Dugin a Shanghai: prima lezione di Relazioni internazionali e geopolitica – [1]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Conferenza letta alla Fudan University, Shanghai, Cina, dicembre 2018

Questa lezione comprende tutte le conoscenze sulle Relazioni Internazionali. È dedicata alla disciplina, alla scienza, che si chiama Relazioni internazionali. Il corso generale prevede quattro lezioni. La prima lezione è dedicata alle Relazioni Internazionali come disciplina. La seconda, alla geopolitica. La terza, alla teoria del mondo multipolare. La quarta sarà dedicata alla Cina in tutti questi campi del pensiero teorico e accademico.

Ma non possiamo seguire la logica di questo corso senza conoscere le basi delle Relazioni Internazionali, della geopolitica e del multipolarismo. Dobbiamo capire che le Relazioni Internazionali sono una disciplina occidentale. Cosa significa “disciplina occidentale” o “scienza occidentale”? Ora, nella situazione attuale, dovremmo essere molto attenti, perché sapendo cos’è il postmoderno, la critica moderna e l’antropologia moderna, dovremmo distinguere attentamente cosa è “occidentale”. La scienza occidentale e l’approccio occidentale tentano spesso di imporsi come universali. Questo è l’aspetto imperialista della mente occidentale. È il razzismo che è implicitamente presente in qualsiasi tipo di pensiero occidentale. Il pensiero occidentale è etnocentrico e, più che etnocentrico, non si riconosce come tale. Questo tipo di razzismo implicito è peggiore del razzismo esplicito. I liberali occidentali dicono “stiamo definendo valori universali”, ma quando si chiede loro cosa intendano per “valori universali”, iniziano a spiegare i valori occidentali come universali – individualismo, libertarismo, progresso, materialismo. Non c’è posto per la metafisica, lo spirito, la fede nell’anima o nell’aldilà. Questo è un prodotto della civiltà occidentale, un prodotto storico, che pretende di essere universale.

Quando dimentichiamo che le Relazioni Internazionali e molte altre, anzi quasi tutte le scienze che studiamo all’università, sono occidentali, perdiamo un aspetto molto importante. Cadiamo nella trappola di considerare questa disciplina, teoria e scienza come qualcosa di universale. Dobbiamo sempre ricordare che abbiamo a che fare con la visione occidentale – nelle Relazioni Internazionali più che altrove. Perché questa è la visione occidentale di come stanno le cose.

Soprattutto, in Cina o in Russia oggi, se ci consideriamo soggetti della storia e non semplici oggetti della storia fatta da altri, dobbiamo sempre ricordare questa distinzione. Ciò non significa che dobbiamo rifiutare la scienza occidentale, opporci alla scienza occidentale o ignorare la scienza occidentale. Significa che dobbiamo sempre ricordare che si tratta di una visione etnocentrica occidentale. Abbiamo bisogno di una sorta di muraglia cinese teorica in campo epistemologico.

Quando si bloccano alcune connessioni Internet al confine del proprio Paese, si cerca di fare una distinzione tra ciò che è sbagliato e ciò che è possibile per la cultura cinese. Dobbiamo stabilire lo stesso muro in campo epistemologico.

Le relazioni internazionali si occupano dello Stato in quanto tale. Questo è molto importante. Nel nome stesso di questa scienza, di questa disciplina, c’è il concetto di “nazione”. Nella concezione occidentale, la nazione è un valore politico. L’Occidente pensa alla politica in termini di “Stato nazionale”, che è normativo fin dalla pace di Westfalia ed è l’atteggiamento normativo. La nazione è lo Stato nazionale (Etat-Nation), non è il popolo o un gruppo etnico. Le relazioni internazionali sono le relazioni tra questi Stati. Che tipo di Stato? Gli Stati moderni, occidentali. Questo è il primo principio, molto importante. Quando abbiamo a che fare con il concetto di Stato, abbiamo a che fare con concetti storicamente occidentali su come la realtà politica dovrebbe essere organizzata e studiata.

Si tratta di un paradigma moderno. “Paradigma moderno” significa occidentale, ma non in tutta la storia dell'”Occidente”, bensì solo nella modernità. La modernità ha trasformato la mentalità occidentale e ha preso solo una parte della mentalità occidentale tradizionale del Medioevo o dell’antichità e l’ha trasformata in un nuovo tipo, in una nuova versione. Le Relazioni Internazionali sono nate come disciplina all’inizio del XX secolo. È occidentale e moderna. La modernità occidentale è diversa dalla pre-modernità occidentale e ciò è molto importante dal punto di vista storico.

Il punto successivo è che nelle Relazioni internazionali esiste sempre una gerarchia implicita. Possiamo dire che si tratta di una gerarchia “nascosta”. Il concetto occidentale di relazioni internazionali si basa sull’idea che esistano esempi di Stato “normale” e di relazioni “normali”, e questo è appunto il mondo occidentale. Tutti gli altri sono ritenuti non sviluppati o sottosviluppati e non occidentali, ma che si sforzano e tendono a diventare occidentali. Si tratta di una sorta di gerarchia.

Questi sono i quattro principi che dovremmo sempre ricordare nello studio delle Relazioni Internazionali e, suggerirei, anche di altre scienze. Le Relazioni internazionali sono una disciplina occidentale e moderna. Questa scienza non è universale, ma è storicamente, geograficamente ed etnicamente definita. Riflette l’etnocentrismo occidentale o “eurocentrismo”.

Le relazioni internazionali non sono universali, ma riflettono il punto di vista della parte occidentale dell’umanità. Questa osservazione apre la possibilità o la domanda su come dovrebbe essere la teoria delle relazioni internazionali non occidentali. Sono possibili? Sono desiderabili?

Le Relazioni Internazionali sono essenzialmente una disciplina moderna che si occupa dello Stato moderno e del sistema internazionale creato sotto il trattato di Westfalia, quando c’è stato un passaggio molto importante dalla pre-modernità del sistema politico internazionale alla modernità, quando gli Stati nazionali e sovrani sono stati accettati come attori normativi nella politica globale. Non era così prima, quando la religione e le dinastie giocavano un ruolo essenziale. Non esisteva il concetto di calcolo puramente razionale degli interessi nazionali o dell’ente sovrano come lo Stato. Lo Stato aveva invece una missione, una missione religiosa, una dimensione religiosa – come nel caso della politica cattolica in Europa. Con la fine della Guerra dei Trent’anni, si affermò un nuovo sistema politico che fu accettato come universale, normativo, progressivo e necessario per tutti gli altri.

L³’IR è nata all³’inizio del XX secolo in Inghilterra e in Svizzera come “tentazione” di concettualizzare la scienza politica internazionale, e ora si è affermata come scienza e disciplina accademica riconosciuta in Occidente, e per imitazione dell³’Occidente altrove. Quando insegnavo Relazioni Internazionali in Russia, era esattamente come veniva rappresentata nel resto del mondo.

Le Relazioni Internazionali studiano le relazioni e le interazioni tra gli Stati. L’argomento fondamentale sono le relazioni tra Stati, non tra popoli o tra culture. Lo Stato è considerato come il moderno Stato occidentale – sovrano e laico. Laico significa che non c’è un aspetto religioso o una missione riconosciuta nello Stato, quindi è puramente razionale. Sovrano significa che non esiste un governo superiore allo Stato. Lo Stato è il punto più alto. Non esiste un dio al di sopra dello Stato e lo Stato è il profeta di se stesso. Si tratta di una sorta di assolutizzazione della libertà dello Stato di fare tutto e il contrario di tutto. Non c’è nessun’altra autorità. Questo è il concetto fondamentale di sovranità. Sovrano è colui che non ha altri governanti o istanze legittime al di sopra di sé. Questa è la definizione di sovranità di Jean Bodin. È stata applicata dapprima nella concezione protestante della politica e diretta contro l’autorità della Chiesa cattolica, che pretendeva di essere un’autorità sovranazionale al di sopra dello Stato, e in seguito è stata riconosciuta come normativa. La sovranità è moderna nella sua essenza ed è anti-impero.

Ad esempio, nella storia cinese, secondo il professor Zhao Tingyang [1] (赵汀), badao (霸道) e wangdao (王道). Il badao (霸道) è un potere basato sulla forza dell’egemonia, che non riconosce nessun’altra autorità. Wangdao (王道) è una sorta di potere morale e spirituale o mistico dell’imperatore. Non è solo il più grande, ma è completamente diverso, un cambiamento qualitativo. Non si tratta di sovranità. È una missione. Wangdao (王道) è una missione. La sovranità è moderna ed è badao (霸道).

Lo Stato è concepito come separato dalla religione, dalle tradizioni etniche, dalla cultura e dalla civiltà. Lo Stato è nazionale. Ma cosa significa nazionale nel senso politico moderno? Lo Stato si basa sulla cittadinanza individuale. Il concetto di Stato normativo considera l’individuo come soggetto dello Stato e tutti gli individui, uniti nello Stato-nazione, sono cittadini. Chi non è cittadino è fuori dallo Stato. Tutti i cittadini sono politicamente uguali. Il concetto di Stato-nazione è borghese e moderno. Non è tradizionale. Non riconosce le classi o altre forme di professioni o diversi strati della società: non hanno alcun significato politico nel moderno Stato nazionale. La nazionalità si basa sulla cittadinanza individuale.

Lo Stato moderno, come soggetto delle Relazioni Internazionali, senza una missione, è razionale, egoista e ha interessi nazionali chiaramente calcolabili. È un organismo razionale. La nazione è una creazione razionale [che esiste] per organizzare gli individui e proporre loro un qualche tipo di ordine e struttura. Se gli individui non ne sono soddisfatti, possono cambiarla. Da qui il concetto di “trattato pubblico-sociale” (contratto). Poiché lo Stato non ha nulla di trascendentale, nulla di superiore, nessuna missione, può essere rimodellato, ricreato, distrutto e creato di nuovo, se gli individui o i cittadini decidono di farlo. Si basa su un trattato o accordo pubblico, questa è la natura contrattuale dello Stato moderno. È quasi come un accordo contrattuale tra, ad esempio, gruppi economici. Possono decidere di mettere insieme i loro capitali e possono decidere di fermarsi e di creare una nuova impresa. Così lo Stato viene concepito o pensato come una sorta di impresa commerciale. Questa è una radice borghese.

Lo Stato moderno è ritenuto sovrano, quindi non esiste un’autorità superiore ad esso. Lo Stato moderno è opposto all’impero. È opposto allo Stato religioso, alla comunità arcaica. Si basa sul concetto di progresso. È considerato qualcosa che viene storicamente “dopo” l’impero, gli Stati religiosi e le comunità arcaiche, che sono tutti considerati pre-moderni, mentre lo Stato moderno è “nuovo” e la forma “più progressiva” di organizzazione politica. Quindi lo Stato moderno, come concetto borghese, ottiene o acquisisce un senso solo nel contesto del “progresso”. Se mettiamo in discussione il concetto di progresso, tutto crolla. Nessuno Stato moderno ha senso al di fuori del progresso. Progresso, modernità e Stato moderno vanno sempre insieme. Il concetto di progresso è implicitamente incorporato nel concetto di Stato moderno.

La gerarchia implicita nelle relazioni internazionali concepisce tutti gli Stati come “occidentali” o “simili all’Occidente”, “moderni” e “uguali”, e li tratta come tali. La realtà è diversa, perché gli Stati, così come sono, non come si pensa che siano, non sono uguali. Ci sono Stati grandi, Stati enormi e Stati piccoli – tutti sono “sovrani” e tutti hanno un posto nell’organizzazione delle Nazioni Unite, ma Monaco e il piccolo Lussemburgo – Stati sovrani – e la Cina, per esempio, sono incomparabili, come il sole enorme e un piccolo granello di sabbia. Non sono uguali.

Tuttavia, è interessante notare che la gerarchia delle Relazioni Internazionali contraddice il concetto di base secondo cui ogni Stato sovrano è uguale all’altro. [2] Tuttavia, essa esiste e ci sono dibattiti nelle Relazioni Internazionali su come spiegare e rappresentare questa gerarchia. Qui entra in gioco il vecchio razzismo occidentale. [3] Il razzismo si è formato durante l’epoca coloniale e, a poco a poco, passo dopo passo, ha acquisito tre strati. Il razzismo normativo consiste in una prima classe di umanità – l’umanità “bianca”, una seconda classe di umanità “gialla” e la terza classe, la più bassa di tutte, è l’umanità “nera”. Ciò si riflette nella cosiddetta “antropologia” del XIX secolo, ad esempio in Morgan, con alcune spiegazioni per questi termini. “Bianco” significa “civiltà”; “giallo” significa “barbarie” o “quasi civiltà”, qualcosa di simile alla “civiltà”, ma non “civilizzato”, e “nero” significa “barbarie”, o “selvaggi” senza alcuna immagine di civiltà, che vivono nelle foreste selvagge come raccoglitori, piccoli agricoltori e cacciatori.

Ora possiamo vedere la stessa identica cosa nelle Relazioni Internazionali – anche se formalmente senza razzismo, perché screditato dalla Germania nazista – dove abbiamo una gerarchia implicita e non ufficiale che divide tutti i Paesi in tre gruppi: il Primo Mondo, o il centro nel sistema di Wallerstein [4], che è il Nord ricco. Si tratta appunto della civiltà occidentale, bianca, europea, americana. Si tratta di un vecchio concetto razzista, in cui i “bianchi” sono il Primo Mondo perché sono “più progressisti”, più ricchi, più “sviluppati”, hanno più “diritti umani”, sono più liberali, più liberi e più felici. Questa è la vecchia storia etnocentrica e normativa del sistema imperialista, egemonico e coloniale. Anche se ora non è collegato al “razzismo”, il Primo Mondo è un concetto puramente razzista. È una trasposizione del vecchio razzismo sul nuovo piano politico liberale. Il Secondo Mondo nel sistema di Wallerstein è chiamato “semiperiferia”, rappresentata da Cina, Russia, America Latina, India e alcuni Stati orientali, presentati come “barbarie”. L’Occidente dice che sono “corrotti”, “autoritari”, “totalitari” e che non godono di adeguati “diritti umani”. Hanno dittature e regimi cesaristi corrotti, ma sono come “noi” – cioè il Primo Mondo – “in ritardo”, e noi li “aiuteremo” a sviluppare i diritti umani, i valori liberali, la trasparenza in modo che un giorno, forse, ci raggiungeranno e saranno “bianchi”.

Poi c’è il Terzo Mondo. È la “periferia” e, come dicevano Thomas Berger e Huntington, è il “resto” dell'”Occidente e il resto”. È sottosviluppato e sotto l’influenza delle egemonie del secondo e del primo.

Si tratta di una gerarchia più o meno implicita. Non possiamo capire nulla nelle Relazioni internazionali se ignoriamo questa gerarchia implicita. Gli autori più sinceri, come Krasner [5], Hobson [6] e altri, lo riconoscono. Ma questo è un momento un po’ imbarazzante, perché riconoscere la gerarchia implicita delle Relazioni Internazionali equivale a riconoscere la natura “razzista” del modo di pensare liberale. Questo è un problema per la “correttezza politica”, per cui si cerca di evitare questo aspetto. Ma è implicitamente, sempre, in ogni caso presente.

 

Note

[1] Zhao Tingyang (2005). Tianxia Tixi: Shijie Zhidu Zhexue Daolun [Sistema Tianxia: Introduzione alla filosofia delle istituzioni mondiali]. Nanchino: Jiangsu Jiaoyu Chubanshe.

[2] Krasner S. Sovereignty: Ipocrisia organizzata. Princeton: Princeton University Press, 1999.

[3] Hobson J.M. The Eurocentric Conception of World Politics: Teoria internazionale occidentale, 1760-2010. Cambridge: Cambridge University, 2011.

[4] Wallerstein I. Geopolitica e geocultura: Essays on the Changing World-System. Cambridge: Press Syndicate, 1991.

[5] Krasner S. Sovereignty: Ipocrisia organizzata. Princeton: Princeton University Press, 1999.

[6] Hobson J.M. The Eurocentric Conception of World Politics: Teoria internazionale occidentale, 1760-2010. Cambridge: Cambridge University, 2011.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: 16 giugno 2022