1

E anche quest’anno è arrivato il Natale… ma il vero Natale è ogni giorno

di Fabrizio Manco

Anche quest’anno è arrivato il Natale… e già, come passa il tempo. Ti svegli che siamo a Luglio e ti ritrovi a Dicembre, con la città piena di luci, di festa, di gente, di bambini…. e di persone mascherate!! Quasi quasi lo stavo per dimenticare!

Anche quest’anno è arrivato il Natale!… e già, si festeggia il Solstizio di Inverno e il Sole Invictus: il Solstizio di Inverno lo festeggia chi è appassionato di Astronomia, che è ancora più esperto degli Astronomi di professione…. Il Sol Invictus lo festeggiano chi ha una Fede Pagana o perlomeno ama il mondo classico dell’antichità. Le industrie invece, festeggiano le grandi entrate!! Infatti il 21 Dicembre, per chi non lo sapesse (sembra strano, o voi che leggete, ma ci sono tantissime persone che ancora non lo sanno!!, e non solo persone giovanissime!) inizia il Solstizio di Inverno. Le giornate incominciano lentamente ad allungarsi, la Luce inizia lentamente, ma inesorabilmente ad espandersi. Questo è la vera, principale essenza del Natale. La Luce che torna. La Luce che vince le Tenebre. La Luce che Rinasce. Perché è scritto nelle leggi Eterne della Natura, che la Luce vincerà e squarcerà il Buio.

La festività del Sol Invictus, cioè il Dio Sole Invitto, invocato, ha origine nel mondo asiatico, e secondo le testimonianze dello scrittore cristiano Epifanio di Salamina che scrisse il Panarion, Contro le Eresie, (51, 22, 8, 11) nelle zone dell’Arabia e dell’Egitto la religione Pagana aveva creato una festività dedicata al Dio del Sole, e della vittoria della Luce sul Buio. I Romani poi la incorporarono nel loro Pantheon. Ma ciò che gli antichi Romani festeggiavano era il concetto di Tempo eternamente in costante divenire come un Flusso. Infatti il 21 Dicembre si risveglia lentamente la luce, e ricomincia un nuovo ciclo di Vita.  Il Dies Natalis Soli Invicti, il Sole è fermo ma lentamente ricomincia la Luce. Per questo si addobbano gli alberi con le luci, perché gli antichi popoli mettevano le fiaccole negli Abeti (Abies, Mill, 1754) per festeggiare il ritorno della Luce. 

E anche quest’anno è arrivato il Natale… già, forse è proprio vero che gli animali se sanno più di noi.  Loro sanno che la Libertà è il pilastro della vita. Senza libertà non puoi esistere. Nonostante le temperature glaciali, il flusso della vita continua in ogni angolo della Terra, la luce del Sole delle prime ore dell’alba squarcia le tenebre restanti e inizia una nuova alba! La Neve gelida viene riscaldata dai raggi solari, e le sorgenti ghiacciate vengono lentamente toccate dalla prima luce del sole delle prime ore della giornata. È arrivato l’inverno, ma paradossalmente porta con sé una nuova alba, una nuova nascita e una nuova linfa vitale: è il suo Dono; è lui il vero Babbo Natale! Non ha bisogno che qualcuno mandi le letterine, lui sa cosa fare! Festeggiare il Sol invictus è un obbligo (qui la parola obbligo è bella), perché è un rito iniziatico che serve a ricordare alla nostra anima che ogni giorno esiste una Misteriosa energia Creativa che crea il mondo e gli esseri viventi in ogni momento. Ognuno con la Sua Fede può nominarla come meglio vuole.

E anche quest’anno è arrivato il Natale… già, ma è sempre il solito Natale. Il solito consumismo sfrenato, le solite Donne imbellettate che fanno Shopping sfrenato con le amiche, le solite Ragazzine vestite alla moda che devono comprare Abiti alla Moda ridendo come delle idiote da manicomio (la risata è come quella della moglie di Barney, Batty, della serie Animata  intitolata  The Flinstones), il Solito Shopping Sfrenato, e la Spesa per il Ventiquattro, e per il Venticinque, è per Santo Stefano,  e i Piatti da Cucinare, e il primo,  e il secondo, terzo, quarto, quinto, e il Secondo che non ha mai fine, e le Merende….. Basta! Riflettiamo un attimo! Tutto questo, potrebbe essere bello, chi lo nega, soprattutto per le industrie e per il Marketing, ma è veramente necessario?!

Che cosa è veramente necessario?! Per la Vigilia di Natale, cosa chiedere al Dio Inverno, alias Babbo Natale?!

Il Dono più bello che il Sol Invictus possa fare è l’Energia infinita che alimenta ogni giorno le nostre vite e quella del Cosmo, dacci anche oggi il nostro pane quotidiano, l’energia, l’entusiasmo e la Gioia di Vivere. Da questi tre ingredienti, germoglia tutto il resto. 

E anche quest’anno è arrivato il Natale… già, ma anche quest’anno, è un altro Nightmare before Christmas: l’incubo prima del Natale, per citare uno dei capolavori di Tim Burton, forse uno dei suoi film più rappresentativi. È un incubo perché stiamo vivendo un incubo con le leggi infami e criminali di questi assassini che si sono impadroniti del nostro Stato italiano, creando un Governo fatto da Nani, Showgirls che non sanno ballare, Presentatrici che non sanno presentare, e da corrotti. Tutti insieme hanno creato delle leggi anticostituzionali e criminose in quanto sono leggi che violano la libertà di scelta di ogni essere umano. Stiamo vivendo un Incubo, ma questo incubo finirà, il Sole che Rinasce farà svegliare le coscienze, soltanto di chi vuole capire e sentire, mentre per gli altri non c’è speranza … rimarranno congelati nel gelido inverno per sempre!

Anche quest’anno i Regali arrivano puntuali sotto l’albero, anche quest’anno le entrate nelle industrie saranno grandi, e anche quest’anno gli armadi delle Belle Ragazze viziate saranno pieni di Roba che non indosseranno mai. E che la Festa dei Consumi e degli Acquisti compulsivi abbia inizio! E così è stato negli anni passati, e così sarà negli anni futuri, e così nei secoli dei secoli, Amen…

Che il Natale ci porti veramente il grande Dono della consapevolezza che la Vita è un Soffio, un Sogno, un Eterno Divenire, un Flusso continuo, un Fiume inarrestabile che ci trasporta con la sua energia. Possa questo Natale, penetrare la nostra interiorità, ovviamente per chi ha la consapevolezza di averla!, e di regalarci la Luce della Vita e del suo Flusso continuo.  Mentre scrivo queste righe, ho appena ascoltato un brano di Steve Hackett, il grande chitarrista dei Genesis, una delle più grandi Band Rock-Progressive della storia, contenuto nel suo terzo album da solista, Spectral Morning (Charisma, 1978).  In questo capolavoro della musica Rock-Progressive, c’è un brano che mi ha particolarmente colpito: The Red Flower of Tachai blooms Everywhere; cioè in Italiano il Fiore rosso del Tachai fiorisce dovunque. Questo brano è caratterizzato da una melodia dolcissima e intensa, lenta, con delle note tipiche di un canto asiatico Thailandese. Il Tachai è infatti una delle più belle isole della Thailandia, e il fiore rosso al quale si riferisce il brano è il Fior di Loto Rosso Asiatico (Nelumbo Nucifera, 1788, Gaertn).

Questo bellissimo fiore ha molto da dirci sul significato della Rinascita. Secondo il pensiero Buddhista, questo Fiore è la vera essenza del buddismo e della vita. Così come il Loto ha bisogno del fango per emergere, così la Luce ha bisogno delle Tenebre per manifestarsi.  È strano che io parli del mondo asiatico per celebrare il Natale, pieno come sappiamo delle canzoncine come Jingle Bells, Marry Christmas, etc, etc, ma sinceramente questi brani hanno rotto “i cosiddetti”, perché non rappresentano il Natale, ma soltanto il lato consumistico di questa festa invernale. Nel brano di Steve Hackett citato prima, si possono ascoltare anche le onde del mare che si infrangono sulla riva. Così è la nostra vita: come le onde di un fiume o del mare. Il Fiore di Loto asiatico non a caso, spesso è possibile trovarlo sulle superfici di fiumi o laghi, mentre lentamente si lascia trasportare dal flusso dell’acqua.  Che questo Natale, possa regalarci la consapevolezza che dobbiamo fluttuare al meglio, comprendendo che non esiste passato e futuro, ma solo il Presente! È questa l’essenza della Filosofia del Tao, la saggezza della tradizione orientale per eccellenza.

E anche quest’anno è arrivato il Natale: invochiamo una buona, vera e sincera Rinascita nel segno della Luce!

Foto: Idee&Azione

27 dicembre 2021