Dugin a Shanghai: Relazioni internazionali e geopolitica – Lezione 1 [3]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Il dibattito tra queste due scuole rappresenta la storia del XX secolo. La creazione della Società delle Nazioni dopo la Prima guerra mondiale, la creazione delle Nazioni Unite, il Tribunale dell’Aia, l’Unione europea e la Corte europea dei diritti dell’uomo: tutti questi momenti sono stati forme di attuazione della teoria del liberalismo nelle relazioni internazionali. Non si tratta di un caso, di un accordo tra Stati, ma di un’idea del liberalismo nelle Relazioni internazionali. È una teoria basata sul progresso e sull’affermazione che lo Stato-nazione non è la cosa migliore, come affermano i realisti, ma una tappa dello sviluppo sociale, politico e culturale dell’uomo.

Il globalismo e la globalizzazione sono prima di tutto una teoria, un pensiero, non un fatto. Sono un discorso rappresentato dai liberali. Il liberalismo nelle relazioni internazionali sostiene apertamente la creazione di un governo mondiale e la decostruzione degli Stati nazionali. Questa non è una teoria della cospirazione. Fa parte della manualistica, come potete constatare se leggete attentamente un qualsiasi manuale sulle Relazioni Internazionali esistente in qualsiasi Paese. Forse con stupore, scoprirete che il concetto di governance globale non è una teoria del complotto o l’idea di qualche piccola élite che cerca di imporla, ma è una teoria apertamente riconosciuta – una delle due principali teorie delle Relazioni Internazionali.

Esistono altre due scuole, anch’esse positiviste. Una è la scuola inglese, che rappresenta una sorta di “via di mezzo”. I rappresentanti della scuola inglese sostengono che dovrebbe esistere la sovranità degli Stati e nessun governo mondiale, ma gli Stati più progressisti dovrebbero creare un “club” che non punisca, ma escluda o faccia pressione sugli altri – come quando il G8 è stato trasformato in G7. La Russia è stata punita dal “club” della scuola inglese. È stato illegale. Non esiste un’istituzione di questo tipo: è un club. Possono accettare alcuni ed escludere altri. Questa è una costante della scuola inglese: ci può essere ordine, ma sulla base di accordi e delle regole del club – non legge, non governo globale, ma un club globale. Hedley Bull, John Burton e Barry Buzan, che è uno dei brillanti studiosi della scuola inglese – mi piace molto – e che spiega la trasformazione del sistema internazionale attraverso la storia, in una sociologia storica delle relazioni internazionali.

Esiste la scuola marxista delle relazioni internazionali. Ma non è così familiare a voi o a noi perché non è stalinista, maoista o sovietica. È piuttosto trotskista. La politica e le tradizioni cinesi e russe si basavano sul realismo, con alcuni “dettagli” particolari sul progresso, sul socialismo e sui sistemi sociali, ma erano più o meno apertamente russo-centriche o cinesi-centriche. Ma la scuola marxista nelle relazioni internazionali è qualcosa di diverso. Afferma che fin dall’inizio è esistito un mondo globale: il capitalismo. Il capitalismo è globale e le divisioni tra Stati nazionali sono una sorta di formalità che non rappresenta la realtà. Il capitalismo è nato in Occidente e deve espandersi a tutta la terra, e solo quando tutti saranno capitalisti e liberali, non ci saranno più nazioni, popoli o razze, ma solo classi – due: i capitalisti in alto, di natura internazionale, e i proletari in basso, anch’essi internazionali. I marxisti delle Relazioni Internazionali sono contrari agli esempi russo e cinese perché sono una sorta di “versione nazionale” del comunismo. Insistono sul fatto che le Relazioni Internazionali – tutto – dovrebbero essere assolutamente internazionali – nessuna nazionalità, nessuna tradizione, nessuna lingua, solo le relazioni di classe tra l’internazionale borghese e l’internazionale proletaria e quando dicono internazionale, intendono dire che il capitalismo deve vincere, e dopo verrà la rivoluzione. Ma prima di tutto deve essere globale. Quindi sono molto vicini ai liberali: dicono “lasciateli vincere, e dopo verremo noi”. Questo è il concetto di moltitudine e impero di Negri e Hardt. [7]

Queste sono più o meno le due scuole principali, che rappresentano la maggior parte dei discorsi nelle Relazioni Internazionali. Negli Stati Uniti, ad esempio, tutti sono liberali o realisti. Questa è la posizione normale, anche se si discute. Trump è un realista e Hillary Clinton è una liberale. Quindi ci possono essere buoni realisti, cattivi realisti, pazzi liberali – questo non significa nulla. Stiamo parlando di idee.

Slide18Ma le scuole post-positiviste sono molto più interessanti, secondo me. C³’è la teoria normativista che afferma che se creiamo una norma, questa non riflette la realtà, ma la crea, e tutti seguiranno la norma. Se si cerca di punire le persone che violano qualche regola per strada, a poco a poco questa norma, che non riflette nulla, crea persone che molto attentamente si comportano “correttamente” a causa di queste norme. Cambiando le norme, cambiamo la realtà – questa è la versione modesta del post-positivismo.

La teoria critica, come quella di Cox [8], Gill [9] e Linklater [10], cerca di criticare le idee dei liberali e dei realisti che sono incoerenti dal punto di vista postmoderno, dimostrando che difendono lo status quo e sono parziali – politicamente, intellettualmente, strutturalmente. La teoria critica mostra come il discorso nelle Relazioni Internazionali sia distorto. Questo è il loro scopo principale. La teoria postmoderna, come quella di Ashley [11] e Der Derian [12], afferma che le Relazioni Internazionali sono costituite da testi e solo da testi. Si tratta di un’applicazione di Derrida alle Relazioni internazionali. Se si decostruiscono i testi, si vedrà che dietro di essi non c’è nulla. Tutto si basa su correnti di informazione corrotte. Se si cambiano le correnti di informazione e si riorganizzano i “fatti”, si ottiene immediatamente un’immagine e una realtà completamente diverse. Questa è la “coda che porta il cane”. Il soft power è una parte applicata di questa idea. La teoria postmoderna si basa sulla decostruzione dei discorsi delle relazioni internazionali.

La teoria femminista di Enloe [13], Tickner [14] e Donna Haraway [15]. Le femministe delle Relazioni Internazionali affermano che tutte le Relazioni Internazionali sono state fatte, concepite, descritte, proposte e promosse da uomini in una sorta di gerarchia… Se mettiamo una donna al posto di un uomo, presumibilmente creerà pace, prosperità, amicizia e buone relazioni tra i Paesi. Non ci sarà nessuno Stato, nessun patriarcato, nessuna gerarchia, nessuna verticalità nelle relazioni internazionali. Ci sarà una descrizione completamente diversa della realtà. Se una donna non fingerà di essere un uomo nel trattare le Relazioni Internazionali, e se la donna cercherà di strappare “la donna” e di descrivere la realtà dal punto di vista di una donna, allora ci sarà una costruzione completamente diversa delle Relazioni Internazionali. Si tratta di una relativizzazione del dominio maschile nelle Relazioni Internazionali. È una teoria in crescita e suggerisco che il femminismo dovrebbe essere preso sul serio. Non è uno scherzo, fa parte della civiltà moderna.

Nella sociologia storica delle Relazioni internazionali, Hobden e Hobson [16] cercano di collocare il discorso delle Relazioni internazionali in un contesto storico. Criticano il punto di vista occidentale ed eurocentrico.

Vi è poi la teoria costruttivista di Onuff [17], Katzenstein [18] e Wendt [19]. Affermano più o meno la stessa cosa degli altri. Dicono che dobbiamo costruire, e non solo decostruire, le relazioni internazionali. La tesi principale di Onuff è il “mondo fatto da noi”. Viviamo in un mondo che creiamo noi. Non esiste un mondo. L’unico mondo che esiste è quello che stiamo creando. Questa è l’idea principale. Abbiamo a che fare con un’allucinazione o un’immaginazione fissa e congelata. Non esiste una realtà positiva, quindi costruiamo il mondo che sogniamo, il mondo che vogliamo. Questo è possibile perché viviamo in un ordine immaginativo.

La scuola multipolare, di cui evocherò solo alcuni aspetti, comprende l’eurasiatismo e la teoria del mondo multipolare e la quarta teoria politica, che è proprio ciò su cui sto lavorando. Ci sono molti testi che sono più o meno accettati come la posizione della strategia russa nelle relazioni internazionali e la tradizione russa del realismo. Questo sta guadagnando popolarità in Russia. Si può vedere come Putin abbia introdotto l’Unione eurasiatica. Il multipolarismo è molto importante ed è stato affrontato dal ministro degli Esteri Lavrov. È un tema su cui sto lavorando.

C’è la scuola cinese, che comprende Zhao Tingyang (赵汀阳) [20], Qin Yaqing (秦亚青) [21], Yan Xuetong (阎学通) [22] e Zhang Weiwei (张维为) [23]. Il concetto o l’approccio di questi autori non è solo il realismo, ma Yan Xuetong è soprattutto un realista. Tuttavia, tutti cercano di stabilire la particolarità della civiltà cinese, e mi piace soprattutto il concetto di Tianxia Tixi (天下体系), che considera le relazioni storiche della Cina e degli altri popoli non come una pura egemonia, non come un ordine di forza o di imposizione. Ad esempio, il Vietnam è un caso molto interessante. Ha accettato tutta la cultura cinese fino ai dettagli, ma non ha mai riconosciuto il diritto diretto di dominio fisico e brutale, lottando contro i tentativi cinesi di sottomissione, facendo allo stesso tempo parte dell’universo cinese, al contrario del caso dei giapponesi che hanno sottomesso la Corea. L’impero di Tianxia (天下) non è solo la Cina in quanto tale come Stato, ma la Cina come polo di civiltà a più strati. L’idea di difenderla nella situazione attuale è un’idea rivoluzionaria, perché sfida tutti gli altri discorsi, proprio come l’eurasiatismo sfidava l’occidentalismo. Ci sono molte analogie tra loro.

C’è anche la Nuova Destra europea di Alain de Benoist, il GRECE francese e la Nuova Destra francese. Non sono liberali, ma sono proprio anti-liberali, non nazionalisti, ma europeisti, non cattolici o cristiani, ma pagani, con l’idea molto interessante di ricreare la civiltà europea tornando alla pre-modernità. Poiché vivono all’interno della globalizzazione e della civiltà occidentale moderna, le loro osservazioni e teorie sono molto importanti per i Paesi e le culture al di fuori dell’Occidente.

La Teoría de la Insubordinación Fundante [24] è una teoria molto interessante dell’argentino Marcelo Gullo Omodeo che rappresenta l’idea che, fondamentalmente, l’America Latina non dovrebbe sottomettersi al Nord America e all’ordine mondiale globale. È un’idea molto famosa e sviluppata in America Latina. La sua importanza sta crescendo. Marcelo Gullo Omodeo fa parte di questo discorso multipolare che è completamente nuovo nelle relazioni internazionali.

C’è anche l’autore brasiliano Andre Martin, con il suo O Meridinalismo, che è l’importante idea che il Sud debba essere un’alternativa unita al Nord, non seguendo o cercando di raggiungere il Nord, ma creando diversi legami tra l’America Latina e, ad esempio, l’Africa e i Paesi dell’Asia meridionale. Si tratta di un concetto molto interessante basato sul multipolarismo.

L’aspetto importante di tutti questi concetti è che sfidano l’eurocentrismo. Ritengono che le Relazioni Internazionali siano provinciali nel loro stato attuale, un concetto occidentale provinciale con pretese egemoniche, universalistiche, colonialistiche e imperialistiche. Cercano di ridurre la teoria occidentale delle Relazioni Internazionali in un contesto molto più ampio, difendendo i diritti dei popoli e delle civiltà invece degli Stati moderni o del governo globale. Sono liberali, realisti e post-modernisti.

Note

[7] Michael Hardt e Antonio Negri, Empire, Harvard University Press, 2000; Idem. Moltitudine: War and Democracy in the Age of Empire, New York: Penguin Press, 2004.

[8] Cox R.W. Production, Power and World Order: Social Forces in the Making of History. New York: Columbia University Press, 1987.

[9] Gill S. American Hegemony and the Trilateral Commission. Cambridge: Cambridge University Press, 1991.

[Linklater A. Teoria critica e politica mondiale: Citizenship, Sovereignty and Humanity. L, NY: Routledge, 2007.

[11] Ashley R. The Eye of Power: The Politics of World Modeling // International Organization. Vol. 37. No. 3 Estate 1983.

[12] Derian Der J. Antidiplomacy: Spies, Terror, Speed, and War. NY; Londra: Blackwill, 1992.

[13] Enloe Cynthia. Banane, spiagge e basi: Making Feminist Sense of International Politics.London: Pandora Press 1990.

[14] Tickner A.B., Wæver O. International Relations Scholarship around the World. N.Y: Taylor & Francis, 2009.

[15] Haraway Donna. “Un manifesto cyborg: Science, Technology, and Socialist-Feminism in the Late Twentieth Century” // Simians, Cyborgs and Women: The Reinvention of Nature. New York; Routledge, 1991. C. 149-181.

[16] Hobden Stephen, Hobson John M. Historical Sociology of International Relations. Cambridge: Cambridge University Press, 2001.

[17] Onuf Nicholas. World of Our Making: Rules and Rule in Social Theory and International Relations. Columbia: University of South California Press, 1989.

[18] Katzenstein Peter J. Civilizations in World Politics: Prospettive plurali e pluraliste. Londra, Regno Unito: Routledge, 2010.

[19] Wendt Alexander. Teoria sociale della politica internazionale, Cambridge University Press, 1999.

[20] Zhao Tingyang (2005). Tianxia Tixi: Shijie Zhidu Zhexue Daolun [Sistema Tianxia: Introduzione alla filosofia delle istituzioni mondiali]. Nanchino: Jiangsu Jiaoyu Chubanshe.

[21] Qin Yaqing. (2007). “Perché non esiste una teoria cinese delle relazioni internazionali?” // International Relations of the Asia Pacific, vol. 7, n. 3.

[22] Yan Xuetong. (2015). Shijie quanli de zhuanyi: zhengzhi lingdao yu zhanlue jingzheng [La transizione del potere mondiale: Leadership politica e competizione strategica]. Pechino: Beijing daxue chubanshe.

[23] Zhang Weiwei. L’onda cinese: Rise Of A Civilizational State. New Jersey: World Century Publishing Corporation, 2012.

[24] Marcelo Gullo Omodeo. La Teoría de la Insubordinación Fundante. Buenos Aires: Biblos, 2008.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

18 giugno 2022