Dugin a Shanghai: Multipolarità, Unipolarità, Egemonia – Terza Lezione [2]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

C’è un altro unipolarismo, “nascosto”, “segreto” o “implicito”, che è il globalismo, il multilateralismo e il cosiddetto “No Polarity” promosso dal capo del Council on Foreign Relations. Chiamiamo tutto questo “globalizzazione”. Globalizzazione significa che tutti i sistemi, le società, i popoli e i Paesi del mondo accetteranno la via occidentale del progresso, dello sviluppo, dei diritti umani, della democrazia e del liberalismo. E quando questo accadrà, non ci saranno grandi differenze tra Stati Uniti, Russia, Cina o Africa. Tutti saranno “uguali”. Ma in che senso? Tutti diventeranno americani, occidentali, e a tutti dovranno piacere la democrazia liberale e i diritti umani. Questo è un tipo particolare di globalismo. Non è un dialogo tra Paesi, culture e civiltà. Per esempio, la Russia ha proposto i valori russi e la Cina ha proposto un’identità cinese, ma in questo concetto di globalizzazione non dovrebbe esserci alcuna identità collettiva. Tutti dovrebbero essere uguali proprio perché tutti dovrebbero essere solo individui statistici – niente culture, niente religioni, niente radici etniche. Tale è l’idea dei “diritti umani”, mettere insieme cittadino e uomo. Ogni uomo è già un cittadino, non ci sono paesi, né nazioni, ma solo la “società globale” e la “società civile globale”. Questo non è apertamente unipolare, perché i globalisti non dicono che l’America governerà il mondo, ma che “voi, cittadini del mondo, governerete il mondo in un governo globale” a cui tutti “parteciperanno”. Tutti saranno uguali “se accetterete il nostro sistema di liberalismo, democrazia, progressismo, diritti umani, individualismo e la nostra cultura” – non sarete più trattati in modo gerarchico. Il “cittadino del mondo” o “cosmopolita” è un programma unipolare a livello di valori. Questo è puro unipolarismo in un senso speciale e nascosto.

Il multilateralismo è l’applicazione geopolitica del globalismo. Il multilateralismo è una forma di unipolarismo, ma consiste nella proposta che gli Stati Uniti governino il mondo “con”. Si tratta di una sorta di condivisione della responsabilità di governare il mondo attraverso procuratori degli Stati Uniti. Il multilateralismo è proprio l’attribuzione ad altri della responsabilità di governare il mondo con gli Stati Uniti come delegati, come vassalli degli USA. Ci sono diversi Paesi che vogliono farlo perché avranno alcune preferenze speciali all’interno del sistema mondiale globale.

L’unipolarismo strategico comprende l’atlantismo, il Sea Power in termini geopolitici, e la dottrina della full spectrum dominance, che afferma che per dominare totalmente il mondo, l’Occidente non dovrebbe usare solo il potere duro o militare, ma anche il soft power, la cultura, la tecnologia, i servizi di rete, le reti e i servizi sociali, che dovrebbero controllare le altre società dall’interno, non solo dall’esterno. Questa è l’idea di un dominio a tutto campo: dominio dell’aria, del cosmo, dello spazio, del mare, della terra e dei cervelli umani. È un progetto di controllo del comportamento, della psicologia, dell’essere e delle menti umane, codificandoli attraverso diverse metodologie.

Così è anche la classica mappa geopolitica di come il Sea Power debba controllare il Land Power. Dai mari e dagli oceani, il Sea Power – gli Stati Uniti e l’Occidente globale – dovrebbe controllare il Land Power. L’idea è di lottare per il Rimland, che è la zona tra il potere terrestre e il potere marittimo, la zona costiera. Questa è la visione classica che è ancora la principale mappa di base del Pentagono. Il Pentagono intende il mondo più o meno con questa mappa. La Cina appartiene alla zona costiera, al Rimland, quindi non è considerata né un nemico radicale, né un amico, ma una zona da controllare.

Nel multilateralismo, c’è la potenza principale, l’egemone globale, e due satelliti principali: l’Europa e la Cina. L’Europa è inscritta e incorporata nella struttura latente, mentre per la Cina i globalisti hanno proposto il progetto G2. Hillary Clinton è venuta a Pechino per proporlo al governo cinese. Questa è più o meno l’idea di come sarà il mondo se prevarranno l’unipolarismo e il multilateralismo. Negli altri spazi dovrebbe esserci solo il caos – non governi filoamericani, perché non hanno bisogno di governi filoamericani, che sono troppo difficili da gestire, e in effetti hanno già distrutto i governi filoamericani in Tunisia e in Egitto. A loro non importa più se siete filoamericani o antiamericani, perché dovete tutti seguire solo gli americani, altrimenti morirete nel caos sanguinoso. E hanno dato il via a questo caos sanguinoso in Nord Africa, promuovendo rivoluzioni culturali, sostenendo ogni tipo di gruppo terroristico per avere motivi di intervento. Creando il caos in questa regione, l’unipolarismo conserva il suo potere. La Russia ha lo stesso destino. Se leggiamo attentamente il libro di Zbigniew Brzezinski, La grande scacchiera, egli ha scritto che la Russia dovrebbe essere fatta a pezzi e balcanizzata, trasformata in un conflitto tra diversi gruppi etnici e religiosi.

Negli Stati Uniti e nel governo globale ci sono due partiti: l’unipolare esplicito e l’unipolare implicito. C’è la versione “soft” e la mappa precedente è la versione “hard”. Questi sono i piccioni e i falchi.

L’unipolarismo ideologico implica l’universalismo dei valori occidentali e l’ideologia dei diritti umani con il concetto di uomo contro cittadino. Il concetto di umano nella teoria dei diritti umani è contro lo Stato-nazione e contro il concetto di cittadino. Se si dice che l’essere umano ha gli stessi diritti del cittadino, si distrugge la cittadinanza. La migrazione e la difesa dei migranti non sono puramente umanitarie, ma ideologiche. È l’idea di distruggere il concetto di cittadinanza, nazionalità e Stato. Questo è uno degli obiettivi principali del cosiddetto movimento per i diritti umani. È puramente ideologico, tanto quanto il marxismo o il nazionalsocialismo. È pura propaganda, niente di umanitario. Se si condividono i valori dei diritti umani, da una parte si è globalisti, dall’altra si condivide un’ideologia proprio come il razzismo nel nazionalsocialismo o il comunismo e la posizione proletaria nel marxismo classico. I diritti umani sono un’ideologia liberale. Non è neutrale, non è evidente, è una pura ideologia, proprio come lo è l’appartenenza alla razza ariana o alle classi capitaliste o proletarie. Se siete a favore dei diritti umani definiti dal liberalismo, siete già totalmente controllati dall’ideologia.

La decostruzione dello Stato-nazione è l’obiettivo principale del liberalismo in IR. La globalizzazione è il processo tecnologico ed economico, mentre il globalismo è l’ideologia dell’unificazione dell’umanità sotto un governo mondiale. Sono diversi, ma non in contraddizione. Promuovendo la stessa tecnologia e la stessa economia, allo stesso tempo si prepara il terreno per l’integrazione politica – dalla globalizzazione al globalismo c’è un solo passo. Sono due livelli dello stesso processo. Si può promuovere la teoria che abbiamo bisogno di un governo globale per evitare la guerra e la distruzione dell’umanità, oppure la si può mettere in pratica senza aspettarsi che tutti la accettino. Quindi globalismo e globalizzazione sono due cose diverse, ma sono forze convergenti.

Il liberalismo nelle relazioni internazionali è la base teorica di questo unipolarismo ideologico, essendo esso stesso un’ideologia. L’idea di un governo mondiale non è un’ossessione dei teorici della cospirazione. Fa parte dei manuali classici di relazioni internazionali. Se si leggono attentamente tutti i manuali di relazioni internazionali, si scopre che il liberalismo nelle relazioni internazionali afferma che dovrebbe esistere un governo mondiale, un sistema sovranazionale che sostituirà gli Stati in futuro e progredirà per garantire la pace nel mondo. Non si tratta di una teoria della cospirazione, ma di un termine puramente teorico dell’IR come disciplina consolidata.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

1° luglio 2022