Elezioni francesi: il popolo dice “no”, le élite dicono “sì” a Macron

image_pdfimage_print

di Daria Platonova Dugina

Al secondo turno, Emmanuel Macron ha ricevuto il 58,55% dei voti (risultati forniti dal ministero dell’Interno francese dopo aver elaborato il 100% delle schede). La prima sera dopo l’elezione del presidente per un secondo mandato è stata già segnata da proteste su larga scala contro il “macronismo” e il liberalismo. I gilet gialli, la sinistra e la destra sono scesi in strada. Putou, il leader del partito anticapitalista, ha chiesto il rovesciamento di Macron. E i leader dell’opposizione (Le Pen, Zemmour, Melanchon), il cui elettorato combinato supera il 50% della popolazione francese, hanno detto che le elezioni non sono finite, e il terzo turno sarà quello delle elezioni legislative che si terranno a giugno. Macron rischia di non ottenere la maggioranza parlamentare. Questo è fortemente influenzato dalla sua politica fallimentare di 5 anni, soprannominata “macronismo”, che ha portato il partito di Macron a non vincere nessuna delle 13 regioni alle elezioni regionali del 2021.

Che i prossimi anni saranno turbolenti è stato notato anche dallo stesso neoeletto presidente. “Un secondo mandato non sarà turbolento, ma sarà storico per la Francia”, ha detto Macron, parlando a un raduno per la vittoria. È probabile che la Francia affronti un periodo di instabilità, e la pagina si è aperta per un mandato quinquennale più ribelle (o addirittura un mandato settennale, nel caso della riforma costituzionale di Macron che estende il mandato presidenziale). Il paese sta entrando in un periodo di turbolenza politica e gli slogan delle proteste di ieri con la parola “Rivoluzione” suggeriscono possibili cambiamenti radicali a venire.

Allo stesso tempo, sono emersi tre grandi blocchi politici, due dei quali rappresentano gli interessi del popolo (Le Pen e Melanchon) e uno, Macron, gli interessi delle élite transnazionali orientate verso un’agenda globalista. Il risultato di Le Pen è davvero impressionante: rispetto al 2017 (quando lo scarto era del 33%), il quadro attuale mostra che le sue tesi (critica all’immigrazione, alla NATO, al globalismo, al capitalismo) riflettono la volontà di metà della Francia.

Il think tank francese Strategika nota che “le situazioni delle elezioni presidenziali del 2017 e del 2022 sono molto diverse. Nel 2017, c’è stato un confronto tra il candidato Macron, presentato all’epoca da tutti i media e dal sistema politico come “nuovo”, contro Marine Le Pen, che in un certo senso portava il “peso” del passato (del partito). C’è stata l’illusione che il mondo politico, mangiato dai vermi, contro il quale Macron si è posizionato come una falsa novità e senza precedenti, sarebbe improvvisamente esploso e avrebbe risolto decenni di problemi accumulati”. Tuttavia, secondo l’autore, nel 2022 la situazione cambiò radicalmente: “Nel 2022 apparve un altro Macron – con una massiccia crisi economica sotto la sua cintura e politiche neoliberali che colpirono negativamente il popolo francese e la coesione sociale del paese, così come una serie di fallimenti di politica interna ed estera, tra cui:

  • la sanguinosa repressione dei “gilet gialli”;
  • gestione autoritaria e inadeguata della crisi sanitaria (“covidismo”);
  • il declino della democrazia e della libertà di parola nel paese;
  • il peggioramento della situazione migratoria nel paese (un episodio recente altamente simbolico dello stato di guerra civile strisciante della Francia è stato l’omicidio del militante nazionalista corso Ivan Colonna in prigione da parte di un jihadista. Per non parlare dell’ipotesi della possibile esecuzione dell’omicidio su ordinazione);
  • fallimento in Mali e perdita di influenza sul continente africano;
  • la cancellazione dei contratti di sottomarini con l’Australia;
  • il fallimento del processo di pace tra Mosca e Kiev”.

La credibilità di Macron è stata anche scossa da un importante caso McKinsey: “Macron ha effettivamente messo il paese sotto controllo esterno: il Senato francese ha constatato che la Francia sta perdendo la sua sovranità nella sfera legislativa”.

Startegika nota che “oltre all’aumento di popolarità di Marine Le Pen (causato anche dalla presenza nel suo progetto di un certo numero di elementi di politica socio-economica: pensione a 60 anni, tagli alle tasse, attenzione al potere d’acquisto, ecc), c’è stato un rafforzamento della posizione del politico di sinistra Jean-Luc Melanchon. Ciò che i due candidati hanno in comune è che si stanno concentrando maggiormente sulle strategie per risolvere l’attuale crisi economica in Francia e stanno considerando modelli per introdurre una parziale regolamentazione statale in alcuni settori dell’economia nel periodo post-crisi”.

Cosa riserva il futuro alla Francia? Dobbiamo aspettarci dei cambiamenti radicali? A quanto pare sì. La vittoria di Macron ieri ha aperto un vaso di Pandora. Il popolo francese, sensibile al tradimento e alla slealtà, non perdonerà un presidente responsabile di una crisi di tale portata. Le sanzioni antirusse hanno colpito i cordoni della borsa francese, con molti che ammettono che è più costoso viaggiare per lavorare che rimanere semplicemente disoccupati a casa. La politica estera di Macron, sia in Africa che in Ucraina, ha sollevato domande non solo tra i cittadini comuni o i politici, ma anche tra i militari. L’insoddisfazione per Macron sta crescendo. E le lettere sui cartelli dei manifestanti diventano sempre più vivide: “Rivoluzione. Rovesciamo il regime liberale”.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Kathon.com

27 aprile 2022