Ecco l’autodistruzione dell’impero americano di Pepe Escobar e la recensione di “The Real Fauci” di Robert F. Kennedy

image_pdfimage_print

di Paul Craig Roberts

Si sta formando una nuova realtà: il mondo unipolare sta diventando irrevocabilmente un ricordo del passato, sta prendendo forma un mondo multipolare,

Era qualcosa da vedere. Dmitri Medvedev, ex presidente russo, atlantista impenitente, attuale vicepresidente del Consiglio di Sicurezza russo, ha deciso di lasciarsi completamente andare in uno sfogo che corrispondeva all’apparizione da star del combattimento del signor Khinzal, apparizione che ha prodotto shock palpabile e timore reverenziale in tutto il NATOstan.

Medvedev ha affermato che le “infernali” sanzioni occidentali non solo non sono riuscite a paralizzare la Russia, ma stanno invece “tornando indietro in Occidente come un boomerang”. La fiducia nelle valute di riserva sta “svanendo come la nebbia mattutina” e abbandonare il dollaro USA e l’euro non è più irrealistico:

“Sta arrivando l’era delle valute regionali.”

Del resto, ha aggiunto, “che lo vogliano o no, dovranno negoziare un nuovo ordine finanziario (…) E la voce decisiva sarà allora con quei Paesi che hanno un’economia forte e avanzata, finanze pubbliche sane e un sistema monetario affidabile.”

Medvedev ha trasmesso la sua succinta analisi anche prima del D-Day, come nella scadenza di giovedì stabilita dal presidente Putin dopo la quale i pagamenti per il gas russo da parte di “nazioni ostili” saranno accettati solo in rubli.

Il G7, prevedibilmente, aveva assunto una posa (collettiva): non pagheremo. “Noi” significa i 4 che non sono grandi importatori di gas russi. “Noi”, inoltre, significa l’Impero delle menzogne che detta le regole. Per quanto riguarda i 3 che saranno in gravi difficoltà, non solo sono i principali importatori, ma sono anche i perdenti della seconda guerra mondiale: Germania, Italia e Giappone, ancora territori de facto occupati. La Storia ha l’abitudine di fare brutti scherzi.

La negazione non è durata a lungo. La Germania è stata la prima a rompere, anche prima che gli industriali dalla Ruhr alla Baviera organizzassero una rivolta di massa. Scholz, il gracile cancelliere, ha chiamato Putin, che ha dovuto spiegare l’ovvio: i pagamenti vengono convertiti in rubli perché l’Unione Europea ha congelato le riserve valutarie della Russia, in una grossolana violazione del diritto internazionale.

Con pazienza taoista, Putin ha anche espresso la speranza che ciò non rappresenti un deterioramento dei termini contrattuali per gli importatori europei. Gli esperti russi e tedeschi dovrebbero sedersi insieme e discutere i nuovi termini.

Mosca sta lavorando a una serie di documenti che definiscono il nuovo accordo. In sostanza, questo indica niente rubli, niente gas. I contratti diventano nulli una volta che si viola la fiducia. Gli Stati Uniti e la UE hanno rotto accordi legali con sanzioni unilaterali e per di più hanno confiscato le riserve estere di una nazione – nucleare – del G20.

Le sanzioni unilaterali hanno reso inutilizzabili dollari ed euro per la Russia. Gli attacchi di isteria non porteranno a nulla: ci sarà una soluzione, ma nei termini della Russia. Punto. Il ministero degli Esteri aveva già avvertito che il rifiuto di pagare il gas in rubli avrebbe portato a una grave crisi globale di mancati pagamenti e fallimenti seriali a livello globale, una reazione a catena infernale di transazioni bloccate, congelamento dei beni collaterali e chiusure di linee di credito.

Quello che accadrà dopo è parzialmente prevedibile. Le imprese dell’Unione Europea riceveranno la nuova serie di regole. Avranno tempo per esaminare i documenti e prendere una decisione. Coloro che dicono “no” saranno automaticamente esclusi dal ricevere spedizioni dirette di gas russo, comprese tutte le conseguenze politico-economiche.

Ci sarà un compromesso, ovviamente. Ad esempio, molte nazioni della UE accetteranno di utilizzare i rubli e di aumentare le loro acquisizioni di gas in modo da poter rivendere il surplus ai loro vicini realizzando un profitto. E qualcuno potrebbe anche decidere di acquistare gas in giro sulle borse di energia.

Quindi la Russia non sta imponendo un ultimatum a nessuno. L’intera operazione richiederà tempo: un processo di rotazione. Con qualche azione laterale pure. La Duma sta valutando l’estensione del pagamento in rubli ad altri prodotti essenziali – come petrolio, metalli, legname, grano. Dipenderà dalla voracità collettiva dei chihuahua della UE. Tutti sanno che la loro isteria continua potrebbe tradursi in una colossale rottura delle catene di approvvigionamento in tutto l’Occidente.

Ciao ciao oligarchi

Mentre le classi dirigenti atlantiste sono impazzite, ma rimangono ancora concentrate sulla lotta fino all’ultimo europeo per estrarre la restante, palpabile ricchezza della UE, la Russia sta giocando bene. Mosca è stata infatti piuttosto indulgente, brandendo lo spettro del niente gas in primavera piuttosto che in inverno.

La Banca centrale russa ha nazionalizzato i guadagni in valuta estera di tutti i principali esportatori. Non c’era alcun difetto. Il rublo continua a salire e ora è tornato più o meno allo stesso livello prima dell’operazione Z. La Russia rimane autosufficiente, dal punto di vista alimentare. L’isteria americana per la Russia “isolata” è ridicola. Ogni attore che conta in tutta l’Eurasia, per non parlare degli altri 4 BRICS e praticamente dell’intero Sud del mondo, non ha demonizzato e/o sanzionato la Russia.

Come bonus extra, probabilmente l’ultimo oligarca capace di influenzare a Mosca, Anatoly Chubais, è scomparso. Chiamalo un altro importante inganno storico: l’isteria delle sanzioni occidentali ha de facto smembrato l’oligarchia russa – il progetto preferito di Putin dal 2000. Ciò che implica è il rafforzamento dello Stato russo e il consolidamento della società russa.

Non abbiamo ancora tutti i fatti, ma si può sostenere che, dopo anni di attenta valutazione, Putin abbia deciso di andare a vedere e spezzare la schiena all’Occidente, usando quel trifecta (imminente guerra lampo sul Donbass; laboratori di armi biologiche statunitensi; Ucraina al lavoro sulle armi nucleari) come casus belli.

Il congelamento delle riserve estere doveva essere previsto, soprattutto perché la Banca centrale russa aveva aumentato le sue riserve di titoli del tesoro statunitensi dal novembre dello scorso anno. Poi c’è la seria possibilità che Mosca possa accedere a riserve estere offshore “segrete”, una matrice complessa costruita con l’aiuto di insider cinesi.

L’improvviso passaggio da dollari/euro a rubli è stato un judo geoeconomico hardcore di livello olimpico. Putin ha invogliato l’Occidente collettivo a scatenare il suo folle attacco di sanzione isterica e lo ha rivolto contro l’avversario con un’unica, rapida mossa.

E qui stiamo tutti cercando di assorbire così tanti sviluppi sincronizzati che cambiano il gioco in seguito all’armamento di asset in dollari: rupia-rublo con l’India, il petroyuan saudita, carte Mir-UnionPay co-badge emesse da banche russe, l’alternativa Russia-Iran allo SWIFT, il progetto EAEU-Cina di un sistema monetario/finanziario indipendente.

Per non parlare del colpo di Stato della Banca Centrale Russa, che ha ancorato 1 grammo d’oro a 5.000 rubli, che è già all’incirca 60 dollari e sta salendo.

Insieme a “niente rubli niente gas”, quello che abbiamo qui è energia de facto ancorata all’oro. I Chihuahua della UE e la colonia giapponese dovranno acquistare molti rubli in oro o acquistare molto oro per avere il loro gas. E migliora. La Russia potrebbe riagganciare il rublo all’oro nel prossimo futuro. Potrebbe arrivare a 2.000 rubli, 1.000 rubli, anche 500 rubli per un grammo d’oro.

È tempo di sovranità

Il Santo Graal nelle discussioni in evoluzione su un mondo multipolare, dai vertici BRICS negli anni 2000 con Putin, Hu Jintao e Lula, è sempre stato come aggirare l’egemonia del dollaro. Ora è proprio di fronte a tutto il Sud del mondo, come un’apparizione benigna che porta il sorriso di un gatto del Cheshire: il rublo d’oro, o il rublo sostenuto dalle esportazioni di petrolio, gas, minerali, materie prime.

La Banca centrale russa, a differenza della Fed, non pratica il QE e non esporterà l’inflazione tossica nel resto del pianeta. La Marina russa non solo protegge tutte le linee marittime russe, ma i sottomarini russi a propulsione nucleare sono in grado di spuntare in tutto il pianeta senza preavviso.

La Russia è già molto, molto avanti nell’attuazione del concetto di “potenza navale continentale”. Il dicembre 2015, nel teatro siriano, è stato il punto di svolta strategico. La quarta divisione sottomarina con sede nel Mar Nero è la star dello spettacolo.

Le flotte navali russe possono ora impiegare missili Kalibr in uno spazio che comprende l’Europa orientale, l’Asia occidentale e l’Asia centrale. Il Mar Caspio e il Mar Nero, collegati dal canale Don-Volga, offrono uno spazio di manovra paragonabile al Mediterraneo orientale e al Golfo Persico messi insieme: 6.000 km di lunghezza. E non c’è nemmeno il bisogno di accedere alle acque calde. Questo copre circa 30 nazioni: la tradizionale sfera di influenza russa; confini storici dell’impero russo e le attuali sfere di rivalità politico/energetica.

Non c’è da stupirsi che la Beltway vada in berserker. La Russia garantisce la spedizione attraverso l’Asia, l’Artico e l’Europa, in tandem con la rete ferroviaria BRI in tutta l’Eurasia.

E, ultimo ma non meno importante, non scherzate con un orso nucleare.

In sostanza, questo è ciò che riguarda la politica del potere forte. Medvedev non si vantava quando disse che è finita l’era della moneta di riserva unica.

L’avvento di una valuta di riserva globale basata sulle risorse significa, in poche parole, che il 13% del pianeta non dominerà più l’altro 87%.

È NATOstan vs. Eurasia redux. Guerra Fredda 2.0, 3.0, 4.0 e persino 5.0. Non importa. Tutte le precedenti nazioni del Movimento dei Non Allineati (NAM) vedono da che parte stanno soffiando i venti geopolitici e geoeconomici: il momento di affermare la loro reale sovranità è vicino mentre l’“ordine internazionale basato su regole” morde la polvere.

Benvenuti alla nascita del nuovo sistema mondiale. Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, in Cina, dopo aver incontrato diverse controparti provenienti da tutta l’Eurasia, non avrebbe potuto delinearlo meglio:

“Si sta formando una nuova realtà: il mondo unipolare sta diventando irrevocabilmente un ricordo del passato, sta prendendo forma un mondo multipolare. È un processo oggettivo. È inarrestabile. In questa realtà, più di una potenza “governerà”: sarà necessario negoziare tra tutti gli Stati chiave che oggi hanno un’influenza decisiva sull’economia e sulla politica mondiale. Allo stesso tempo, rendendosi conto della loro situazione speciale, questi paesi garantiscono il rispetto dei principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite, compreso quello fondamentale: l’uguaglianza sovrana degli Stati. Nessuno su questa Terra dovrebbe essere visto come un giocatore minore. Tutti sono uguali e sovrani.”

Fauci nei panni di un Darth Vader delle Guerre del Covid

I critici che cercavano di liquidare Kennedy come un pazzo che campava su un nome famoso avevano ottenuto un certo successo a febbraio, quando Instagram ha cancellato definitivamente il suo account, presumibilmente per aver fatto false affermazioni su coronavirus e vaccini. Tuttavia, il libro, pubblicato solo pochi giorni fa, è già un successo pop certificato su Amazon.

RFK Jr., presidente del consiglio di amministrazione e consulente legale capo per la Children’s Health Defense, si propone di decostruire la Nuova Normalità che invade tutti noi dall’inizio del 2020. Nel mio libro dell’inizio del 2021 “Raging Twenties” ho definito questa forza “tecno-feudalesimo”.

Kennedy lo descrive come “totalitarismo crescente”, completo di “propaganda di massa e censura, promozione orchestrata del terrore, manipolazione della scienza, repressione del dibattito, diffamazione del dissenso e uso della forza per prevenire la protesta.”

Concentrarsi sul dottor Anthony Fauci come il fulcro della più grande storia del 21° secolo consente a RFK Jr. di dipingere una tela complessa di militarizzazione pianificata e, in particolare, monetizzazione della medicina, un processo tossico gestito da Big Pharma, Big Tech e il complesso militare e di intelligence – e debitamente promosso dai media mainstream.

Ormai tutti sanno che i grandi vincitori sono stati Big Finance, Big Pharma, Big Tech e Big Data, con una nicchia speciale per i colossi della Silicon Valley.

Perché Fauci? RFK Jr. sostiene che per cinque decenni è stato essenzialmente un agente Big Pharma, alimentando “una complessa rete di intrecci finanziari tra le aziende farmaceutiche e il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) e i suoi dipendenti che ha trasformato NIAID in un filiale senza soluzione di continuità dell’industria farmaceutica. Fauci promuove sfacciatamente la sua relazione d’amore con Big Pharma come una “partenariato pubblico-privato”.”

Probabilmente i contorni completi di questa storia molto contorta non sono mai stati esaminati prima su queste linee, ampiamente documentati e con una ricchezza di collegamenti. Fauci potrebbe non essere un nome familiare al di fuori degli Stati Uniti e in particolare nel sud del mondo. Eppure è questo pubblico globale che dovrebbe essere particolarmente interessato alla sua storia.

RFK Jr. accusa Fauci di aver perseguito strategie nefaste sin dall’inizio del Covid-19: dalla falsificazione della scienza alla soppressione e al sabotaggio di prodotti competitivi che portano margini di profitto inferiori.

Il verdetto di Kennedy è severo: “Tony Fauci non si occupa della salute pubblica; è un uomo d’affari, che ha usato il suo ufficio per arricchire i suoi partner farmaceutici ed espandere la portata dell’influenza che lo ha reso il medico più potente – e dispotico – della Storia umana.”

Questa è un’accusa molto grave. Spetta ai lettori esaminare i fatti del caso e decidere se Fauci sia una specie di dottor Stranamore in medicina.

Niente vitamina D?

Il posto d’onore va alla modellazione privilegiata da Fauci, che ha sopravvalutato le morti per Covid del 525%, ideata dal fabbricante Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra, debitamente finanziata dalla Bill and Melinda Gates Foundation. Questo è il modello, poi sfatato, che giustificava l’isteria da lockdown in tutto il pianeta.

Kennedy attribuisce alla ricercatrice canadese di vaccini, la dottoressa Jessica Rose, l’accusa secondo cui Fauci era in prima linea nella cancellazione della nozione di immunità naturale anche se per tutto il 2020 il CDC e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno ammesso che le persone con un sistema immunitario sano hanno un rischio minimo di morte da Covid.

Il dottor Pierre Kory, presidente di Front Line Covid-19 Critical Care Alliance, è stato tra coloro che hanno denunciato il modus operandi di Fauci di privilegiare lo sviluppo di vaccini tecnologici senza lasciare spazio a farmaci riproposti efficaci contro il Covid: “È assolutamente scioccante che abbia raccomandato di non eseguire cure ambulatoriali, nemmeno vitamina D.”

Il cardiologo clinico Peter McCullough e il suo team di medici FrontLine hanno testato protocolli profilattici utilizzando, ad esempio, l’ivermectina – “avevamo dati fantastici da squadre mediche in Bangladesh” – e hanno aggiunto altri farmaci come azitromicina, zinco, vitamina D4 e vitamina C. E tutto questo mentre in tutta l’Asia c’era un uso diffuso di lavaggi nasali salini.

Entro il 1° luglio 2020, McCullough e il suo team hanno presentato il loro primo protocollo innovativo all’American Journal of Medicine. È diventato il documento più scaricato al mondo per aiutare i medici a curare il Covid-19.

L’anno scorso McCullough si è lamentato del fatto che Fauci non ha mai pubblicato nulla su come trattare un paziente Covid. Ha inoltre affermato: “Chiunque tenti di pubblicare un nuovo protocollo di trattamento si ritroverà bloccato ermeticamente dalle riviste che sono tutte sotto il controllo di Fauci.”

È andata molto peggio. McCullough: “L’intero sistema medico stava cercando di interrompere le cure precoci e mettere a tacere tutti i medici che parlavano di successo. Un’intera generazione di medici ha appena smesso di praticare la medicina” (Un punto di vista contrario sosterrebbe che McCullough si è lasciato trasportare: un milione di medici statunitensi – il numero approssimativo di praticanti in un dato momento – non avrebbero potuto essere tutti coinvolti).

Il libro sostiene che le ragioni per cui mancavano ricerche originali su come combattere il Covid erano la dipendenza dei tanto decantati accademici americani dai miliardi di dollari concessi dal National Institute of Health (NIH) e il fatto che avevano il terrore di contraddire Fauci.

Gli specialisti FrontLine di Covid, Kory e McCullough, hanno affermato che la soppressione da parte di Fauci del trattamento precoce e dei farmaci senza brevetto è stata responsabile fino all’80% dei decessi attribuiti a Covid negli Stati Uniti.

Come uccidere la concorrenza

Il libro offre uno schema dettagliato di una presunta offensiva di Big Pharma per uccidere l’idrossiclorochina (HCQ), con mercenari di ricerca finanziati dall’asse Gates-Fauci che interpretano e riportano erroneamente i risultati negativi utilizzando protocolli difettosi.

Kennedy afferma che Bill Gates entro il 2020 controllava virtualmente l’intero apparato dell’OMS, come il più grande finanziatore dopo il governo degli Stati Uniti (prima che Trump ritirasse gli Stati Uniti dall’OMS) e utilizzasse l’agenzia per screditare completamente l’idrossiclorochina.

Il libro si rivolge anche al Lancetgate, quando le due principali riviste scientifiche del mondo, The Lancet e il New England Journal of Medicine, hanno pubblicato studi fraudolenti da un database inesistente di proprietà di una società precedentemente sconosciuta.

Solo poche settimane dopo entrambe le riviste – profondamente imbarazzate e con la loro sudata credibilità messa in discussione – hanno ritirato gli studi. Non c’è mai stata alcuna spiegazione sul perché siano stati coinvolti in quella che potrebbe essere interpretata come una delle frodi più gravi nella storia dell’editoria scientifica.

Ma tutto serviva a uno scopo. Per Big Pharma, dice Kennedy, uccidere l’idrossiclorochina e, successivamente, l’Ivermectina erano le massime priorità. L’Ivermectina sembra essere un concorrente a basso profitto di un prodotto Merck, il Molnupiravir, che è essenzialmente un imitatore ma in grado di vendersi al dettaglio a 700 redditizi dollari per trattamento.

Fauci era piuttosto entusiasta di uno studio promettente sul Remdesivir di Gilead, che non solo non è efficace contro il Covid ma è di fatto un veleno mortale, a 3.000 dollari per ogni trattamento.

Il libro suggerisce che Fauci avrebbe potuto voler uccidere idrossiclorochina e ivermectina perché secondo le regole federali degli Stati Uniti, il riconoscimento da parte della FDA di entrambe ucciderebbe automaticamente il Remdesivir. La Bill and Melinda Gates Foundation ha una grande partecipazione in Gilead.

Un punto chiave per Kennedy è che i vaccini erano il Santo Graal di Big Pharma e descrive in dettaglio come quella che potrebbe essere interpretata come un’alleanza Fauci-Gates ha messo “miliardi di dollari dei contribuenti e di dollari detratti dalle tasse nello sviluppo “di una “piattaforma mRNA per i vaccini che, in teoria, consentirebbe loro di produrre rapidamente nuovi booster per combattere ogni variante”.”

I vaccini, scrive, “sono uno di quei rari prodotti commerciali che moltiplicano i profitti fallendo… La buona notizia per Big Pharma era che tutta l’umanità sarebbe stata permanentemente dipendente da dosi di richiamo biennali o addirittura triennali.”

Eventuali somiglianze con la nostra attuale realtà “booster” non sono semplici coincidenze.

Il riepilogo finale dei dati degli studi clinici di Pfizer solleverà innumerevoli sopracciglia. L’intero processo è durato solo sei mesi. Questo è il documento che Pfizer ha presentato alla FDA per ottenere l’approvazione per il suo vaccino. È da miserabili la convinzione che Pfizer abbia vinto l’approvazione di emergenza della FDA nonostante abbia dimostrato che il vaccino potrebbe prevenire una (corsivo mio) morte di Covid su ogni 22.000 vaccinati.

Peter McCullough afferma: “Poiché la sperimentazione clinica ha dimostrato che i vaccini riducono il rischio assoluto di meno dell’1%, tali vaccini non possono influenzare le curve epidemiche. È matematicamente impossibile.”

La Matrix di Gates

Bill Gates – protetto al Teflon praticamente da tutti i media mainstream occidentali – descrive la filosofia operativa della sua fondazione come “filantro-capitalismo”. È più come un’autofilantropia strategica, poiché sia ​​il capitale della fondazione che il suo patrimonio netto sono aumentati in grande stile (23 miliardi di dollari solo durante i blocchi del 2020).

La Bill and Melinda Gates Foundation – “un’organizzazione no-profit che combatte la povertà, le malattie e l’iniquità in tutto il mondo” – investe in multinazionali farmaceutiche, alimentari, agricole, energetiche, di telecomunicazioni e tecnologiche globali. Esercita un notevole controllo de facto sulle agenzie sanitarie e agricole internazionali, nonché sui media mainstream, come ha mostrato la Columbia Journalism Review nell’agosto 2020.

Gates, senza una laurea, per non parlare della laurea in medicina (come l’autore Kennedy, va notato, la cui formazione è da avvocato), dispensa saggezza in tutto il mondo come esperto di salute. La fondazione detiene azioni e obbligazioni societarie in Pfizer, Merck, GSK, Novartis e Sanofi, tra gli altri giganti e posizioni sostanziali in Gilead, AstraZeneca e Moderna.

Il libro approfondisce nei minimi dettagli il modo in cui Gates controlla l’OMS (il più grande donatore diretto: 604,2 milioni di dollari nel 2018-2019, agli ultimi dati disponibili). Già nel 2011 Gates aveva ordinato: “Tutti i 183 stati membri, devono fare dei vaccini un fulcro centrale dei loro sistemi sanitari”. L’anno successivo, l’Assemblea Mondiale della Sanità, che fissa l’agenda dell’OMS, ha adottato un Piano globale per i vaccini disegnato da – chi altri? – la Fondazione Bill e Melinda Gates.

La Fondazione controlla anche lo Strategic Advisory Group of Experts (SAGE), il principale gruppo consultivo dell’OMS sui vaccini, nonché l’importante GAVI Alliance (ex Global Alliance for Vaccines and Immunization), che è il secondo donatore dell’OMS.

GAVI è una “partenariato pubblico-privato” di Gates che essenzialmente raggruppa le vendite all’ingrosso di vaccini da Big Pharma alle nazioni povere. Il primo ministro britannico Boris Johnson, solo tre mesi fa, ha proclamato che “GAVI è la nuova Nato”. La sede globale di GAVI è a Ginevra. La Svizzera ha concesso a Gates la piena immunità diplomatica.

Pochi in Oriente e in Occidente sanno che è stato Gates a scegliere nel 2017 il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che non ha una laurea in medicina e un background piuttosto incerto.

Il dottor Vandana Shiva, il principale attivista per i diritti umani dell’India (normalmente accusato di essere semplicemente anti-vax), riassume: “Gates ha dirottato l’OMS e l’ha trasformata in uno strumento di potere personale che esercita con lo scopo cinico di aumentare i profitti farmaceutici. Ha distrutto da solo l’infrastruttura della salute pubblica a livello globale. Ha privatizzato i nostri sistemi sanitari e i nostri sistemi alimentari per servire i suoi scopi.”

Giocando alle pandemie

Il capitolo 12 del libro, “Germ Games”, potrebbe essere probabilmente il più esplosivo, poiché si concentra sulle armi biologiche e sull’apparato di biosicurezza statunitensi, con una menzione speciale a Robert Kadlec, che potrebbe rivendicare la leadership della logica – contagiosa – secondo cui le malattie infettive pongono una minaccia alla sicurezza nazionale per gli Stati Uniti, minaccia che richiede quindi una risposta militarizzata.

Il libro sostiene che Kadlec, strettamente legato alle agenzie di spionaggio, a Big Pharma, al Pentagono e ad appaltatori militari assortiti, è anche legato agli investimenti di Fauci in esperimenti di “guadagno di funzione” in grado di progettare superbatteri pandemici.

Fauci nega fermamente di aver promosso tali esperimenti. Già nel 1998 Kadlec aveva scritto un documento strategico interno per il Pentagono – ma non per Fauci – promuovendo il ruolo dei patogeni pandemici come armi invisibili che non lasciano impronte digitali.

Dal 2005 la DARPA, che ha inventato Internet costruendo ARPANET nel 1969, ha finanziato la ricerca sulle armi biologiche. DARPA – chiamalo l’angelo investitore del Pentagono – ha anche sviluppato il GPS, i bombardieri stealth, i satelliti meteorologici, i droni senza pilota e quel prodigio del combattimento, il fucile M16.

È importante ricordare che, nel 2017, la DARPA ha incanalato 6,5 milioni di dollari attraverso l’EcoHealth Alliance di Peter Daszak per finanziare il lavoro di “guadagno di funzione” presso il laboratorio di Wuhan, oltre agli esperimenti di guadagno di funzione a Fort Detrick. EcoHealth Alliance è stata l’organizzazione attraverso la quale Kadlec, Fauci e DARPA hanno finanziato questi esperimenti di guadagno di funzione.

Pochi sanno che la DARPA ha anche finanziato la tecnologia chiave per il vaccino Moderna, a partire dal 2013.

RFK Jr. collega diligentemente i progressi dei Germ Games [esercitazioni batteriologiche], a partire dalla Dark Winter nel 2001, che ha sottolineato la spinta del Pentagono verso i vaccini per armi biologiche (il nome in codice è stato coniato da Kadlec); l’attacco all’antrace tre settimane dopo l’11 settembre; l’Atlantic Storm nel 2003 e nel 2005, incentrato sulla risposta a un attacco terroristico scatenante il vaiolo; la Global Mercury 2003; la Lockstep nel 2010, che ha sviluppato uno scenario finanziato dalla Rockefeller Foundation dove troviamo questa perla:

“Durante la pandemia, i leader nazionali di tutto il mondo hanno manifestato la loro autorità e imposto regole e restrizioni ermetiche, dall’uso obbligatorio di mascherine ai controlli della temperatura corporea agli ingressi degli spazi comuni come stazioni ferroviarie e supermercati. Anche dopo che la pandemia è svanita, questo controllo e supervisione più autoritari dei cittadini e delle loro attività si sono radicati e persino intensificati. Per proteggersi dalla diffusione di problemi sempre più globali – dalle pandemie e dal terrorismo transnazionale alle crisi ambientali e all’aumento della povertà – i leader di tutto il mondo hanno preso il potere con maggiore fermezza.”

RFK Jr. dipinge un quadro in cui, a metà del 2017, la Fondazione Rockefeller e le agenzie di intelligence statunitensi hanno quasi incoronato Bill Gates come il principale finanziatore per il business militare / di intelligence della simulazione di pandemie.

Gates entra nella simulazione MARS (Mountain Associated Respiratory Virus) durante il G20 in Germania nel 2017. MARS parlava di un nuovo virus respiratorio diffuso da mercati affollati in un confine montuoso di una nazione senza nome che assomigliava molto alla Cina.

La cosa diventa sempre più curiosa quando si apprende che i due moderatori di MARS erano molto vicini alla Bill and Melinda Gates Foundation e uno di loro, David Heymann, sedeva con il CEO di Moderna nel consiglio di amministrazione della Merieux Foundation USA. BioMerieux sembra essere l’azienda francese che ha costruito il laboratorio di Wuhan.

Big Pharma limona con lo spionaggio occidentale

Successivamente è arrivata SPARS 2017 presso il Johns Hopkins Center for Health Security. La Bill e Melinda Gates Foundation sono i principali finanziatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

SPARS 2017 ha simulato una pandemia di coronavirus che va dal 2025 al 2028. Come osserva RFK Jr., “l’esercizio si è rivelato un predittore stranamente preciso della pandemia di Covid-19”.

Nel 2018 l’esperto di armi biologiche Peter Daszak è stato intronizzato come il connettore chiave attraverso il quale Fauci, Kadlec, DARPA e USAID – che un tempo era una copertura della CIA e ora fa capo al Consiglio di Sicurezza Nazionale – hanno spostato le sovvenzioni per finanziare la ricerca sul guadagno di funzione, tra cui presso il Wuhan Institute of Virology Biosafety Lab.

Crimson Contagion, supervisionato da Kadlec dopo otto mesi di pianificazione, è arrivata nell’agosto 2019. Fauci era a bordo dell’autodefinito “esercizio funzionale”, in rappresentanza del NIH, insieme a Robert Redfield del CDC e a diversi membri del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Il gioco di guerra si è svolto in segreto, a livello nazionale. L’After-Action Crimson Contagion Report è stato pubblicato solo tramite una richiesta FOIA.

La star dello spettacolo sulla pandemia di Gates è stata senza dubbio l’Event 201 nell’ottobre 2019, tenutosi solo 3 settimane prima che le informazioni statunitensi potessero – o meno – sospettare che il Covid-19 stesse circolando a Wuhan. L’Event 201 riguardava una pandemia globale di coronavirus. RFK Jr. sostiene in modo convincente che l’Event 201 era il più vicino possibile ad una simulazione “in tempo reale”.

Il capitolo “Germ Games” del libro porta il lettore a riconoscere ciò che i media mainstream si sono semplicemente rifiutati di riportare: come il coinvolgimento pervasivo dello spionaggio statunitense (e britannico) abbia una presenza segreta, ma dominante, nell’intera risposta al Covid-19.

Un ottimo esempio è il Wellcome Trust, la versione britannica della Bill and Melinda Gates Foundation, che è uno spin-off di GlaxoSmith & Kline di Big Pharma. Questo incarna il matrimonio tra Big Pharma e lo spionaggio occidentale.

Il presidente del Wellcome Trust, dal 2015 al 2020, era un ex direttore generale dell’MI5, la signora Eliza Manningham-Buller. È stata anche presidente dell’Imperial College dal 2001. Il “Dott. Fauci inglese”, Neil Ferguson, dei famigerati modelli mortalmente sbagliati che hanno portato a tutti i blocchi, era un epidemiologo che lavorava per il Wellcome Trust.

Queste sono solo alcune delle intuizioni e dei collegamenti intessuti nel libro di RFK Jr. Per una questione di servizio pubblico, l’intero lotto dovrebbe essere disponibile per il controllo pubblico in tutto il mondo. Queste questioni riguardano l’intero pianeta, in particolare il Sud del mondo.

Il premio Nobel Luc Montaigner ha notato come “tragicamente per l’umanità, ci sono molte, molte falsità emanate da Fauci e dai suoi tirapiedi”. Ancora più tragico è ciò che si emana dai suoi padroni.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Sam Ward per Al Jazeera America

6 aprile 2022