo americano, non globale. Questo è un ottimo segnale. Ma ora è davvero solo la Cina a poter scegliere.

Ci sono tre soluzioni o scelte per la Cina.

La Cina può essere controllata dagli USA/NATO. Ciò significa che l’Occidente dominerà il Rimland, l’Heartland e il mondo. Se i globalisti riescono a promuovere il loro controllo sulla Cina attraverso la globalizzazione, l’influenza sulle giovani generazioni, la tecnologia, il capitalismo globale e le teorie liberali, potrebbero governare il mondo.

Nella vecchia versione della geopolitica, la Cina poteva essere controllata dalla Russia (Heartland). Oggi questo è assolutamente impossibile. Non era così impossibile in epoca zarista, o anche in epoca sovietica, quando Stalin cercò di aiutare Mao e la Russia influenzò la Cina. Ma oggi non c’è modo, volontà, desiderio, possibilità o risorse per farlo. Non possiamo controllare la Cina. La Cina è così grande e sviluppata che questo è fuori discussione. La nostra debolezza è quindi un’ottima cosa per il multipolarismo. Se logicamente e razionalmente non temete più la Russia, siete liberi di accettarci non come una minaccia, ma come un alleato, non più asimmetrico come prima. I turchi lo hanno capito. Di tanto in tanto i turchi commettono ancora qualche errore, ma avendo capito che la Russia non è più una minaccia, sono diventati “filorussi” su molte cose. Sarebbe bello se la Cina imparasse questa lezione.

Infine, la Cina potrebbe essere controllata dalla Cina stessa. In questo senso, la Cina dovrebbe enfatizzare la sua identità di Heartland, la sua identità tradizionale rappresentata oggi dall’ordine del Partito Comunista nella società cinese.

Se la scelta sarà fatta a favore della Cina, ciò significherà multipolarità. Da una parte c’è l’Occidente che propone il proprio sistema di valori, identità e civiltà, mentre dall’altra c’è l’Heartland russo, che non propone nulla di a-simmetrico. La Russia non propone nulla, se non che la Cina torni ad essere tale e che la Cina torni ad essere grande.

Note a piè di pagina

[1] Daniel A. Bell, The China Model: Political Meritocracy and the Limits of Democracy, Princeton University Press, 2015.

[Graham Allison, “La trappola di Tucidide: Are the U.S. and China Headed for War?”, The Atlantic (24/9/2015).

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

15 luglio 2022